Uscite in Sala 26 giugno 2014

Uscite in Sala 26 giugno 2014

Due Miyazaki in un anno (e diventeranno tre con Si alza il vento). Basta questo dato a rendere interessante una settimana di uscite in sala in pieno clima Mondiale…

 

LA CITTÀ INCANTATA
di Hayao Miyazaki

Il film che ha reso noto in tutto il mondo occidentale il nome di Hayao Miyazaki, grazie all’Oscar e alla vittoria berlinese, non è con ogni probabilità il capolavoro del geniale maestro dell’animazione, ma un suo ritorno in sala va comunque applaudito con indefessa convinzione. Non perdete l’occasione di recuperare sul grande schermo un film che non può che essere definito “incantato”.

Chihiro è una ragazzina di dieci anni, capricciosa e testarda, convinta che l’intero universo debba sottostare ai suoi capricci. Quando i suoi genitori, Akio e Yugo, le dicono che devono cambiare casa, la bambina va su tutte le furie e non fa nulla per nascondere la sua rabbia. Abbandonando per sempre la vecchia casa, Chihiro si aggrappa al ricordo dei suoi amici e di un mazzo di fiori, ultime tracce della sua vecchia vita. Arrivati in fondo ad una misteriosa strada senza uscita, Chihiro ed i suoi genitori si trovano davanti ad un immenso edificio rosso sulla cui facciata si apre una galleria senza fine che somiglia ad una gigantesca bocca. Con una certa riluttanza, Chihiro segue i genitori nel tunnel. Il tunnel li conduce ad una città fantasma, dove li aspetta un sontuoso banchetto. Akio e Yugo si gettano famelici sul cibo e vengono trasformati in maiali sotto gli occhi della figlia. Sono scivolati in un mondo abitato da antiche divinità e esseri magici, governato da una strega malvagia, l’arpia Yubaba… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=XuYQKqn65-M&[/youtube]

 

LA GELOSIA
di Philippe Garrel

Il cinema di Philippe Garrel sarà anche sempre uguale a se stesso, ma continua a raccontare i dilemmi umani con un nitore espressivo senza troppi paragoni. Lo dimostra in pieno l’ultimo gioiello della sua ricca filmografia, che arriva in sala a dieci mesi dalla sua proiezione alla Mostra di Venezia.

Un trentenne vive con la sua compagna in un piccolo appartamento. L’uomo (attore di teatro alle prese con le ristrettezze della vita) ha una figlia con un’altra donna, che ha abbandonato. La sua compagna attuale un tempo era una attrice apprezzata, ma da anni non riesce a ottenere una parte, nonostante gli sforzi dell’uomo di trovarle provini per ruoli di spicco. La donna lo tradisce… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=Y5fLocUsIIk[/youtube]

 

GEBO E L’OMBRA
di Manoel de Oliveira

Venti sono invece i mesi che è stato necessario aspettare prima che l’ultimo, splendido, film di de Oliveira trovasse una distribuzione nei cinema della penisola. Meglio tardi che mai, perché nonostante il blaterare scomposto che ha permesso a qualche sprovveduto di limitare la lettura di Gebo e l’ombra a un misero “teatro filmato”, l’arte del centenario cineasta portoghese rimane incorrotta. Da vedere!

Gebo vive con la moglie e la nuora, moglie del suo unico figlio, in un’umile casa. Da tempo non hanno notizie del figlio e la madre è disperata. Il padre crede che il figlio sia coinvolto in qualche attività losca, ma non dice alla moglie del suo sospetto. La nuora si prende cura dei suoceri come se fossero i suoi genitori e intanto aspetta il marito. Una notte, improvvisamente, l’uomo ritorna. La madre è sicura che resterà, mentre il padre non si fa illusioni. Volutamente, o forse no, Gebo non nasconde il grande quantitativo di denaro che tiene in casa e che appartiene alla società per cui lavora come tesoriere… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=3kDvWmK4tP4[/youtube]

 

THERMAE ROMAE
di Hideki Takeuchi

Lucius Modestus vi aspetta in sala con una delle commedie fantastiche più imprevedibili e folli degli ultimi anni. Un viaggio spazio-temporale carico di un’ironia sulfurea e spassosa, che potrebbe forse rendere noto il nome dell’ineffabile Hiroshi Abe (splendido protagonista) anche in un paese dormiente come il nostro. Chissà…

Lucius Modestus è un architetto romano durante l’impero di Adriano. Nonostante le sue indiscutibili qualità, Lucius è però insoddisfatto del proprio lavoro: le sue terme, costruzione nella quale è specializzato, non riescono a competere con le migliori di cui è fornita la capitale e la popolazione sembra aver perso l’amore per la rigenerazione del proprio corpo. Durante un bagno Lucius viene attratto dall’acqua che scorre dentro una fessura nella roccia e, dopo un rocambolesco viaggio, si ritrova nel Giappone contemporaneo. Ha inizio dunque un continuo saltare avanti e indietro nel tempo… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=n-L3CjF5cSk[/youtube]

 

LE COSE BELLE
di Agostino Ferrente, Giovanni Piperno

Agostino Ferrente e Giovanni Piperno con Le cose belle tornano a raccontare, a distanza di dieci anni, le vite di quattro ragazzi napoletani costruendo una riflessione tutt’altro che banale sulle speranze deluse e sull’inesorabile passaggio del tempo. Un documentario carico di una disperata vitalità di pasoliniana memoria…

Quando nel 1999 Agostino Ferrente e Giovanni Piperno realizzarono Intervista a mia madre, un documentario per Rai Tre che voleva raccontare dei frammenti di adolescenza a Napoli, ai loro quattro protagonisti chiesero come immaginassero il proprio futuro: questi risposero, pieni di speranza, elencando tutte “le cose belle” in cui speravano. Dieci anni dopo, i due registi sono tornati a filmare i loro quattro protagonisti, seguendoli nell’arco di quattro anni e verificando quanto quelle speranze fossero state deluse… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=10f43Q-NdWo[/youtube]

 

QUEL CHE SAPEVA MAISIE
di Scott McGehee e David Siegel

In una New York luminosa, evanescente e caotica, McGehee e Siegel accompagnano Maisie nella sua rumorosa e complicata vita. Non mancano imperfezioni e sbavature, ma Quel che sapeva Maisie si dimostra comunque capace di affrontare un tema complesso come quello del divorzio leggendolo con insperata grazia e delicatezza.

In una New York frenetica e scintillante, la piccola Maisie si ritrova contesa nella causa di divorzio tra una madre rockstar, Susanna, affettuosa ma distratta, e un padre mercante d’arte, Beale, sempre in viaggio d’affari. Quando Beale sposa Margo, la giovane tata di Maisie, il tribunale decide di affidargli la bambina e Susanna per vendetta si prende per marito un barman altrettanto giovane, Lincoln. Entrambe le nuove famiglie funzionano poco e Maisie sembra trovarsi bene solo insieme a Margo e Lincoln, gli unici davvero capaci di darle tenerezza e attenzione. Le cose si complicano quando tra i due nasce l’amore… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=7Ftiii0_kCI[/youtube]

 

INSTRUCTIONS NOT INCLUDED
di Eugenio Derbez

L’esordio nel lungometraggio dell’attore messicano Eugenio Derbez è una commedia con risvolti tragici, diretta senza troppo brio, ma capace di raccontare con efficacia e sincerità un rapporto padre-figlia. Chi può si accontenti.

Valentin è un frivolo latin lover che un bel giorno riceve la visita di Julie, una vecchia e dimenticata conquista amorosa. La donna si presenta alla sua porta con un neonato, Maggie, e gli dà una notizia inaspettata e sostanzialmente non voluta: quella bambina è sua figlia. Dopodiché Julie scende in strada a pagare il taxi e sparisce nel nulla. Valentin si ritrova allora a dover crescere da solo la bambina… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=h2oEt6Ca7yE[/youtube]

 

ADHD – RUSH HOUR
di Stella Savino

Stella Savino racconta una malattia complessa e sfuggente, in un documentario interessante più per l’argomento che per la forma, eccessivamente appiattita su standard non cinematografici. Non mancano, comunque, sequenze di sincera emozione…

Bambini che non stanno fermi, corrono, si arrampicano, quando gli si parla sembrano non ascoltare, sono distratti, non riescono a stare in silenzio, parlano troppo, sparano le risposte prima che sia terminata la domanda, interrompono o si intromettono nelle comunicazioni con gli altri. Probabilmente, qualcuno un giorno gli diagnosticherà l’ADHD – Deficit dell’attenzione e iperattività, una anormalità neuro-chimica geneticamente determinata. E a seconda del Paese in cui vivono, ai genitori sarà proposto di somministrare loro, con più o meno facilità, la soluzione al problema: una pasticca di metilfenidato o di atomoxetina… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=Uam4VyfpRbo[/youtube]

 

TUTTE LE STORIE DI PIERA
di Peter Marcias

In un profluvio di documentari al cinema probabilmente passerà in secondo piano questo ritratto, sincero ma di prammatica, di Piera Degli Esposti. Peter Marcias aveva convinto molto di più nel suo precedente (e di finzione) Dimmi che destino avrò.

Presentato con successo allo scorso festival di Torino, arriva la doppia versione del film di Peter Marcias dedicato alla carriera della straordinaria attrice Piera Degli Esposti. Per la prima volta in Italia si sperimenta una diffusione double face: l’uscita del film nelle sale ed in contemporanea le proiezioni di una versione speciale in vari teatri all’aperto nei quali l’attrice dialogherà dal vivo con le immagini inedite e le testimonianze che scorrono alle sue spalle sul grande schermo. Si ripercorre così una carriera artistica “sempre all’avanguardia” ed il vissuto spiazzante di una personalità vulcanica, indomabile e al tempo stesso romantica che sono poi i modi in cui la raccontano in questo film i registi importanti che l’hanno diretta: da Bellocchio a Sorrentino, da Ferreri a Moretti, dai fratelli Taviani a Tornatore, Wertmüller e Milani… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=6CDexh2kAmc[/youtube]

 

CARTA BIANCA
di Andrés Arce Maldonado

Anche il nuovo film di Arce Maldonado, rispetto all’opera precedente (Falene), compie un notevole passo indietro, nonostante le immancabili buone intenzioni. Un lavoro interessante ma non esente da buchi e difetti.

Roma. È la vigilia di San Valentino. Tre personaggi (due stranieri e un’italiana) si incontrano e si scontrano: ancora non lo sanno, ma ognuno di loro sta per cambiare la vita dell’altro. Kamal è un giovane e atipico pusher marocchino, amante dei libri e nemico di ogni fondamentalismo; sogna di diventare italiano, europeo, occidentale, e intanto spaccia droga nella biblioteca di quartiere. Vania, bella badante moldava, gentile e religiosa, è perseguitata dalle allucinazioni del suo mostruoso passato. E poi c’è Lucrezia, grintosa imprenditrice italiana innamorata del suo cane e della propria azienda, che come tanti altri è finita nelle grinfie di un usuraio, quasi senza rendersene conto… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=3k3vVWKWpug[/youtube]

 

Queste le nostre impressioni sui film in uscita oggi, ricordandovi che trova spazio in sala anche il bel Stories We Tell di Sarah Polley e Big Wedding. Buona visione!

Articoli correlati

  • Notizie

    Uscite in Sala 19 giugno 2014

    Il Mondiale incalza, ma in sala arriva finalmente l'opera prima (e finora unica) dietro la macchina da presa di Charlie Kaufman. In un giovedì insolitamente ricco anche il documentario di Carlo Shalom Hintermann e l'ultimo Clint Eastwood.
  • Notizie

    Uscite in Sala 12 giugno 2014

    Quale rimedio migliore al caldo se non il fresco riposante della sala? Tanto più che questa settimana si può incrociare anche l'ottimo The Congress di Ari Folman, passato un anno fa a Cannes...
  • Notizie

    Uscite in Sala 05 giugno 2014

    I Beatles, il punk svedese e la Roma degli anni Ottanta, il cinema di genere italiano... E poi ancora Kevin Costner e il vulcano Eyjafjallajökull. I film in sala da oggi.
  • Notizie

    Uscite in Sala 29 maggio 2014

    Con la Palma d'Oro oramai in mano a Nuri Bilge Ceylan, l'attenzione può tornare a concentrarsi sulle uscite nostrane, anche perché in una settimana quantomeno interessante si possono rintracciare i titoli più disparati...

Leave a comment