Alla ricerca di Nemo 3D

Alla ricerca di Nemo 3D

di ,

Sono passati quasi dieci anni e lo splendore tecnico e visivo di Alla ricerca di Nemo sembra rimasto intatto, abbagliante e sorprendente nonostante i passi in avanti della computer grafica. Nella sua dimensione di film per famiglie, Nemo è praticamente perfetto, anche se non riesce a raggiungere le vette artistiche di Wall-e e Up o il ritmo e la sagacia de Gli Incredibili.

Zitto e nuota, e nuota e nuota

Il lungo e avventuroso viaggio del pesce pagliaccio Marlin, un padre eccessivamente protettivo, e di suo figlio Nemo. I due si separano nella Grande Barriera Corallina quando Nemo viene inaspettatamente strappato alla propria amata casa, il mare, per finire rocambolescamente nell’acquario dello studio di un dentista. Incoraggiato dalla compagnia di Dory, un amichevole ma smemorato pesce tropicale, Marlin inizia un viaggio pieno zeppo di insidie… [sinossi]

Sono passati quasi dieci anni e lo splendore tecnico e visivo di Alla ricerca di Nemo (Finding Nemo, 2003) sembra rimasto intatto, abbagliante e sorprendente nonostante i passi in avanti della computer grafica. Rivedere nelle sale cinematografiche il lungometraggio firmato da Andrew Stanton e Lee Unkrich è, almeno in buona parte, rassicurante: i fondali marini, ben supportati dal 3D, sono ancora una gioia per gli occhi e questa avventura pensata per grandi e piccini gira a pieno ritmo, divertente e commovente. Si ride piacevolmente per personaggi e battute che fanno oramai parte dell’immaginario del nuovo millennio: Dori, il balenese, le tartarughe che ripetono almeno trenta volte “bello”, lo squalo con seri problemi di alimentazione e via discorrendo. E può scappare qualche lacrimuccia per l’incipit inatteso, cupo, o magari per il finale. Nella sua dimensione di film per famiglie, Alla ricerca di Nemo è praticamente perfetto, anche se non riesce a raggiungere le vette  artistiche di Wall-e (almeno nella prima parte, straordinaria) e Up (il flashback strappalacrime) o il ritmo e la sagacia de Gli Incredibili. Ma sono dettagli, il viaggio dei pesci pagliaccio Nemo e Marlin, eroe involontario di una quest che non risparmia squali e bombe di profondità, è oramai patrimonio comune, un classico. Come quelli della Disney di zio Walt e poco più in là, da Biancaneve e i sette nani a Le avventure di Bianca e Bernie [1].

Ecco, appunto, la Disney e i classici. A voler vedere il bicchiere mezzo vuoto, e guardando ad alcuni progetti passati (Cars 2) e futuri (ancora sequel, persino Finding Dory annunciato per il 2016), qualche dubbio ci assale. Il 3D è un orpello gradevole che rinfresca l’impatto estetico e visivo della pellicola, indubbiamente più funzionale rispetto alle versioni tridimensionali di Toy Story – Il mondo dei giocattoli (1995) e Toy Story 2 – Woody & Buzz alla riscossa (1999) [2], ma la strategia della Pixar, diavolerie tecniche a parte, non si discosta dalle consuetudini che furono della Disney: sommando i classici e i sequel ai risultati meno convincenti di Cars 2 e Ribelle – The Brave, non si può non iniziare a intravvedere una flessione. Pur difendendo a spada tratta la trilogia di Toy Story, conclusa nel migliore dei modi con Toy Story 3 – La grande fuga, sappiamo quanto sia pericoloso il tunnel dei secondi o terzi (o quarti) capitoli. Nel poco convincente panorama dell’animazione in computer grafica, ingolfato dai cloni della DreamWorks e della Blue Sky, l’unica attuale ancora di salvezza è la Pixar. Speriamo bene.

Merita almeno un accenno lo spassoso cortometraggio che precede Alla ricerca di Nemo. Diretto da Mark Walsh, Non c’è festa senza Rex (Partysaurus Rex) è uno spin-off di Toy Story che celebra in un crescendo travolgente il personaggio del dinosauro, già protagonista di numerose gag nei lungometraggi [3].

Note
1. Poi sono arrivati Red e Toby – Nemiciamici (1981) e, soprattutto, Taron e la pentola magica (1985) e di classico è restato poco…
2. In Italia le versioni 3D dei primi due capitoli della trilogia sono usciti direttamente in home video, dopo essere stati presentati su grande schermo al Future Film Festival di Bologna.
3. I precedenti spin-off sono i corti Hawaiian Vacation (2011) di Gary Rydstrom e Small Fry (2011) di Angus MacLane.
Info
Il sito ufficiale di Alla ricerca di Nemo.
Alla ricerca di Nemo su facebook.
Il trailer italiano di Alla ricerca di Nemo.
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-01.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-02.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-03.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-04.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-05.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-06.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-07.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-08.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-09.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-10.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-11.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-12.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-13.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-14.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-15.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-16.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-17.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-18.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-19.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-20.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-21.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-22.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-23.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-24.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-25.jpg
  • alla-ricerca-di-nemo-2003-Andrew-Stanton-Lee-Unkrich-26.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Inside Out RecensioneInside Out

    di , In una fase produttiva contrassegnata da troppi sequel, la Pixar ritrova in Pete Docter e nel suo Inside Out le certezze degli anni passati. Una pellicola sfavillante nei colori, nel ritmo e nella scrittura, come sempre pensata, calibrata e realizzata per essere family friendly dal primo all’ultimo pixel.
  • Animazione

    Monsters University

    di Mike Wazowski e James P. Sullivan e i loro anni di college. La Pixar colpisce ancora con il prequel Monsters University, diretto da Dan Scanlon.
  • Animazione

    Monsters & Co. 3D

    di , , Mostropoli è una ridente città dove risiedono mostri di ogni tipo. Sulley e Mike sono il miglior team di spavento alla Monsters & Co...
  • Animazione

    Padak RecensionePadak

    di Uno sgombro è preso in una rete da pesca e portato nell'acquario di un ristorante di pesce crudo. Appena arrivato nell'acquario, tenta in qualsiasi maniera di scappare...
  • Animazione

    Ribelle – The Brave

    di , In un'aspra e mitica Scozia, l'irruente Merida, figlia di re Fergus e della regina Elinor, preferirebbe diventare arciere, un desiderio che contrasta con le aspettative che sua madre ha per lei...
  • Archivio

    John Carter

    di John Carter viene inspiegabilmente trasportato su Marte, dove si ritrova coinvolto in un conflitto di proporzioni epiche tra gli abitanti del pianeta, inclusi Tars Tarkas e l'affascinante principessa Dejah Thoris...
  • Animazione

    Cars 2 RecensioneCars 2

    di , La popolare macchina da corsa Saetta McQueen e il suo incomparabile carro attrezzi Cricchetto devono attraversare l’oceano per partecipare al primissimo Grand Prix Mondiale...
  • Animazione

    Toy Story 3 RecensioneToy Story 3 – La grande fuga

    di Il sapore agrodolce di Toy Story 3, nella sua armoniosità conclusiva, è assai più gustoso dell'inutile e intestardito replicarsi delle saghe della Dreamworks, con l'orco Shrek, il panda Po e i viziati animali newyorchesi...
  • Notizie

    Il ruggito della Pixar

    La consegna del Leone d’Oro alla carriera a John Lasseter, Peter Docter, Andrew Stenton, Lee Unkrich e Brad Bird consacra artisticamente il lavoro e gli uomini chiave della Pixar. L'avventura continua...
  • Animazione

    Up-Pixar-2009Up

    di , Carl Fredricksen è un anziano signore che per tutta la vita ha sognato di girare il mondo, ma ha dovuto scontrarsi coi problemi della realtà quotidiana come le bollette e gli acciacchi dell'età. Quando la vita sembra non offrirgli più tempo per realizzare il suo sogno...
  • Animazione

    WALL-E RecensioneWALL-E

    di Nella sua prima parte, WALL-E vive sul racconto visivo, sulle espressioni dei tre personaggi. Due robot e un insetto. Nessuna parola, solo suoni. In questo senso, WALL-E è un prodigioso atto di coraggio.
  • Animazione

    Epic – Il mondo segreto

    di Mary Katherine, un'adolescente che ha perso la madre e che deve ricucire il rapporto con l'eccentrico padre, scopre casualmente un mondo fantastico nel bosco...
  • Animazione

    Bolt – Un eroe a quattro zampe

    di , Per il supercane Bolt ogni giorno è pieno di avventure e pericoli, almeno fino a quando le cineprese sono in funzione. Quando viene mandato per sbaglio dal suo teatro di posa di Hollywood a New York, inizia la sua più grande avventura...
  • Festival

    Festival di Roma 2015Roma 2015

    Il Festival del Film di Roma 2015, dal 16 al 24 ottobre, giunto alla decima edizione. Come già l'anno scorso, si conferma il ritorno all'idea di Festa. Con quali risultati?
  • Animazione

    alla-ricerca-di-doryAlla ricerca di Dory

    di , Tredici anni dopo le avventure di Nemo, Lasseter e soci cercano di trovare il giusto equilibrio tra creatività e corsa al box office. I pixel sfavillanti, l'elogio della diversità e i buoni sentimenti declinati in uno script vivace non cancellano però le perplessità sulle scelte e sul futuro creativo della Pixar.
  • Roma 2016

    Cicogne in missione RecensioneCicogne in missione

    di , Evanescente quanto innocuo, Cicogne in missione soffre in parte dei suoi (dichiarati) limiti di concezione, ma anche di una sceneggiatura che non si preoccupa della coerenza e della credibilità del suo universo.
  • Animazione

    Coco

    di , Ridotto all'osso, l'impianto narrativo di Coco si rivela piuttosto semplice, molto classico. Ma è appunto questa la parola ricorrente e magica, quel punto d'arrivo inseguito per anni da Lasseter e soci: classico, Classici. Coco è un “Classico della Pixar”.
  • Animazione

    Toy Story Tutto un altro mondo Recensione | Quinlan.itToy Story – Tutto un altro mondo

    di Special televisivo scritto e diretto da Steve Purcell nel 2014, Toy Story - Tutto un altro mondo è una giocosa avventura dai contorni fantasy in grado di condensare e riproporre in una ventina di minuti alcuni dei temi chiave dell'universo immaginifico pixariano.
  • Animazione

    Toy Story of Terror RecensioneToy Story of Terror!

    di MacLane ci regala una rivisitazione della sequenza della doccia di Psyco, affida al pedante Pricklepants la puntuale analisi del genere horror/thiller, mantiene elevato il ritmo e la tensione. Ma soprattutto coglie in pieno lo spirito della saga di Toy Story...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento