P’tit Quinquin

P’tit Quinquin

di

P’tit Quinquin è la serie in quattro episodi scritta e diretta da Bruno Dumont e in grado di mescolare con sapienza il thriller morboso e la comicità slapstick. Presentato integralmente a Cannes 2014.

Essere in un ventre di vacca

Un’indagine di polizia stravagante, improbabile e ai limiti della farsa sui bizzarri crimini commessi in un villaggio costiero di Boulogne in preda al male, e una banda di giovani teppistelli guidata da P’tit Quinquin ed Eva, la sua innamorata. [sinossi]

Quando, al termine della proiezione alla Sala Marriott sulla Croisette, il popolo di accreditati che aveva scelto di dedicare tre ore e venti minuti del suo tempo a P’tit Quinquin ha iniziato a ridestarsi dalle comodità del buio per elaborare concetti e letture sull’ultima fatica di Bruno Dumont, la reazione più evidente e immediata si è rivelata essere di puro stupore. Uno stupore insincero, per niente dominato da vezzi o snobismi intellettuali e neanche dettato da chissà quale naïveté: in tutta semplicità, e per farla breve, P’tit Quinquin aveva colpito e affondato con la sua sorprendente mise a metà tra la detection grandguignolesca e la comicità slapstick sia gli spettatori più fidati del cinema di Dumont sia la pletora di detrattori che da sempre accompagna le opere del cineasta francese. Un regista che fin dai suoi esordi ha sempre tracciato un confine, per lo più invalicabile, tra i suoi fedeli seguaci e gli acerrimi nemici: come dimenticare, d’altro canto, la bufera di fischi, improperi e fuga dalla sala a cui fu possibile assistere al Lido, durante e al termine della proiezione di 29 Palms?

Ora che Cannes è lontana, e P’tit Quinquin dopo il previsto passaggio televisivo in patria approda sotto la Mole Antonelliana per prendere parte alla trentaduesima edizione del Torino Film Festival, è arrivato il momento per dare corpo e senso ulteriore alle sensazioni lasciate dal primo impatto con questa strana creatura volutamente ibrida ma non per questo priva di quella compattezza – stilistica, ma anche morale – che da sempre è marchio facilmente identificabile del cinema di Dumont.
Ciò che colpisce immediatamente di P’tit Quinquin è la sua capacità di stravolgere completamente l’opera di Dumont operando non per contrapposizione ma piuttosto per ricalibratura dei toni: tempi e spazi, infatti, rimangono perfettamente aderenti alla messa in scena tipica del cineasta, rimandando in maniera diretta a La vie de Jesus, L’humanité, Flandres o Hors Satan. A cambiare non è neanche lo sguardo, visto che il quadro si compone sempre nel medesimo modo, così come la ricerca di visi e di corpi; si tratta piuttosto di un’inclinazione alla risata, un elogio del buffo e del surreale che fino a questo momento era stato tenuto a debita distanza. L’indagine di polizia, condotta con i tronfi balbettamenti che fecero la fortuna dell’ispettore Clouseau, è una vera e propria antologia di comicità, tra gag e ghignanti cadute nel grottesco.

Tutto questo apparato comico non fa venire meno la riflessione, oramai consolidata, di Dumont sull’umanità e la sua intrinseca barbarie pronta a deflagrare in ogni momento: anche per questo P’tit Quinquin si lascia avvinghiare da esplosioni di violenza e omicidi efferati, in un contesto sociale solo all’apparenza immobile ma in realtà in perenne bilico sul punto di non ritorno – in questo senso la sequenza della sparatoria nel bel mezzo della strada svela forse meglio di qualsiasi giro di parole le intenzioni di Dumont.
Il mito dell’oasi di tranquillità sconvolta da un’improvvisa escalation di violenza – alla base di molte detection, anche e soprattutto televisive, dell’ultimo trentennio, da Twin Peaks a Happy Town – viene affrontato da Dumont con il fatalismo a lui consono, eppure mai finora la sua messa in scena era apparsa così consolante, perfino tenera nella descrizione dei due giovani innamorati P’tit Quinquin e la sua coetanea vicina di casa.
La dimostrazione di un cambio di coordinate, che non smentisce il passato ma lo innerva di nuove intuizioni, lavorando il reale con occhi uguali e diversi allo stesso tempo.

Info
P’tit Quinquin sul sito di Bruno Dumont.
Il trailer di P’tit Quinquin.
  • ptit-quinquin-bruno-dumont-2014-02.jpg
  • ptit-quinquin-bruno-dumont-2014-01.jpg
  • ptit-quinquin-bruno-dumont-2014-03.jpg
  • ptit-quinquin-bruno-dumont-2014-04.jpg
  • ptit-quinquin-bruno-dumont-2014-05.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Torino Film Festival 2014Torino 2014 – Minuto per minuto

    Eccoci nuovamente all'ombra della Mole per il Torino Film Festival 2014, all'inseguimento di opere prime (seconde e terze), documentari italiani e internazionali, retrospettive, omaggi, (ri)scoperte...
  • Festival

    Torino 2014

    Il Torino Film Festival 2014, dal 21 al 29 novembre. La trentaduesima edizione del festival sabaudo, tra esordi, New Hollywood, documentari e film di ricerca. Tutte le nostre recensioni.
  • Cannes 2014

    Cannes 2014Cannes 2014 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette accolti da un sole scintillante, arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Tra i giganti cinematografici del concorso, le nuove scoperte, la Quinzaine e la Semaine de la critique, ecco a voi il Festival de Cannes 2014!
  • Festival

    Cannes 2014Cannes 2014

    Come ogni anno a maggio la Croisette diventa il cuore pulsante del cinema: tutte le nostre recensioni e gli articoli da Cannes 2014.
  • Cannes 2014

    La selezione della Quinzaine des Réalisateurs

    La selezione della Quinzaine sfodera titoli fondamentali, come Kaguya-hime no monogatari di Isao Takahata, National Gallery di Frederick Wiseman e la versione restaurata di Non aprite quella porta.
  • Berlinale 2013

    Camille Claudel 1915

    di Bruno Dumont dedica un doloroso e trattenuto omaggio alla scultrice francese, rinchiusa in manicomio dalla famiglia.
  • Cannes 2011

    Hors Satan

    di Bruno Dumont persegue nella sua ostinata messa in scena di un microcosmo macabro, magico e malato allo stesso tempo. A Cannes 2011.
  • Locarno 2015

    Tikkun

    di Presentato a Locarno in concorso, è un film israeliano ambientato nel mondo dei religiosi ultraortodossi. Con uno stile di ricerca, in bianco e nero sporco, il regista Avishai Sivan esplora questo ambiente, con le sue contraddizioni, seguendo la storia di un ragazzo esemplare e la sua deriva.
  • Cannes 2016

    Ma Loute

    di Per scandalizzare la borghesia Bruno Dumont mette in scena una farsa sfrenata e delirante, dove la lotta di classe assume connotati paradossali grazie anche all'utilizzo sapiente di interpreti ben noti a certo cinema "borghese".
  • Cannes 2017

    Jeannette, l’enfance de Jeanne d’Arc

    di Jeannette, l’enfance de Jeanne d’Arc segna la nuova incursione dietro la macchina da presa di Bruno Dumont, uno dei pochi, pochissimi eretici che il cinema europeo abbia allevato negli ultimi venti anni.
  • Festival

    Locarno Festival 2018 - PresentazioneLocarno Festival 2018 – Presentazione

    Si tiene dal primo all'undici agosto il Locarno Festival 2018, l'ultima edizione - la 71esima - con la direzione artistica di Carlo Chatrian che, com'è noto, prenderà la strada berlinese. Punto di forza, anche quest'anno, sarà la retrospettiva, dedicata al grande Leo McCarey.
  • Locarno 2018

    Intervista a Bruno DumontIntervista a Bruno Dumont

    Originario delle Fiandre, con una formazione filosofica, Bruno Dumont ha diretto opere che vanno in direzioni diversissime, come Twentynine Palms e Jeannette, l’enfance de Jeanne d’Arc. Lo abbiamo incontrato a Locarno dove ha presentato Coincoin et les Z'inhumains, seguito di P’tit Quinquin, e dove è stato omaggiato con il Pardo d'onore.
  • Cannes 2019

    jeanne recensioneJeanne

    di Jeanne è il secondo capitolo del dittico che Bruno Dumont ha dedicato alla figura di Giovanna d'Arco, interpretata come il precedente dalla giovanissima Lise Leplat Prudhomme. Un film meno musicale del precedente, rigoroso e slapstick allo stesso tempo.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento