Where Is Anne Frank

Where Is Anne Frank

di

Presentato fuori concorso al Festival di Cannes 2021, Where Is Anne Frank è il nuovo lungometraggio del regista e sceneggiatore israeliano Ari Folman (Valzer con Bashir, The Congress), un’opera pensata per un pubblico giovane e dall’afflato evidentemente didascalico. Con i consueti meccanismi metalinguistici, Folman propone ai giovani spettatori di riflettere sul passato e sul presente, sull’eredità morale di Anne Frank e sulla sua icona, sull’importanza capitale della memoria.

Anne no nikki

Kitty, l’amica immaginaria di Anne Frank, si risveglia nell’odierna Amsterdam, nel luogo iconico visitato dai turisti di tutto il mondo, la casa dove la famiglia Frank si è rifugiata durante la guerra. Armata del prezioso manoscritto, in cui Anne ha registrato le sue sofferenze durante la seconda guerra mondiale, Kitty si propone di trovarla, insieme al suo nuovo amico Peter, che offre il suo aiuto ai profughi clandestini… [sinossi]

Da quale angolazione dovremmo osservare e soppesare Where Is Anne Frank? Il naturale confronto con i precedenti e ambiziosi Valzer con Bashir e The Congress potrebbe condurci verso giudizi un po’ troppo perentori. Ad esempio, dal punto di vista squisitamente tecnico-artistico, il nuovo film di Folman pone l’asticella grafica ad altezze decisamente più moderate, a partire da un character design dai contorni fanciulleschi, meno convincente rispetto al cartaceo Anne Frank. Diario di Folman\Polonsky. Non mancano sequenze e immagini ricercate, ma tutto appare semplificato, quasi smorzato, sacrificato sull’altare – condivisibile o quantomeno comprensibile – degli intenti didascalici, della necessità di raggiungere la più ampia fetta possibile di pubblico giovane.

Diffusione, condivisione e semplificazione vanno a braccetto, non solo dal punto di vista estetico. Sul piano narrativo e contenutistico, al di là della centralità di Kitty, amica immaginaria che spalanca le porte all’intrecciarsi e sovrapporsi di realtà e finzione, Where Is Anne Frank pesca a piene mani dal passato e dal presente, sottolineando a più riprese i punti di contatto tra l’Olocausto e le attuali atrocità commesse nei confronti dei tanti migranti, troppo spesso privati di dignità e diritti. Non un semplice grido d’allarme, ma un dito puntato verso quelle nazioni che il Giorno della Memoria di ogni anno si asciugano le lacrime di coccodrillo per la Shoah, per Auschwitz e Bergen-Belsen, per la giovane Anne. Insomma, Anne Frank è un simbolo, ma rischia di essere passata in rassegna come spesso capita per le visite ai campi di sterminio – in questo senso, vale a pena vedere e rivedere l’illuminante Austerlitz di Sergei Loznitsa.

Non privo di buone qualità, ma soprattutto intriso di ottimi propositi, Where Is Anne Frank paga il suo essere un’opera su commissione e, soprattutto, con troppi occhi addosso. Troppi se, troppi ma, troppi studenti e professori da raggiungere e convincere. Nulla è lasciato in sospeso, tutto è spiegato fin troppe volte. Spulciando tra le tante trasposizioni del Diario di Anna Frank, troviamo un titolo che forse riesce a riassumere perfettamente il problema, il limite del nuovo lungometraggio di Folman: il film è del 1995 ed è The Diary of Anne Frank (Anne no nikki) di Akinori Nagaoka, prodotto con molta cura dalla Madhouse, ma esiste anche una versione nordamericana, Anne Frank’s Diary, un montaggio più breve realizzato nel 1999 da Julian Y. Wolff, con musiche diverse e qualche sottolineatura in più. Ecco, quella dozzina di minuti persi per strada tra Giappone e Stati Uniti sono la misura di quello che Folman ha lasciato nel cassetto, quello che – guardando dalla nostra angolazione – avremmo voluto vedere. Tra l’altro, sul piano formale, il classicismo di Anne no nikki ci pare più compiuto, forse più libero, di questo Folman trattenuto. Nulla di grave, sia chiaro. Eppure ci sembra un po’ paradossale questa normalizzazione del linguaggio, anche perché nella nostra memoria, forse anche in quella collettiva, resteranno più a lungo le animazioni e le riflessioni di Valzer con Bashir e meno, molto meno, le pur lodevoli intenzioni di Where Is Anne Frank.

Info
Il trailer originale di Where Is Anne Frank.
La scheda di Where Is Anne Frank sul sito di Cannes.

  • Where-Is-Anne-Frank-2021-Ari-Folman-01.jpg
  • Where-Is-Anne-Frank-2021-Ari-Folman-02.jpg
  • Where-Is-Anne-Frank-2021-Ari-Folman-03.jpg
  • Where-Is-Anne-Frank-2021-Ari-Folman-04.jpeg
  • Where-Is-Anne-Frank-2021-Ari-Folman-05.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2021

    Le sommet des dieux RecensioneLe sommet des dieux

    di Presentato a Cannes nella cornice piuttosto riduttiva del Cinéma de la Plage, Le sommet des dieux affronta con coraggio e filologica dedizione l’impossibile impresa di portare sul grande schermo uno dei capolavori di Jirō Taniguchi.
  • Festival

    Cannes 2021Cannes 2021

    La ripartenza, i film, le recensioni di Cannes 2021: Paul Verhoeven, Bruno Dumont, Apichatpong Weerasethakul, Nanni Moretti, Ryusuke Hamaguchi, Asghar Farhadi, Sean Baker, François Ozon, Kirill Serebrennikov...
  • Cannes 2021

    Festival di Cannes 2021 – Presentazione

    Si è aperta la 74a edizione, un nuovo inizio dopo la non-edizione del 2020. La serata di inaugurazione ci ha regalato la presenza di Bong Joon-ho, Almodóvar, Spike Lee e Jodie Foster. Quattro nomi fondamentali, quattro lingue, quattro angoli del mondo per sottolineare la portata internazionale di Cannes 2021, la riapertura, la ripartenza.
  • Classici

    la vita è bella recensioneLa vita è bella

    di Assurto in tempi rapidi a classico moderno, enorme successo di pubblico e critica, tributato di un amore sviscerato a livello internazionale, La vita è bella di Roberto Benigni riconferma i suoi tanti limiti di sguardo e inaugura l’incontro mancato del regista-attore toscano con una vera carriera d’autore.
  • TFF 2019

    Jojo Rabbit RecensioneJojo Rabbit

    di Premiato a Toronto, già in marcia lungo la perigliosa strada che porta al Dolby Theatre di Los Angeles, Jojo Rabbit apre la 37a edizione del Torino Film Festival e conferma pregi e limiti del cinema scoppiettante di Taika Waititi.
  • Cannes 2019

    Les hirondelles de Kaboul RecensioneLes hirondelles de Kaboul

    di , Presentato nella sezione Un Certain Regard del Festival di Cannes 2019, il pur volenteroso Les hirondelles de Kaboul di Zabou Breitman e Eléa Gobbé-Mévellec si rivela un’operazione piuttosto prevedibile e superficiale nei contenuti e nelle scelte estetiche.
  • Archivio

    Schindler's List recensioneSchindler’s List

    di La storia di Oskar Schindler e della sua "Schindler's List", con la quale riuscì a salvare più di mille ebrei dai campi di sterminio nazisti. Il film che permise a Steven Spielberg di vincere l'Oscar dopo anni di attesa.
  • Cult

    Hitler, un film dalla Germania RecensioneHitler, un film dalla Germania

    di A distanza di quarant'anni dalla sua realizzazione, il capolavoro di Hans-Jürgen Syberberg è stato rimosso dalla memoria collettiva. I motivi sono molti, e attraversano lo spettro estetico e politico degli ultimi decenni. Ma è giunto il momento di una rilettura.
  • Pordenone 2017

    Intervista ad Art Spiegelman

    Come si può rappresentare una tragedia estrema quale l'Olocausto con i mezzi del cinema o dei fumetti? Ne abbiamo parlato con Art Spiegelman, il fumettista autore di Maus, che abbiamo incontrato alle Giornate del Cinema Muto 2017.
  • Archivio

    A German Life RecensioneA German Life

    di , , , A German Life è una nuova riflessione sull’orrore dell’Olocausto. La vegliarda Brunhilde Pomsel è l’ultimo residuo di quell’establishment che organizzò un sistema così crudele quanto efficiente di eliminazione.
  • Documentari

    Austerlitz

    di Presentato fuori concorso a Venezia 2016, Austerlitz è uno straordinario documentario sulla memoria e sulla sua persistenza, sulla fruizione individuale e collettiva di un luogo di morte e dolore, sulle modalità e sui tempi di questa fruizione.
  • Archivio

    Storia di una ladra di libri RecensioneStoria di una ladra di libri

    di Una narrazione classica, non particolarmente originale, che riesce a coinvolgere grazie all'accuratezza della ricostruzione e all'intensità degli interpreti.
  • Animazione

    The Congress RecensioneThe Congress

    di Robin Wright riceve dalla Miramount la proposta di essere scannerizzata: la sua controparte digitale potrà essere liberamente utilizzata nei film...
  • Animazione

    Valzer con Bashir

    di Passato in concorso al Festival di Cannes 2008, Valzer con Bashir è uno stupefacente e riuscito connubio tra animazione e documentario, che rilegge la tragedia del massacro di Sabra e Chatila.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento