Edge of Tomorrow – Senza Domani

Edge of Tomorrow – Senza Domani

di

Diretto da Doug Liman (The Bourne Identity, Mr. & Mrs. Smith, Jumper) e tratto dal romanzo illustrato All You Need Is Kill di Hiroshi Sakurazaka, il lungometraggio fantascientifico “Edge of Tomorrow – Senza Domani” mette in scena una guerra tra terrestri e alieni e un atroce loop temporale. Emily Blunt, eroina dura e affascinante, affianca il mattatore Tom Cruise.

La Normandia, le marmotte e l’amore

Una razza aliena, i Mimics, ha colpito la Terra, devastando le città e uccidendo milioni di esseri umani. L’unico modo per resistere alla brutalità dell’offensiva aliena è quello di unire le forze e tentare l’impossibile. Il tenente Bill Cage (Tom Cruise), ucciso in pochi minuti, si risveglia finendo però in un loop temporale, che lo condanna a vivere lo stesso giorno e lo stesso combattimento all’infinito. Aiutato dall’agente delle forze speciali Rita Vrataski (Emily Blunt), cercherà di annientare gli invasori e salvare la Terra… [sinossi]

Si dovrebbe partire da alcuni classici della fantascienza, come Fanteria dello spazio di Robert A. Heinlein [1] o Guerra eterna di Joe Haldeman, per sondare pregi e difetti dell’action fantascientifico Edge of Tomorrow – Senza Domani di Doug Liman, ennesimo blockbuster cucito su misura per Tom Cruise. Eppure, nonostante le tute potenziate, i mastodontici effetti speciali, i vis-à-vis con terribili creature aliene e i drammatici loop temporali, la nostra mente torna alla travolgente commedia Ricomincio da capo (Groundhog Day, 1993) di Harold Ramis.
Bill Murray era l’insopportabile meteorologo Phil Connors; Andie MacDowell la collega di splendente bellezza Rita; la cittadina di Punxsutawney, in Pennsylvania, era la prigione temporale del cinico Phil, costretto a rivivere il Giorno della Marmotta. Nemmeno la morte era una via di fuga. Ogni mattina alle sei in punto risuonava la stessa canzone, I Got You Babe di Sonny & Cher, un fantastico tormentone.

A reggere baracca e burattini in Edge of Tomorrow, ancor più delle mirabilie visive, è infatti la massiccia dose di ironia e autoironia che accompagna il soldato Cruise/Cage, colonnello degradato in un batter d’occhio e catapultato in una sorta di futuristico sbarco in Normandia – questa volta siamo nel sud della Francia e l’esercito a stelle e strisce parte un po’ troppo convinto…
Il montaggio di James Herbert non enfatizza solo le sequenze action, ben giostrate da Doug Liman (Swingers, The Bourne Identity, Mr. & Mrs. Smith, Jumper), ma riesce a non dilatare eccessivamente la narrazione e a sdrammatizzare le decine e decine di fallimenti (e quindi di decessi) di Cage. Assai funzionale, in questo senso, la performance di Bill Paxton nei panni del sergente Farell. La battaglia è un grande redentore. Amen.

Liman e i maghi degli effetti speciali mettono in piedi una science fiction dal ritmo elevato e appassionante, ariosa nella messa in scena, più che convincente nel mecha design, perfetta nella scelta del cast: Cruise è un guerriero che sembra non tramontare mai, già proiettato verso nuove produzioni (Mission: Impossible 5, Van Helsing, Top Gun 2, Jack Reacher: Never Go Back), ed Emily Blunt è un’eroina dura e affascinante. La fantascienza d’intrattenimento di Edge of Tomorrow scorre piacevolmente, dando corpo al personaggio di Cruise al rapporto tra Bill Cage e Rita Vrataski. A non convincere, oltre a un finale un po’ frettoloso, sono invece i personaggi secondari, i commilitoni di Cage, appena abbozzati, quasi impalpabili, sacrificati dal cannibalismo attoriale di Cruise (si veda il personaggio di Herzog in Jack Reacher). Insomma, mancano i comprimari che avevano contributo ai fasti di Ricomincio da capo, mancano i vari Larry, Ned, Nancy e via discorrendo. Ci si accontenta di Bill e di Rita in versione corazzata.

Note
1. Meritevole di un recupero l’ottima e spesso sottostimata trasposizione di Paul Verhoeven, Starship Troopers – Fanteria dello spazio (1997). Si può sorvolare sui sequel Starship Troopers 2 – Eroi della federazione di Phil Tippett (2004) e Starship Troopers 3 – L’arma segreta di Edward Neumeier (2008).
Info
Il sito inglese del light novel All You Need Is Kill di Sakurazaka.
Il sito ufficiale di Edge of Tomorrow.
Il trailer italiano di Edge of Tomorrow.
Edge of Tomorrow su facebook.
  • edge-of-tomorrow-2014-doug-liman-01.jpg
  • edge-of-tomorrow-2014-doug-liman-02.jpg
  • edge-of-tomorrow-2014-doug-liman-03.jpg
  • edge-of-tomorrow-2014-doug-liman-04.jpg
  • edge-of-tomorrow-2014-doug-liman-05.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Oblivion

    di 2077. Jack Harper è uno degli ultimi riparatori di droni operanti sulla Terra ormai evacuata. Prima di abbandonare definitivamente il pianeta ha il compito di recuperare dalla superficie terrestre le ultime risorse vitali...
  • Archivio

    Jack Reacher – La prova decisiva

    di Quando un cecchino uccide cinque persone con sei colpi, tutte le prove indicano la colpevolezza del sospettato in arresto. Durante l’interrogatorio, l’uomo concede poche parole: “Trovate Jack Reacher!”. Ha così inizio una straordinaria caccia alla verità...
  • Archivio

    Rock of Ages

    di Sincero e accorato omaggio a un’era in cui si collezionavano vinili autografati e non esistevano i raggelanti mp3, Rock of Ages è il musical perfetto per i rocker di ieri e di oggi e garantisce un ruspante intrattenimento.
  • Archivio

    Mission: Impossible – Protocollo Fantasma

    di Tocca ora a Brad Bird sedersi dietro la macchina da presa e raccontare le gesta di Ethan Hunt: un'occasione a dir poco ghiotta e carica di sottotesti interessanti, a partire dal lavoro nelle vesti di produttore di J.J. Abrams.
  • Archivio

    Operazione Valchiria

    di Dopo Superman Returns, l’ex enfant prodige del cinema americano Bryan Singer, con Operazione Valchiria racconta la vera storia del colonnello Claus von Stauffenberg, che attentò alla vita di Adolf Hitler.
  • Archivio

    Tropic Thunder

    di Tra irresistibili citazioni, crisi d'identità degli attori, pesanti ironie sui produttori e poderose frecciate allo star system, Tropic Thunder regala sequenze memorabili e molti motivi per farsi quattro risate...
  • Archivio

    Looper – In fuga dal passato

    di Nell'anno 2044 esiste un gruppo di killer chiamato "Loopers": questi assassini lavorano per conto della mafia, e il loro compito consiste nell'uccidere le persone che i capi della cosca inviano indietro nel tempo dal 2074...
  • In Sala

    HardcoreHardcore!

    di Progetto di non facile gestione, in cui il medium videoludico (nella sua forma più essenziale) cannibalizza il cinema, Hardcore! mostra decisivi e insormontabili limiti narrativi.
  • In sala

    Barry Seal – Una storia americana

    di Mescolando entertainment e "impegno" Barry Seal - Una storia americana di Doug Liman ritrae un self made man completamente dopato dal sogno americano.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento