L’uomo d’acciaio

L’uomo d’acciaio

di

A L’uomo d’acciaio mancano le ombre di Batman, i chiaroscuri e la vivacità di Spider-Man o, per restare in orbita snyderiana, la complessità post-decadente del Comico, di Rorschach e degli altri super-vigilanti. Forse era difficile fare meglio e a voler guardare il bicchiere mezzo pieno, soprattutto in vista del sequel, si potrebbe considerare questo primo capitolo come una prova generale, un modo per aggiustare il tiro, liberandosi dell’ingombrante genesi del personaggio. In fin dei conti, dopo all’altalenante Batman Begins sono seguiti Il cavaliere oscuro e Il cavaliere oscuro – Il ritorno. Ma Nembo Kid non è il Pipistrello.

Niente paura che tanto arriva Nembo Kid

Kal-El, giunto sulla Terra da bambino, nasconde la propria identità e i suoi incredibili superpoteri dietro i panni un po’ goffi del giovane giornalista Clark Kent. Cresciuto da Martha e Jonathan Kent, Clark è tormentato dalla sua diversità, dalle sue origini, dalla sua vera natura. Ma quando il mondo finirà sotto attacco, Clark dovrà usare i suoi poteri trasformandosi in Superman… [sinossi]
Stop! dove vai? cosa fai? se c’è
il Barone Rosso che alle spalle colpirà
Niente paura che tanto arriva Nembo Kid
Che mondo sarà se ha bisogno
di chiamare Superman
Che mondo sarà ha l’effetto
del motore che non va
Ecco perché son tutti qui
davanti a te Charlie Brown.
Lucio Dalla – Gli eroi di cartone

L’Uomo d’acciaio. Superman. Kal-El. Clark Kent. Terrestre d’adozione dai natali kryptoniani. Alto e ben piazzato, mascella tagliata con l’accetta. Indistruttibile, incorruttibile, invincibile. Insomma, che noia. Ad azzoppare qualsiasi tentativo di trasposizione cinematografica o televisiva [1], fatta eccezione per la versione animata dei fratelli Fleischer [2], è la natura monodimensionale del personaggio, la prevedibilità di un supereroe d’antan, l’ingenuità di un bestione in calzamaglia che non può essere sconfitto.

Il supereroe creato nel 1933 da Jerry Siegel e Joe Shuster  è l’archetipo del comic book superhero [3]. Paladino inscalfibile degli yankee, soldato perfetto, icona della superpotenza occidentale, Kal-El non è accompagnato da fertili dubbi o feconde debolezze. Mancano le ombre di Batman, i chiaroscuri e la vivacità di Spider-Man o, per restare in orbita snyderiana, la complessità post-decadente del Comico, di Rorschach e degli altri super-vigilanti (Watchmen). Insomma, riportare su grande schermo le avventure di Superman è un’impresa quasi disperata, anche se a guidare le operazioni sono il regista Zack Snyder, lo sceneggiatore David S. Goyer e il produttore Christopher Nolan.

Fatta questa premessa, bisogna riconoscere a Snyder e soci di averle provate tutte: la struttura frammentaria della sceneggiatura, che ricostruisce coi flashback infanzia e adolescenza del supereroe; l’utilizzo insistito della macchina a mano, come strumento portatore di realismo e minimalismo; la detection di Lois Lane; l’ironia (a dire il vero insistita e fastidiosa) di Jor-El, invadente deus ex machina virtuale; la riscrittura di alcuni snodi narrativi; la natura tragica del generale Zod; la grandiosità della messa in scena e via discorrendo. Quel che resta è però un film diviso in due, quasi contraddittorio. All’umanizzazione di Kal-El (si veda, ad esempio, il flashback di Clark bambino con tanto di mantellino rosso e posa da piccolo supereroe) si contrappone l’interminabile macrosequenza dei combattimenti, degli scontri distruttivi su larga scala. Snyder mette in scena veri e propri mondi che crollano, prima Krypton poi la Terra, catapultando Kal/Clark in un caos visivamente abbacinante, in una prova di superforza intrappolata in un loop alla lunga ripetitivo. Infilata finalmente la tuta, con annessi e connessi cristologici, l’uomo d’acciaio smette i più interessanti panni terrestri per cristallizzarsi nel monolite spacca tutto. E allora sono botte da orbi, cittadine e poi città rase al suolo, acciaio contro acciaio: per dieci minuti, venti, poi trenta, poi quaranta… Della shaky cam, dei controluce, dei dettagli e delle tanto inseguite emozioni restano solo dei frammenti, travolti e inghiottiti da un turbinio di effetti speciali, di distruzione, di super-forza, super-velocità e super-vista. Non è più il ragazzino che salva i compagni di scuola, oramai è Superman. Purtroppo.

Forse era difficile fare meglio e a voler guardare il bicchiere mezzo pieno, soprattutto in vista del sequel, si potrebbe considerare questo primo capitolo come una prova generale, un modo per aggiustare il tiro, liberandosi dell’ingombrante genesi del personaggio. In fin dei conti, dopo all’altalenante Batman Begins sono seguiti Il cavaliere oscuro e Il cavaliere oscuro – Il ritorno. Ma Nembo Kid non è il Pipistrello.

Note
1.
Tra pregi e difetti si barcamenava anche il celeberrimo Superman (1978) di Richard Donner, croce e delizia del compianto marcantonio Christopher Reeve, oramai volto insostituibile nell’immaginario collettivo. Il film di Donner, sostenuto dalle note di John Williams e da un cast lussuoso (il costosissimo Marlon Brando, Gene Hackman, Ned Beatty, Glenn Ford, Terence Stamp…), soffre più di altri il passare degli anni. Si può tranquillamente sorvolare sui tre sequel datati 1980, 1983 e 1987.
2. Citazione d’obbligo per il gioiellino The Mechanical Monsters (1941), secondo cortometraggio della serie prodotta tra il 1941 e il 1943. L’approccio ingenuo e fanciullesco, la breve durata (10 minuti) e i cromatismi sgargianti del Technicolor rappresentano probabilmente la dimensione ideale per l’uomo d’acciaio. L’unica possibile?
3. La prima apparizione su carta stampata è del 1938, su Action Comics #1.
Info
L’uomo d’acciaio su facebook.
Il sito ufficiale de L’uomo d’acciaio.
Il trailer italiano de L’uomo d’acciaio.
Il trailer originale de L’uomo d’acciaio.
L’uomo d’acciaio sul canale youtube della Warner.
La pagina wikipedia de L’uomo d’acciaio.
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-01.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-02.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-03.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-04.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-05.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-06.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-07.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-08.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-09.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-10.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-11.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-12.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-13.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-14.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-15.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-16.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-17.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-18.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-19.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-20.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-21.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-22.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-23.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-24.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-25.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-26.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-27.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-28.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-29.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-30.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-31.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-32.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-33.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-34.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-35.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-36.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-37.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-38.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-39.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-40.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-41.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-42.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-43.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-44.jpg
  • man-of-steel-l-uomo-d-acciaio-2013-zack-snyder-45.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Captain America - The Winter Soldier RecensioneCaptain America – The Winter Soldier

    di , Torna il super-milite a stelle e strisce geneticamente modificato con Captain America - The Winter Soldier di Anthony e Joe Russo. E questa volta è decisamente più convincente.
  • Archivio

    Thor: The Dark World RecensioneThor: The Dark World

    di Più combattimenti, più romance, più humour. Queste sono le linee guida di Thor: The Dark World. Tutto corverge verso un nuovo obiettivo: un target più infantile.
  • Archivio

    Iron Man 3 RecensioneIron Man 3

    di In Iron Man 3 di Shane Black torna il personaggio di punta dell’universo Marvel e va in scena l’inevitabile crisi esistenziale del supereroe.
  • Archivio

    Il cavaliere oscuro - Il ritorno RecensioneIl cavaliere oscuro – Il ritorno

    di Sono trascorsi otto anni da quando Batman è svanito nella notte, trasformandosi da eroe a fuggitivo. Prendendosi la colpa della morte del procuratore Dent, il Cavaliere oscuro ha sacrificato tutto ciò per cui che lui e il Commissario Gordon avevano lavorato...
  • Archivio

    The Avengers

    di Non riescono a diventare una vera squadra, ma nei duetti tra di loro i Vendicatori fanno faville. In ogni caso Joss Whedon firma il migliore, ad oggi, dei cinecomics Marvel.
  • Archivio

    X-Men: L'inizio RecensioneX-Men: L’inizio

    di Film di personaggi, prima ancora che di effetti speciali e scontri coreografici, X-Men: L'inizio è un buon esempio di blockbuster che cerca di offrire puro intrattenimento e momenti di riflessione.
  • Archivio

    Thor

    di Il selvaggio guerriero Thor viene inviato sulla Terra sotto mentite spoglie a causa del suo carattere ribelle. Qui apprenderà il significato del vero eroismo quando dovrà proteggere il pianeta dal feroce nemico Loki...
  • Archivio

    Kick-Ass RecensioneKick-Ass

    di Arriva nelle sale italiane con un certo ritardo l'ottimo Kick-Ass, sorprendente punto d'incontro tra superhero movie e teen movie, ispirato all'omonimo fumetto scritto da Mark Millar e disegnato da John Romita Jr...
  • Archivio

    Watchmen RecensioneWatchmen

    di Avventuroso, misterioso e complesso, Watchmen è ambientato in una realtà alternativa del 1985, in America, dove un gruppo di supereroi in costume è parte integrante della realtà sociale quotidiana...
  • Archivio

    Il cavaliere oscuro RecensioneIl cavaliere oscuro

    di Un film che rappresenta uno dei connubi più riusciti negli ultimi anni tra spirito autoriale ed esigenze mainstream, capace di evitare compromessi sia con l'aspetto più direttamente introspettivo della vicenda che con quello spettacolare...
  • Archivio

    Hellboy: The Golden Army RecensioneHellboy: The Golden Army

    di Con la rottura di un’antica tregua tra l’umanità e i figli originari della Terra, sta per scatenarsi un putiferio. L’anarchico Principe degli inferi Nuada si è stancato di secoli di rispetto e ubbidienza verso il genere umano. Solo Hellboy può fermare il tenebroso sovrano e salvare il mondo...
  • Archivio

    Captain America: il primo vendicatore RecensioneCaptain America: il primo vendicatore

    di Il soldato perfetto e mutante, il difensore degli oppressi contro la barbarie nazista lancia il suo scudo in direzione dello spettatore, ma mantiene intatta tutta la sua ingenua retorica militarista.
  • Archivio

    The Amazing Spider-Man 2 RecensioneThe Amazing Spider-Man 2: Il Potere di Electro

    di Il secondo capitolo della nuova saga dell'Uomo Ragno poggia le proprie fondamenta sulla moltiplicazione delle sequenze spettacolari, sull'impatto visivo. Divertente ma nulla più.
  • Archivio

    X-Men: Giorni di un futuro passato

    di Terzo capitolo sugli X-Men diretto da Bryan Singer: un contorto e sostanzialmente riuscito gioco autocitazionista, un sequel di prequel spezzato in due tra il passato (gli anni '70) e il futuro (l'apocalisse).
  • Archivio

    Wolverine L'immortale RecensioneWolverine – L’immortale

    di Seguito di X-Men - Le origini: Wolverine, questo secondo capitolo è una poco emozionante lotta per la sopravvivenza di un pesce fuor d’acqua in una terra ostile, combattuta a colpi di artigli, spade e arti marziali.
  • Archivio

    X-Men le origini: Wolverine

    di Prequel e parziale spin-off della saga degli X-Men, questo capitolo Marvel interamente dedicato a Wolverine fa luce sul passato del personaggio interpretato da Hugh Jackman.
  • In sala

    The Water Diviner

    di L’esordio alla regia di Crowe guarda all’epica e al familismo, si immerge in scenari mozzafiato e in una narrazione romanzesca vecchio stile. Ma The Water Diviner non ha spalle robuste a sufficienza e le premesse si esauriscono in un nulla di fatto...
  • Archivio

    Lanterna Verde RecensioneLanterna verde

    di In un universo tanto vasto quanto misterioso, esiste da secoli una élite di forze potenti. Si chiama il Corpo delle Lanterne Verdi. Il suo compito è di proteggere la pace e la giustizia nel cosmo. I suoi membri sono guerrieri che hanno giurato di mantenere l'ordine intergalattico...
  • Archivio

    Batman v Superman RecensioneBatman v Superman: Dawn of Justice

    di Snyder contrappone i cromatismi e la tutina di Superman alla pesante e ultra-tecnologica armatura di Batman. La fatica e il dolore di Wayne agli inarrivabili poteri kryptoniani. Una sfida impari tra umano e divino, tra chi risale a fatica dall'Inferno e chi è sceso da un ipotetico Paradiso.
  • Archivio

    Sucker Punch RecensioneSucker Punch

    di Con Sucker Punch Zack Snyder si dimostra regista ambizioso ma non in grado di gestire una materia troppo (poco?) complessa. Un'opera vacua e priva di profondità.
  • Archivio

    Immortals RecensioneImmortals

    di Operazione folle e forse anche sconsiderata, ma dalla cui magniloquente estetica è davvero arduo riuscire a trovare una via di uscita. Tarsem è un regista al di fuori di qualsiasi schema, ma che ama imprigionarvisi di propria spontanea volontà, abnegazione che è allo stesso tempo il suo più grande difetto e il suo più splendido pregio...
  • Archivio

    Captain America: Civil War RecensioneCaptain America: Civil War

    di , È un’opera collettiva, Captain America: Civil War, film che inaugura la fase tre dell’universo Marvel: un nuovo tassello che conferma tanto il gigantismo quanto i limiti narrativi dei più recenti prodotti dello studio americano.
  • Archivio

    Doctor Strange RecensioneDoctor Strange

    di Secondo tassello della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Doctor Strange conferma pregi e difetti di un franchise che sta colonizzando, se non cannibalizzando, l'immaginario spettatoriale e tutti i media possibili.
  • Animazione

    Lego Batman RecensioneLego Batman – Il Film

    di C'è un mondo dietro i celeberrimi mattoncini, dietro le icone della DC. Un mondo che con Lego Batman prende però una piega troppo prevedibile, priva delle intuizioni e della verve di Lego Movie...
  • Archivio

    Wonder Woman

    di Sospeso tra il biopic superomistico e il revival del peplum anni '50, Wonder Woman di Patty Jenkins si concentra tutto sulla formazione della supereroina e su un epos un po' naïf.
  • Archivio

    Justice League

    di Plasmato da più mani, Justice League si rivela un caleidoscopio fuori asse, squilibrato da troppi fattori, da troppi aggiustamenti e ripensamenti. La poetica di Zack Snyder è evidente, ma frenata e in buona parte neutralizzata (e non sempre è un male).
  • Torino 2017

    Professor Marston and the Wonder Women

    di Presentato al Torino Film Festival 2017, Professor Marston and the Wonder Women offre più di uno spunto di riflessione e suggerisce nuove angolazioni, qualche utile rilettura, magari per riprendere in mano vecchi albi oramai dimenticati e forse sottovalutati...
  • In Sala

    Mission Impossible - Fallout RecensioneMission: Impossible – Fallout

    di Diretto da Christopher McQuarrie, l'immarcescibile Tom Cruise torna a vestire in Mission: Impossible - Fallout per la sesta volta i panni di Ethan Hunt per una saga che si fa forza del suo stesso esibito passatismo.
  • In Sala

    Shazam RecensioneShazam!

    di Nello scontro impari tra Marvel e DC Comics, la casa madre di Kal-El sferra finalmente un colpo ben assestato con lo spensierato Shazam. Si respira quel gusto per la narrazione che permeava le produzioni spielberghiane, i cult young (senza adult) di Donner e Zemeckis, Dante e Levinson.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento