Night in Paradise

Night in Paradise

di

Non si è mai posto limiti il cinema scritto e diretto da Park Hoon-jung, autore mainstream che modella action/noir/thriller fin dai tempi degli script di I Saw the Devil (2010) e The Unjust (2010). Con Night in Paradise, fuori concorso a Venezia 2020, Park mescola gangster movie e melodramma in un crescendo coinvolgente di coltellate e piombo – si spara parecchio, senza misura, cosa insolita nella produzione sudcoreana, più propensa alle armi bianche.

Zuppa di pesce

Tae-gu, uomo di punta di una gang criminale guidata da Mr. Yang, tenta di rifarsi una vita per amore della sorella malata e del nipote. Quando questi ultimi vengono uccisi in un incidente da qualcuno che mirava a Tae-gu, egli, scioccato, decide di vendicarsi. Elimina il boss di un’altra gang e fugge nell’isola Jeju. Senza sapere che la sua gang lo ha già abbandonato, incontra Kuto e sua nipote Jae-yeon, che si prendono cura di lui. Jae-yeon sta morendo per una malattia, mentre Tae-gu intuisce che il pericolo si sta avvicinando. La situazione si fa ingarbugliata, e Jae- yeon e Tae-gu, che hanno perso il desiderio di vivere, cominciano a sentire pietà l’uno per l’altra… [sinossi]

Genere tra i più frequentati dal cinema sudcoreano degli ultimi due decenni, il gangster movie danza spesso pericolosamente tra eccesso e stanca ripetizione, tra accumulo disordinato (di violenza, azione, intreccio…) e stilemi oramai depotenziati. Consapevole di questi e altri rischi, Park Hoon-jung (New World, The Tiger, I Saw the Devil) intreccia con mano sicura malavita e malasorte, immergendo storia e personaggi in un sanguinoso melodramma pronto a deflagrare in ogni istante. È una generosa zuppa di pesce Night in Paradise, ma non per tutti i palati – l’incipit sovrabbondante, che anticipa il titolo, chiarisce subito le intenzioni di Park e, in un certo senso, mette in guardia lo spettatore.
Presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2020, il film di Park è infatti un crescendo di coltellate e piombo – si spara parecchio, senza misura, cosa insolita nella filmografia sudcoreana, più propensa alle armi bianche. Un crescendo su entrambi i fronti, gangsteristico e melodrammatico, pur condito da buone dosi di ironia.

La base d’appoggio di Night in Paradise, al di là della consueta perizia tecnica dell’industria dei sogni sudcoreana, è la felice scelta dei due protagonisti, in primis il più che convincente Uhm Tae-goo, che veste i panni del giovane gangster Tae-gu: presenza scenica, volto atipico, a proprio agio in ogni frangente, dalle adrenaliniche sequenze action alle derive sentimentali, coi toni appena accennati. Funziona il contrasto fisico ed emotivo con Jae-yeon (Jeon Yeo-been), insolita compagna di un viaggio che sembra già segnato e che trova nell’isola di Jeju, paesaggio/personaggio in bilico tra paradiso e inferno, una collocazione felicemente alternativa al contesto urbano e alle atmosfere noir.

Anche se non siamo ai livelli dell’ambiziosa complessità di New World (inedito, ça va sans dire), Night in Paradise è un solido prodotto da box office, più che volenteroso nel cercare nuove strade, nel maneggiare personaggi e dinamiche volutamente sopra le righe, debordanti – se i cattivi sono meno convincenti, un po’ troppo abbozzati, ad eccezione dello spietato ma a suo modo coerente Ma, i buoni agiscono e reagiscono a un destino beffardo con tutte le loro forze, innescando le parallele fiumane di azione e melodramma. Le interminabili e terribili coltellate, le devastanti testate e l’eccesso di proiettili risuonano come un grido di disperazione e, al contempo, come una sfida a un destino già scritto, a un percorso che vede nel mare e nel suo splendido orizzonte un sogno e anche una prigione – un po’ Paradiso, un po’ Purgatorio.

Tra le varie sequenze action, segnaliamo quantomeno l’inseguimento all’aeroporto, la mattanza di un singolo uomo che riecheggia il finale di Friend (2001) di Kwak Kyung-taek e, più per il rumore implacabile e spietato dei colpi di pistola che per l’ammassarsi di corpi, il sanguinoso pre-finale. La quadratura del cerchio è data però da alcuni silenzi e dettagli (gli eleganti e calzanti fuori fuoco), da alcune sfumature (la zuppa di pesce, il mare), dall’alchimia tra Tae-gu e Jae-yeon. Gangster movie e melodramma convivono e, soprattutto, si nutrono e sostengono vicendevolmente. Fino alla fine.

Info
La scheda di Night in Paradise sul sito di Venezia 2020.

  • night-in-paradise-2020-park-hoon-jung-01.jpg
  • night-in-paradise-2020-park-hoon-jung-02.jpg
  • night-in-paradise-2020-park-hoon-jung-03.jpg
  • night-in-paradise-2020-park-hoon-jung-04.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Venezia 2020

    Primo festival di massa a svolgersi in presenza, Venezia 2020 ha su di sé gli occhi di tutto il mondo cinematografico. In un programma inevitabilmente rivisto può forse trovare spazio, dopo anni, la ricerca di film al di fuori dagli schemi precostituiti e predigeriti.
  • Venezia 2020

    Venezia 2020 – Minuto per minuto

    La Mostra di Venezia 2020 non assomiglierà a nessun'altra, anche se avremmo fatto volentieri a meno di questa unicità. Come che sia non è un buon motivo per rinunciare al Minuto per minuto, cronaca festivaliera dal Lido con aggiornamenti quotidiani, a qualsiasi ora del giorno.
  • Cannes 2019

    The Gangster, the Cop, the Devil RecensioneThe Gangster, the Cop, the Devil

    di Mescola un po’ le carte l'opera seconda di Lee Won-Tae, presentata fuori concorso a Cannes 2019. Battute, omicidi e pestaggi, alcune sequenze mirabili, cast di livello. Tutto già visto, scivola via piacevolmente.
  • Cannes 2018

    Burning RecensioneBurning – L’amore brucia

    di A otto anni da Poetry, Lee Chang-dong torna alla regia con Burning, in concorso a Cannes 2018. Un oggetto strano, sfuggente, che si presta a diverse letture: un film di contrapposizioni e di scrittura (sulla scrittura), di tasselli che non troveranno mai una definitiva collocazione.
  • Far East 2018

    The Chase RecensioneThe Chase

    di Opera terza del regista coreano Kim Hong-sun, The Chase è un atipico thriller venato di umorismo, melodramma e afflati sociali fatto di continui cambi di tono e di ghettizzazione degli anziani, di investigatori improbabili e di mense popolari, di inseguimenti e di brutali omicidi, di amorevoli cure e di verità atroci.
  • Cannes 2017

    The Villainess

    di Presentato a Cannes 2017, The Villainess è un adrenalinico action che pesca a piene mani da Nikita e Kill Bill e dall’estetica videoludica, puntando su una spettacolarità dopata. Sotto la patina di sequenze ipertrofiche e di una trama smaccatamente derivativa, resta davvero poco.
  • Venezia 2016

    The-Age-of-ShadowsThe Age of Shadows

    di The Age of Shadows è un blockbuster intricato e avvincente, una spy-story che cresce sequenza dopo sequenza, sospinta dal funambolico talento di Kim Jee-woon e dalla magnetica presenza scenica di Song Kang-ho.
  • Cannes 2016

    The-WailingThe Wailing

    di Presentato fuori concorso al Festival di Cannes, The Wailing è un film dal cuore nerissimo: intenso, ingannevole, spietato, questo thriller dai risvolti orrorifici non spreca un secondo dei suoi centocinquantasei minuti, imboccando ben presto sentieri inattesi.
  • Far East 2016

    The-TigerThe Tiger

    di Ambizioso blockbuster sudcoreano e pellicola d'apertura della diciottesima edizione del Far East 2016, The Tiger di Park Hoon-jung spreca l'intensa performance di Choi Min-sik, poco supportata da una sceneggiatura ripetitiva, retorica, ridondante.
  • AltreVisioni

    New World

    di L'opera seconda di Park Hoon-jung, già sceneggiatore di I Saw the Devil e The Unjust, è un film di chiaroscuri, di sfumature, in cui legalità e illegalità si fondono e confondono. Presentato al Far East di Udine.
  • AltreVisioni

    The Man From Nowhere

    di Le apparenze possono ingannare. Dietro a un riservato proprietario di un banco dei pegni può nascondersi un'inesorabile macchina da guerra addestrata dai servizi segreti...
  • AltreVisioni

    the-unjustThe Unjust

    di Un serial killer sta terrorizzando la cittadinanza e la pressione sulle forse dell'ordine è diventata insostenibile per le autorità. In un vortice di errori procedurali, illegalità e corruzione, il capitano Choi viene incaricato di "risolvere" il caso.
  • AltreVisioni

    I-Saw-The-DevilI Saw the Devil

    di Kyung-chul è un pericoloso psicopatico che uccide per puro piacere. Ha commesso un'infernale serie di omicidi in modi diabolici che non si possono nemmeno immaginare, uccidendo giovani donne e bambini. La polizia lo insegue da tempo, ma non è ancora riuscita a catturarlo...
  • AltreVisioni

    The Chaser

    di Il devastante esordio alla regia di Na Hong-jin, un thriller teso, cupo e iperviolento in una Corea del Sud livida e turbolenta.
  • AltreVisioni

    Our Town

    di Il tenente Jae-shin, lo scrittore Gyeong e il giovane Hyo-yi hanno più di uno scheletro nell’armadio: quando in città un serial killer comincia a uccidere delle donne, seviziandole e poi crocifiggendole, dal passato dei tre iniziano a emergere inquietanti verità…

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento