Orgoglio e pregiudizio

Orgoglio e pregiudizio

di

L’ultima trasposizione cinematografica di Orgoglio e pregiudizio sembra quasi rifiutare la sua naturale collocazione e i suoi reali punti di forza: la nuova Elizabeth esce dalle soffocanti mura domestiche, oscura i genitori, è ancora più rivoluzionaria. Troppo peso sulle spalle della esile Knightley.

All You Need Is Love

L’arrivo dei ricchi e piacenti Bingley e Darcy crea scompiglio nel villaggio di Longbourne e mette in moto le trame della Signora Bennet, irrefrenabile procacciatrice di buoni partiti per le proprie figlie. Differenze di ceto e sciocche questioni di orgoglio ingarbuglieranno le trame amorose… [sinossi]

Keira Knightley è una splendida ragazza. Magari troppo magra, dicono alcuni, ma con un volto e un sorriso da togliere il fiato. La bella Keira sta facendo strada: era partita con Sognando Beckham di Gurinder Chadha, filmetto baciato dalla buona sorte, si era ritagliata un piccolo ma significativo ruolo nel divertente Love Actually di Richard Curtis – chi non si sarebbe innamorato di quella splendida sposina, del suo sorriso, dei suoi occhi – e poi si era definitivamente aggrappata al carrozzone dei blockbuster con il modesto King Arthur di Antoine Fuqua e lo spassoso La maledizione della prima luna di Gore Verbinski. Ora la consacrazione con Orgoglio e pregiudizio di Joe Wright e con la nomination all’Oscar. È nata (è stata creata) una stella. Ma non tutto luccica meravigliosamente: nonostante l’impegno profuso, fatto di occhi sgranati e splendidi sorrisi, faccine tristi ed energia sprizzante, la giovane Knightley rimane un’attrice promettente ma non ancora (e forse mai) all’altezza di certi ruoli. I membri dell’Academy, sempre molto attenti alle logiche commerciali, sono stati fin troppo generosi: c’erano ben altri nomi da prendere in considerazione, da Naomi Watts a Kirsten Dunst e Kate Winslet, tanto per rimanere nel paniere anglo-americano (inutile sperare in uno sguardo più ampio e illuminato).

Il romanzo di Jane Austen torna sul grande schermo dopo sessantacinque anni, dopo la splendida e frizzante versione di Robert Z. Leonard, dopo le magistrali interpretazioni di Laurence Olivier e Greer Garson. Il confronto tra le due pellicole è praticamente improponibile: troppo talento nella trasposizione cinematografica del 1940, protagonisti un po’ acerbi nella versione odierna.
Eppure le ambizioni di Joe Wright e soci erano alte: una confezione pregevole, un cast con nomi di richiamo, la voglia di aggiornare il capolavoro della scrittrice inglese. Basta guardare le location per rendersi conto della portata dell’operazione: da Basildon Park, tenuta palladiana del diciottesimo secolo, all’imponente Chatsworth House, la più grande dimora di campagna dell’Inghilterra. Ma proprio tutto questo sfoggio di parchi e nobili tenute finisce per snaturare il romanzo, stemperando la verve irresistibile e annacquando il ritratto sociale. Wright immerge la protagonista in paesaggi da cartolina, tra primi albori brumosi e travolgenti tramonti, e incornicia il suo splendido volto in ogni momento, riuscendo a esaltarne la bellezza: ma non dovrebbe essere questo il fulcro della vicenda.

Un afflato romantico percorre ogni minuto di Orgoglio e pregiudizio e spesso i toni si fanno drammatici (delle isteriche sorelle minori meglio tacere): nemmeno questa dovrebbe essere la chiave di lettura dell’opera della Austen. Ed è proprio la prima sequenza a evidenziare chiaramente le intenzioni del regista e della sceneggiatrice Deborah Moggach: un paesaggio, la macchina da presa che segue incessantemente Elizabeth (Keira Knightley, ovviamente) e uno dei famosi e brillanti dialoghi tra i coniugi Bennet (Donald Sutherland e Brenda Blethyn) assaporato di sfuggita, relegato dietro una finestra, messo in secondo piano. L’ultima trasposizione cinematografica di Orgoglio e pregiudizio sembra quasi rifiutare la sua naturale collocazione e i suoi reali punti di forza: la nuova Elizabeth esce dalle soffocanti mura domestiche, oscura i genitori, è ancora più “rivoluzionaria”. Troppo peso sulle spalle della esile Knightley.

Chiaramente, con tale testo di partenza, il film è godibile. Ma la materia a disposizione non è stata, nonostante le buonissime intenzioni, plasmata a dovere. Da citare la convincente sequenza della prima dichiarazione di Darcy (un Matthew Macfayden non proprio memorabile): forse i toni sono troppo accesi ma la tensione erotica è palpabile (il lato squisitamente tecnico – fotografia, montaggio e via discorrendo – sia in questa scena che in tutto il lungometraggio non si discute).
Per chi volesse godere pienamente delle “avventure amorose” della famiglia Bennet si consiglia una sana lettura e/o la visione del già citato adattamento di Robert Z. Leonard.

Info
Orgoglio e pregiudizio sul sito della Universal.
Il trailer originale di Orgoglio e pregiudizio.
Orgoglio e pregiudizio su facebook.
Il sito inglese di Orgoglio e pregiudizio.
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-01.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-02.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-03.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-04.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-05.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-06.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-07.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-08.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-09.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-10.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-11.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-12.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-13.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-14.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-15.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-16.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-17.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-18.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-19.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-20.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-21.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-22.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-23.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-24.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-25.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-26.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-27.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-28.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-29.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-30.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-31.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-32.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-33.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-34.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-35.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-36.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-37.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-38.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-39.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-40.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-41.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-42.jpg
  • orgoglio-e-pregiudizio-2005-joe-wright-43.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Il grande Gatsby RecensioneIl grande Gatsby

    di L'aspirante scrittore Nick Carraway lascia il Midwest e arriva a New York nella primavera del 1922, un’epoca in cui regna la dubbia moralità, la musica jazz e la delinquenza...
  • Archivio

    Anna Karenina RecensioneAnna Karenina

    di Nella Russia imperiale di fine Ottocento, Anna, moglie dell'ufficiale Karenin, si reca a Mosca dal fratello, il cui matrimonio sta naufragando. In viaggio conosce la contessa Vronsky e suo figlio...
  • Archivio

    Hanna

    di Hanna, ovvero la versione di Joe Wright della favola moderna, mescolata al noir, al thriller, e a un ritmo indiavolato.
  • Archivio

    Espiazione RecensioneEspiazione

    di Espiazione sembra rispecchiare le potenzialità visive di Wright, cineasta dalla tecnica raffinata in cerca di un equilibrio narrativo, ma non riesce a rendere piena giustizia all'opera di McEwan, sfaldandosi nella seconda e terza parte...
  • Archivio

    Last-NightLast Night

    di Una giovane coppia, bella, innamorata e benestante, viene messa alla prova, nella stessa notte, da ogni forma di seduzione e tentazione: mentre Michael è in viaggio di lavoro con la nuova e sexy collega Laura, sua moglie Joanna incontra per caso l'altro grande amore della sua vita...
  • Archivio

    La Duchessa RecensioneLa Duchessa

    di Compostezza, geometria sfarzosa dello spazio e interpretazioni trattenute. Sono queste le caratteristiche de La Duchessa di Saul Dibb, biografia romanzata di Georgiana Spencer, duchessa del Devonshire. Con Keira Knightley e Ralph Fiennes.
  • Archivio

    PPZ – Pride and Prejudice and Zombies

    di La provocazione, furba ma feconda, che caratterizzava l'omonimo romanzo di Seth Grahame-Smith, perde in PPZ - Pride and Prejudice and Zombies gran parte della sua ragion d'essere, risultandone in un film esile e scombinato.
  • Archivio

    Amore e inganni RecensioneAmore e inganni

    di Whit Stillman torna a dirigere per confrontarsi con la scrittura di Jane Austen, con una commedia che mette alla berlina i vezzi borghesi e nobiliari.
  • AltreVisioni

    The Liability

    di The Liability è un onesto prodotto d'intrattenimento che si ritaglierà il proprio spazio grazie alla presenza di Tim Roth e Peter Mullan. Troppo poco per il concorso internazionale del Torino Film Festival, e per un'opera terza.
  • Archivio

    Il solista RecensioneIl solista

    di Laddove potrebbe risultare interessante, cioè nella rappresentazione del mondo degli homeless losangelini, Il solista di Joe Whright, rinuncia alla cattiveria e alla sfrontatezza, per dipingere un quadro troppo edificante e prevedibile.
  • Torino 2017

    L’ora più buia

    di Winston Churchill bonario e accattivante, al fatale crocevia tra etica e politica. Tramite una figura storica controversa, L'ora più buia di Joe Wright si traduce in veicolo di populismo di ultima generazione. Con Gary Oldman e Kristin Scott-Thomas. Al TFF per Festa Mobile e da gennaio in sala.
  • Archivio

    London Boulevard RecensioneLondon Boulevard

    di Dell'esordio dietro la macchina da presa dello sceneggiatore William Monahan non resta poi molto. London Boulevard deve aggrapparsi ai due convincenti protagonisti Colin Farrell e Keira Knightley e ai comprimari, in primis Ben Chaplin e Ray Winston.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento