L’incredibile Hulk

L’incredibile Hulk

di

Con la regia di Louis Leterrier ed Edward Norton nel ruolo del protagonista, torna il mutante verde della Marvel e questa volta è proprio incredibile. A differenza del predecessore, L’incredibile Hulk sembra fare riferimento più alla serie televisiva degli anni ’70 che al fumetto.

Mi ricordo montagne di muscoli verdi

Torna il mutante verde della Marvel e questa volta è proprio incredibile. L’irascibile Bruce Banner (Edward Norton) si è rifugiato in una favela brasiliana, dove esercita il corpo e lo spirito con lo yoga, sperando così di imparare a controllare le proprie pulsioni nefaste. Il generale Thaddeus “Thunderbolt” Ross (un inedito William Hurt, con parrucchino e baffo canuto) è però sulle sue tracce, mosso dal malsano intento di replicare il DNA di Banner e inocularlo a uno squadrone di supersoldati mutanti. Ma una goccia del sangue di Banner finisce in una bottiglia di succo di guaranà e di lì a breve un inconsapevole e assetato vecchietto statunitense inizia ad accusare degli strani sintomi rinvigorenti. Il nostro Thaddeus comprende allora che il suo obiettivo sta per essere raggiunto. Un siero viene dunque distillato dal sangue del vecchio e tosto mescolato con quello del non più aitante soldato Blonsky (Tim Roth), pronto a trasformasi in un combattente superdopato. Banner fa poi ritorno (a piedi) nell’Università della Virginia dove tutto ha avuto origine, qui ritrova la bella fidanzata Betty Ross (Liv Tyler) e con lei cerca di raggiungere uno scienziato che forse può curare la sua ipereccitazione congenita. Ma Betty è la figlia di Thaddeus e il generale non ha alcuna intenzione di concederla in sposa al mostro verde, né di lasciarsi sfuggire l’opportunità di carpirgli il misterioso ordine spiraliforme delle sue molecole mutanti… [sinossi]

È chiaro che a terrorizzare gli Stati Uniti non è più il pericolo atomico che serpeggiava negli anni della Guerra Fredda, quando L’incredibile Hulk ha fatto la sua comparsa nei fumetti della Marvel. Oggi il problema all’ordine del giorno è più complesso e tutto interno: adoperare la forza militare con un’etica sociocompatibile. L’utilizzo corretto delle scoperte mediche e tecnologiche è il nucleo alla base di questa nuova versione cinematografica delle vicende del mutante verde, così come la contrapposizione, di scottante attualità, tra una scienza dai fini benefici (incarnata qui dallo scienziato Mr. Blue) e una sua versione nefasta e militarizzata (quella del generale e della sua équipe). Ma L’incredibile Hulk, firmato dal non eccelso shooter transalpino Louis Leterrier (Transporter: Extreme, Danny the Dog) diluisce distrattamente questo interessante assunto, innestandolo con scene d’azione ordinarie e una storia d’amore poco appassionante.

La prima sequenza d’azione vede un Banner incappucciato in una assai visibile felpa rossa saltellare su tetti e cortili della favela brasiliana, mentre Blonsky e compagni lo inseguono armati fino ai denti. La sequenza è girata con scarsa originalità e impallidisce di fronte a quella, ambientata nella Casbah, vista di recente nel ben più solido e avvincente The Bourne Supremacy. Il secondo inseguimento ai danni del mutante ha luogo invece nel campus universitario di Culver, Virginia. Qui, dopo aver attraversato una labirintica biblioteca (viene da rimpiangere l’ironia giocosa di una scena analoga vista nell’ultimo Indiana Jones), mostro e soldati si fronteggiano nel parco accademico, dove ha luogo il solito rotolare sulla testa dei “buoni” di mezzi di locomozione (aerei e cingolati) in fiamme. L’unica novità elargitaci è quella di un’arma dal fastidioso ronzio, sparato contro il mutante da due altoparlanti vibranti. Un po’ di pathos lo si raggiunge invece con lo scontro finale, merito forse dell’inusuale ambientazione (la scena si svolge ad Harlem, proprio di fronte allo storico Apollo Theatre) e della fascinazione perversa che ci fa quasi tifare per il mostruoso rivale color ruggine: il ghignante Abominio.

Edward Norton è qui decisamente sottotono, esangue e tremante quando nei panni di Banner, fastidiosamente ringhiante quando incarnato dall’alter ego digitale e muscoloso. William Hurt pare leggermente sorpreso di trovarsi in questo insolito ruolo e forse di questo disagio dobbiamo attribuire parte della colpa al parrucchino color topo. In ogni caso il biasimo è da suddividere equamente tra la risibile sceneggiatura (inutile insistere sull’inverosimiglianza del tutto, si veda la sinossi) e l’anodina regia, mentre per gli esteti ci pensa Liv Tyler a catalizzare su di sé tutto il piacere visivo che questa pellicola può dare. La precedente versione di Hulk, ovvero quella firmata da Ang Lee, non era propriamente soddisfacente, ma farne un’altra come se la precedente non fosse mai esistita è, in questo caso, oltremodo futile, per quanto costituisca una novità, almeno dal punto di vista produttivo-commerciale.

A differenza del predecessore, L’incredibile Hulk sembra fare riferimento più alla serie televisiva degli anni ’70 che al fumetto. Lo dimostrano i titoli di testa (si veda la radicale differenza con quelli del film di Ang Lee, tutti fumettistici) e l’unico momento giocoso del film: l’apparizione di Lou Ferrigno (che faceva capolino anche in Hulk), qui nei panni del guardiano del laboratorio scientifico, corrotto con una semplice ma fumante pizza. A risollevare in extremis il film ci pensa poi un post finale del tutto simile (a buon intenditor…) a quello posto dopo i titoli di coda di Iron Man. Si tratta oramai di un’innovativa forma pubblicitaria per la prosecuzione del franchise Marvel e, a parte l’intento puramente commerciale, l’epifania è da applauso a scena aperta. Questa volta però si è pensato bene di non attendere la fine dei credits (come avveniva, appunto, in Iron Man), gli spettatori possono dunque stare tranquilli, non devono aspettare oltre per uscire dalla sala.

Info
La pagina Facebook ufficiale de L’incredibile Hulk.
Il trailer italiano de L’incredibile Hulk.
La recensione de L’incredibile Hulk è apparsa in precedenza sul sito www.cinemavvenire.it.
  • l-incredibile-hulk-2008-louis-leterrier-01.jpg
  • l-incredibile-hulk-2008-louis-leterrier-02.jpg
  • l-incredibile-hulk-2008-louis-leterrier-03.jpg
  • l-incredibile-hulk-2008-louis-leterrier-04.jpg
  • l-incredibile-hulk-2008-louis-leterrier-05.jpg
  • l-incredibile-hulk-2008-louis-leterrier-06.jpg
  • l-incredibile-hulk-2008-louis-leterrier-07.jpg
  • l-incredibile-hulk-2008-louis-leterrier-08.jpg
  • l-incredibile-hulk-2008-louis-leterrier-09.jpg
  • l-incredibile-hulk-2008-louis-leterrier-10.jpg
  • l-incredibile-hulk-2008-louis-leterrier-11.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Doctor Strange RecensioneDoctor Strange

    di Secondo tassello della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Doctor Strange conferma pregi e difetti di un franchise che sta colonizzando, se non cannibalizzando, l'immaginario spettatoriale e tutti i media possibili.
  • Archivio

    Captain America: Civil War RecensioneCaptain America: Civil War

    di , È un’opera collettiva, Captain America: Civil War, film che inaugura la fase tre dell’universo Marvel: un nuovo tassello che conferma tanto il gigantismo quanto i limiti narrativi dei più recenti prodotti dello studio americano.
  • In sala

    Grimsby – Attenti a quell’altro

    di Sacha Baron Cohen è il perno, il protagonista, l’ideatore e lo sceneggiatore di una sfrenata commedia demenziale. Il risultato finale è però un esplosivo quanto becero calderone improntato a una comicità di situazione di una volgarità abnorme, che strappa solo di rado la risata.
  • Archivio

    Ant-Man

    di Ant-Man si configura come parentesi più lieve e giocosa all'interno del Marvel Cinematic Universe: malgrado alcuni evidenti limiti narrativi, il film di Peyton Reed porta a casa il risultato senza grossi affanni.
  • Archivio

    Avengers: Age of Ultron RecensioneAvengers: Age of Ultron

    di Faraonico nel budget e nel dispiegamento di attori da box office, Age of Ultron si pone perfettamente nel mezzo del Marvel Cinematic Universe: una pellicola di passaggio, produttivamente e visivamente ambiziosa, ma costretta a forzare snodi narrativi e a sacrificare personaggi.
  • Archivio

    Guardiani della Galassia RecensioneGuardiani della Galassia

    di L’anteprima al Festival di Roma, l’uscita in seicento copie, l’imponente battage pubblicitario: arriva anche nel Bel Paese Guardiani della Galassia, blockbuster targato Marvel, impreziosito dalla scrittura e dalla regia di James Gunn.
  • Archivio

    Captain America - The Winter Soldier RecensioneCaptain America – The Winter Soldier

    di , Torna il super-milite a stelle e strisce geneticamente modificato con Captain America - The Winter Soldier di Anthony e Joe Russo. E questa volta è decisamente più convincente.
  • Archivio

    Thor: The Dark World RecensioneThor: The Dark World

    di Più combattimenti, più romance, più humour. Queste sono le linee guida di Thor: The Dark World. Tutto corverge verso un nuovo obiettivo: un target più infantile.
  • Archivio

    Now You See Me RecensioneNow You See Me – I maghi del crimine

    di Senza le stratificazioni di film quali The Prestige, Now You See Me - I maghi del crimine ha comunque la capacità di lavorare con una certa efficacia spettacolare sul tema della sospensione dell'incredulità, da sempre materia del contendere sia della magia che del cinema.
  • Archivio

    Iron Man 3 RecensioneIron Man 3

    di In Iron Man 3 di Shane Black torna il personaggio di punta dell’universo Marvel e va in scena l’inevitabile crisi esistenziale del supereroe.
  • Archivio

    The Avengers

    di Non riescono a diventare una vera squadra, ma nei duetti tra di loro i Vendicatori fanno faville. In ogni caso Joss Whedon firma il migliore, ad oggi, dei cinecomics Marvel.
  • Archivio

    Thor

    di Il selvaggio guerriero Thor viene inviato sulla Terra sotto mentite spoglie a causa del suo carattere ribelle. Qui apprenderà il significato del vero eroismo quando dovrà proteggere il pianeta dal feroce nemico Loki...
  • Archivio

    Prince-of-PersiaPrince of Persia: Le sabbie del tempo

    di Un principe furfante si unisce con una certa riluttanza a una misteriosa principessa; insieme a lei si lancia in una lotta contro le forze oscure per riuscire a custodire un antico pugnale in grado di scatenare le Sabbie del Tempo...
  • Archivio

    Scontro tra titani RecensioneScontro tra titani

    di Esasperando la contaminazione tra mitologia e nuove tecnologie, Scontro tra titani è un blockbuster in cui si mette in scena il consueto luna park visivo, dimenticando di dare un po' di spessore a personaggi e narrazione.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento