Youth – La giovinezza

Youth – La giovinezza

di

In Youth, Paolo Sorrentino vagheggia il buen retiro, ma si lascia sedurre al solito dalle consuete fantasmagorie visive, senza riuscire stavolta a dare corpo al suo film. In concorso alla 68esima edizione del Festival di Cannes.

Voglia di ripiegamento

Fred et Mick, due vecchi amici alla soglia degli ottant’anni, passano le vacanze in un hotel ai piedi delle Alpi. Fred è un compositore e direttore d’orchestra, ormai ritiratosi. Mick, regista, lavora ancora e si appresta a finire la sceneggiatura del suo film testamento. [sinossi]

Paolo Sorrentino è un regista dallo smisurato talento, in grado di dialogare con i grandi per la sua capacità di costruire atmosfere, di immaginare strabilianti intuizioni visive e, anche, di ritrarre personaggi dolenti e nichilisti. Ma il suo cinema sembra sempre preda – e in particolare negli ultimi film – di una malinconia filogenetica nei confronti dei passati splendori della Settima Arte. E, in tal senso, rischia ogni volta di rimanere schiavo dei suoi fantasmi, senza saperli rielaborare in forme nuove.
Se, al di là di tutto quello che è stato detto e scritto, con La grande bellezza il cineasta napoletano era riuscito nel suo intento (magnificare una maestosità ormai perduta, sia di Roma che del cinema italiano, orfano particolarmente di Fellini), stavolta però con Youth – presentato in concorso al Festival di Cannes – il gioco non riesce e si impantana in un universo fantasmagorico e vacuo di bella scrittura.

Certo, non era facile provare a ripartire dopo l’Oscar e dopo tutti i vari premi, elogi ed encomi. E l’idea di riprendere il discorso allontanandosi dall’Italia poteva in effetti sembrare una soluzione praticabile. Così ne è nata questa vicenda in cui, in un hotel svizzero, passano l’estate diverse eccentriche figure, tra cui l’ex compositore e direttore d’orchestra Fred (interpretato da Michael Caine) e il regista bollito Mick (Harvey Keitel), in procinto di finire di scrivere la sceneggiatura dell’ultimo suo capolavoro, il suo film-testamento.
I due sono poi contornati da esseri di diversa natura: un simil-Diego Armando Maradona grassissimo e in fase di rehab, una volgare Miss Universo, un emissario della Regina d’Inghilterra che vorrebbe convincere Fred a riprendere la bacchetta, una coppia di anziani che non parla mai a cena, una prostituta bruttina, un monaco buddista che da un momento all’altro potrebbe decidere di levitare, e così via… In mezzo a questi mostri c’è spazio anche per la figlia di Fred, interpretata da Rachel Weisz, l’unica a poter incarnare una sorta di purezza dello spirito (e queste ‘anime buone’ che costellano, sempre in parti secondarie, il cinema di Sorrentino, sono normalmente – come del resto accade anche stavolta – i personaggi che gli riescono meno bene).
Rispetto a La grande bellezza mancano il magnetismo di Servillo, la tenerezza coatta di Sabrina Ferilli e l’intellettualismo provinciale di Verdone. Perché, se Caine e Keitel – i cui ruoli sono intercambiabili – sembrano interrogarsi per tutto il tempo su chi di loro due debba essere il protagonista, i personaggi di contorno faticano moltissimo a spiccare, tanto che si finisce per preferire la macchietta assoluta incarnata dallo pseudo-Maradona (il suo palleggio con la palletta da tennis, rigorosamente di sinistro, è forse la miglior sequenza del film).

C’è il rischio di perdersi nel dettaglio insignificante nel parlare di Youth – La giovinezza, perché si tratta per l’appunto di un film fatto di dettagli, di trovate ad effetto (il ragazzo che passa impennando la bicicletta), di stordimenti visivi, di gag, di dialoghi digressivi. Il desiderio di raccontare uno stato d’animo, che è quello di chi vuole ritirarsi dalla vita attiva, sfuma del resto ben presto di fronte a questa infinita carrellata di sospensioni, di dilatazioni, sempre alla ricerca del nuovo colpo di teatro dell’immagine, di un altro e poi di un altro ancora…
Va a finire allora che, dopo due film scritti insieme a Umberto Contarello (This Must Be the Place e, sempre, La grande bellezza), Sorrentino – tornando a lavorare da solo in fase di sceneggiatura – non è riuscito a trovare il macro-discorso che potesse tenere insieme il tutto, dal momento che qui la vecchiaia e la pensione fanno solo da sfondo, da introduzione e da contestualizzazione. Lo si capisce del resto in maniera lampante quando arriva il momento dei presunti dialoghi chiave del film: quello tra Michael Caine e sua figlia e quello tra Harvey Keitel e la sua attrice feticcio (interpretata da una rediviva Jane Fonda). In entrambi – non a caso equamente divisi tra i due (non) protagonisti – il conflitto che ne emerge è solo di facciata, urlato e poco argomentato, non davvero annichilente (come invece accadeva, ad esempio, nel monologo di Servillo in terrazza ne La grande bellezza), ma – quasi – anch’esso pura superficie di una dialettica tra personaggi che è solo immaginaria.

Questo perché, in Youth – La giovinezza più che mai, Sorrentino crede solo nella giustezza di un carrello, nell’eccesso di una prospettiva insolita, nel dispiego di una macchina-cinema che si esprime al massimo della sua eleganza ma la cui meraviglia finisce presto per stancare. E lo stesso auto-citazionismo, esplicitato dal regista Harvey Keitel, ha solo la parvenza di una messa in discussione del proprio mestiere (e di una eventuale crisi d’ispirazione), mentre al contrario – come tutto il resto – si tratta dell’ennesimo gioco di specchi di una disperazione che viene sempre filtrata da troppi orpelli. Se, pur tra mille incertezze, Sean Penn alla fine di This Must Be the Place decideva finalmente di togliersi la maschera (per riprendersi quella della star hollywoodiana), qui il mascheramento procede senza freni inibitori e nel finale è Sorrentino stesso a suggerire la sua presenza, lasciandoci intuire che, forse, il vero tema del film è stato accettare di girarlo.

Info
La scheda di Youth – La giovinezza sul sito del Festival di Cannes.
  • youth-2015-Paolo-Sorrentino-001.jpg
  • youth-2015-Paolo-Sorrentino-002.jpg
  • youth-2015-Paolo-Sorrentino-003.jpg
  • youth-2015-Paolo-Sorrentino-004.jpg
  • youth-2015-Paolo-Sorrentino-005.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2015Cannes 2015

    Il Festival di Cannes 2015: le mille luci della Croisette, la montagna di pellicole da scalare tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine, Semaine... La sessantottesima edizione, dal 13 al 24 maggio.
  • In sala

    La grande bellezza RecensioneLa grande bellezza

    di Con La grande bellezza Paolo Sorrentino porta a termine un'operazione ambiziosa e nel complesso riuscita: quella di alzare un inno a Roma, alle sue miserie quotidiane e al vuoto dell'umanità.
  • Archivio

    This Must Be the Place

    di Paolo Sorrentino affronta gli Stati Uniti con un road-movie furbo, poco ispirato, più interessato al bozzetto fine a se stesso che alla narrazione. Un passo indietro nella filmografia del regista italiano.
  • Festival

    Bif&st 2016

    Otto giorni di anteprime internazionali, esordi italiani, mostre, convegni e omaggi, tra cui quelli a Ettore Scola, Marcello Mastroianni e Cecilia Mangini: è di scena a Bari dal 2 al 9 aprile il Bif&st 2016.
  • In sala

    Le confessioni

    di Roberto Andò con Le confessioni prova a trasferire su scala globale il paradosso di Viva la libertà, ma stavolta il gioco non riesce e il suo film finisce per somigliare più allo Youth sorrentiniano che a una utopia politica.
  • Venezia 2016

    The Young Pope

    di I primi due episodi della serie TV di Sorrentino, The Young Pope, presentati fuori concorso a Venezia sotto forma di blocco unico, valgono soprattutto come auto-esibizione e auto-presentazione del sé autoriale. Ma forse, con un minimo di controllo, le cose sarebbero andate meglio.
  • In sala

    Rachel RecensioneRachel

    di Lontano dalla fascinosa ambiguità che permeava il film del 1952, Rachel si rivela poco più di una scolastica riproposizione del più classico romance gotico, elegante nella messa in scena quanto freddo nello svolgimento.
  • In sala

    Loro 1 RecensioneLoro 1

    di In attesa del secondo capitolo, Loro 1 di Paolo Sorrentino si configura soprattutto come l'estenuante e prolissa introduzione - costruita intorno a escort e papponi - di un racconto che prende veramente forma solo nell'ultima parte, quando finalmente si palesa il Servillo/Berlusconi.
  • Prossimamente

    Loro 2 RecensioneLoro 2

    di Servillo/Berlusconi occupa pienamente la scena, ma Loro 2 conferma comunque le fragilità già presenti nel primo capitolo: Paolo Sorrentino in questa sua messinscena del berlusconismo non è riuscito a scalfire l'immagine del leader di Arcore, di cui resta - e noi con lui - ancora prigioniero come nella tela di un ragno.
  • Cannes 2019

    Diego Maradona RecensioneDiego Maradona

    di Già autore dei film su Senna e su Amy Winehouse, Asif Kapadia racconta un'altra grande star della società dello spettacolo, razionalizzando l'amplissimo materiale di repertorio: Diego Maradona - fuori concorso a Cannes - è la biografia degli anni napoletani del Pibe de Oro, tra miserie e nobiltà.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento