Pupazzi senza gloria

Pupazzi senza gloria

di

Impostato sull’idea – a suo modo geniale – che si può far fare a dei peluche tutto quello che nel cinema odierno non è più permesso agli umani – sesso, droga, violenza – Pupazzi senza gloria di Brian Henson si pone quale film dalle ambizioni persino politiche, oltre che come piacevole e cinico racconto tra l’hardboiled e il demenziale.

Pupazzo, dove sei?

Un serial killer sta uccidendo tutti i componenti del cast de L’allegra combriccola, un amatissimo show di pupazzi degli anni ’90. A seguire il caso Connie Edwards, una veterana del corpo di polizia con una terribile dipendenza dallo zucchero, e il suo ex collega pupazzo Phil Phillips, caduto in disgrazia e diventato ora un investigatore privato. [sinossi]

Brian Henson, figlio del celebre inventore dei Muppet, il burattinaio statunitense Jim, ha diretto con Pupazzi senza gloria una versione verace, vorace e cattiva dei celebri pupazzi di suo padre, tra l’altro di per sé del tutto apprezzabili all’epoca per grandi e piccini. Un film del quale, nel momento in cui lo si vede, si capisce che se ne sentiva davvero il bisogno, perché Pupazzi senza gloria riporta al cinema tutto quello che è sparito da troppo tempo: ingiustizia di classe e di etnia, violenza, sesso esplicito, personaggi derelitti rovinati dall’abuso di stupefacenti di varia natura, e via dicendo. Il tutto però trasferito per l’appunto su dei pupazzi, che sono gli unici a essere protagonisti di queste oscenità, mentre gli umani che condividono con loro lo stesso mondo – per via di una chiara allusione alle conflittualità sul suolo statunitense tra WASP e afro-americani – non rischiano nulla.
In tal modo, Henson si permette il lusso di far vedere teste che scoppiano, arti che vengono tranciati da cani rognosi, clamorose esplosioni spermatiche, vagabondi resi inerti dall’esagerata assunzione di zucchero, riferendo il tutto proprio al mondo dei peluche, con una quantità inesauribile di doppi sensi tra la carne e la stoffa, a partire da quel personaggio che si è fatto schiarire il tessuto di cui è composto per assomigliare di più agli umani (con esplicito riferimento a Michael Jackson).

C’era già stato Ted di recente, che può essere in effetti considerato come parziale apripista di Pupazzi senza gloria, ma laddove quel film e relativo seguito, entrambi ideati e diretti da Seth MacFarlane, dilatavano le potenzialità di cartoon come I Griffin e le declinavano nel contesto della tipica commedia demenziale post-farrelliana, qui in Pupazzi senza gloria il discorso si fa più strutturato, già a partire dal fatto che il film si inserisce apertamente nel solco del grande cinema americano, abbracciando i grandi topoi del noir, dal detective disilluso (e dunque bogartiano e marlowiano) alla femme fatale, al classico panorama di una Los Angeles viziosa ed eternamente decadente. Stereotipi che sono però rivisti alla luce degli aggiornamenti e degli aggiustamenti operati dai fratelli Coen (in particolare con Il grande Lebowski) e da Quentin Tarantino (in particolare con Pulp Fiction).
Forte di tutto questo background, Henson riflette, più che sullo spicciolo – per quanto spassoso – sberleffo (come accadeva in Ted), proprio sullo sguardo, su quello che si può vedere e non vedere nell’ambito del puritanissimo cinema americano odierno. E, difatti, l’esplosione di sperma del nostro detective morbidoso, lungamente ed esageratamente insistita, vale da dichiarazione d’intenti e da sguaiato rifiuto del buon gusto e del perbenismo ormai diffuso a livello mondiale, e persino peggiorato in tempi recenti per via del caso Weinstein. Al contrario, Pupazzi senza gloria dichiara orgogliosamente il suo essere un prodotto d’antan, di essere una incarnazione senza tempo del mito americano, di una certa forma di virilità hard-boiled, spettinata e antieroica per definizione, eppure perennemente fascinosa.

Tutto questo vale molto di più della storia che vi si racconta in Pupazzi senza gloria, anch’essa volutamente derivativa, laddove un serial-killer colpisce senza pietà i pupazzi protagonisti di uno show televisivo degli anni Novanta che proprio in quei giorni viene riproposto sul piccolo schermo. È, quella, la scusa per far duettare a suon di oscenità i due protagonisti – il lato umano è incarnato dalla sempre ottima Melissa McCarthy – e per mostrarci un campionario pupazzesco di terz’ordine che si muove nei bassifondi della città degli angeli, ma soprattutto per costruire delle atmosfere sempre perfettamente giocate sul sottile filo del noir e del comico demenziale, un po’ come si faceva apprezzare ai tempi l’indimenticata serie di Una pallottola spuntata.

Info
Il trailer di Pupazzi senza gloria.
  • Pupazzi-senza-gloria-2018-Brian-Henson-013.jpg
  • Pupazzi-senza-gloria-2018-Brian-Henson-011.jpg
  • Pupazzi-senza-gloria-2018-Brian-Henson-012.jpg
  • Pupazzi-senza-gloria-2018-Brian-Henson-010.jpg
  • Pupazzi-senza-gloria-2018-Brian-Henson-009.jpg
  • Pupazzi-senza-gloria-2018-Brian-Henson-008.jpg
  • Pupazzi-senza-gloria-2018-Brian-Henson-002.jpg
  • Pupazzi-senza-gloria-2018-Brian-Henson-003.jpg
  • Pupazzi-senza-gloria-2018-Brian-Henson-004.jpg
  • Pupazzi-senza-gloria-2018-Brian-Henson-005.jpg
  • Pupazzi-senza-gloria-2018-Brian-Henson-006.jpg
  • Pupazzi-senza-gloria-2018-Brian-Henson-007.jpg
  • Pupazzi-senza-gloria-2018-Brian-Henson-001.jpg

Articoli correlati

  • Torino 2017

    The Disaster Artist

    di Ultima fatica da regista per James Franco, The Disaster Artist è un'esilarante commedia che rievoca la realizzazione nel 2003 di The Room, cult definito uno dei film più brutti della storia. Con Franco protagonista, affiancato da suo fratello Dave e uno stuolo di star in partecipazione amichevole.
  • In sala

    Sausage Party: Vita segreta di una salsiccia

    di , Dopo Hollywood e la Corea del Nord, l’obiettivo della coppia Rogen-Goldberg sembra farsi ancora più difficile: realizzare lo stesso mix di edonismo sfrenato e cattiveria demenziale con il linguaggio dei cartoni, attaccandone frontalmente i massimi rappresentanti: la Pixar.
  • Archivio

    Nonno scatenato RecensioneNonno scatenato

    di Robert De Niro abbandona i residui freni inibitori e si concede in Nonno scatenato una farsa demenziale e boccaccesca, il cui obiettivo è tener lontana il più possibile la morte.
  • Buone Feste!

    Canto di Natale di Topolino RecensioneCanto di Natale di Topolino

    di Uno dei migliori adattamenti cinematografici del Christmas Carol di Dickens viene dalla Disney, che nel 1983 fece interpretare questo classico della letteratura da Zio Paperone, Topolino, Paperino & Co.
  • Archivio

    Ted 2 RecensioneTed 2

    di Più vicino a una versione estesa e senza censure di un episodio dei Griffin che al seguito del primo film, Ted 2 spinge molto più sul demenziale e l’accumulazione di gag fino a perdere unità ed empatia.
  • Home Video

    Home Video Marzo 2015

    Blu-ray, dvd e cofanetti di marzo: La storia della principessa splendente, Nymphomaniac - Director's Cut, Pasolini, The Interview, Drug War, Super Robot Movie Collection, Le catene della colpa, Quelle due, Brivido nella notte...
  • In sala

    Scemo & + scemo 2

    di , Tornano i maestri dell'umorismo scatologico Bobby e Peter Farrelly con il secondo capitolo delle avventure di Harry e Lloyd, un vero e proprio springbreak del demenziale, pronto a solleticare i nostri istinti ridanciani più bassi.
  • Archivio

    Facciamola finita RecensioneFacciamola finita

    di , L'Apocalisse secondo Seth Rogen and co. Facciamola finita è una sfrenata e irriverente commedia demenziale, che gioca con Hollywood e i suoi cliché.
  • Animazione

    Frankenweenie

    di Victor si diletta a realizzare film col suo amato cane Sparky. Quando Sparky viene ucciso da una macchina, Victor apprende a scuola l'effetto degli impulsi elettrici sui muscoli...
  • Archivio

    Il-dittatoreIl dittatore

    di Il generale Aladeen, dittatore dello stato di Wadiya, si reca negli Stati Uniti per partecipare a un congresso Onu. Mentre è impegnato a discutere dei processi di democratizzazione, in patria corre il rischio di vedersi rubare la scena da un pastore di capre, suo sosia dai modi alquanto grezzi...
  • Archivio

    I Muppet

    di Film per le famiglie come non si fanno più da decenni, I Muppet racchiude al suo interno, neanche troppo in profondità, un accorato e sincero elogio alla lentezza, al fuori moda, al desueto...
  • Archivio

    Spongebob – Il film

    di Arrivano sul grande schermo Bikini Bottom, la spugna di mare Spongebob e i suoi squinternati amici; nulla di particolarmente nuovo, ma un intrattenimento divertente, in attesa che approdino al cinema anche i Simpson...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento