Torino 2017

Torino 2017

Torino 2017: tra gatti, opere prime seconde e terze, documentari, sperimentazioni più o meno ardite e ovviamente Brian De Palma prende corpo il programma della trentacinquesima edizione del Torino Film Festival, sempre sotto l’egida di Emanuela Martini.

Il Torino Film Festival torna, confermando una volta di più la struttura che oramai lo sorregge da un buon decennio a questa parte: un concorso internazionale dedicato alle opere prime, seconde e terze, una terra di mezzo in cui trovano spazio le derive, mainstream e indie, più disparate, uno spazio dedicato al documentario – o cinema del reale che dir si voglia – e un altro interessato a esplorare più da vicino le infinite possibilità della Settima Arte, anche in un’epoca in cui va di moda decretarne la morte per asfissia, il decesso ineluttabile, la fine. Torna il Torino Film Festival, sotto l’egida di Emanuela Martini, e le sensazioni che rilascia la lettura del programma riguardano la certezza di un lavoro che continua nella più totale coerenza con il passato e l’impressione allo stesso tempo di un consolidamento che non ha più tempo o voglia di sperimentare su se stesso, di mettersi in gioco, di rischiare. In questo senso si affida più al puro sberleffo che a una reale intuizione l’idea di creare uno spazio in più, “Non dire gatto…”, dedicato alla presenza degli amati felini sul grande schermo: in che direzione dovrebbe andare questa sotto-sotto-sezione? Diventa difficile comprendere il perché di una simile scelta, al di là del piacere di (ri)vedere sugli schermi di Torino 2017 titoli come Alice nel paese delle meraviglie, Black Cat di Lucio Fulci o Il gatto milionario di Arthur Rubin. Allo stesso tempo anche la mini-sezione gestita, come guest director, da Asia Argento, sembra guardare al passato del festival e a quell’Americana che era terreno fertile curato da Giulia D’Agnolo Vallan… [continua a leggere]

Info
Il sito ufficiale di Torino 2017.

Articoli correlati

  • Torino 2017

    Intervista a Pino Donaggio

    Gli studi al conservatorio, le canzoni sanremesi e non, l'incontro con il cinema e con Brian De Palma. In occasione del Torino Film Festival, abbiamo incontrato il maestro Pino Donaggio, per parlare di musica e canzoni.
  • Torino 2017

    Closeness

    di Sbalorditivo esordio del russo Kantemir Balagov, allievo di Sokurov, Closeness è un melodramma familiare senza scampo che fa un uso espressivo della sua povertà di mezzi. In Festa mobile al Torino Film Festival.
  • Torino 2017

    Torino 2017 – Bilancio

    La trentacinquesima edizione del Torino Film Festival è terminata lasciando un enorme dubbio sul futuro dell'evento: le intenzioni della presidenza del Museo del Cinema sembrano quelle di smantellare l'idea stessa che regge la base del TFF.
  • Torino 2017

    The White Girl

    di , Presentato in concorso al Torino Film Festival, The White Girl, esordio alla regia di Jenny Suen insieme a Christopher Doyle, di cui aveva già prodotto Hong Kong Trilogy. Ancora una volta è protagonista la metropoli-stato.
  • Torino 2017

    Diorama

    di Vincitore della sezione Italiana.doc al festival di Torino, Diorama è un documentario che segue tre storie emblematiche sul rapporto dell'uomo con la fauna che popola le città e i luoghi antropizzati.
  • Torino 2017

    Blue Kids

    di Visivamente affascinante e con un interessante utilizzo delle location, Blue Kids di Andrea Tagliaferri si crogiola nel maledettismo della sua coppia di protagonisti e dimentica di fornire un movente alla sua storia. In concorso al TFF.
  • Torino 2017

    Talien

    di Padri e figli, il distacco dagli affetti e dalla seconda patria, un bilancio di vita e una riflessione sulla storia italiana degli ultimi 40 anni. Talien di Elia Mouatamid è un road-movie tenero e divertente. Al TFF in concorso per Italiana.doc.
  • Torino 2017

    Balon

    di Torna al cinema Pasquale Scimeca, ma il suo Balon è un rovinoso tentativo di film etnografico fuori tempo massimo, girato male, recitato peggio e anche poco appassionato nel raccontare l'odissea di due fratelli africani in fuga verso l'Europa.
  • Torino 2017

    Vento di soave

    di In concorso in Italiana.doc al festival di Torino, Vento di soave di Corrado Punzi è il ritratto - duro, esatto, ma forse troppo freddo - di una città, Brindisi, ostaggio dell'inquinamento industriale.
  • Torino 2017

    Don’t Forget Me

    di Don't Forget Me dell'israeliano Ram Nehari si propone come una rilettura della rom-com, rivista con inedita franchezza e approccio doloroso. Tuttavia il risultato finale è più esile delle sue intenzioni. Vincitore della 35esima edizione del TFF.
  • Torino 2017

    The Disaster Artist

    di Ultima fatica da regista per James Franco, The Disaster Artist è un'esilarante commedia che rievoca la realizzazione nel 2003 di The Room, cult definito uno dei film più brutti della storia. Con Franco protagonista, affiancato da suo fratello Dave e uno stuolo di star in partecipazione amichevole.
  • Torino 2017

    Racconti di cenere e lapilli

    di Racconti di cenere e lapilli, presentato nel concorso di Italiana.doc al Torino Film Festival, è un viaggio sensoriale nel magma di Napoli, nei suoi vicoli, nella percezione di una città che è teatro prima ancora che architettura.
  • Torino 2017

    Tokyo Vampire Hotel

    di Tokyo Vampire Hotel è la versione cinematografica, ridotta a due ore e venti, di un film per la televisione diretto da Sion Sono; apparentemente pasticciato e in alcuni passi prossimo al giocattolone, è in realtà molto più politico di quanto si possa pensare. Non privo di difetti, ma ad averne di opere così libere sul piccolo schermo!
  • Torino 2017

    Dickens: l’uomo che inventò il Natale

    di Lezioso ed edificante, Dickens: l’uomo che inventò il Natale di Bharat Nalluri mette in scena il nascere del capolavoro di Dickens Racconto di Natale. In Festa mobile al TFF.
  • Torino 2017

    L’ora più buia

    di Winston Churchill bonario e accattivante, al fatale crocevia tra etica e politica. Tramite una figura storica controversa, L'ora più buia di Joe Wright si traduce in veicolo di populismo di ultima generazione. Con Gary Oldman e Kristin Scott-Thomas. Al TFF per Festa Mobile e da gennaio in sala.
  • Torino 2017

    Kiss & Cry

    di , In concorso a Torino, il film di Mahieu e Pinell riesce a calarsi nella complicata dimensione di un gruppo di ragazzine divise tra aspirazioni sportive e turbamenti dell'adolescenza. Piglio documentaristico e adesione emotiva sorprendente.
  • Torino 2017

    Appennino

    di I terremoti dell'Italia centrale come le fatiche di Sisifo che continuano a imporre una inesausta rimessa in forma di architetture, esistenze e immagini: Appennino di Emiliano Dante, in concorso in Italiana.doc a Torino 2017.
  • Torino 2017

    Payday

    di Al Torino Film Festival, nella sezione Amerikana curata da Asia Argento, risorge dalle tenebre del tempo Payday, che nel 1973 segnò l'esordio alla regia per il cinema di Daryl Duke, cineasta canadese oramai quasi completamente dimenticato. Un viaggio nel microcosmo country che anticipa molti dei temi della New Hollywood.
  • Torino 2017

    Vittime di guerra

    di Con l'apparenza di un film bellico a carattere civile, Vittime di guerra di Brian De Palma riconferma in realtà la profonda coscienza critica del suo autore, dedito al racconto di doppiezze morali e mistificazioni in immagini.
  • Torino 2017

    L’ombra del gatto

    di Gioiello noir gotico con ambientazione vittoriana, L'ombra del gatto di John Gilling approda sugli schermi del Torino Film Festival in occasione del piccolo omaggio ai gatti. E chi più della splendida soriana Tabitha può meritare un omaggio?
  • Torino 2017

    The Scope of Separation

    di Presentato in concorso al Torino Film Festival il film cinese The Scope of Separation di Chen Yue, una storia ambientata nella classe di giovani rampanti della nuova Cina. Un'opera dove torna lo spirito del primo Wong Kar-wai.
  • Torino 2017

    Omicidio a luci rosse

    di La summa delle reminiscenze hitchcockiane nel cinema di Brian De Palma si trova in Omicidio a luci rosse, ritratto di un voyeur che soffre di claustrofobia e l'unica azione che conosce è guardare, desiderare attraverso lo sguardo. Un mini-saggio divertito sul cinema, e sul suo impalpabile potere.
  • Torino 2017

    Arpón

    di Dramma intimista, rarefatto, di ambientazione scolastica. Toni mesti, distanze generazionali e incomunicabilità per un'idea di cinema che guarda a un'estetica più legata alle traiettorie festivaliere/autoriali che alla realtà che vorrebbe sondare. In concorso al TFF 2017.
  • Torino 2017

    Fury

    di Onirico, seducente, inquietante, Fury di Brian De Palma è un miscuglio ardito di generi che esplora tutte le spaventose inquietudini dell'adolescenza, e del suo autore.
  • Torino 2017

    Mary Shelley

    di Anticonformismo che si traduce nel suo contrario: Mary Shelley di Haifaa al-Mansour vorrebbe inneggiare a una proto-femminista, ma l'operazione naufraga nel prodotto di vaglia. Con Elle Fanning protagonista. Al TFF per Festa Mobile.
  • Torino 2017

    Essi bruciano ancora

    di , Con Essi bruciano ancora Felice D’Agostino e Arturo Lavorato ripartono dalla Calabria per cercare di narrare la storia di una sottomissione culturale e politica che viene oggi celebrata come Unità d'Italia. Un lavoro affascinante e stratificato, ma non privo di contraddizioni. In Onde al Torino Film Festival.
  • Torino 2017

    À voix haute

    di , À voix haute di Stéphane De Freitas e Ladj Ly, in concorso al Torino Film Festival, filma la preparazione alla sfida per diventare il miglior oratore dell'Università di Saint-Denis cercando di raccontare la resistenza contro chi vorrebbe limitare la libertà d'espressione; un intento lodevole su cui grava però qualche dubbio politico...
  • Torino 2017

    Daphne

    di Inquietudini e frammentazioni esistenziali, commedia ricca di humour e di intelligenza introspettiva. Daphne di Peter Mackie Burns è una bella opera prima finemente scritta, che parla (anche) del nostro tempo senza enfasi o didascalismi. In concorso al Torino Film Festival.
  • Torino 2017

    Bamy

    di Presentato in concorso al Torino Film Festival, Bamy vorrebbe essere una versione esistenzialista, intimista, 2.0, del j-horror, dove i fantasmi sono una proiezione mentale, una condizione e prerogativa di alcuni personaggi.
  • Torino 2017

    Lorello e Brunello

    di Sacche di resistenza alla globalizzazione in piena Maremma toscana. Lorello e Brunello di Jacopo Quadri mira al racconto di una cocciuta estraneità in un mondo sempre più vittima dell'omologazione. Lirico e prezioso. In concorso al Torino Film Festival.
  • Torino 2017

    Seven Sisters

    di Presentato al TFF 2017, il film di Wirkola è fantascienza socio-politica un po' troppo soffocata dalla componente action e thriller. Il futuro distopico diventa quasi un pretesto, fagocitato dalle sette performance di una versatile e muscolare Noomi Rapace.
  • Torino 2017

    Blow Out

    di Brian De Palma riflette sul cinema che ama e sul suo cinema, in un thriller fantapolitico e giocosamente postmoderno, perché certo, Blow Up è già stato fatto, ma si può comunque fare Blow Out.
  • Torino 2017

    Complesso di colpa

    di Sosia, doppiezza, melodramma fiammeggiante, Dante, donne-schermo e ironia dell'eccesso. Complesso di colpa è tra le prime produzioni di Brian De Palma a budget più consistente, con omaggi più espliciti all'universo hitchcockiano e location parzialmente fiorentine.
  • Torino 2017

    My War is Not Over

    di Presentato nella sezione Festa mobile del Torino Film Festival, My War is Not Over, il documentario di Bruno Bigoni su Harry Shindler, il veterano di guerra che ha passato la vita a identificare i militi ignoti. Un'agiografia necessaria.
  • Torino 2017

    Omicidio in diretta

    di Con Omicidio in diretta Brian De Palma firma un thriller tesissimo, che una volta di più ragiona sull'immagine e sulla sua presunta 'verità'; con uno splendido Nicolas Cage e uno dei più elaborati piano-sequenza della storia del cinema.
  • Torino 2017

    They

    di La libertà di (non) scegliere. L'essere umano esiste prima di qualsiasi configurazione individuale, biologica o culturale. They di Anahita Ghazvinizadeh, in concorso al TFF, è una gradevole commedia mai riduttiva nei confronti di un tema di portata esistenziale.
  • Torino 2017

    ’77 No Commercial Use

    di Grazie all'uso quasi esclusivo di immagini repertorio, montate in continua correlazione e contrapposizione concettuale, '77 No Commercial Use riesce a raccontare l'anno 1977 con sguardo appassionato e non riconciliato.
  • Torino 2017

    Riccardo va all’inferno

    di Riccardo va all'inferno è la rilettura in salsa borgatara (il supposto regno è quello del 'Tiburtino Terzo') del Riccardo III di Shakespeare; tra musical e grottesco iperreale Roberta Torre firma un'opera non priva di ambizioni e di fascino, ma troppo sbrindellata sotto il profilo narrativo.
  • Torino 2017

    Al di là dell’uno

    di L'esistenza come relazione, il superamento dell'individuo nell'incontro, le insidie dell'esclusività. Al di là dell'uno di Anna Marziano, in concorso al Torino Film Festival per Italiana.doc, adotta la forma del film-saggio per riflettere sull'essenza stessa della rappresentazione.
  • Torino 2017

    Nella golena dei morti felici

    di Con Nella golena dei morti felici il ravennate Marco Morandi si introduce nella filosofia campestre romagnola, partendo dalla rappresentazione tra il documentale e il teatrale della grande arena di balle di fieno allestita dalla popolazione di Cotignola, ampia e fertile pianura alluvionale che circonda Ravenna, sulle sponde del fiume Senio.
  • Torino 2017

    Faithfull

    di Icona della musica inglese, Marianne Faithfull viene celebrata - invero in maniera un po' maldestra - nel documentario di Sandrine Bonnaire, intitolato semplicemente Faithfull. In Festa mobile al Torino Film Festival.
  • Torino 2017

    Kings

    di Dopo i successi di Mustang, con Kings l'autrice franco-turca Deniz Gamze Ergüven approda in terra americana per confrontarsi nientemenoché con le rivolte di Los Angeles del 1992 a seguito della triste vicenda di Rodney King. Occasione del tutto sprecata, film sbagliato, confuso e infelice. Nel programma del Torino Film Festival all'interno della sezione non competitiva Festa Mobile.
  • Torino 2017

    Alice nel paese delle meraviglie

    di , , Tra i capolavori visionari di Walt Disney Alice nel paese delle meraviglie riveste un ruolo di primaria importanza, anche per l'ossessione del creatore della Casa del Topo verso il testo di Lewis Carroll. Un'opera lisergica e liquida, viaggio anti-sistema nelle voragini della mente infantile.
  • Torino 2017

    Final Portrait

    di Ritorno alla regia per Stanley Tucci con Final Portrait, dedicato alla figura dell'artista svizzero Alberto Giacometti. Piccolo film per un tema enorme, operazione riuscita solo a metà. Al TFF per Festa Mobile.
  • Torino 2017

    Le due sorelle

    di Ambiguità, doppiezza dell'anima e doppiezza dello sguardo. Traendo spunto da reminiscenze hitchcockiane, Le due sorelle di Brian De Palma interroga il cinema e i suoi strumenti consolidati, riflette su di essi.
  • Torino 2017

    The Death of Stalin

    di Per la regia di Armando Iannucci, The Death of Stalin è una farsa ambientata nel corso degli ultimi giorni del dittatore georgiano. Sfacciata, esageratamente sopra le righe e in fin dei conti futile. In concorso al Torino Film Festival.
  • Torino 2017

    Beast

    di Presentato in concorso al Torino Film Festival, Beast racconta di una piccola comunità nell'incantevole sfondo naturale dell'isola di Jersey. Una dimensione opprimente governata da usanze retrograde.
  • Torino 2017

    La cordillera

    di Diretto dall'argentino Santiago Mitre, La cordillera è un'arguta, visionaria e 'misterica' parabola del potere e dei suoi diabolici sotterfugi. Con protagonista un eccellente Ricardo Darín. Al Torino Film Festival in Festa mobile.
  • Torino 2017

    Barrage

    di Madri e figlie, figlie che non riescono a essere madri. Per Barrage, sua opera seconda in lungometraggio, Laura Schroeder sceglie un tema archetipico per un racconto fenomenico e anti-didascalico.
  • Torino 2017

    Revenge

    di Presentato al Torino Film Festival 2017 nell'adrenalinica sezione After Hours, Revenge è l'opera prima della francese Coralie Fargeat: un action thriller che non arretra di fronte all'inverosimile, spargendo in lungo e in largo sangue e budella, violenza e vendetta.
  • Torino 2017

    Dionisio nel ’69

    di , Presentato nell'omaggio a Brian De Palma del Torino Film Festival, Dionisio nel '69 è uno dei primi film del regista, una ripresa teatrale di un lavoro di William Finley, da cui trapelano le inquietudini dell'epoca.
  • Torino 2017

    Tito e gli alieni

    di Si muove tra echi dell'indie americano e reminiscenze della fantascienza spielberghiana il nuovo film di Paola Randi, Tito e gli alieni, presentato in Festa Mobile al Torino Film Festival.
  • In Sala

    Smetto quando voglio – Ad honorem

    di La trilogia diretta da Sydney Sibilia si chiude con Smetto quando voglio - Ad honorem: la scalcinata banda di ricercatori universitari capitanata da Edoardo Leo dovrà trovare il modo di evadere da Rebibbia per impedire una strage ordita da colui che ha sintetizzato il Sopox: Walter Mercurio.
  • Festival

    Torino 2017 – Presentazione

    Tra gatti, opere prime seconde e terze, documentari, sperimentazioni più o meno ardite e ovviamente Brian De Palma prende corpo il programma della trentacinquesima edizione del Torino Film Festival, sempre sotto l'egida di Emanuela Martini.
  • Lisbona 2017

    Spell Reel

    di Menzione speciale della giuria a Doclisboa 2017, Spell Reel di Filipa César è un'opera di metacinema che si costruisce con un dialogo costante tra le immagini di oggi nella Guinea-Bissau e quelle d'archivio relative all'indipendenza del paese.
  • AltreVisioni

    Sans adieu

    di Presentato al Film Festival Diritti Umani Lugano, dopo l'anteprima all'Acid di Cannes, Sans adieu è il ritratto impietoso del declino della vita di campagna in una regione d'oltralpe.
  • DVD

    Il fantasma del palcoscenico

    di Il prossimo novembre il Festival di Torino dedicherà una retrospettiva a Brian De Palma. Nel frattempo Pulp Video e CG rieditano in dvd e blu-ray Il fantasma del palcoscenico. Una gioia per gli occhi allora come adesso.
  • Mille Occhi 2017

    Black Cat

    di Presentato ai Mille occhi nell'ambito dell'omaggio a Dagmar Lassander, Black Cat è un horror del 1981 di Lucio Fulci, uno dei tanti finti adattamenti della novella di Edgar Allan Poe.
  • Locarno 2017

    Verão Danado

    di Presentato in Cineasti del Presente al Locarno Festival, Verão Danado è l'opera prima di Pedro Cabeleira. Un flusso di vita nella popolazione universitaria di Lisbona, tra droghe leggere e pesanti.
  • Locarno 2017

    Grandeur et décadence d’un petit commerce de cinéma

    di Presentata in versione restaurata al Locarno Festival questa opera poco nota di Jean-Luc Godard del 1986: Grandeur et décadence d'un petit commerce de cinéma è una riflessione sulla grandezza del cinema classico del passato.
  • Locarno 2017

    Amori che non sanno stare al mondo

    di Amori che non sanno stare al mondo, il nuovo lavoro di Francesca Comencini, procede in altalena fra spunti interessanti e vertiginosi tonfi stilistici, con una scrittura non all'altezza. In Piazza Grande a Locarno 70.
  • Cannes 2017

    A fábrica de nada

    di A fábrica de nada è il sorprendente esordio di Pedro Pinho, sguardo sul Portogallo in crisi economica e ideologica, e sulla realtà di una fabbrica occupata e autogestita dagli operai. Tra riflesso del reale, agit prop e voli pindarici un'analisi accorata - e non priva di interrogativi - sul mondo capitalista, e la sua inesauribile usura.
  • Cannes 2017

    The Florida Project

    di Tra disneyficazione del paesaggio e nuova povertà, The Florida Project di Sean Baker riesce a bilanciare perfettamente spirito anarchico e dramma sociale. Alla Quinzaine.
  • Cannes 2017

    Wind River

    di Presentato a Cannes, dopo il Sundance, Wind River è un western contemporaneo, un poliziesco dai contorni drammatici. Sheridan non si limita a intrecciare gli elementi chiave dei due generi, ma riesce ad aggiornare e contestualizzare il mito della Frontiera.
  • Cannes 2017

    Napalm

    di Non più l'Olocausto, ma la Corea del Nord. Claude Lanzmann in Napalm, fuori concorso al Festival di Cannes, cambia radicalmente l'oggetto del suo discorso per costruire una rêverie proustiana e quasi scollacciata: il suo passato amore per un'infermiera nordcoreana.
  • Cannes 2017

    Un beau soleil intérieur

    di Auto-parodica e malinconica riflessione sull'amore, lontanamente ispirata ai Frammenti di un discorso amoroso di Roland Barthes, Un beau soleil intérieur segna il ritorno di Claire Denis. Alla Quinzaine a Cannes 2017.
  • Berlinale 2017

    Colo

    di Presentato in concorso alla Berlinale 2017, Colo di Teresa Villaverde: ritratto di una famiglia in crisi, specchio della crisi di una società, raccontato secondo i canoni non convenzionali della regista portoghese.
  • Rotterdam 2017

    People Power Bombshell: The Diary of Vietnam Rose

    di Presentato all’International Film Festival Rotterdam, il nuovo lavoro del filmmaker filippino John Torres è un’opera sul cinema e sul recupero di un film di un regista molto popolare negli anni Ottanta.
  • Torino 2017

    Ricomincio da me

    di Con protagonisti Imelda Staunton e Timothy Spall, Ricomincio da me di Richard Loncraine è una commedia inglese per la terza età, buonista e piena di forzata fiducia nel prossimo. Al Torino Film Festival in Festa mobile.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento