Loulou, l’incroyable secret

Loulou, l’incroyable secret

di

Presentato nella sezione Generation della Berlinale, Loulou, l’incroyable secret di Éric Omond è l’ennesimo piccolo miracolo creativo della casa di produzione francese Prima Linea Productions.

Le loup est un loup pour le loup…

Loulou e Tom, un lupo e un coniglio, formano un duo indissolubile da quando sono bambini. La loro vita tranquilla nel paese dei conigli viene scossa dalla notizia che vorrebbe ancora in vita la madre di Loulou: i due partono prontamente alla ricerca della lupa nel principato di Wolfenberg, il paese dei lupi. Proprio in quel periodo, nel principato si sta svolgendo il Festival della Carne, che riunisce i più temibili e feroci predatori del mondo. E per gli erbivori non ci sono molte possibilità: finire schiavizzati o essere divorati senza pietà… [sinossi]

L’animazione è una questione di scelte. Grafiche, cromatiche, narrative, produttive e via discorrendo. Si può seguire la corrente dominante, imbastendo l’ennesima copia sbiadita in computer grafica come Khumba – Cercasi strisce disperatamente di Anthony Silverston, proprio in questi giorni nelle sale, oppure proseguire coerentemente un percorso artistico come Loulou, l’incroyable secret di Éric Omond, presentato alla Berlinale nella sempre fertile sezione Generation, ennesimo gioiellino per piccini della Prima Linea Productions che difficilmente vedremo nelle sale italiane.

Le scelte della Prima Linea sono chiare, coerenti fin dalle prime produzioni, come i film a episodi Loulou et autres loups (2003) e Peur(s) du noir (2007), e i lungometraggi U (2006) di Serge Elissalde e Le avventure di Zarafa (2012) di Rémi Bezançon e Jean-Christophe Lie, unica pellicola riuscita a sbarcare nel Bel Paese. Animazione a budget limitato ma curata, con una particolare attenzione per i colori e per la valorizzazione dei character design originali; gusto per la narrazione, anche (o forse soprattutto) quando ci si rivolge a un pubblico di giovanissimi; un equilibrio tra la giocosità della fantasia a briglie sciolte e la capacità di affrontare con garbo temi come la morte e la sessualità. Facile a dirsi…

Loulou, l’incroyable secret, tratto ancora una volta dai libri per l’infanzia di Grégoire Solotareff (Loulou et autres loups, U), prosegue su questo cammino, immergendoci in un’avventura dal ritmo incalzante, dominata da una creatività contagiosa e da un nonsense fertile, coerente, ironico. C’è spazio quindi per la coppia di amici inseparabili, per la sinuosa e stuzzicante Scarlett, per un villain crudele eppure fragile. Un’avventura ormonale, imprevedibile, adolescenziale, che non opprime i piccoli spettatori con sbandierati intenti didascalici, ma che suggerisce, accenna. Ma basterebbero le linee incerte della città dei lupi, lo spassoso viaggio in macchina che gioca sagacemente con la prospettiva o il castello che riecheggia Le roi et l’oiseau di Paul Grimault per giustificare il recupero di questo piccolo lungometraggio d’animazione tradizionale. Quasi una forma di resistenza.

Note
1.
Loulou et autres loups è mediometraggio formato da cinque episodi : Loulou, Marika et le loup, Micro loup, Pour faire le portrait d’un loup e T’es où Mère-Grand?. Il lungometraggio Peur(s) du noir, passato al Festival di Roma, è firmato da Blutch, Charles Burns, Marie Caillou, Pierre Di Sciullo, Lorenzo Mattotti e Richard McGuire.
Info
Il sito ufficiale di Loulou, l’incroyable secret.
La pagina facebook di Loulou, l’incroyable secret.
Loulou sul sito della Prima Linea Productions.
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-01.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-02.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-03.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-04.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-05.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-06.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-07.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-08.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-09.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-10.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-11.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-13.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-14.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-15.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-16.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-17.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-18.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-19.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-20.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-21.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-22.jpg
  • loulou-lincroyable-secret-2013-eric-omond-23.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Berlinale 2014: film e recensioni dal Festival di Berlino - Quinlan.itBerlinale 2014

    La sessantaquattresima edizione del Festival di Berlino, dal 6 al 16 febbraio 2014. Le nostre recensioni tra i film in concorso, fuori concorso, nelle sezioni Forum, Panorama, Generation…
  • Berlinale 2014

    berlinaleBerlinale 2014 – Presentazione

    Inizia oggi la Berlinale 2014, edizione 64 della kermesse germanica. Un'edizione all'insegna della tradizione, tra grandi maestri e scoperte.
  • Animazione

    u-2006-serge-elissalde-gregoire-solotareff-cov932U

    di , Conferma dello stato di salute del cinema d'animazione francese, U di Serge Elissalde e Grégoire Solotareff è un piccolo film, che difficilmente troverà gloria e onori nel grande pubblico. Purtroppo.
  • Animazione

    Il piccolo principe (2015) Recensione Cannes | Quinlan.itIl piccolo principe

    di Presentato a Cannes, The Little Prince di Mark Osborne rilancia le ambizioni produttive dell’animazione europea, soprattutto francese. Più dei limiti narrativi, ci interessano l’utilizzo della stop motion e la coesistenza con la computer grafica.
  • Animazione

    Sasha e il Polo Nord(2015) di Rémi Chayé - Recensione | Quinlan.itSasha e il Polo Nord

    di Tout en haut du monde di Rémi Chayé, ennesima dimostrazione della qualità ed estrema vivacità del cinema d’animazione transalpino. L’animazione tradizionale è vivissima. A Roma 2015 e al Future 2016.
  • Animazione

    Phantom-BoyPhantom Boy

    di , Dopo Un gatto a Parigi, Felicioli e Gagnol si confermano con Phantom Boy, leggiadro noir dalle venature fantastiche che mette in scena senza inutili birignao una grave malattia. Presentato al Torino Film Festival 2015 e al Future Film Festival di Bologna 2016.
  • Future 2016

    Avril et le Monde truqué (2015) Recensione | Quinlan.itAvril et le Monde truqué

    di , Premiato ad Annecy e presentato in anteprima italiana al Future Film Festival 2016, Avril et le Monde truqué (April and the Extraordinary World) è un'avventura fantasiosa e rocambolesca, ennesimo tassello positivo del variopinto cinema d'animazione transalpino.
  • Animazione

    Louise en hiver (2016) Laguionie - Recensione | Quinlan.itLe stagioni di Louise

    di Ennesimo tassello della nouvelle vague animata transalpina, il film di Laguionie si stringe poeticamente e senza ipocrisie attorno alla terza età, alla solitudine che spesso accompagna la vecchiaia.

3 Commenti

  1. Virginie 23/08/2014
    Rispondi

    Ciao,

    Vorrei sapere se è possible trovare questo film in Italiano. Grazie.

    • quinlan 24/08/2014
      Rispondi

      Ciao Virginie,
      Loulou ha avuto qualche passaggio festivaliero (non in Italia) ed è uscito in Francia. Davvero difficile ipotizzare un’uscita nelle nostre sale (magari qualche piccola distribuzione…). Si trova in dvd e blu-ray in versione francese.
      🙂

  2. Virginie 23/08/2014
    Rispondi

    Possibile.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento