Giornate del Cinema Muto 2022

Giornate del Cinema Muto 2022

Le Giornate del Cinema Muto 2022 spengono le quarantuno candeline sulla manifestazione oramai storica che illumina le giornate di Pordenone. Giunta al settimo anno invece la direzione di Jay Weissberg.

Dopo l’edizione celebrativa dello scorso anno, le Giornate del Cinema Muto 2022 fanno spegnere le quarantuno candeline per la manifestazione che si tiene oramai tradizionalmente sulle rive del Noncello; quarantuno anni di studio, analisi, e condivisione dell’epopea del muto, quel cinema degli albori che anno dopo anno trova sempre meno spazio nel dibattito cinefilo collettivo, nell’approfondimento accademico, nella saggistica di settore. Le Giornate del Cinema Muto si pongono dunque come argine a una deriva antistorica che non è solo deleteria, ma rischia di divenire anche “pericolosa” perché impoverisce la memoria dell’immaginario, e dunque del racconto popolare attraverso le immagini. Per il settimo anno è Jay Weissberg a dirigere il festival friulano, accolto com’è abitudine nello splendido scenario del Teatro Verdi. Quest’anno a inaugurare la kermesse sarà un classico del cinema di Tod Browning, quel The Unknown – in Italia Lo sconosciuto – che nel 1927 regalò a Lon Chaney uno dei ruoli della vita, per i quali gli interpreti contemporanei farebbero carte false.

Specularmente, a chiudere le Giornate del Cinema Muto 2022, arriverà Alfred Hitchcock con The Manxman, cioè a dire L’isola del peccato, ultimo film completamente privo di sonoro per il grande cineasta britannico e per alcuni uno dei suoi meno “personali” – accezione su cui ci sarebbe da discutere, ma non è questa la sede opportuna. Non è invece discutibile il ruolo fondamentale del festival pordenonese, punto d’incontro sul passato per comprenderlo, e dunque donare un senso maggiormente concreto anche al presente, e forse – chissà – persino al futuro (si veda in tal senso la programmazione di un film indipendentista lettone come Lacplesis di Aleksandrs Rusteikis).

Info
Il sito delle Giornate del Cinema Muto 2022.

Articoli correlati

  • Pordenone 2022

    la decima sinfonia recensioneLa decima sinfonia

    di Presentato alle Giornate del cinema muto 2022, La decima sinfonia è un'opera del grande Abel Gance, girata nel 1917 ma uscita solo un anno dopo, a guerra quasi finita. Precursore dell'impressionismo francese degli anni Venti, il film è un melodramma dove la scrittura si converte in immagine e musica.
  • Pordenone 2022

    il placido don recensioneIl placido Don

    di , Primissimo adattamento realizzato nel 1930, quando dei quattro libri dell'omonimo romanzo di Šolochov erano stati pubblicati solo i primi due, Il placido Don di Olga Preobrazhenskaya e Ivan Pravov (più, non citato nei titoli originali, Mikhail Provor) scorre fra l'Avanguardia Sovietica degli anni Venti e il Realismo Socialista dei Trenta.
  • Pordenone 2022

    l'isola del peccato recensioneL’isola del peccato

    di L'isola del peccato, vale a dire The Manxman, è stato a lungo considerato un episodio minore non solo dell'intera carriera di Alfred Hitchcock, ma perfino restando nel recinto temporale della sua produzione britannica. Al contrario si tratta di un'opera estremamente moderna.
  • Pordenone 2022

    manolescu recensioneManolescu

    di Presentato nella sezione Il canone rivisitato delle Giornate del cinema muto di Pordenone, Manolescu – Der König der Hochstapler, del 1929, è una delle trasposizioni per il cinema del romanzo di Hans Székely ispirato alle memorie delle gesta di George Manolescu, grande truffatore rumeno.
  • Pordenone 2022

    l'onestà vittoriosa recensioneL’onestà vittoriosa

    di Presentato alla 41a edizione delle Giornate del Cinema Muto, nell'ambito dell'omaggio a Norma Talmadge, Within the Law (L'onestà vittoriosa) di Frank Lloyd è uno dei tanti adattamenti del testo teatrale omonimo di Bayard Veiller, un classico 'crook melodrama' che ha per protagonista un professionista del crimine.
  • Pordenone 2022

    sons of the soil recensioneSons of the Soil

    di Primo film di sempre girato in Islanda e principale opera nella breve carriera da regista di Gunnar Sommerfeldt, Sons of the Soil (ma forse sarebbe meglio chiamarlo con i suoi due titoli originali, il danese Borgslægtens Historie e l'islandese Saga Borgarættarinnar) è un'epica parabola in due parti.
  • Pordenone 2022

    pioggia recensionePioggia

    di , Nel 1929, un anno dopo aver diretto De Brug (Il ponte), Joris Ivens torna alla regia e insieme a Mannus Franken firma Regen (Pioggia), che anche a distanza di quasi un secolo dalla realizzazione non è blasfemo definire il più grande cine-poema della storia. Ora riemerge sul grande schermo grazie a Pordenone.
  • Pordenone 2022

    lacplesis recensioneLacplesis

    di Presentata tra le riscoperte e i restauri delle Giornate del cinema muto 2022 la versione recentemente restaurata dallo studio Locomotove di Riga di Lacplesis, film del 1930 del regista lettone Aleksandrs Rusteikis, concepito per celebrare l'indipendenza del paese utilizzando un'antica leggenda popolare.
  • Pordenone 2022

    una vera signora recensioneUna vera signora

    di Nell'ambito della retrospettiva dedicata alla diva e produttrice Norma Talmadge, è stato proiettato alle 41me Giornate del Cinema Muto di Pordenone The Lady (Una vera signora), turgido melodramma d'amore materno e di riscatto sociale impeccabilmente diretto da Frank Borzage.
  • Pordenone 2022

    la montagne infidèle recensioneLa montagne infidèle

    di Grazie all'insperato ritrovamento di una copia 28mm a Barcellona, la filmografia di Jean Epstein si arricchisce di La montagne infidèle, opera quarta per decenni creduta perduta con cui il regista della prima Avanguardia francese documentava con straordinaria potenza espressiva l'eruzione dell'Etna del 1923.
  • Pordenone 2022

    nanuk l'esquimese recensioneNanuk l’esquimese

    di A un secolo esatto di distanza dalla sua realizzazione, illumina Pordenone Nanuk l'esquimese, pionieristico capostipite del cinema documentario con cui l'esploratore Robert J. Flaherty si spingeva fra gli Inuit dell'Artico canadese per trasformare per la prima volta il reale in narrazione poetica e drammaturgica.
  • Festival

    Tod Browning e Alfred Hitchcock alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone

    Le Giornate del Cinema Muto di Pordenone rendono note alcune anticipazioni sulla quarantunesima edizione che si terrà sulle rive del Noncello dall'1 all'8 ottobre prossimi. In apertura l'anteprima assoluta del restauro de Lo sconosciuto di Tod Browning, mentre a chiudere il festival sarà L'isola del peccato di Alfred Hitchcock.
  • Buone feste!

    Lo sconosciuto

    di Lo sconosciuto, pur essendo meno noto al pubblico rispetto a Freaks e Dracula, è uno dei capolavori di Tod Browning che mette maggiormente in luce la poetica espressiva del regista, con il mélo che si mescola all'horror senza soluzione di continuità.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento