Mes provinciales

Mes provinciales

di

Presentato nella sezione Panorama della Berlinale, Mes provinciales (A Paris Education nel titolo internazionale) è un romanzo di formazione di un gruppo di ragazzi studenti di cinema, dove le esperienze della vita si accompagnano a quelle della settima arte.

Il cinema salverà il mondo?

Etienne parte per Parigi per studiare cinema all’università. Conosce Mathias e Jean-Noël che condividono la sua passione cinefila. Durante l’anno di studi, vanno incontro a cambiamenti nell’amicizia e nell’amore come nelle loro battaglie artistiche… [sinossi]

Da Truffaut ragazzo che, attraverso Antoine Doinel, marina la scuola per andare al cinema fino a Woody Allen che litiga su Fellini con uno spocchioso docente facendo la fila. Ci siamo nutriti dei film sul cinema e sulla cinefilia, che abbiamo a nostra volta assimilato, che è diventata la nostra stessa ossessione, la puttana santa di Fassbinder. Mes provinciales – nel titolo francese diverso da quello internazionale A Paris Education –, il film di Jean-Paul Civeyrac presentato nella sezione Panorama della Berlinale, appartiene di diritto alla categoria dei film sul cinema e sulla cinefilia, nell’ambito dei quali si distingue per raffinatezza, sincerità e spontaneità.

Etienne sta facendo l’amore con la sua ragazza, in una scena di nudità tenera, scevra da qualsiasi morbosità che si ripeterà, con circolarità, nel film. Poco dopo si saluteranno alla stazione, il ragazzo si sta trasferendo a Parigi, dalla provincia francese, per frequentare un corso di cinema all’università. Cercheranno di tenersi in contatto ma già possiamo prevedere che la grande città rappresenterà per Etienne un centro di attrazioni, culturali, sentimentali, che ben presto occuperanno il suo cuore scalzando gli affetti della sua originaria heimat. A Parigi Etienne farà gruppo con Mathias e Jean-Noël, conoscerà diverse ragazze, condividendo con loro le esperienze di vita e di cinema. Viene subito da pensare, vista la storia e la location parigina gravida di magnetismo e rimembranze cinematografiche, a The Dreamers, a proposito della categoria filmica di cui sopra. Eppure i ragazzi di Civeyrac sono molto diversi da quelli sessantottini di Bertolucci, non ne condividono per esempio lo spirito anarcoide e l’anticonformismo sessuale dell’epoca, e le loro scoperte cinematografiche sono pure ben diverse da quelle altre, ancora in un certo verso pionieristiche da Cahiers e Langlois, sono proprie di una cinefilia e di una critica che ha fatto grandi passi avanti. Laddove i ragazzi di Bertolucci scoprivano Fuller, Ray e Browning, quelli di Civeyrac amano Barnet, Paradžanov, Tarkovskij e Khutsiev (da cui riprende una sua tipica, bellissima scena di pioggia), già hanno assimilato la rivalutazione del cinema di genere italiano, Lenzi, Lado, comprendono anche Non aprite quella porta, sanno confrontare Čechov con Naruse. E sono anche selettivi evitando le mode della critica superficiale odierna, dalle serie tv a Sorrentino. Sono ragazzi contemporanei quelli di Mes provinciales, Civeyrac lo sottolinea subito citando Macron, evitando così qualsiasi malinteso. Soprattutto Mes provinciales compie una scelta radicale rispetto a The Dreamers, quella di citare film e registi senza quasi, a parte due eccezioni, mostrare spezzoni, sequenze altrui, evitando saggiamente il cinema nel cinema. Da un lato non c’è bisogno, dall’altro i titoli snocciolati sono equiparati, come pura menzione, a quelli letterari che si aggiungono a rappresentare un atlante sentimentale, evidentemente quello di Civeyrac stesso, che passa anche per Pascal, Cime tempestose e le Lettere luterane di Pasolini.

Mes provinciales è un romanzo di formazione, un coming of age, un’educazione sentimentale, chiamiamolo come vogliamo, attraverso il cinema e il fare film. La maturazione dei ragazzi, nelle loro esperienze di vita, di amore ma anche di morte, è anche simboleggiata dal passaggio da una parte dove predominano i riferimenti a titoli e registi, a quelli in cui invece si apprende a fare cinema, si discute di montaggio, colore e bianco e nero. Il passaggio tra la passività dell’educazione e il diventare protagonisti della propria vita. E in fondo tornano, in altra forma, certi ragionamenti godardiani sul modo di mettere la macchina da presa come atto morale e atto politico. Ora Civeyrac realizza un Effetto notte, un film sul fare cinema, un’altra categoria ben nutrita, dove non si vedono, a parte una scena, i momenti delle riprese, evitando ancora tutti i giochini del caso. Ci sono confronti, discussioni sulle scelte di regia, che richiamano probabilmente le scelte stesse di Civeyrac. Si parla di un titolo provvisorio, e il film ha due diversi titoli per la distribuzione nazionale e per quella estera; si discute di colore e bianco e nero, e Mes provinciales è in bianco e nero, per ‘colorare’ gli ambienti parigini, il territorio da esplorare, con nuove fascinazioni. Fino ad arrivare a quello struggente finale, lo sguardo dalla finestra dei tetti parigini, con accompagnamento di Mahler. Si discute tra i personaggi sui film vivi e su quelli morti e non c’è dubbio che Mes provinciales appartenga ai primi.

Info
La scheda di Mes provinciales sul sito della Berlinale.
  • Mes-provinciales-2018-Jean-Paul-Civeyrac-001.jpg
  • Mes-provinciales-2018-Jean-Paul-Civeyrac-002.jpg
  • Mes-provinciales-2018-Jean-Paul-Civeyrac-003.jpg
  • Mes-provinciales-2018-Jean-Paul-Civeyrac-004.jpg

 

Articoli correlati

  • Festival

    Berlinale 2018Berlinale 2018

    Sessantottesima edizione. La solita fiumana di titoli e di sezioni per un programma smisurato, ma mai respingente: la kermesse berlinese resta un fulgido esempio di festival pensato e organizzato per il pubblico, e in seconda battuta per la stampa.
  • Venezia 2017

    Les garçons sauvages RecensioneLes garçons sauvages

    di Con Les garçons sauvages Bertrand Mandico esordisce alla regia, spiegando di fronte agli occhi degli spettatori le ali di un immaginario sfrenato, che riesce a trovare il miracoloso punto di incontro tra reale e mitico, tra rêverie e brutalità. Alla SIC 2017.
  • Berlinale 2017

    Io e Annie

    di Compie quarant'anni Io e Annie: il capolavoro di Woody Allen, quello che meglio armonizza l'inventiva e la prorompenza del suo primo cinema con la fase successiva. Presentato alla Berlinale in versione restaurata.
  • Cannes 2014

    Non aprite quella porta

    di Il capolavoro di Tobe Hooper, fondamentale punto di svolta del cinema dell'orrore, è stato proiettato alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes 2014 nella versione restaurata.
  • Archivio

    Midnight in Paris RecensioneMidnight in Paris

    di Rimettendosi in gioco, Allen prende di petto i cliché dei suoi stessi film e li sfrutta per mettere in scena una pochade magari inessenziale ma indubbiamente graziosa. Pellicola di apertura del Festival di Cannes 2011.
  • Berlinale 2018

    Intervista a Jean Paul CiveyracIntervista a Jean-Paul Civeyrac

    Ha riscosso un grande successo all'ultima Berlinale, nella sezione Panorama, con il film Mes provinciales (A Paris Education). Jean-Paul Civeyrac è filmmaker, professore di cinema e scrittore. L'abbiamo incontrato durante il Festival di Berlino.
  • Cannes 2018

    Plaire, aimer et courir vite RecensionePlaire, aimer et courir vite

    di Inforca direzioni quasi opposte Plaire, aimer et courir vite. Centrifugo e centripeto, verbosissimo e sfuggente. Leggiadro e amarissimo. Costruito fotogramma per fotogramma, parola per parola, eppure sincero, vivissimo. In concorso al Festival di Cannes 2018.
  • Pingyao 2018

    Les météorites RecensioneLes météorites

    di Presentato nel concorso Crouching Tigers del 2° Pingyao International Film Festival,dopo l'anteprima al San Sebastián International Film Festival, Les météorites è il primo lungometraggio di finzione del giovane regista francese Romain Laguna, un racconto delicato e vero sulle scoperte di vita di una adolescente.
  • Roma 2018

    L'enfance nue RecensioneL’enfance nue

    di Per la retrospettiva della Festa del Cinema di Roma dedicata a Maurice Pialat è stato presentato il suo folgorante esordio, L'enfance nue, girato nel '68 e prodotto da Truffaut: la storia di un bambino incapace di adattarsi alle regole della società, per certi versi simile a I 400 colpi, ma più realistico e asciutto, straordinariamente doloroso e commovente.
  • Roma 2018

    Passe ton bac d’abord

    di Altro capolavoro della filmografia di Maurice Pialat, cui quest'anno è dedicata una retrospettiva alla Festa del Cinema di Roma, Passe ton bac d'abord è il frammento di vita di un gruppo di maturandi di provincia, che non vorrebbero crescere.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento