Leave No Trace

Leave No Trace

di

Presentato alla Quinzaine des Réalisateurs 2018, Leave No Trace segna il ritorno alla regia di Debra Granik, otto anni dopo il successo internazionale di Un gelido inverno e quattro anni dopo il documentario Stray Dog. Un’attesa non vana, che ci restituisce un’autrice indipendente dallo sguardo limpido, umanista, sottilmente politico, non distante dalla poetica e dall’efficacia narrativa di Kelly Reichardt.

Vivere in fuga

Tom ha quindici anni. Vive clandestinamente con suo padre nella foresta che confina con Portland, Oregon. Limitando il più possibile i loro contatti con il mondo moderno, formano una famiglia atipica e funzionale. Espulsi improvvisamente dal loro rifugio, ai due solitari viene offerto un tetto, una scuola e un lavoro. Mentre il padre lotta per adattarsi, Tom scopre questa nuova vita con curiosità. È tempo che lei scelga tra l’amore filiale e questo mondo che la chiama… [sinossi]

È limpido il cinema di Debra Granik. Chiaro ma mai didascalico, indipendente ma non indie, fedele a una poetica e a una visione del mondo (della società, degli uomini, della natura…) invidiabile. Un po’ come Kelly Reichardt (Wendy and Lucy, Meek’s Cutoff, Night Moves), altra eroina del cinema indipendente a stelle e strisce, entrambe capaci di raccontare e raccontarci un’America non standardizzata. Luoghi e paesaggi da (ri)scoprire, da osservare da vicino.
Sulla Croisette, alla Quinzaine des Réalisateurs 2018, ci si è potuti addentrare tra i boschi di Leave No Trace. Un ritorno, in un certo senso. La Granik ci aveva già preso per mano e accompagnato tra i paesaggi boschivi di Un gelido inverno, dietro a una ragazzina che sarebbe poi diventata una stella – Jennifer Lawrence, sembra passata un’era geologica. Quattro anni più tardi l’avevamo seguita on the road nel documentario Stray Dog. È quasi naturale, quindi, addentrarsi nel vastissimo e meraviglioso parco naturale di Leave No Trace, nella casa di Will e Tom. Padre e figlia. Un piccolo nucleo famigliare in un bosco, tra gli alberi, a bere acqua dal muschio, allenandosi a nascondersi in fretta, a far perdere le proprie tracce, a vivere immersi nella natura. A vivere lontano dal resto del mondo.

Will fortunatamente non è Ben di Captain Fantastic, perché tra indie e indipendente scorrono tanti fiumi. Lo sguardo della Granik è infatti diretto, come la sua narrazione e i suoi personaggi, privo di filtri à la page. Uno sguardo che si posiziona all’altezza dei protagonisti e dei comprimari, che non giudica, non gigioneggia, non prende facili distanze – emblematica, in questo senso, la cura posta nel rapportarsi e raccontare i biker di Stray Dog. Non semplice equidistanza, ma comprensione: il cuore è per Will e Tom, ma la ragione non costruisce castelli in aria, non punta per forza il dito contro il sistema – non tutto, perché ogni sistema è fatto di tanti ingranaggi e tra questi anche amorevoli assistenti sociali ed enti utili.
La parabola di Will e Tom, che a Cannes 2018 per una pura coincidenza di programmazione s’intreccia sul grande schermo con quella più complessa e sofferta di Lara in Girl, prende inevitabilmente due direzioni diverse. Padre e figlia, molti tratti in comune, ma due vite da vivere – e (soprav)vivere. Perché, in fin dei conti, anche chi ha deciso di vivere in fuga dalla società e dalle sue gabbie rischia a sua volta di incatenare chi è più debole. Ma anche in questo caso, il cinema della Granik ci restituisce un quadro stratificato, cogliendo turbamenti e mutamenti dell’adolescente Tom, ragazzina che vuole trovare una casa, un equilibrio, un possibile punto d’incontro tra la natura e la comunità umana. Non la città, quasi aliena, ma un luogo dove la condivisone possa cancellare la solitudine, la fuga.

Se Will è un survivalist che si sarebbe adattato volentieri allo scenario post-catastrofico raccontato da Stephen Fingleton, Tom è una Wendy pacificata, lontana dalle inquietudini raccontate dalla Reichardt. Ma il contesto è lo stesso, simili sono i buoni samaritani e questa America rurale, accogliente, possibile. Leave No Trace sembra quasi dilatare all’estremo il tempo che si erano presi Mark e Kurt in Old Joy (2006) della Reichardt. Complice l’Oregon e i suoi boschi, torniamo sempre lì, alla Reichardt. A un cinema accuratissimo nella messa in scena, nel ritrarre la natura, nel tratteggiare i suoi eroi (e soprattutto le sue eroine), ma mai leccato, mai interessato alla superficie. Un cinema che ragiona sulle fughe e sui compromessi, sui legami coi luoghi o con le persone. Sui contesti culturali, sociali e politici. Una poetica che riesce a racchiudersi in uno sguardo (Wendy and Lucy) o in una piccolo e segreto segnale d’amore (Leave No Trace). È limpido e struggente il cinema di Debra Granik.

Info
La scheda di Leave No Trace sul sito della Quinzaine.
Il trailer originale di Leave No Trace.
Il sito ufficiale di Leave No Trace.
La pagina facebook d Leave No Trace.
  • Leave-No-Trace-2018-Debra-Granik-01.jpg
  • Leave-No-Trace-2018-Debra-Granik-02.jpg
  • Leave-No-Trace-2018-Debra-Granik-03.jpg
  • Leave-No-Trace-2018-Debra-Granik-05.jpg
  • Leave-No-Trace-2018-Debra-Granik-06.jpg
  • Leave-No-Trace-2018-Debra-Granik-04.jpg
  • Leave-No-Trace-2018-Debra-Granik-07.jpg
  • Leave-No-Trace-2018-Debra-Granik-08.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2018 - Minuto per minuto dalla CroisetteCannes 2018 – Minuto per minuto

    Quinlan approda sulla Croisette e arriva il momento del tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2018!
  • Festival

    Cannes 2018Cannes 2018

    Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali (Compétition, Un Certain Regard, Hors Compétition...) e delle sezioni parallele, spesso più fertili e intriganti (Quinzaine, Semaine, ACID). Senza dimenticare le certezze di Cannes Classics e Cinéma de la plage. Tanto, tutto, troppo.
  • Festival

    Festival di Cannes 2018Festival di Cannes 2018 – Presentazione

    Al via Cannes 2018, tra polemiche, strani divieti, lo spauracchio delle molestie, incontri/scontri tra la stampa e Frémaux e fluviali lettere dell'ultimo momento agli accreditati. E i film? Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali...
  • Torino 2014

    Stray Dog RecensioneStray Dog

    di Debra Granik realizza con Stray Dog ancora un racconto dell’America profonda, questa volta sotto forma di documentario e road movie.
  • Venezia 2013

    Night Moves RecensioneNight Moves

    di Tre ambientalisti radicali si uniscono per mettere in atto la più grande protesta della loro vita: far esplodere una diga idroelettrica, fonte e simbolo di quell'industria culturale divoratrice di energia e di risorse che essi tanto detestano...
  • Archivio

    Un gelido inverno RecensioneUn gelido inverno

    di Debra Granik incolla la macchina da presa addosso a Jennifer Lawrence e riesce a mantenere alta la tensione, a rendere credibile la detection, a bilanciare dramma familiare e atmosfere thriller.
  • AltreVisioni

    Meek’s Cutoff

    di Girato in 4:3, Meek's Cutoff nega le suggestioni visive tipiche dei film di frontiera, l'esaltazione degli spazi, dell'orizzonte: il realismo della cineasta americana non contempla il formato panoramico, concentrandosi sui personaggi, sui carri, sulla carovana.
  • AltreVisioni

    Wendy and Lucy RecensioneWendy and Lucy

    di Wendy Carroll sta guidando verso Ketchikan, in Alaska, con l’idea di un’estate di lavoro alla Northwestern Fish Cannery e la speranza di una nuova vita con il suo cane, Lucy...

1 Commento

  1. paolo 16/05/2018
    Rispondi

    Grazie per la segnalazione. Cinema prezioso e filmografia da recuperare.
    Mi metto sulle tracce di Stray Dog.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento