Sorry We Missed You

Sorry We Missed You

di

Resoconto dettagliato delle condizioni di vita di un lavoratore contemporaneo, Sorry We Missed You è l’ennesimo film “necessario” di Ken Loach, forse l’unico regista per il quale l’aggettivo “didattico” ha sempre un’accezione positiva. In concorso a Cannes 2019.

Consuma, crepa

 

Un corriere a domicilio e sua moglie lottano per mantenere la propria famiglia nell’Inghilterra di oggi. [sinossi]

“Io lotto contro l’idea che la felicità stia nella capacità di comprare cose nuove. Non siamo venuti al mondo solo per lavorare e per comprare; siamo nati per vivere. La vita è un miracolo; la vita è un regalo. E ne abbiamo solo una.”
Queste celebri parole dell’ex presidente uruguaiano José “Pepe” Mujica compaiono di quando in quanto sui social network, utilizzate dunque più come slogan che per la loro reale portata rivoluzionaria. Ci pensa ora il britannico Ken Loach a prendersi la briga di squadernarne il più intimo significato nel suo nuovo film Sorry We Missed You, una tragedia umana e lavorativa montante presentata in concorso a Cannes 2019.

Da attento osservatore della realtà sociale che lo circonda qual è – e dato poi che Denis Arcand ha di recente perso quest’occasione con il suo La caduta dell’impero americano, un film-metafora troppo intellettuale per risultare efficace – non poteva che essere Loach a portare sul grande schermo il lavoro che più di ogni altro caratterizza il nostro tempo: quello del corriere a domicilio. Si tratta di un lavoratore vittima di una nuova forma di alienazione, perché non solo non possiede i “mezzi di produzione” ma, a ben vedere, di fatto non produce nulla, è solo l’ultimo anello di una catena al cui apice, come giustamente immaginato qui dal protagonista del film, potrebbe anche non esserci un essere umano, ma un robot.

Sorry, We Missed You segue dunque le vicende di un padre di famiglia, Ricky Turner (Kris Hitchen) che accetta di diventare “lavoratore autonomo” per un franchise di consegne, accettando ritmi sostenuti, l’assenza di diritti, le multe per i ritardi, la distanza dalla propria famiglia, in un crescendo cristologico ben indirizzato verso il martirio. Lo stipendio non esiste più, c’è “la paga”, l’orario di lavoro nemmeno, lavori finché ce la fai e se per qualche ragione non puoi lavorare, non solo non vieni pagato, ma devi pagare a tua volta. Pagare per lavorare, questo succede oggi. Gli strumenti di lavoro poi, in questo caso il Van per le consegne, te li compri a rate e te li porti ogni giorno da casa, e probabilmente non li possiederai mai. No, non siamo nel secondo dopoguerra di Ladri di biciclette di De Sica, ma forse, questo punta a dirci Loach, oggi è anche peggio, perché non solo è difficile trovare un impiego, ma bisogna essere pronti a tutto, anche a morire, per tenerselo. Nel frattempo, come ci avvertiva Mujica, la vita, quella vera, con gli affetti familiari, scorre via inesorabilmente. Perché è il tempo l’unica cosa che l’uomo davvero possiede e che l’attuale sistema economico spinge a sacrificare sull’altare del consumo.

Procede inizialmente all’insegna di una coralità “familiare” Sorry We Missed You, alternando le giornate di Ricky Turner con quelle della moglie Abbie (Debbie Honeywood), infermiera a domicilio per invalidi. Di quando in quando seguiamo anche la solitudine domestica della figlia più piccola della coppia e le sortite con gli amici graffitari dell’adolescente ribelle Seb (Rhys Stone), assenteista scolastico in predicato per la bocciatura.
Lo script, come al solito ben congegnato da Paul Laverty, alterna inizialmente il dramma a momenti più distensivi e non dimentica di aprire squarci umanistici schietti, talvolta un po’ rudi, talaltra esplicitamente comici, come ad esempio l’alterco calcistico che si sviluppa tra Ricky e un corpulento cliente dell’e-commerce. Quanto invece al personaggio di Abbie, anche qui le varie creature da lei assistite non restano mai solo sullo sfondo, anzi, proprio a una di esse è affidata la breve scena che ben stigmatizza il percorso storico che ha portato all’estinzione del proletariato come comunità in grado di lottare per i propri diritti. Mentre infatti Abbie mostra alla donna una foto dei suoi anni verdi, quando partecipava ai rave con gli amici, l’anziana sfodera un’immagine dei caffè collettivi offerti durante lo sciopero dei minatori del 1984. Si tratta in entrambi i casi di ricordi preziosi, intimi, ma il tipo di “collettività” che vi soggiace è, evidentemente, del tutto differente.

Alacre e instancabile osservatore della realtà che lo circonda, Ken Loach con Sorry We Missed You non si limita a raccontare il presente, ma anche il percorso che lo ha generato e non ci consegna soltanto un film sul lavoro, bensì, in tutta evidenza, contro il lavoro, così come oggi è diventato. Un robot disumano e disumanizzante, utile solo a rigenerare, continuamente, l’imput sintetico del consumo, travestendolo da benessere. E dopo aver visto il film, inevitabilmente, non sarà poi tanto facile né spensierato per lo spettatore fare acquisti on line. Era davvero giunto il momento che qualcuno ce lo facesse notare.

Info
La scheda di Sorry We Missed You sul sito di Cannes.
  • sorry-we-missed-you-2019-ken-loach-recensione-01.jpg
  • sorry-we-missed-you-2019-ken-loach-recensione-02.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2019Cannes 2019

    Apre bene il Festival di Cannes 2019, con un titolo a suo modo perfettamente trasversale: autorialità, genere, grandi star. The Dead Don't Die, aka I morti non muoiono, è una coperta decisamente lunga, lancia il festival, dovrebbe accontentare tutti...
  • Cannes 2019

    Festival di Cannes 2019Festival di Cannes 2019 – Presentazione

    Morti che camminano. Si apre così il Festival di Cannes 2019, giunto alla settantaduesima edizione con la solita coda di polemiche, compresa la petizione contro il premio alla carriera ad Alain Delon. In fin dei conti, è la natura stessa del festival ad alimentare contrasti, la sua dimensione smisurata, il suo essere contenitore fagocitante, regno del tutto e del niente.
  • Festival

    Cannes 2019 - Minuto per minuto dalla CroisetteCannes 2019 – Minuto per minuto

    Quinlan approda sulla Croisette e arriva il momento del tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2019!
  • Festival

    Cannes svela la selezione ufficiale della 72ª edizioneCannes svela la selezione ufficiale

    Cannes, per voce del suo delegato generale Thierry Frémaux, ha annunciato i titoli che andranno a comporre la settantaduesima edizione del festival: da Jarmusch a Ken Loach, dai fratelli Dardenne a Malick e Porumboiu. Ma sarebbe sciocco e riduttivo fermarsi a soliti noti.
  • Cannes 2016

    io-daniel-blakeIo, Daniel Blake

    di Palma d'Oro al Festival di Cannes, Ken Loach ritrova quella verve politica e narrativa che sembrava smarrita. Una pellicola imperfetta, che Laverty sovraccarica con eccessi e sottolineature didascaliche, ma saldamente avvinghiata alla quotidianità, alle difficoltà della classe operaia, al perenne conflitto tra Stato e cittadino.
  • Archivio

    Jimmy’s Hall

    di Una storia sulla carta esemplare che scivola via senza lasciare traccia, raccontata con una cadenza meccanica, smaccatamente didascalica. Tra le pellicole in concorso a Cannes 2014, Jimmy's Hall è senza dubbio la più prevedibile, probabilmente la più esile.
  • Archivio

    La parte degli angeli RecensioneLa parte degli angeli

    di Presentato in concorso al Festival di Cannes 2012 e accolto con un certo entusiasmo dalla stampa internazionale, La parte degli angeli ha i contorni del mero intrattenimento, sicuramente gradevole, ma privo di mordente, di una reale ragion d'essere. Il Loach politico, arrabbiato e sincero era ben altro.
  • Festival

    Festival di Cannes 2019Festival di Cannes 2019 – Bilancio

    Prima di archiviare definitivamente Cannes 2019, proviamo a tracciare una sorta di piccolo bilancio. Ovviamente abbozzato e sommario, vista la dimensione spropositata della kermesse transalpina...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento