The Land of Cards

The Land of Cards

di

Q pone la firma in calce a un’opera orgogliosamente post-punk, in cui anche il colore è utilizzato in modo eversivo. Spiazzante ed esaltante allo stesso tempo, The Land of Cards rammenta a coloro che ne avessero smarrito la memoria quanto il cinema possa essere rivoluzionario nell’utilizzo stesso delle tecniche e degli stili. Come le immagini delle proteste di massa che accompagnano, ultima ghignante posa barricadera, i titoli di coda.

Stato e Rivoluzione

C’era una volta un narratore. In una solitaria stazione ferroviaria, da qualche parte a Kolkata, parla ai treni. Il suo desiderio è di poter raccontare una storia, che non è nuova, ma per lui è l’unica che valga la pena raccontare. Dalle tenebre della sua mente, questa storia scatena un caleidoscopio di fantasia. C’era una volta un principe, vittima del suo destino, bandito con la madre e recluso in un palazzo/prigione oscuro e lontano. Lì cresce, senza speranza né futuro, con la madre decisa ad affogare i propri dolori nell’alcool: nella sua depressione il principe può contare solo sull’amicizia con il figlio di un mercante… [sinossi]
The Queen had only one way of settling all difficulties, great or small.
‘Off with his head!’ she said, without even looking round.
Lewis Carroll, Alice’s Adventures in Wonderland.

La figura di Rabindranath Tagore ricopre ancora oggi, a più di settant’anni dalla sua morte, un ruolo di primaria importanza all’interno dello sviluppo della cultura indiana contemporanea: filosofo, poeta, drammaturgo, romanziere, Tagore ha trasformato in parola e atto (scenico) un’etica della non violenza e della democrazia – intesa nel suo senso più strettamente etimologico – tutt’ora attuali nel panorama politico dell’area indiana. L’immarcescibile potere politico e immaginifico della sua opera è reso evidente anche in The Land of Cards, adattamento cinematografico di uno dei più noti lavori di teatro-danza di Tagore firmato dal giovane cineasta indiano Kaushik Mukherjee, conosciuto dagli addetti ai lavori con lo pseudonimo Q. Tasher Desh – questo il titolo originale in hindi dell’opera – irrompe sul proscenio della settima edizione del Festival Internazionale del Film di Roma con la deflagrante potenza distruttrice di un ordigno nucleare: selezionato all’interno dei lungometraggi in concorso per CinemaXXI, il film di Q è una delle materializzazioni possibili dell’idea stessa di kermesse propugnata da Marco Müller, quella che vede il festival come un luogo che accorpi nella stessa anima ricerca e intrattenimento, sperimentazione visiva e racconto popolare, innovazione e classicità. Nell’affrontare la rilettura di The Land of Cards Q – i più attenti alle recenti produzioni indiane serberanno con ogni probabilità memoria del precedente Gandu (Asshole), allucinatorio coming of age che mescolava dramma, sesso e incubo con il quale Q sconvolse la platea della Berlinale nel 2011, dividendo nettamente a metà la critica – mantiene intatto lo spirito dell’originale senza però scendere a patti con esso, e cercando piuttosto di evidenziare la modernità assoluta del testo.

Il racconto allegorico della vita del Principe – i personaggi della pièce, dovendo svolgere una funzione iconica all’interno della messa in scena, sono riconoscibili solo attraverso la loro funzione sociale: il Principe, la Madre, il Narratore, la Regina eccetera – che, bandito dal palazzo reale con sua madre in seguito alle nuove nozze del Re e deciso ad abbandonare gli agi del suo status, mantenuti comunque anche nella sua ricca dimora da esiliato, raggiunge una terra abitata da mazzi di carte nella quale vige una dura e ferrea dittatura di stampo militare, trova sul grande schermo la sua glorificazione. La classe registica di Q, in grado di lavorare sulle geometrie della messa in scena e su un utilizzo quanto mai fertile e creativo della scenografia (la natura dello Sri Lanka, dove il film è stato girato, si mescola alla perfezione con la particolare ricreazione dello spazio voluta dal regista), si abbandona fin dall’incipit in bianco e nero – sulle scelte cromatiche ci si soffermerà con maggior dovizia di particolari in seguito – a una furibonda apocalisse visiva. Il montaggio sincopato, la narrazione ellittica e sconnessa, la recitazione urlata, le inquadrature sghembe fanno di The Land of Cards un elogio della frenesia e del caos che evidenzia, prima ancora che lo faccia il testo in sé e per sé, l’anima profondamente libertaria e antifascista del film. Una scheggia impazzita che attraversa la prassi cinematografica missando al proprio interno la cultura occidentale e quella indiana, ribadendo una volta di più le volontà di Tagore: così come il testo nasceva dall’esigenza di porre l’idea di fabula dell’impero coloniale britannico (il riferimento ad Alice nel Paese delle Meraviglie, che si sarà colto nella dispotica terra dominata dalle carte da gioco, non è certo casuale né pretestuoso) con la base stessa della cultura locale, visti i numerosi riferimenti alle tradizioni musicali indiane e alla Trimurti – in particolare Brahma – il film di Q utilizza stilemi del cinema occidentale e nipponico senza dimenticare il proprio sistema produttivo.

The Land of Cards infatti è un pastiche in cui trovano ospitalità anche il canto e la danza, elementi pronti a interrompere anche la sequenza più concitata. Q pone la firma in calce a un’opera orgogliosamente post-punk, in cui anche il colore è utilizzato in modo eversivo (si passa dal bianco e nero del narratore, al naturale utilizzo della luce nel castello in rovina fino all’esasperazione di contrasto fra bianco, rosso e nero nella terra delle carte da gioco) e un incontro di ping pong dalla brevissima durata può essere risolto registicamente con otto inquadrature diverse. Spiazzante ed esaltante allo stesso tempo, The Land of Cards rammenta a coloro che ne avessero smarrito la memoria quanto il cinema possa essere rivoluzionario nell’utilizzo stesso delle tecniche e degli stili. Come le immagini delle proteste di massa che accompagnano, ultima ghignante posa barricadera, i titoli di coda.

Info
Il trailer di The Land of Cards.
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-00.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-01.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-02.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-03.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-04.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-05.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-06.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-07.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-08.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-09.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-10.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-11.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-12.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-13.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-14.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-15.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-16.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-17.jpg
  • The-Land-of-Cards-2012-Tasher-Desh-Q-18.jpg

Articoli correlati

  • Pingyao 2018

    Soni RecensioneSoni

    di È il trionfatore del Roberto Rossellini Awards del 2° Pingyao International Film Festival, il film indiano Soni, già presentato in Orizzonti nell'ultima Mostra del Cinema. Esordio di Ivan Ayr che fornisce un ritratto impietoso di un paese, dove sessismo e violenza sulle donne rappresentano ancora una piaga difficile da eliminare.
  • Pingyao 2018

    Half the Sky RecensioneHalf the Sky

    di , , , , Presentato in apertura del Pingyao International Film Festival, Half the Sky è un film di cinque episodi assegnati ad altrettante registe di paesi emergenti sul tema della condizione femminile nel proprio paese. Un'operazione guidata da Jia Zhangke non del tutto riuscita.
  • Venezia 2018

    Tumbbad RecensioneTumbbad

    di , Sorprendente opera prima che si muove nel terreno del fantastico e dell'orrore per narrare la tensione antisociale di un'intera nazione (e del mondo intero) Tumbbad apre le danze della trentatreesima edizione della Settimana della Critica a Venezia.
  • Classici

    Pakeezah

    di Presentato, restaurato, nella rassegna sul cinema indiano Affinità elettive, organizzata da Marco Müller presso il LAC Lugano, Pakeezah è un caposaldo del musical indiano che si inserisce nel filone del cinema di cortigiane, un film maledetto, dalla lavorazione più volte interrotta per varie vicissitudini.
  • Classici

    Kalpana

    di Presentato nella rassegna sul cinema indiano Affinità elettive, terminata da poco presso il LAC Lugano e curata da Marco Müller, Kalpana è uno straordinario affresco di cinema, musica e danza che celebra l'indipendenza del paese. Unica opera per la settima arte del grande coreografo e danzatore Uday Shankar.
  • Rassegne

    Affinità elettive. Il cinema indiano a Lugano

    A Lugano dal 9 novembre al 17 dicembre va di scena Affinità elettive - India 1947-2017: il cinema e gli altri linguaggi delle arti, una rassegna cinematografica curata da Marco Müller che intende ripercorrere settant'anni di storia dell'India, esplorando finalmente un subcontinente ancora per la maggior parte ignoto.
  • Rotterdam 2017

    Sexy Durga

    di Vincitore a Rotterdam, l’opera seconda del regista indiano Sanal Kumar Sasidharan segue due situazioni in parallelo, una fuga in autostop e una processione religiosa. Tutto in una notte.
  • Cannes 2016

    Psycho Raman

    di Anurag Kashyap torna sulla Croisette per approfondire ulteriormente il discorso sul peccato e il crimine nella società indiana, dove tutto è meticciato e bene e male si specchiano l'uno nell'altro.
  • Roma 2015

    Angry Indian Goddesses

    di Il film di Pan Nalin cerca di raccontare lo difficoltà che ancora oggi devono affrontare le donne nell'India divenuta una superpontenza mondiale. Vincitore alla decima edizione della Festa del Cinema di Roma.
  • Locarno 2015

    Intervista ad Anurag Kashyap

    A Locarno abbiamo intervistato Anurag Kashyap, che in Svizzera presentava il suo ultimo film, Bombay Velvet. Un'occasione per parlare di cinema, di Bollywood, di Bombay e... di Thelma Schoonmaker.
  • Locarno 2015

    Bombay Velvet

    di Presentato in Piazza Grande a Locarno, Bombay Velvet è il risultato dell’incontro tra il regista indiano Anurag Kashyap, che si è fatto conoscere nei festival per Gangs of Wasseypur e Ugly, con la grande montatrice Thelma Schoonmaker. Le aspettative non sono per nulla deluse.
  • AltreVisioni

    Haider

    di Il grande Bardo ha scritto cose che sono eterne, universali, valide per qualsiasi epoca storica e in qualsiasi parte del mondo. Gli intrighi del potere, i sentimenti umani. Lo ha capito il regista Vishal Bhardwaj che fa rivivere l’Amleto all’epoca dei conflitti nel Kashmir negli anni novanta. In Mondo Genere al Festival di Roma.
  • AltreVisioni

    Ugly

    di Rahul e Shalini, i genitori di Kali, 10 anni, sono divorziati. Un sabato, giorno che Kali deve passare con suo padre, la piccola scompare… Il teso thriller di Anurag Kashyap.
  • Roma 2013

    Rangbhoomi

    di Kamal Swaroop torna dietro la macchina da presa dopo venticinque anni per ricostruire la vita del primo cineasta indiano, Dadasaheb Phalke. In concorso a CinemaXXI.
  • Cannes 2011

    Bollywood: The Greatest Love Story Ever Told

    di , Bollywood è una canzone di ottantuno minuti, una danza che non si ferma mai, un continuo passaggio di consegne tra una star e l'altra, tra sequenze e immagini...
  • AltreVisioni

    raavanRaavan

    di Squilibrato ma irresisitibile, Raavan meriterebbe una degna distribuzione italiana: nonostante l’inevitabile compressione narrativa, la storia d’amore è intensa e coinvolgente, sostenuta dagli ottimi Aishwarya Rai e Abhishek Bachchan, mentre la parte action regala uno spettacolare duello su un ponte sospeso.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento