Shinjuku Triad Society

Shinjuku Triad Society

di

In streaming sul nostro sito grazie all’accordo con VVVVID.it Shinjuku Triad Society, il primo capitolo della cosiddetta “Black Society Trilogy” che rese noto il nome di Takashi Miike anche in occidente.

Vai in fondo alla pagina per vedere Shinjuku Triad Society in streaming.

Da Taiwan con furore

A Tokyo, nel quartiere Shinjuku, arriva Wang Zhiming, un sadico boss taiwanese omosessuale, che cerca subito contatti tra gli yakuza locali, per gestire un traffico di organi umani. Wang ottiene così la collaborazione dello yakuza Karino e del giovane avvocato Yoshihito. Il poliziotto corrotto e violento Tatsuhito Kiriya, di origini cinesi, fratello di Yoshihito, inizia a indagare su Wang e scopre il coinvolgimento del fratello nel traffico di organi. Sconvolto, Kiriya decide di proteggere a ogni costo il fratello. [sinossi]

Prima di parlare di Shinjuku Triad Society conviene fare un passo indietro nel tempo… Da quando Gozu venne selezionato dalla Quinzaine des réalisateurs al Festival di Cannes del 2003, cinefili e addetti ai lavori si sono abituati a imbattersi nel nome di Takashi Miike: i film del regista giapponese hanno con regolarità preso parte ai principali festival europei, finendo talvolta anche in concorso (Sukiyaki Western Django e 13 assassini a Venezia, Hara-Kiri: Death of a Samurai e Shield of Straw a Cannes). Eppure, è forse il caso di ricordarlo ai più distratti, al momento di portare in scena il delirio onirico/ossessivo di Gozu Miike aveva già alle spalle la bellezza di 49 lungometraggi diretti, oltre a un documentario, tre film per la televisione e due miniserie televisive (tra cui la celeberrima MPD Psycho, andata in onda nel 2000); il tutto in appena dodici anni di attività.
Il rapporto di Miike con l’audiovisivo si sviluppa in uno dei periodi di maggior crisi del cinema giapponese: sul finire degli anni Ottanta la produzione è infatti agonizzante da oltre un decennio. Diplomatosi (senza brillare) alla Yokohama Eiga Semmon Gakkō, la scuola di cinema e televisione creata anche da Shōhei Imamura e alla quale si può accedere senza alcun requisito, Miike iniziò a lavorare come assistente alla regia per lo stesso Imamura (è sul set de Il mezzano e Pioggia nera) e per altri registi quali Toshio Masuda, Kazuo Kuroki, e il grande vecchio Masahiro Makino. Nel fiorire del fenomeno del cosiddetto V-Cinema o Original Video, vale a dire le produzioni straight-to-video, Miike ribalta l’idea di studente inoperoso e pigro e diventa una vera e propria macchina da guerra, saltando da un set all’altro, e dimostrando una capacità di organizzare il lavoro registico dominato dal metodo ma sempre pronto a lasciar deflagrare una follia strisciante che diventerà il tratto distintivo della sua poetica espressiva.

Negli anni del V-Cinema Miike dimostra già di puntare l’occhio in direzione di una categoria sociale e umana ben precisa: titoli come Bodyguard Kiba (1993) e Shinjuku Outlaw (1994) mostrano già l’interesse per il sottobosco umano popolato da balordi e chinpira [1], oltre all’utilizzo estremizzato e ai limiti del parossismo della violenza e alla smitizzazione di qualsiasi ideale romantico in riferimento alla malavita.
Questa gavetta nel mondo delle produzioni destinate direttamente alla visione casalinga – che in Giappone è una vera e propria categoria industriale, ben più sviluppata che in occidente – dimostra la sua coerenza anche quando Miike passa al cinema pensato per la fruizione collettiva in sala. Contrariamente a quanto spesso viene scritto e affermato, Shinjuku Triad Society, distribuito nell’agosto del 1995, non è il primo titolo della filmografia di Miike a uscire in sala: il 17 gennaio dello stesso anno era infatti uscito Daisan no gokudō, senza lasciare però particolari tracce né di critica né al botteghino. Il successo commericale di Shinjuku Triad Society è però determinante per il proseguo della carriera di Miike, oltre a definire in maniera più concreta il ruolo che il regista occuperà di lì in avanti nell’industria nipponica e nell’immaginario collettivo.

Prima parte di una trilogia dedicata alla Kuroshakai (letteralmente “società oscura”, ovvio riferimento alla yakuza e al concetto stesso di mala-vita) che comprende anche i successivi Rainy Dog del 1997 e Ley Lines del 1999, Shinjuku Triad Society aggredisce lo spettatore fin dall’ansiogeno incipit per non lasciargli mai alcuna via di fuga, attraverso un montaggio convulso, ipnotico, che trasgredisce a qualasiasi regola di narrazione procedendo per allitterazioni visive, lasciando lo sguardo tramortito, confuso, privo di punti di riferimento. Una pratica che si lega in maniera stretta allo sguardo dello stesso Miike: la sordida società giapponese in cui si insinua la macchina da presa – traballante, quasi organica nella sua ipercinesi non dimentica della lezione impartita solo pochi anni prima da Shinya Tsukamoto con Tetsuo – non può dare punti di riferimento, né pratici né tantomeno etici o morali.
Al di là del divertissement e del gioco ludico che è spesso parte integrante della poetica miikiana – e che non viene meno, tra fiotti di sangue a pochi passi dal cartoonistico e ghignanti soluzioni visive – Shinjuku Triad Society si immerge nella lordura del Giappone dei primi anni Novanta, in cui la yakuza è diventata oramai parte integrante della società e ne coordina i movimenti, neanche si stesse parlando di un mastro burattinaio; il “suicidio” di Jūzō Itami avverrà dopotutto appena un paio di anni più tardi, nel dicembre del 1997. [2] Per il reso l’umanità indagata è già quella che diventerà marchio di fabbrica negli anni seguenti, in film destinati a un culto resistente come la trilogia di Dead or Alive, o Ichi the Killer, Visitor Q e il folle pastiche ultra-pop The Happiness of the Katakuris. Depressi, maniaci ossessivi, sadomasochisti, pervertiti, ma soprattutto sradicati, membri di una società che vorrebbe dimostrarsi monolitica e che nega qualsiasi tipo di multiculturalità. Per quanto immerso nel magma (salvifico) dell’exploitation, Shinjuku Triad Society è anche un film profondamente politico: un film che fa politica dello sguardo, cercando nuove traiettorie alla prassi della produzione cinematografica, e che ha il coraggio di mostrare un Giappone inconsueto, scavando a fondo in quella società oscura cui si è fatto cenno anche in precedenza.
Ne viene fuori un intrattenimento scorbutico, affascinante e a tratti volutamente respingente e malsano, teorema del quale è impossibile trovare la reale soluzione. Con Shinjuku Triad Society nasce il Miike che ancora oggi imperversa sugli schermi dei festival di mezzo mondo. Sacralizzato e blasfemo allo stesso tempo, come il demone ammazzatutti Izo.

NOTE
1. Chinpira è il termine gergale con cui in Giappone vengono chiamati gli appartenenti alla classe più infima di un clan della yakuza.
2. Jūzō Itami, autore di punta del cinema giapponese degli anni Ottanta grazie a titoli come The Funeral, Tampopo e A Taxing Woman, morì dopo un volo dal tetto del palazzo in cui si trovava il suo ufficio. Si disse che si era suicidato a causa di una relazione extraconiugale, ma in realtà fu forzato a lanciarsi nel vuoto dai membri del clan yakuza Goto-gumi; Itami nel 1992 aveva diretto il film Minbō no Onna, un pamphlet satirico contro la yakuza.
Info
Il trailer di Shinjuku Triad Society.
  • shinjuku-triad-society-1995-takashi-miike-01.jpg
  • shinjuku-triad-society-1995-takashi-miike-02.jpg

Articoli correlati

  • Streaming

    tutti-giù-per-terra-recensioneTutti giù per terra

    di In streaming gratuito grazie alla piattaforma VVVVID, Tutti giù per terra di Davide Ferrario, in cui si metteva in scena la crisi di fine Novecento. Un film alla moda e - insieme - di protesta in senso lato, disincantato e "liquido", che appare invecchiato, ma che è riuscito a registrare una precisa epoca di transizione.
  • Streaming

    eraserhead-recensione-streaming-david-lynch-cov932Eraserhead – La mente che cancella

    di In streaming gratuito grazie alla piattaforma VVVVID, lo stordente esordio al lungometraggio di David Lynch. Un imperdibile viaggio nell'immaginario del grande regista statunitense.
  • Streaming

    the-driller-killer-1979-abel-ferrara-recensioneThe Driller Killer

    di Con il suo secondo lungometraggio, The Driller Killer, Abel Ferrara realizza una giocosa e crudele allegoria sull'arte e chi la crea. In streaming gratuito grazie alla piattaforma VVVVID.
  • Streaming

    sword-of-the-stranger-2007-masahiro-ando-cov932Sword of the Stranger

    di L'esordio al lungometraggio del giapponese Masahiro Andō è anche il titolo che inaugura la collaborazione tra Quinlan e VVVVID per la visione gratuita in streaming.
  • Cult

    the-happiness-of-the-katakurisThe Happiness of the Katakuris

    di Oggetto di culto difficile da maneggiare, il film di Takashi Miike è un folle pastiche ultra-pop in cui tutto viene frullato in maniera indiscriminata, dall'animazione al disaster movie, dall'horror al musical.
  • Cannes 2015

    yakuza-apocalypse-takashi-miike-cov932Yakuza Apocalypse

    di Takashi Miike firma un folle pastiche avant-pop e demenziale, che mescola gli yakuza eiga all'horror, ai kaiju eiga, ai film di arti marziali. Con un ranocchio gigante da antologia. Alla Quinzaine des réalisateurs.
  • Rotterdam 2015

    over-your-dead-body-recensioneOver Your Dead Body

    di Presentato a Rotterdam l’ultimo lavoro di Takashi Miike che, a modo suo, si rifà alla più famosa storia di fantasmi giapponesi, Tōkaidō Yotsuya kaidan.
  • Roma 2014

    as-the-gods-will-cov932As the Gods Will

    di Il nuovo film di Takashi Miike, tratto da un manga di successo, è l'ennesimo grido di anarchica libertà del regista giapponese. Al Festival di Roma 2014.
  • Streaming

    Prossima fermata: Fruitvale Station (2014) - Recensione - Quinlan.itProssima fermata: Fruitvale Station

    di Prosegue la collaborazione tra Quinlan e VVVVID: in streaming sul nostro sito il convincente esordio del regista e sceneggiatore Ryan Coogler, regista di Creed, in questi giorni nelle sale.
  • Roma 2013

    the-mole-songThe Mole Song – Undercover Agent Reiji

    di Takashi Miike firma uno sfrenato viaggio nella cultura pop, tra yakuza-eiga e demenzialità. In concorso al Festival di Roma.
  • Cannes 2013

    shield-of-straw-2013-cov932Shield of Straw

    di Takashi Miike firma una delle sue opere più incomprese, action che si trasforma in crudo resoconto politico del Giappone contemporaneo.
  • AltreVisioni

    lesson-of-the-evil-takashi-miike-2012-cov932Lesson of the Evil

    di L'eversivo potere cinematografico di Takashi Miike, qui al servizio di una storia di genocidi, adolescenti e retaggi occidentali. Al Festival di Roma 2012.
  • AltreVisioni

    for-love-s-sake-takashi-miikeFor Love’s Sake

    di Tra romanticismo e azione, furibonda violenza e intenso melodramma, For Love's Sake è l'ennesima conferma del raffinato eclettismo di Takashi Miike. Presentato a Cannes 2012.
  • Streaming

    Una lettera per Momo (2011) di H. Okiura - Recensione | Quinlan.itUna lettera per Momo

    di Un nuovo film in streaming targato Quinlan & VVVVID: Una lettera per Momo di Hiroyuki Okiura, vincitore della quattordicesima edizione del Future Film Festival di Bologna ed ennesima e felice conferma dello stato di salute dell'industria degli anime.
  • Blu-ray

    13-assassini-in-blu-ray-takashi-miike-cov93213 Assassini

    di In blu-ray lo splendido jidai-geki di Takashi Miike, presentato nel 2010 in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia.
  • AltreVisioni

    Guilty of Romance (2011) di Sion Sono - Recensione - Quinlan.itGuilty of Romance

    di Izumi è sposata a uno scrittore famoso per i suoi romanzi d’amore, ma la loro vita sembra priva di qualsiasi elemento romantico. Un giorno decide di seguire i suoi desideri...
  • AltreVisioni

    hara-kiri-death-of-a-samurai-2011-cov932Hara-kiri: Death of a Samurai

    di Takashi Miike firma il remake del capolavoro di Masaki Kobayashi, tragica riflessione sull'iniquità della società feudale giapponese. In concorso a Cannes 2011.
  • Archivio

    13-assassini-takashi-miike-cov93213 Assassini

    di Tra i pochi film di Takashi Miike in grado di sfondare il muro di silenzio distributivo italiano, 13 assassini è anche uno dei suoi capolavori recenti. A Venezia 2010.
  • Archivio

    yattaman-2009-takashi-miike-cov932Yattaman – Il film

    di Takashi Miike firma per il grande schermo la versione live action di Yattaman, celeberrimo anime televisivo degli anni Settanta.
  • AltreVisioni

    Sukiyaki Western Django (2007) di T. Miike - Recensione - Quinlan.itSukiyaki Western Django

    di Il western disegnato da Miike è l'ennesimo canto al corpo non-morto destinato a deturpazioni, cesure, deformazioni di ogni tipo...
  • Streaming

    FLCL - Furi Kuri (2000) di Tsurumaki, Ōtsuka, Saeki, Andō | Quinlan.itFLCL – Furi Kuri

    di , , , In streaming gratuito grazie alla piattaforma VVVVID, la miniserie d'animazione FLCL - Furi Kuri, un delirio sia narrativo che visivo. Un mix di rock, pop, punk, anime, manga, fantascienza, turbamenti giovanili...
  • Cannes 2016

    terra-formars-2016-takashi-miike-cov932Terra Formars

    di Al Marché ci si è imbattuti anche nell'ultimo film di Takashi Miike, Terra Formars, adattamento poco brillante di un manga e di un anime già di loro dimenticabili.
  • AltreVisioni

    otakus-in-love-2004-suzuki-matsuo-koi-no-mon-cov932Otakus in Love

    di L'attore Suzuki Matsuo esordisce alla regia con Otakus in Love, bizzarro omaggio romantico al mondo dei mangaka.
  • Locarno 2016

    destruction-babies-2016-Tetsuya-Mariko-recensioneDestruction Babies

    di Presentato al Festival del Film Locarno nella sezione Cineasti del presente, Destruction Babies di Tetsuya Mariko è una storia di desolazione esistenziale, di vuoto assoluto delle nuove generazioni nipponiche che si esprime in una sequela interminabile di risse tra gang rivali.
  • Rotterdam 2017

    The-Mole-Song-Hong-Kong-Capriccio-2016-takashi-miike-recensioneThe Mole Song – Hong Kong Capriccio

    di Presentato all’International Film Festival Rotterdam il secondo capitolo della saga di Takashi Miike basata sul personaggio dell’agente talpa, infiltrato nelle organizzazioni criminali: The Mole Song – Hong Kong Capriccio.
  • Cannes 2017

    blade-of-the-immortal-2017-takashi-miike-cov932-932x460(1)Blade of the Immortal

    di Takashi Miike torna sulla Croisette fuori concorso con Blade of the Immortal, un jidaigeki screziato di horror tratto da un manga di Hiroaki Samura. Un divertissement che mostra il lato più ludico del regista giapponese, che allo stesso tempo torna a ragionare da vicino su tematiche a lui particolarmente care come il concetto di corpo e la coazione a ripetere.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento