Toy Story of Terror!

Toy Story of Terror!

di

MacLane ci regala una rivisitazione della sequenza della doccia di Psyco, affida al pedante Pricklepants la puntuale analisi del genere horror/thiller, mantiene elevato il ritmo e la tensione. Ma soprattutto coglie in pieno lo spirito della saga di Toy Story, veicolando con Toy Story of Terror! temi impegnativi e complessi (le fobie, l’abbandono, la fiducia in se stessi) per un pubblico di bambini e ragazzini.

Jessie non si arrende mai, Jessie trova sempre un modo!

Woody, Buzz, Jessie, Rex, Mister Potato, Trixie e Pricklepants sono in viaggio con Bonnie e la madre. Durante il viaggio, nel bagagliaio della macchina, i giocattoli guardano un film dell’orrore. A causa di una foratura, Bonnie e la sua mamma devono fermarsi al DormiBene, un motel dall’aria un po’ sinistra. Rimasti in camera, i giocattoli decidono di curiosare in giro: il primo ad avventurarsi è Mister Potato, che però sparisce misteriosamente. Tutti i giocattoli escono dalla valigia, tranne Jessie. Colta da un attacco di claustrofobia, la cow girl corre fuori e incontra i suoi amici, ma di Potato ancora non c’è traccia: si percepisce però la presenza di una misteriosa creatura che si muove nell’oscurità… [sinossi]

Anno dopo anno, cortometraggio dopo cortometraggio, Angus MacLane ha scalato la piramide pixariana, tanto da arrivare ad affiancare Andrew Stanton alla regia del lungometraggio Alla ricerca di Dory. Un punto d’arrivo, senza dubbio. Eppure, almeno per il momento, è il viaggio a essere più interessante: assunto nel 1997, MacLane ha lavorato come animatore in buona parte dei titoli Pixar e ha scritto e diretto Burn-E (2008), Buzz a sorpresa (2011) e soprattutto Toy Story of Terror! (2013). Animatore in Toy Story 3 – La grande fuga, lo ritroviamo come supervisore dell’animazione in Vacanze hawaiiane (2011), uno dei tre Toy Story Toons realizzati tra 2011 e 2012. Insomma, una carriera legata in maniera significativa all’universo narrativo di Buzz e Woody [1].

Da Buzz a sorpresa a Toy Story of Terror! il passo è abbastanza lungo. A differenza dei Toy Story Toons, gli speciali televisivi possono vantare una struttura narrativa ambiziosa e un respiro cinematografico. Rispetto all’avventuroso e spettacolare Toy Story: Tutto un altro mondo (2014) di Steve Purcell, il cortometraggio di MacLane non tradisce le premesse del titolo e l’atmosfera richiesta da uno speciale trasmesso in occasione di Halloween, architettando una vera e propria storia del terrore in miniatura. Nulla di cui stupirsi, viste le suggestioni orrorifiche che già percorrevano Toy Story 3.
Come si conviene ai corti che gravitano attorno alla saga cinematografica, Buzz e Woody fanno un passo indietro, lasciando il ruolo di protagonista alla cow girl Jessie, personaggio che nei lungometraggi era stato ampiamente delineato e approfondito. Bastano quindi poche pennellate a MacLane per focalizzarsi sulla claustrofobia di Jessie, da sempre terrorizzata dalla solitudine: spariti uno a uno i suoi compagni, come in un perfetto meccanismo alla Agatha Christie, Jessie dovrà chiaramente affrontare le sue paure e risolverle molto rapidamente…

Realizzato con la consueta perizia tecnico-artistica, Toy Story of Terror! trabocca di citazioni interne ed esterne, spesso microscopiche (si vedano le date di spedizione dei pacchi, l’acquirente online di Woody, una serie di adesivi sparsi tra la macchina e il motel), e regala nuovi personaggi. Su tutti, il roccioso Combat Carl, coprotagonista del corto e ispirato alla celeberrima serie di action figure G.I. Joe della Hasbro, doppiato nella versione originale da Carl Weathers (e quindi Predator, il mostro alieno e via discorrendo) e accompagnato dalla sua combattiva versione in miniatura Combat Carl Junior. Meritano almeno una citazione il fulmineo iguana Mister Jones; l’imponente robot Transitron, altro omaggio a un classico gioco della Hasbro; il buffo e paffuto supereroe Pocketeer; il dispenser di caramelline Pez Cat.
MacLane ci regala una rivisitazione della sequenza della doccia di Psyco, affida al pedante Pricklepants la puntuale analisi del genere horror/thiller, mantiene elevato il ritmo e la tensione. Ma soprattutto coglie in pieno lo spirito della saga di Toy Story, veicolando temi impegnativi e complessi (le fobie, l’abbandono, la fiducia in se stessi) per un pubblico di bambini e ragazzini. Speriamo di ritrovare in futuro Combat Carl…

Note
1. Nella corposa filmografia di MacLane troviamo anche Il gioco di Geri (1997), A Bug’s Life – Megaminimondo (1998), Toy Story 2 – Woody & Buzz alla riscossa (1999), Pennuti spennati (2000), Monsters & Co. (2001), Alla ricerca di Nemo (2003), Gli Incredibili – Una normale famiglia di supereroi (2004), One Man Band (2005), Cars – Motori ruggenti (2006), Ratatouille (2007), WALL·E (2008) e Up (2009).
Info
Il sito ufficiale di Toy Story of Terror!
Il trailer originale di Toy Story of Terror!
  • Toy-Story-of-Terror-2013-Angus-MacLane-01.jpeg
  • Toy-Story-of-Terror-2013-Angus-MacLane-02.jpeg
  • Toy-Story-of-Terror-2013-Angus-MacLane-03.jpeg
  • Toy-Story-of-Terror-2013-Angus-MacLane-04.jpeg
  • Toy-Story-of-Terror-2013-Angus-MacLane-05.jpeg
  • Toy-Story-of-Terror-2013-Angus-MacLane-06.jpeg
  • Toy-Story-of-Terror-2013-Angus-MacLane-07.jpeg
  • Toy-Story-of-Terror-2013-Angus-MacLane-08.jpeg

Articoli correlati

  • Animazione

    Toy Story Tutto un altro mondo Recensione | Quinlan.itToy Story – Tutto un altro mondo

    di Special televisivo scritto e diretto da Steve Purcell nel 2014, Toy Story - Tutto un altro mondo è una giocosa avventura dai contorni fantasy in grado di condensare e riproporre in una ventina di minuti alcuni dei temi chiave dell'universo immaginifico pixariano.
  • Animazione

    Coco

    di , Ridotto all'osso, l'impianto narrativo di Coco si rivela piuttosto semplice, molto classico. Ma è appunto questa la parola ricorrente e magica, quel punto d'arrivo inseguito per anni da Lasseter e soci: classico, Classici. Coco è un “Classico della Pixar”.
  • Animazione

    Cars 3

    di La saga dell’automobile da corsa Saetta McQueen giunge con Cars 3 a un episodio dichiaratamente “autunnale”, gravato tuttavia da un fastidioso sentore di operazione costruita a tavolino.
  • Animazione

    alla-ricerca-di-doryAlla ricerca di Dory

    di , Tredici anni dopo le avventure di Nemo, Lasseter e soci cercano di trovare il giusto equilibrio tra creatività e corsa al box office. I pixel sfavillanti, l'elogio della diversità e i buoni sentimenti declinati in uno script vivace non cancellano però le perplessità sulle scelte e sul futuro creativo della Pixar.
  • Animazione

    Inside Out RecensioneInside Out

    di , In una fase produttiva contrassegnata da troppi sequel, la Pixar ritrova in Pete Docter e nel suo Inside Out le certezze degli anni passati. Una pellicola sfavillante nei colori, nel ritmo e nella scrittura, come sempre pensata, calibrata e realizzata per essere family friendly dal primo all’ultimo pixel.
  • Animazione

    Monsters University

    di Mike Wazowski e James P. Sullivan e i loro anni di college. La Pixar colpisce ancora con il prequel Monsters University, diretto da Dan Scanlon.
  • Animazione

    Monsters & Co. 3D

    di , , Mostropoli è una ridente città dove risiedono mostri di ogni tipo. Sulley e Mike sono il miglior team di spavento alla Monsters & Co...
  • Animazione

    Alla ricerca di Nemo 3D

    di , Il lungo e avventuroso viaggio del pesce pagliaccio Marlin, un padre eccessivamente protettivo, e di suo figlio Nemo. I due si separano nella Grande Barriera Corallina quando Nemo viene inaspettatamente strappato alla propria amata casa...
  • Animazione

    Ribelle – The Brave

    di , In un'aspra e mitica Scozia, l'irruente Merida, figlia di re Fergus e della regina Elinor, preferirebbe diventare arciere, un desiderio che contrasta con le aspettative che sua madre ha per lei...
  • Animazione

    Cars 2 RecensioneCars 2

    di , La popolare macchina da corsa Saetta McQueen e il suo incomparabile carro attrezzi Cricchetto devono attraversare l’oceano per partecipare al primissimo Grand Prix Mondiale...
  • Animazione

    Toy Story 3 RecensioneToy Story 3 – La grande fuga

    di Il sapore agrodolce di Toy Story 3, nella sua armoniosità conclusiva, è assai più gustoso dell'inutile e intestardito replicarsi delle saghe della Dreamworks, con l'orco Shrek, il panda Po e i viziati animali newyorchesi...
  • Notizie

    Il ruggito della Pixar

    La consegna del Leone d’Oro alla carriera a John Lasseter, Peter Docter, Andrew Stenton, Lee Unkrich e Brad Bird consacra artisticamente il lavoro e gli uomini chiave della Pixar. L'avventura continua...
  • Animazione

    Up-Pixar-2009Up

    di , Carl Fredricksen è un anziano signore che per tutta la vita ha sognato di girare il mondo, ma ha dovuto scontrarsi coi problemi della realtà quotidiana come le bollette e gli acciacchi dell'età. Quando la vita sembra non offrirgli più tempo per realizzare il suo sogno...
  • Animazione

    WALL-E RecensioneWALL-E

    di Nella sua prima parte, WALL-E vive sul racconto visivo, sulle espressioni dei tre personaggi. Due robot e un insetto. Nessuna parola, solo suoni. In questo senso, WALL-E è un prodigioso atto di coraggio.
  • Animazione

    Gli Incredibili 2 RecensioneGli Incredibili 2

    di Il ritorno della famiglia Parr non fuga i dubbi sul nuovo corso della Pixar, su una modalità produttiva assai distante dagli anni Novanta e Duemila e sempre più prossima alla castrante politica disneyana.
  • In sala

    Dragon Trainer - Il mondo nascosto RecensioneDragon Trainer – Il mondo nascosto

    di Una delle saghe animate di maggior successo dell’ultimo decennio arriva con Dragon Trainer - Il mondo nascosto al suo ultimo (ipotetico) episodio. Un capitolo che nulla aggiunge o toglie a una trilogia nata già, di suo, col fiato corto.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento