Coco

Ridotto all’osso, l’impianto narrativo di Coco si rivela piuttosto semplice, molto classico. Ma è appunto questa la parola ricorrente e magica, quel punto d’arrivo inseguito per anni da Lasseter e soci: classico, Classici. Coco è un “Classico della Pixar”. Un tripudio di colori, di gioia e lacrime, di acrobazie. Un moltiplicarsi di dettagli, con una complessità cromatica quasi escheriana. Un carnevale che non si placa mai. La fantasmagoria al potere. Spettacolo e sentimenti, sentimenti e spettacolo. Una ricetta senza tempo.

Per chi suona la campana

Il giovane Miguel ha un sogno: diventare un celebre musicista come il suo idolo Ernesto de la Cruz e non capisce perché in famiglia sia severamente bandita qualsiasi forma di musica, da generazioni. Desideroso di dimostrare il proprio talento, a seguito di una misteriosa serie di eventi Miguel finisce per ritrovarsi nella sorprendente e variopinta Terra dell’Aldilà. Lungo il cammino si imbatte nel simpatico e truffaldino Hector; insieme intraprenderanno uno straordinario viaggio alla scoperta della storia, mai raccontata, della famiglia di Miguel… [sinossi]

In un decennio intriso di sequel e prequel, Coco sarebbe da abbracciare e coccolare a scatola chiusa. Un intenso decennio, pellicola dopo pellicola, stagione dopo stagione: come ampiamente pianificato, la Pixar avrà sfornato dal 2009 di Up al 2019 di Toy Story 4 cinque storie originali e sette secondi, terzi o addirittura quarti episodi [1]. Il confronto con il periodo 1995-2008 ci suggerisce qualche semplice considerazione numerica: da Toy Story – Il mondo dei giocattoli (1995) a WALL•E (2008), la Pixar aveva realizzato un solo sequel di pregevolissima fattura e otto storie originali [2]. Nove lungometraggi in tredici anni, contro i dodici titoli del decennio 2009-2019. La disneyzzazione è passata anche attraverso la ferrea cadenza annuale, come per lo sfruttamento intensivo dei defunti Classici negli anni Ottanta, Novanta e Duemila [3].

La lunga e interminabile stagione dei sequel et similia non è questione puramente disneyana, ma attanaglia evidentemente buona parte di Hollywood. E non solo. Premesso questo, torniamo alla Pixar/Disney aggiungendo che la stessa analisi e lettura delle dinamiche della Casa del Topo è piuttosto complessa, vista la natura più che stratificata e multiforme del colosso nordamericano – tanto per dire, mentre gli eredi inconsolabili di zio Walt arrancavano su Red e Toby nemiciamici (1981) e Taron e la pentola magica (1985), sul fronte live action spuntavano solidi fantasy come Il drago del lago di fuoco (1981), l’ineguagliabile sci-fi Tron (1982) e l’orrorifico Qualcosa di sinistro sta per accadere (1983). Chiusa la parentesi della complessità e dei buoni e ottimi titoli, siamo costretti a tornare alla disneyzzazione e ai suoi effetti sul lungo periodo e sui singoli titoli. Coco compreso.
Diretto da Lee Unkrich e Adrian Molina, Coco si accoda al nuovo corso marcatamente family friendly, contrassegnato da una ancor più focalizzata attenzione per la famiglia, con annessi e connessi. Anche in questo caso, tra WALL•E e Up si potrebbe tracciare una linea. Una linea sottile, senza dubbio, che tiene conto della centralità della famiglia nella poetica della Pixar fin dal 1995, ma che adesso appare sempre più lampante e normalizzata nelle storie originali (un piccolo paradosso, visto che in un certo senso prequel e sequel godono di maggiore libertà). La declinazione della famiglia è, in sostanza, la base di partenza della narrazione pixariana, la struttura portante. Disposte le solide fondamenta, gli sceneggiatori possono muoversi tra microcosmi immaginifici alla Inside Out o l’aldilà ultra-cromatico di Coco, ma a passare alla fine è il cucciolo di dinosauro che torna da mamma e papà; Riley, con le sue cinque emozioni e il solito focolare domestico; il nipotino ribelle che rimette insieme i pezzi di una famiglia tradizionalissima…

L’anima tradizionalista della Pixar, come le sue uscite annuali, il merchandising e le scalate al box office, non è dissimile da quella della Casa del Topo che ha sempre distillato con cura innovazione e tradizione, passato e futuro, piglio conservatore e aperture al cambiamento. E se lo Studio Ghibli è sempre stato un faro tecnico-artistico-narrativo per Lasseter e soci, è la Disney il naturale e genetico punto di partenza e di arrivo. Insomma, la famiglia pixariana è un po’ la principessa disneyana, una sorta di mano tesa a un pubblico assetato di calorose rassicurazioni, pronto a immedesimarsi, commuoversi e stringersi in un emblematico abbraccio collettivo.
Coco rientra ampiamente in questo canone. Anzi, in un certo senso ci riporta alla prima fase dei Classici disneyani, alle sperimentazioni cromatiche e musicali del dittico Saludos Amigos (1942) e I tre caballeros (1944), che erano pellicole con intenti anche politici, veicoli per rinsaldare rapporti diplomatici, sondare e conquistare altri mercati, unire e non dividere. Ecco, unire e non dividere: è difficile restare indifferenti al Messico di Coco in questa prima era Trump. In maniera piuttosto sorprendente, Coco è anche un film politico, o quantomeno un veicolo molto utile per scavalcare pregiudizi e abbattere folli muri. La forza persuasiva e tradizionalista della Pixar/Disney passa anche attraverso queste piccole battaglie.

Destinato a essere apprezzato in lungo e in largo e a sbancare il box office internazionale, il film di Unkrich e Molina si immerge senza freni nel sovrabbondante immaginario del Día de Muertos, celeberrima festa dei defunti della cultura messicana – si veda il recente e affine Il libro della vita (2014) di Jorge R. Gutierrez, prodotto da Guillermo del Toro. Un’occasione più che propizia per scatenare tutti i pixel che la Pixar ha affinato nel corso degli anni: dal punto di vista visivo, Coco è infatti un lavoro sontuoso, abbacinante, la cartina tornasole di un miglioramento tecnico-artistico continuo e incessante. Gli artisti della Pixar rielaborano un immaginario già esistente, ne amplificano la portata spettacolare, erigono davanti ai nostri occhi una possibile e indescrivibile città dei morti, una città incantata. E lo fanno seguendo il ritmo accelerato di un’avventura musicale (non musical, quello è terreno disneyano), adattando character design che già si erano rivelati utilissimi, riecheggiando gli altri mondi già sondati da zio Walt (The Skeleton Dance, 1929) e dal dittico burtoniano Nightmare Before Christmas (1993) e La sposa cadavere (2005).
Unkrich e Molina non pescano a piene mani solo dai classici e da Harryhausen, ma attingono sistematicamente dal verbo e dalla prassi pixariana: Coco è Up. Lo è nel riutilizzo del personaggio dell’esploratore Charles Muntz, qui plasmato narrativamente e graficamente nel cantante-idolo Ernesto de la Cruz; lo è in tanti piccoli aspetti, dal design deformed della nonna al ruolo e alla caratterizzazione del cane, alle dinamiche narrative e ai suoi snodi facilmente intuibili.

Ridotto all’osso, l’impianto narrativo di Coco si rivela piuttosto semplice, molto classico. Ma è appunto questa la parola ricorrente e magica, quel punto d’arrivo inseguito per anni da Lasseter: classico, Classici. Non Alla ricerca di Dory, non Cars 3. Coco è finalmente un “Classico della Pixar”. E con estrema consapevolezza, tanto da saper sviluppare su un solido canovaccio (la famiglia, le aspirazioni e i desideri, il ricordo dei trapassati, le ricorrenze e via discorrendo) una sovrastruttura spettacolare debordante, vivissima, pulsante e festante in ogni suo pixel. Un tripudio di colori, di gioia e lacrime, di acrobazie. Un moltiplicarsi di dettagli, con una complessità cromatica quasi escheriana. Un carnevale che non si placa mai. La fantasmagoria al potere. Spettacolo e sentimenti, sentimenti e spettacolo. Una ricetta senza tempo.

Certo, non siamo nelle prima parte di WALL•E, calati in quel silenzio spiazzante e poetico, davvero imprevedibile. Non siamo nemmeno nell’universo spumeggiante di Toy Story, manca lo stupore narrativo, l’inattesa deriva comica di Toy Story 2 o le pennellate orrorifiche di Toy Story 3. Coco si muove su un piano leggermente diverso, vuole stupirci soprattutto con la sua grandeur visiva, tenerci impegnati col ritmo tonitruante, strapparci più di una inevitabile lacrima col grimaldello del ricordo (anche col ricordo di altre lacrime pixariane). Ci riesce perfettamente.

Note
1. Le cinque storie originali sono Up, Ribelle – The Brave (2012), Inside Out (2015), Il viaggio di Arlo (2015) e Coco (2017). Sette i sequel/prequel: Toy Story 3 – La grande fuga (2010), Cars 2 (2011), Monsters University (2013), Alla ricerca di Dory (2016), Cars 3 (2017), Gli Incredibili 2 (2018) e Toy Story 4.
2. Il sequel è Toy Story 2 – Woody e Buzz alla riscossa (1999) e le otto storie originali sono Toy Story, A Bug’s Life – Megaminimondo (1998), Monsters & Co. (2001), Alla ricerca di Nemo (2003), Gli Incredibili – Una “normale” famiglia di supereroi (2004), Cars – Motori ruggenti (2006), Ratatouille (2007) e WALL•E.
3. Dopo il primo brusco stop dell’animazione tradizionale (Mucche alla riscossa, 2005), l’animazione tradizionale disneyana chiude definitivamente i battenti nonostante la buona resa de La principessa e il ranocchio (2009) e il gioiellino Winnie the Pooh – Nuove avventure nel Bosco dei 100 Acri (2011). Trovato il bandolo della matassa della computer grafica dopo qualche imbarazzante tentativo e i primi raggi di sole, la Casa del Topo ha innestato la consueta marcia da Rapunzel – L’intreccio della torre (2010), e coi successivi Ralph Spaccatutto (2012), Frozen – Il regno di ghiaccio (2013), Big Hero 6 (2014), Zootropolis (2016) e Oceania (2016), potendo così contare sul doppio binario Pixar e Disney.
Info
Il sito ufficiale di Coco.
Il trailer italiano di Coco.
La pagina facebook di Coco.
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-00.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-01.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-02.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-03.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-04.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-05.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-06.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-07.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-08.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-09.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-10.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-11.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-12.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-13.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-15.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-16.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-18.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-20.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-21.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-24.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-25.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-27.jpg
  • Coco-2017-Lee-Unkrich-Adrian-Molina-30.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Cars 3

    di La saga dell’automobile da corsa Saetta McQueen giunge con Cars 3 a un episodio dichiaratamente “autunnale”, gravato tuttavia da un fastidioso sentore di operazione costruita a tavolino.
  • Animazione

    Oceania

    di , , , Complesso e stratificato, più innovativo di quanto non possa apparire a prima vista, Oceania è probabilmente il miglior prodotto Disney da diversi anni a questa parte, un felice esempio di convivenza di passato e futuro per il colosso americano.
  • Animazione

    alla-ricerca-di-doryAlla ricerca di Dory

    di , Tredici anni dopo le avventure di Nemo, Lasseter e soci cercano di trovare il giusto equilibrio tra creatività e corsa al box office. I pixel sfavillanti, l'elogio della diversità e i buoni sentimenti declinati in uno script vivace non cancellano però le perplessità sulle scelte e sul futuro creativo della Pixar.
  • Animazione

    Zootropolis RecensioneZootropolis

    di , Film d'animazione tradizionale nei temi, quanto moderno nella confezione, Zootropolis si inserisce bene nel nuovo corso Disney, giocando in modo non banale coi temi della diversità e dello stigma sociale.
  • Animazione

    Inside Out RecensioneInside Out

    di , In una fase produttiva contrassegnata da troppi sequel, la Pixar ritrova in Pete Docter e nel suo Inside Out le certezze degli anni passati. Una pellicola sfavillante nei colori, nel ritmo e nella scrittura, come sempre pensata, calibrata e realizzata per essere family friendly dal primo all’ultimo pixel.
  • Animazione

    Big Hero 6

    di , Destinato a radere al suolo il box office, Big Hero 6 mette in mostra ragguardevoli caratteristiche tecnico-artistiche e avvincenti sequenze action. Divertente, a tratti commovente, il 50° classico della Disney sacrifica però lo sviluppo narrativo...
  • Animazione

    Frozen – Il regno di ghiaccio

    di , La Disney riporta in auge una delle fiabe più note di Hans Christian Andersen, già alla base del capolavoro di Lev Atamov.
  • Animazione

    Monsters University

    di Mike Wazowski e James P. Sullivan e i loro anni di college. La Pixar colpisce ancora con il prequel Monsters University, diretto da Dan Scanlon.
  • Animazione

    Monsters & Co. 3D

    di , , Mostropoli è una ridente città dove risiedono mostri di ogni tipo. Sulley e Mike sono il miglior team di spavento alla Monsters & Co...
  • Animazione

    Ralph Spaccatutto

    di Ralph è il cattivo del videogioco Felix Aggiustatutto e per 30 anni è stato messo in ombra da Felix, il “bravo ragazzo” che ogni volta finisce per salvare la situazione...
  • Animazione

    Alla ricerca di Nemo 3D

    di , Il lungo e avventuroso viaggio del pesce pagliaccio Marlin, un padre eccessivamente protettivo, e di suo figlio Nemo. I due si separano nella Grande Barriera Corallina quando Nemo viene inaspettatamente strappato alla propria amata casa...
  • Animazione

    Ribelle – The Brave

    di , In un'aspra e mitica Scozia, l'irruente Merida, figlia di re Fergus e della regina Elinor, preferirebbe diventare arciere, un desiderio che contrasta con le aspettative che sua madre ha per lei...
  • Animazione

    Cars 2 RecensioneCars 2

    di , La popolare macchina da corsa Saetta McQueen e il suo incomparabile carro attrezzi Cricchetto devono attraversare l’oceano per partecipare al primissimo Grand Prix Mondiale...
  • Animazione

    Winnie the Pooh - Nuove avventure nel Bosco dei 100 acri RecensioneWinnie the Pooh – Nuove avventure nel Bosco dei 100 acri

    di , Arrivano nuove avventure per il filosofico Winnie the Pooh, orsetto dal cervello molto piccolo, e i suoi amici Tigro, Tappo, Pimpi, Kanga, Ro e per ultimo, ma non certo in ordine di importanza, Ih-Oh, che ha smarrito la sua coda...
  • Animazione

    Rapunzel – L’intreccio della torre

    di , Flynn Rider, il bandito più ricercato e più affascinante del regno, si ritrova costretto a stringere un patto con una ragazza dai lunghissimi capelli d'oro che vive imprigionata all'interno di una torre...
  • Animazione

    Toy Story 3 RecensioneToy Story 3 – La grande fuga

    di Il sapore agrodolce di Toy Story 3, nella sua armoniosità conclusiva, è assai più gustoso dell'inutile e intestardito replicarsi delle saghe della Dreamworks, con l'orco Shrek, il panda Po e i viziati animali newyorchesi...
  • Animazione

    La principessa e il ranocchio RecensioneLa principessa e il ranocchio

    di , Il principe Naveen, accompagnato dal valletto Lawrence, arriva a New Orleans in cerca di jazz, ma si imbatte nel malvagio Dr. Facilier, uno stregone voodoo che lo tramuta in un ranocchio...
  • Notizie

    Il ruggito della Pixar

    La consegna del Leone d’Oro alla carriera a John Lasseter, Peter Docter, Andrew Stenton, Lee Unkrich e Brad Bird consacra artisticamente il lavoro e gli uomini chiave della Pixar. L'avventura continua...
  • Animazione

    Up-Pixar-2009Up

    di , Carl Fredricksen è un anziano signore che per tutta la vita ha sognato di girare il mondo, ma ha dovuto scontrarsi coi problemi della realtà quotidiana come le bollette e gli acciacchi dell'età. Quando la vita sembra non offrirgli più tempo per realizzare il suo sogno...
  • Animazione

    WALL-E RecensioneWALL-E

    di Nella sua prima parte, WALL-E vive sul racconto visivo, sulle espressioni dei tre personaggi. Due robot e un insetto. Nessuna parola, solo suoni. In questo senso, WALL-E è un prodigioso atto di coraggio.
  • Animazione

    Toy Story Tutto un altro mondo Recensione | Quinlan.itToy Story – Tutto un altro mondo

    di Special televisivo scritto e diretto da Steve Purcell nel 2014, Toy Story - Tutto un altro mondo è una giocosa avventura dai contorni fantasy in grado di condensare e riproporre in una ventina di minuti alcuni dei temi chiave dell'universo immaginifico pixariano.
  • Animazione

    Toy Story of Terror RecensioneToy Story of Terror!

    di MacLane ci regala una rivisitazione della sequenza della doccia di Psyco, affida al pedante Pricklepants la puntuale analisi del genere horror/thiller, mantiene elevato il ritmo e la tensione. Ma soprattutto coglie in pieno lo spirito della saga di Toy Story...
  • Animazione

    Gli Incredibili 2 RecensioneGli Incredibili 2

    di Il ritorno della famiglia Parr non fuga i dubbi sul nuovo corso della Pixar, su una modalità produttiva assai distante dagli anni Novanta e Duemila e sempre più prossima alla castrante politica disneyana.
  • Animazione

    Dragon Trainer - Il mondo nascosto RecensioneDragon Trainer – Il mondo nascosto

    di Una delle saghe animate di maggior successo dell’ultimo decennio arriva con Dragon Trainer - Il mondo nascosto al suo ultimo (ipotetico) episodio. Un capitolo che nulla aggiunge o toglie a una trilogia nata già, di suo, col fiato corto.
  • In sala

    Aladdin RecensioneAladdin

    di Remake che tiene il freno a mano tirato, contrassegnato da una preoccupazione eccessiva per la fedeltà al canone, l’Aladdin versione 2019 mostra sprazzi dell’estetica del suo regista Guy Ritchie; ma il risultato, nel suo carattere pedissequo, convince solo in piccola parte.
  • In sala

    Toy Story 4 RecensioneToy Story 4

    di Arrivati alla fine (?) del viaggio, Toy Story 4 ci costringe a guardare indietro, a ripensare all'intera avventura, all'importanza del capitolo originale, alla comicità irripetibile del secondo film, ai lacrimoni del terzo.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento