Hiruko the Goblin

Hiruko the Goblin

di

Subito dopo aver sconvolto il mondo con Tetsuo, Shinya Tsukamoto firma Hiruko the Goblin, una commedia-horror che corre a cento all’ora, sfrenata e libera. Un divertissement che non si fa ingabbiare dai reticoli di una grande produzione come la Shōchiku.
[Il seguente testo riprende e rielabora quello pubblicato nel volume Nihon Eiga. Storia del cinema giapponese dal 1970 al 2010]

Demoni

Il professor Yabe è finalmente riuscito a scoprire la tomba del leggendario demone Hiruko. Ma lo spirito maligno, risvegliatosi, fugge dal sepolcro e uccide sia l’uomo che la giovane Tsukishima, impossessandosi del corpo di quest’ultima. Inizia così una strenua lotta contro Hiruko da parte dell’archeologo Hieda Reijiro e di Masao, figlio di Yabe, sulla cui schiena di volta in volta, tra indicibili sofferenze, affiorano i volti scolpiti delle vittime del demone. [sinossi]

Che sia giunta finalmente l’ora della riabilitazione cinefila per la lotta del professor Hieda e del giovane Masao contro il demone Hiruko? Fra tutte le creature cinematografiche partorite dal fervido genio di Shinya Tsukamoto, Hiruko the Goblin (la traslitterazione dagli ideogrammi del titolo originale giapponese suona come Yōkai hantā – Hiruko) occupa una posizione del tutto anomala. Si tratta, in effetti, dell’unico film su commissione fino a oggi portato a termine dal cineasta nipponico, e anche del solo progetto sul quale non abbia avuto la possibilità di avere una mano completamente libera. Allo stesso tempo è un’opera che dimostra proprio per la sua statura anomala la totale concezione libertaria del cinema da parte di Tsukamoto: chi, dopo essere diventato un eroe dell’underground con un solo lungometraggio, destinato però a modificare il concetto stesso d’opera d’arte, si lancerebbe in un folle pastiche a metà strada tra la commedia e l’horror? Probabilmente nessuno, quasi sicuramente nessuno in occidente.
Ma forse conviene procedere per gradi: sul finire degli anni Ottanta, a ridosso dell’uscita della sua opera d’esordio Tetsuo, il nome di Shinya Tsukamoto è sulla bocca di tutti gli addetti ai lavori. Non c’è un solo produttore che non abbia dato un’occhiata alle stordenti avventure dell’uomo/macchina, rimanendone com’è probabile sconvolto in modo irrimediabile. Ad accaparrarsi l’ingegno del regista trentenne è la Shōchiku, la storica “kabushiki gaisha” fondata da Takejiro Otani e Matsujiro Otani e casa dei film di Yasujirō Ozu, Kenji Mizoguchi e Keisuke Kinoshita (ma anche di Kinji Fukasaku, Seijun Suzuki e Takeshi Kitano, tra gli altri), che lo mette sotto contratto per trasportare sul grande schermo il manga di Daijiro Moroboshi Yokai hantā. Kairyū matsuri no yoru, una serie di avventure horror in cui il protagonista, un goffo ma coraggioso archeologo di nome Hieda, si trova a combattere contro mostri, spiriti e demoni ispirati alle tradizioni ancestrali giapponesi. Nel mettere mano a un materiale preesistente – altra pratica, questa, che non troverà molti riscontri nelle opere future del cineasta, se si esclude l’adattamento di Gemini, tratto da un racconto di Edogawa Ranpo, e Fires on the Plain, che prende ispirazione dal romanzo di Shōhei Ōoka – Tsukamoto non si lascia sopraffare e cerca di lavorare in modo tale da coniugare il proprio gusto estetico alle esigenze di un copione che, sotto sotto, appare poco più di uno scherzo.

Quel che ne deriva è un’opera sicuramente meno personale rispetto a quelle a cui il pubblico di Tsukamoto è abituato, ma non per questo necessariamente priva di qualsivoglia scintilla creativa: nel prendere di petto il genere duro e puro, il regista di Bullet Ballet ne accetta tutti i detriti popolari, ma nel metterli in scena dona loro una luce del tutto particolare. Strano sposalizio tra la commedia demenziale e l’horror truculento e demoniaco, Hiruko the Goblin potrebbe essere facilmente scambiato per una versione, in salsa teriyaki, dei ghostbuster che solo pochi anni avevano monopolizzato il box office hollywoodiano: per quanto non è da escludere la volontà, da parte della casa di produzione, di cavalcare l’onda, l’impressione è che l’occhio di Tsukamoto si sia spostato in realtà ad altre latitudini. Se infatti la messa in scena dell’aspetto strettamente demoniaco della vicenda guarda con insistenza dalle parti de La casa di Sam Raimi, in particolar modo per l’utilizzo di soggettive esasperate ed estremamente “liquide” nei movimenti, da un punto di vista mitologico Hiruko the Goblin è un film giapponese in tutto e per tutto. Terra in cui ancora è possibile rintracciare i residui di una cultura arcaica profondamente legata all’elemento misterico, patria dello shintoismo, il Giappone ospita all’interno delle sue leggende popolari alcuni dei mostri più terrificanti e assetati di sangue di cui si abbia notizia.

Ecco dunque che la mitologia legata al Kojiki (conosciuto anche come Furukotofumi, è la più antica cronaca esistente in Giappone e il primo testo di narrativa giapponese giunto fino ai giorni attuali) si fa strada pur tra mille goliardate e rivendica il suo ruolo primigenio nella costituzione di un immaginario autoctono, millenario, orrorifico e ricco di sfumature. Non rinunciando a uno stile aggressivo, dinamico e ricco di intuizioni visive ai limiti del delirante, Tsukamoto si lancia dunque in un’operazione divertita e rischiosa, che riporta alla mente i classici dell’orrore del cinema giapponese a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta, quando il naïf e il sublime finivano per confondersi e compenetrarsi: opere al di là del limite stesso del buon gusto come l’imperdibile House (Hausu, 1977) di Nobuhiko Obayashi, sono senza dubbio tra i padri naturali di Hiruko the Goblin. Costretto in un ruolo produttivo a lui non particolarmente congeniale, Shinya Tsukamoto non può permettersi la libertà creativa e il controllo totale dell’opera che costituiranno due dei tasselli essenziali della sua poetica: qui, oltre al lavoro di adattamento e di messa in scena, si concede solo lo sfizio di co-firmare il montaggio insieme a Yoshitami Kuroiwa, uomo di fiducia della major. Probabilmente lontano dal cinema che il pubblico di fan si aspetterebbe da Tsukamoto, Hiruko the Goblin è un’intelligente e divertita variazione sul tema della possessione, favola nera giocata abilmente su canoni espressivi esasperati e mai banali. E, se si è capaci di non fermarsi alla superficie liscia delle cose, è possibile scorgere l’ispirata mano del regista farsi largo in non poche occasioni.

Info
Il trailer di Hiruko the Goblin.

Articoli correlati

  • Buone feste!

    Qualcosa di travolgente RecensioneQualcosa di travolgente

    di A otto mesi dalla sua prematura scomparsa è doveroso omaggiare con Qualcosa di travolgente Jonathan Demme, tra i pochi registi in grado di mantenere intatta la propria identità nel passaggio dal panorama indipendente al mainstream hollywoodiano.
  • Buone feste!

    Il fantasma del pirata Barbanera

    di Il fantasma del pirata Barbanera è una commedia fantasy diretta da Robert Stevenson, e tra i più felici risultati live action della produzione Disney. Può essere considerato l'ultimo film 'dal vivo' prodotto con la benedizione dello zio Walt che morì durante le riprese.
  • Buone feste!

    ...E tu vivrai nel terrore Recensione…E tu vivrai nel terrore! L’aldilà

    di …E tu vivrai nel terrore! L’aldilà, secondo capitolo della “trilogia della morte” di Lucio Fulci, è un delirante viaggio nell’incubo, tra le opere più visionarie del cinema italiano.
  • Cult

    Tetsuo

    di Il rivoluzionario esordio al lungometraggio di Shinya Tsukamoto, a ventisette anni di distanza ancora in grado di sconvolgere lo sguardo dello spettatore ignaro.
  • Buone Feste!

    Le avventure del ragazzo del palo elettrico

    di Prima ancora di esordire al lungometraggio con lo sconvolgente Tetsuo, Shinya Tsukamoto si divertiva a sperimentare tempi, dinamiche e spazialità del cinema attraverso la messa in scena di un mondo ipercinetico e ansiogeno.
  • Venezia 2014

    Fires on the Plain

    di Il ritorno, nel concorso della Mostra di Venezia, di Shinya Tsukamoto. Un viaggio agli inferi che restituisce la barbarie della guerra, senza speranza e senza via d'uscita alcuna.
  • AltreVisioni

    Kotoko

    di Shinya Tsukamoto torna alla regia con un film rapsodico, tragico e ossessivo, dal quale è impossibile non farsi travolgere.
  • AltreVisioni

    Tetsuo: The Bullet Man

    di Arriva a conclusione la trilogia che Shinya Tsukamoto ha dedicato all'uomo/macchina. In Concorso a Venezia 2009.
  • AltreVisioni

    Nightmare Detective

    di Presentato alla prima edizione della Festa del Cinema di Roma Nightmare Detective appare un oggetto alieno, quasi quanto Shinya Tsukamoto, autore tra i più inclassificabili della contemporaneità.
  • AltreVisioni

    Haze

    di Shinya Tsukamoto fa sprofondare lo spettatore in un incubo claustrofobico, nel quale la sola speranza è quella di riuscire prima o poi a "riveder le stelle"...
  • Interviste

    Shinya Tsukamoto IntervistaIntervista a Shinya Tsukamoto

    Durante il Festival di Locarno del 2005, nel quale veniva presentato Haze sia nella sua versione corta che in quella estesa, abbiamo avuto l'occasione di intervistare Shinya Tsukamoto, tra i maestri del cinema giapponese contemporaneo.
  • AltreVisioni

    Vital RecensioneVital

    di L'ottavo lungometraggio di Shinya Tsukamoto, prosegue l'evoluzione del percorso autoriale del regista nipponico, pur lasciando alcuni dubbi.
  • Buone feste!

    Gremlins RecensioneGremlins

    di Parte dai gremlins di Roald Dahl per arrivare a Steven Spielberg il film più celebrato di Joe Dante; un horror buffonesco e sadico, che si incunea nel corpo (in)sano di Hollywood.
  • Buone feste!

    Starship Troopers RecensioneStarship Troopers

    di Starship Troopers, rilettura rovesciata del romanzo di Robert A. Heinlein, è la dimostrazione forse più palese del ruolo svolto a Hollywood da Paul Verhoeven; quello del dissacratore, del ribaltatore di schemi, dell'annullatore di qualsiasi cliché.
  • Buone feste!

    La belva dell’autostrada

    di Ida Lupino è stata una rivoluzionaria, una donna in grado di affrontare il maschilismo hollywoodiano e di combatterlo a colpi di cinepresa; La belva dell'autostrada fu la sua quarta regia 'in solitaria', ed è una delle sue prove più convincenti.
  • Buone feste!

    Uomini di domenica

    di , Pensavate fosse impossibile trovare un film sul quale avessero lavorato insieme Billy Wilder, Fred Zinnemann, Robert e Curt Siodmak, Edgar G. Ulmer? Si vede che non avete mai avuto l'occasione di vedere Uomini di domenica, tra le opere fondamentali del cinema della Repubblica di Weimar.
  • Buone feste!

    Una pazza giornata di vacanza

    di Lo spirito di Ferris Bueller, ozioso bohemien anarcoide che fa del gesto gratuito e della scaltrezza le armi per inserirsi nel sistema statunitense senza esserne avvinto, è il centro nevralgico di Una pazza giornata di vacanza di John Hughes.
  • Buone feste!

    La vita è meravigliosa

    di Il classico natalizio di Frank Capra non riscosse un grande successo al momento della sua uscita nelle sale, elogiato in Europa dal solo Sergej Ėjzenštejn e contrastato in patria dall'FBI che lo accusava di essere anti-americano. E solo il pubblico dominio gli donò la visibilità che merita...
  • Buone feste!

    Jigoku

    di Jigoku è l'inferno visto con gli occhi di Nobuo Nakagawa, grande maestro dell'horror nipponico. Jigoku è una discesa agli inferi psichedelica e violentissima, che non ha pietà di niente e di nessuno. Jigoku è un racconto morale rosso come il sangue.
  • Venezia 2018

    killing recensioneKilling

    di Shinya Tsukamoto con Killing firma un'elegia pacifista dimessa e violenta; legando la sua poetica iper-cinetica alla contemplazione di Kon Ichikawa dirige un jidai-geki che parla del Giappone di oggi, del riarmo voluto da Shinzō Abe, della disumanizzazione forse definitiva.
  • Venezia 2018

    Intervista a Shinya TsukamotoIntervista a Shinya Tsukamoto

    In concorso a Venezia 75 con Killing (Zan), il suo primo film di samurai, Shinya Tsukamoto è uno dei più importanti cineasti giapponesi contemporanei, con una carriera che è partita con la rivelazione di Tetsuo, nel 1989. Abbiamo incontrato Shinya Tsukamoto nell’appartamento che di solito affitta al Lido di Venezia.
  • Giornate 2018

    O-Sen delle cicogne di cartaO-Sen delle cicogne di carta

    di Fra i film post-sincronizzati presentati alle 37esime Giornate del Cinema Muto di Pordenone, riemerge il magnifico e commovente O-Sen delle cicogne di carta di Kenji Mizoguchi, in cui la poetica e lo stile del gigante nipponico stavano iniziando a delineare la grandezza di uno degli autori più preziosi nella storia del cinema.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento