La buca

La buca

di

La buca, opera seconda in solitaria di Daniele Ciprì. Una commedia farsesca senza ritmo, priva di verve, intrappolata in un’idea incapace di svilupparsi, simbolo a suo modo del cinema italiano contemporaneo.

Voragini e avvocati

Un cane arruffato diventa inconsapevole pretesto dell’incontro di due umanità disordinate e precarie. Morso dall’animale, Oscar, avvocato burbero sempre alla ricerca di spunti truffaldini, vuole trarre profitto dall’incidente e fare causa al malcapitato proprietario, Armnado. Quando però lo scaltro avvocato scopre che Armando è in realtà un povero disgraziato appena uscito di galera dopo aver ingiustamente scontato una pena di trenta anni, l’obiettivo cambia e la posta in gioco si alza… [sinossi]

La buca nel mezzo della strada che dovrebbe permettere al frodatore e ciarlatano Oscar di rivalersi sul comune intentando una causa forse milionaria è, rifugiandosi nel più classico dei tropi, la voragine nella quale sta precipitando da decenni il cinema italiano, dato per risorto a ogni opera che per i più variopinti e svariati motivi riesce a emergere dal mediocre caos intellettuale che pasce il sistema produttivo. Si potrà obiettare, portando a conferma delle proprie convinzioni referti medico/economici che constatano una salute impeccabile, ma l’opera seconda di Daniele Ciprì è monumento (im)palpabile a un cinema vuoto, privo di senso e significato, abbarbicato con le forze residue a un ideale estetico che si allontana rapidamente all’orizzonte.
La storia della strana coppia Oscar/Armando vorrebbe palesemente riprodurre le schermaglie e i battibecchi che resero celebre il duo composto da Walter Matthau e Jack Lemmon, e allo stesso tempo ogni singolo filamento de La buca si muove in direzione adorante della commedia di Billy Wilder, a partire dalle scelte scenografiche fino ad arrivare alle luci lavorate – con la mano sinistra, almeno in questa occasione – dallo stesso Ciprì.

Ma a parte l’indole estetica e qualche vezzo attoriale – il burbero interpretato da un pur volenteroso Castellitto non graffia che la superficie della stratificata ambiguità che sprigionava Matthau – La buca non è che la copia carbone, ridefinita in epoca contemporanea e svilita dal confronto con l’originale, di un modo di ragionare il cinema che viene solo imitato, e mai veramente compreso. Il gioco di gag, reiterate all’eccesso come quella che vede protagonista un Giovanni Esposito finto motuleso oppure appena accennate, esaurisce la carica sarcastica addirittura prima di giungere al proprio esito; il ritmo, la cadenza con la quale si dimena questa commedia labilmente grottesca, si fa frenesia solo per riflesso motorio, istinto all’iperbole.
Tra rabberciate citazioni wellesiane (la palla di vetro nella quale metaforicamente galleggia la nave chiamata “Rosabella”), eversioni sempre cadenzate e controllate, sguaiate incursioni in una comicità che non ha neanche la capacità di definirsi volgare, La buca di Ciprì è l’epitome di un cinema sterile ma pretenzioso, autoriale più per pomposità produttiva che per naturale spinta artistica. Mentre Belluscone, una storia siciliana dell’ex sodale Franco Maresco infiamma le sale con la sua sbrindellata eppur lucida volontà espressiva, basandosi su un’idea di cinema che è racconto della realtà attraverso la finzione – o il contrario, se si preferisce, perché il risultato non ne viene minimamente modificato –, Daniele Ciprì conferma in pieno le perplessità sollevate un paio di anni fa dal suo esordio, È stato il figlio.

Anche qui, come allora, ci si trova di fronte un cinema innamorato di se stesso, in fin dei conti insincero, costruito a tavolino, edificato con cura per far sì che non si notino le crepe che in realtà minano l’intera struttura. Un prodotto levigato per offuscare le menti già poco allenate di un pubblico sempre più pronto a scambiare la “grazia” con il “grazioso”, interessate a ricercare nel buio della sala non il piacere eversivo della devianza dalla norma, ma la placida e paludosa conferma di una innocua mediocrità intellettuale, costruita magari ad arte ma senza alcuna profondità di sguardo.
L’inoffensiva mise en scène di Daniele Ciprì è l’ennesimo tassello della studiata decostruzione dell’immaginario di una nazione che ragiona sull’estetica solo nella sua funzione meramente decoratrice, preferendo nicchiare sorniona sulle implicazioni più direttamente filosofiche. Cinema non solo privo di qualità – e in tal senso la non partecipazione de La buca alla Mostra di Venezia va a pregio del comitato di selezione – ma persino pericoloso nella propria ostentazione di velleità mai prossime alla concretizzazione.

Info
Il trailer de La buca.
  • la-buca-daniele-cipr---01.jpg
  • la-buca-daniele-cipr---02.jpg
  • la-buca-daniele-cipr---03.jpg
  • la-buca-daniele-cipr---04.jpg

Articoli correlati

  • Interviste

    Intervista a Franco MarescoIntervista a Franco Maresco

    In occasione dell'uscita nelle sale di Belluscone, dopo il successo veneziano, abbiamo intervistato Franco Maresco, per parlare del film e della sua idea di cinema e di arte.
  • Archivio

    Belluscone, una storia siciliana RecensioneBelluscone, una storia siciliana

    di Il Belluscone di Franco Maresco è il simbolo di un cinema irrimediabilmente ghettizzato, escluso dal proscenio nazionale, costretto all’esilio. Divertente e allo stesso tempo amaro, fondamentale e già dimenticato.
  • Archivio

    È stato il figlio

    di La famiglia Ciraulo, che vive in povertà nel quartiere Zen di Palermo, perde la figlia più piccola per un proiettile vacante durante una sparatoria tra mafiosi. Come risarcimento per la perdita, i Ciraulo ottengono svariati milioni dallo Stato...
  • Archivio

    Venuto al mondo

    di Tratto dal romanzo omonimo di Margaret Mazzantini, Venuto al mondo è la quarta regia di Sergio Castellitto: un film, ambientato negli anni della guerra nella ex Jugoslavia, che è appesantito da un racconto macchinoso tempestato di flashback.
  • Venezia 2015

    Gli uomini di questa città io non li conosco. Vita e teatro di Franco Scaldati

    di A un anno da Belluscone, Franco Maresco torna al Lido con un film di nero pessimismo che si costruisce come un nuovo elogio della sconfitta: Gli uomini di questa città io non li conosco. Vita e teatro di Franco Scaldati, dedicato al poeta, drammaturgo, regista e attore palermitano scomparso poco più di due anni fa.
  • Cult

    Dark Waters

    di L'horror cult diretto nel 1993 dal napoletano Mariano Baino è ancora pressoché sconosciuto. Riscoprirlo a oltre venti anni dalla sua realizzazione permette di coglierne l'assoluta unicità, anche nel rispetto dei canoni del genere.
  • Cult

    lo zio di brooklyn recensioneLo zio di Brooklyn

    di , Lo zio di Brooklyn è una bomba che colpisce e devasta l'immaginario e la prassi del cinema italiano. Franco Maresco e Daniele Ciprì, riprendendo il discorso già affrontato con Cinico TV filmano un UFO, un alieno dal corpo slabbrato e volutamente episodico. Un capolavoro.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento