Dickens: l’uomo che inventò il Natale

Dickens: l’uomo che inventò il Natale

di

Lezioso ed edificante, Dickens: L’uomo che inventò il Natale di Bharat Nalluri mette in scena la creazione del Racconto di Natale da parte di Charles Dickens, per la gioia di grandi e piccini. In Festa mobile al Torino Film Festival.

Raccontamela ancora

Nel 1843, dopo alcuni insuccessi, Charles Dickens cerca disperatamente un’idea per il suo nuovo romanzo. Questa gli si manifesta sotto le sembianze di un vecchio stizzoso. Nascono così, rielaborando personaggi della vita vera, Scrooge, il piccolo Tim e il fantasma dei Natali passati di Racconto di Natale, immortale fiaba gotica… [sinossi]

Saranno anche “baggianate”, come direbbe il buon vecchio Scrooge, ma i film di Natale hanno pur sempre un loro perché, specie poi quelli “sul Natale”, pronti a rammentare a grandi e piccini l’importanza di comportarsi a modo e volersi bene, perlomeno in questa occasione festiva. In fondo era anche questo l’obiettivo, scopertamente educativo, del Racconto di natale di Charles Dickens, unito però anche a una severa critica dei malcostumi della sua epoca, emarginazione dei poveri in testa.

Già oggetto di numerosissime riletture, inclusa quella in 3D firmata da Robert Zemeckis con A Christmas Carol (2009) e l’indimenticabile versione Disney Il canto di Natale di Topolino (1983), il celebre romanzo breve di Dickens in Dickens: L’uomo che inventò il Natale, del regista di origini indiane Bharat Nalluri, viene colto direttamente nel suo “farsi”. Protagonista del film, presentato in Festa mobile al 35esimo Torino Film Festival, è infatti proprio lo scrittore inglese che, dopo il successo internazionale di Oliver Twist e un tour oltreoceano tra i troppo entusiasti fan statunitensi, ha inanellato qualche flop letterario, che lo ha ridotto quasi sul lastrico. Con una famiglia numerosa da mantenere e un padre pieno di debiti, Charles cerca di destreggiarsi tra editori e circoli letterari, ma soprattutto è ora alla bramosa ricerca di ispirazione creativa.

Gommoso e lezioso, il Charles Dickens incarnato da Dan Stevens (la bestia di La bella e la bestia) ha costantemente gli occhi sgranati e le pupille dilatate, corre come un ossesso per le vie londinesi, rimbrotta il padre, gioca coi bambini, lascia cadere una goccia d’inchiostro sul foglio di carta bianco nell’attesa che la scrittura si manifesti. E questo naturalmente accade, anzi, a manifestarsi è direttamente il buon vecchio Scrooge (incarnato da Christopher Plummer, tristemente noto in questi tempi per aver sostituito Kevin Spacey nell’ormai famigerato nuovo film di Ridley Scott, All the Money in the World), con tutti i suoi “baggianate” e i vari mugugni da avaraccio incancrenito, ma pronto anche a suggerire al suo autore la giusta storia da narrare e i relativi personaggi. Dal momento poi che Dickens è l’acclamato cantore delle classi meno abbienti, con una spiccata predilezione per mendicanti, ladruncoli e prostitute – come gli viene rimproverato da un riccone a una serata di beneficenza – ecco che il film di Nalluri inserisce coerentemente anche una serie di fonti di ispirazione prese dalla realtà, tutte ben predisposte a stuzzicare la creatività dello scrittore. Ci sono i commercianti della zona, i popolani della piazza, il nipotino malato e claudicante, la nuova servetta irlandese che ama raccontare ai bambini storie di fantasmi. Tutti concorrono a fornire al protagonista i suggerimenti corretti, sebbene questi, allo spettatore che già conosce la storia, non possano non apparire come calati dall’alto, dilazionati a ritmo costante da uno script strutturato a tavolino per far rientrare nel film tutto quello che ci deve stare.

È un film assai verboso Dickens: L’uomo che inventò il Natale, dove il nostro scrittore parla a lungo da solo, poi discute con il suo Scrooge, poi con la servetta, infine con l’affollato gruppetto di popolani-consiglieri, che quasi lo perseguitano pur di inculcargli lo stile più idoneo per questa storia di avarizia, economica e umana, e relativa redenzione.

Strutturato come una commedia dedita all’entertainment più universale possibile, e non c’è dubbio che in tale direzione funzioni tutto molto bene, Dickens: L’uomo che inventò il Natale abusa però un po’ troppo del suo protagonista slapstick ammiccante e pasticcione, il cui obiettivo è, in fin dei conti, lo stesso del film; ovvero confezionare una storia sul senso del Natale in tempo per le feste. Solo che al film di Nalluri, nonostante la lucida ed edificante confezione, manca il gusto raffinato della scrittura di Dickens, della letteratura resta solo il trito e compiaciuto birignao.

Info
La pagina dedicata a Dickens: L’uomo che inventò il Natale sul sito del Torino Film Festival.
  • dickens-l-uomo-che-inventò-il-natale-2017-Bharat-Nalluri-1.jpg
  • dickens-l-uomo-che-inventò-il-natale-2017-Bharat-Nalluri-2.jpg
  • dickens-l-uomo-che-inventò-il-natale-2017-Bharat-Nalluri-3.jpg
  • dickens-l-uomo-che-inventò-il-natale-2017-Bharat-Nalluri-4.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Torino 2017

    Il Torino Film Festival 2017, dal 24 novembre al 2 dicembre. La trentacinquesima edizione della kermesse piemontese, tra opere prime, documentari, film di ricerca, la sezione Amerikana, la retrospettiva dedicata a De Palma... Tutte le nostre recensioni.
  • Festival

    Torino 2017 – Presentazione

    Tra gatti, opere prime seconde e terze, documentari, sperimentazioni più o meno ardite e ovviamente Brian De Palma prende corpo il programma della trentacinquesima edizione del Torino Film Festival, sempre sotto l'egida di Emanuela Martini.
  • In Sala

    La Bella e la Bestia

    di Procede a ritmo serrato la trasposizione live action dei Classici disneyani. Archiviati con successo Cenerentola e Il libro della giungla, la Casa del Topo ricalca con mano ferma il musicarello del 1991, terza pellicola di quel “Rinascimento Disney” che si rivelò fatale.
  • Buone Feste!

    Canto di Natale di Topolino

    di Uno dei migliori adattamenti cinematografici del Christmas Carol di Dickens viene dalla Disney, che nel 1983 fece interpretare questo classico della letteratura da Zio Paperone, Topolino, Paperino & Co.
  • Archivio

    Grandi speranze

    di Un altro adattamento da un classico della letteratura per Mike Newell, ma il suo approccio a Dickens resta incerto tra il tentativo di essere originale (come, ad esempio, le atmosfere gotiche) e la stanca e quieta fedeltà al testo di partenza.
  • Animazione

    A Christmas Carol

    di Ebenezer Scrooge inizia le festività natalizie mostrando il suo solito disprezzo, urlando al suo fedele impiegato e al gioviale nipote. Ma quando gli spiriti del Natale Passato, Presente e Futuro lo portano in un viaggio che gli rivela delle verità che il vecchio Scrooge non ama affrontare...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento