Il cavaliere oscuro

Il cavaliere oscuro

di

Un film che rappresenta uno dei connubi più riusciti negli ultimi anni tra spirito autoriale ed esigenze mainstream, capace di evitare compromessi sia con l’aspetto più direttamente introspettivo della vicenda che con quello spettacolare: Il cavaliere oscuro di Christopher Nolan

L’alieno è il pipistrello

Batman e il Commissario Gordon collaborano con Harvey Dent, il nuovo procuratore distrettuale di Gotham City, per catturare il Joker, un folle criminale che svaligia banche. Ma altre forze tramano nell’ombra contro il Cavaliere Oscuro. [sinossi]

Avremmo voluto evitare di sfruttare lo spazio critico a nostra disposizione per lanciarci in un elogio funebre dell’arte attoriale di Heath Ledger, ma la sua performance nei panni del Joker ci ha talmente stupefatto (sì, anche noi che eravamo tra i suoi più sfrontati sostenitori) da costringerci a cambiare percorso strada facendo; approfittiamo dunque dell’incipit di questa disamina per toglierci il cappello di fronte a un attore che ci ha abbandonato ancora animato dai sacri furori di una carriera poco più che neonata.

Lo aspettavamo al varco, Christopher Nolan: finora, infatti, Batman Begins rimaneva come elemento discordante all’interno della filmografia del regista. Laddove nei punti più alti raggiunti dalla sua messa in scena (The Prestige e Memento) si avverte una tensione costante nel ragionare sul senso dello spettacolo – parliamo di due progetti apparentemente mainstream che debordano fino a lambire i confini dell’avanguardia teorica –, proprio il primo episodio di questa nuova saga dedicata all’eroe in foggia di pipistrello ci aveva lasciato l’amaro in bocca. Nolan era apparso davvero poco a suo agio nell’approcciarsi a una materia così stratificata e, soprattutto, metabolizzata e resa feticcio da un’ampia fascia di pubblico. Siamo stati piacevolmente costretti a smentirci durante la visione de Il cavaliere oscuro; Nolan qui padroneggia perfettamente l’impianto scenico, innestando in un contesto “conosciuto” (al di là di Batman, Joker e Due Facce sono probabilmente i due antagonisti più noti dell’intera saga) molte delle sue ossessioni cinematografiche, prima fra tutte quella del doppio.

Moltiplicando all’infinito la teoria che era alla base di The Prestige, Nolan – anche sceneggiatore insieme al fratello Jonathan, come da prassi – architetta un universo in cui tutti sono costretti a mentire per preservare la verità; è così ovviamente per Bruce Wayne/Batman, ma è così anche per il fido commissario James Gordon, per non parlare di Harvey Dent/Due facce, che palesa da un punto di vista anche visivo l’intuizione del regista. Procedendo per sovrastrutture degne della tragedia greca, i personaggi sono costretti a seguire i beffardi scherzi del caso (magistrale, sotto questo punto di vista, la scrittura della sequenza in cui Batman deve scegliere se salvare da morte certa Harvey Dent o la sempre amata Rachel Dawes, e perfetto il riassunto morale racchiuso nel finale) fino ad arrivare al punto da non poter più uscire dal ruolo che (in)volontariamente si sono imposti.

Unico a deviare da questo circolo vizioso e, anzi, a dirigerne per buona parte del film le mosse, è il Joker: in lui, animato da una spinta che non prevede alcuna meta tangibile alla fine del percorso tracciato, si trova la chiave di volta dell’intero film. Animale imbastardito, caotico e impossibile da padroneggiare, il Joker è l’essenza stessa del male, l’elogio assoluto del superfluo, della casualità, dell’atto di prestigio – ricorda qualcosa questa parola? – fine a sé stesso; nel momento stesso in cui Batman, ma anche Due Facce e i gangster della mafia, agiscono per motivi ben riconoscibili (la sete di giustizia, la folle brama di vendetta e il profitto economico), Joker si muove all’interno della pellicola in maniera completamente inafferrabile, incomprensibile, coerente solo ed esclusivamente al gioco personale che ha iniziato con la popolazione di Gotham City. Un gioco terribile, che prevede devastazione e morte, ma che proprio per la sua natura anarcoide e atea nel senso più ampio dei termini, costringe chi ha di fronte a una serie di scelte morali che solo apparentemente potrebbero apparire ovvie. Proprio la messa in scena del Joker, dunque, si rivela essere l’asso nella manica del secondo Batman firmato da Nolan, perché l’autore di Following e Insomnia è riuscito a cogliere, al di là dell’aura di maledettismo e di lunatica crudeltà che da sempre accompagna il personaggio, il vero aspetto di questa maschera clownesca e raccapricciante: la sua tragica e terrificante messa in mostra delle debolezze umane.

E questa è una chiave interpretativa che mancava anche al Batman di Tim Burton (continuiamo imperterriti a considerare Batman – Il ritorno il più riuscito tra i due episodi burtoniani), ed è l’elemento che sconvolge completamente, alla stessa stregua del dinamitardo spirito distruttore del Joker, il corpus narrativo de Il cavaliere oscuro. Un film che rappresenta uno dei connubi più riusciti negli ultimi anni tra spirito autoriale ed esigenze mainstream, capace di evitare compromessi sia con l’aspetto più direttamente introspettivo della vicenda che con quello spettacolare – la sequenza iniziale della rapina è da lasciare completamente senza fiato, così come lo splendido inseguimento tra le vie di Gotham City.
L’ennesimo gioco di prestigio di un autore imprescindibile del cinema dell’ultimo decennio.

Info
Il sito ufficiale de Il cavaliere oscuro.
Il cavaliere oscuro su facebook.
Il trailer italiano de Il cavaliere oscuro.
  • il-cavaliere-oscuro-2008-christopher-nolan-01.jpg
  • il-cavaliere-oscuro-2008-christopher-nolan-02.jpg
  • il-cavaliere-oscuro-2008-christopher-nolan-03.jpg
  • il-cavaliere-oscuro-2008-christopher-nolan-04.jpg
  • il-cavaliere-oscuro-2008-christopher-nolan-05.jpg
  • il-cavaliere-oscuro-2008-christopher-nolan-06.jpg
  • il-cavaliere-oscuro-2008-christopher-nolan-07.jpg
  • il-cavaliere-oscuro-2008-christopher-nolan-09.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Lego Batman – Il Film

    di C'è un mondo dietro i celeberrimi mattoncini, dietro le icone della DC. Un mondo che con Lego Batman prende però una piega troppo prevedibile, priva delle intuizioni e della verve di Lego Movie...
  • Cult

    Unbreakable – Il predestinato

    di Il punto di partenza di Unbreakable è lo spirito del fumetto e il punto d'arrivo è la rielaborazione del fumetto stesso, concludendo idealmente un percorso di svecchiamento iniziato negli anni Ottanta da mostri sacri come Miller e Moore.
  • Archivio

    Batman-v-Superman-Dawn-of-JusticeBatman v Superman: Dawn of Justice

    di Snyder contrappone i cromatismi e la tutina di Superman alla pesante e ultra-tecnologica armatura di Batman. La fatica e il dolore di Wayne agli inarrivabili poteri kryptoniani. Una sfida impari tra umano e divino, tra chi risale a fatica dall'Inferno e chi è sceso da un ipotetico Paradiso.
  • In Sala

    Lo chiamavano Jeeg Robot

    di L'esordio di Gabriele Mainetti ha rappresentato l'unica autentica sorpresa della decima edizione della Festa del Cinema di Roma: un film supereroistico che, con (auto)ironia, mostra una possibile via nostrana al genere.
  • Archivio

    Interstellar

    di Interstellar declina le teorie di Thorne in chiave umanista e sentimentale, mettendo in scena un futuro prossimo intriso di doloroso realismo. La conferma delle dimensioni gargantuesche dell'immaginario di Christopher Nolan.
  • In Sala

    Birdman (o L’imprevedibile virtù dell’ignoranza)

    di Film di apertura della Mostra del Cinema di Venezia 2014 e da oggi nelle sale, Birdman snocciola tutta la grandeur autoriale di Iñárritu, aggrappandosi alle performance sopra le righe di Michael Keaton, Edward Norton ed Emma Stone.
  • Archivio

    Il cavaliere oscuro – Il ritorno

    di Sono trascorsi otto anni da quando Batman è svanito nella notte, trasformandosi da eroe a fuggitivo. Prendendosi la colpa della morte del procuratore Dent, il Cavaliere oscuro ha sacrificato tutto ciò per cui che lui e il Commissario Gordon avevano lavorato...
  • Archivio

    inceptionInception

    di La deflagrazione ultima e irrefrenabile dell'immateriale, l'apologia del cinema come macchinario teso all'accumulo di immaginario, prima ancora che alla sua spiegazione.
  • Archivio

    Watchmen

    di Avventuroso, misterioso e complesso, Watchmen è ambientato in una realtà alternativa del 1985, in America, dove un gruppo di supereroi in costume è parte integrante della realtà sociale quotidiana...
  • Archivio

    Kick-Ass

    di Arriva nelle sale italiane con un certo ritardo l'ottimo Kick-Ass, sorprendente punto d'incontro tra superhero movie e teen movie, ispirato all'omonimo fumetto scritto da Mark Millar e disegnato da John Romita Jr...
  • Archivio

    The Amazing Spider-Man 2: Il Potere di Electro

    di Il secondo capitolo della nuova saga dell'Uomo Ragno poggia le proprie fondamenta sulla moltiplicazione delle sequenze spettacolari, sull'impatto visivo. Divertente ma nulla più.
  • Archivio

    Transcendence

    di Per il suo debutto alla regia, Wally Pfister, uno dei migliori direttori della fotografia contemporanei, sfodera una sfrenata passione cinefila e cospicue dosi di riflessioni parafilosofiche, per un pamphlet sospeso tra il geniale e il demenziale.
  • Archivio

    X-Men: L’inizio

    di Film di personaggi, prima ancora che di effetti speciali e scontri coreografici, X-Men: L'inizio è un buon esempio di blockbuster che cerca di offrire puro intrattenimento e momenti di riflessione.
  • Archivio

    X-Men le origini: Wolverine

    di Prequel e parziale spin-off della saga degli X-Men, questo capitolo Marvel interamente dedicato a Wolverine fa luce sul passato del personaggio interpretato da Hugh Jackman.
  • Archivio

    L’uomo d’acciaio

    di Kal-El, giunto sulla Terra da bambino, nasconde la propria identità e i suoi incredibili superpoteri dietro i panni un po' goffi del giovane giornalista Clark Kent...
  • Archivio

    Hellboy-The-Golden-ArmyHellboy: The Golden Army

    di Con la rottura di un’antica tregua tra l’umanità e i figli originari della Terra, sta per scatenarsi un putiferio. L’anarchico Principe degli inferi Nuada si è stancato di secoli di rispetto e ubbidienza verso il genere umano. Solo Hellboy può fermare il tenebroso sovrano e salvare il mondo...
  • Archivio

    Lanterna-VerdeLanterna verde

    di In un universo tanto vasto quanto misterioso, esiste da secoli una élite di forze potenti. Si chiama il Corpo delle Lanterne Verdi. Il suo compito è di proteggere la pace e la giustizia nel cosmo. I suoi membri sono guerrieri che hanno giurato di mantenere l'ordine intergalattico...
  • Far East 2016

    Chongqing Hot Pot

    di Sospirando all'action a stelle e strisce, Chongqing Hot Pot è un dramma che si traveste da efficace mix di generi per nobilitare la figura dell'antieroe ribaltandone le sconfitte, senza dimenticare di riflettere su amicizia, affari e famiglia nell'odierna periferia cinese. Presentato al Far East 2016.
  • In Sala

    doctor-strangeDoctor Strange

    di Secondo tassello della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Doctor Strange conferma pregi e difetti di un franchise che sta colonizzando, se non cannibalizzando, l'immaginario spettatoriale e tutti i media possibili.
  • In sala

    Dunkirk

    di Nolan aggiusta e sposta i tasselli della Storia (e delle storie) per trascinarci per terra, cielo e mare sui campi di battaglia, nella acque annerite di carburante, gelide e infuocate, tra placidi venti e gragnuole di impietosi proiettili.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento