Piazza Vittorio

Piazza Vittorio

di

La piazza più multiculturale di Roma viene raccontata da Abel Ferrara in Piazza Vittorio, presentato fuori concorso: un documentario a tratti troppo ingessato, a tratti – grazie alla presenza in scena del cineasta – ruspante e vivace. Su Festival Scope fino al 19 settembre.

Me ne annavo pe’ questa Roma…

Piazza Vittorio è la più estesa piazza romana. Si contraddistingue, la piazza ed i quartieri adiacenti dell’Esquilino, per la varietà multietnica dei propri abitanti. [sinossi]
Fino a martedì 19 settembre si può vedere Piazza Vittorio sul sito di Festival Scope a questo link.

Il cinema di Abel Ferrara ha la caratteristica – sempre più rara – di mantenersi fedele alle sue origini, vuoi per necessità produttive, vuoi per scelta di vita. Anche in Piazza Vittorio, fuori concorso a Venezia 74, si ritrova lo stesso spirito anarcoide, auto-biografico, disperatamente vitale, auto-ironico e abborracciato di tutti i lavori del cineasta italo-americano, da The Driller Killer a Napoli Napoli Napoli.
Il suo nuovo documentario però, con il quale ormai Ferrara certifica la sua stanzialità romana, soffre parzialmente degli stessi difetti proprio di Napoli Napoli Napoli: delle sequenze in cui la presenza dell’autore di Pasolini non si avverte – e dunque appare tutto un po’ freddo, a partire dalla messa in scena -, contrapposte invece a delle altre in cui lo vediamo apparire in tutta la sua nervosa fisicità.

È perciò in questa discrasia che si colgono i limiti di un progetto come Piazza Vittorio, con cui Ferrara prova a raccontare la notevole diversità etnica che lì si muove, dai cinesi agli africani, passando per i romani che rimpiangono i tempi andati e finendo allo stesso Ferrara, che all’inizio del film si definisce anche lui immigrato e che, come i giovani stranieri con cui parla in piazza, lamenta anche lui l’assenza di un lavoro e la disperata ricerca di soldi (e il leit-motiv assegnato alla canzone di Woody Guthrie, Do Re Mi, esplicita ulteriormente tale andamento). Questi sono i momenti migliori del film, quelli in cui il regista parla con i suoi intervistatori, ci discute in maniera animata, insiste a indicare in che punto si devono mettere per non rovinare l’inquadratura e ci litiga anche (perché, ad esempio, un ragazzo africano vuole altri dieci euro per continuare a farsi riprendere).
Ecco, qui emerge la sincerità del progetto e, per l’appunto, se anche una o più inquadratura sono mal riuscite o buttate via, lo si accetta e, anzi, lo si desidera: perché si capisce che sono il frutto di un regista tormentato, irruento, impaziente.

Al contrario, non mancano in Piazza Vittorio dei momenti un po’ “azzimati”, come ad esempio l’intervista con Matteo Garrone (anche lui abita nel quartiere Esquilino da tempo) o come quella con Sonia che gestisce nei pressi della piazza uno dei ristoranti cinesi più famosi della Capitale. E non mancano anche momenti vagamente ambigui, come la lunga intervista agli attivisti di Casa Pound, in cui il film non prende apertamente posizione rispetto alle cose che vengono dette (anche se, crediamo, che – considerandosi immigrato – Ferrara non possa condividerne le opinioni), ma soprattutto li lascia ripetere più e più volte lo stesso banale e fascista concetto: gli stranieri debbono tornarsene a casa loro e costruirsi una vita e una società lì. Come se non fosse da sempre, dai tempi della Magna Grecia, l’incontro tra popoli differenti l’unico motore per stimolare l’accrescimento culturale ed esistenziale. E anche la storia degli Stati Uniti, al di là di Trump, sta lì a dimostrarlo.

In ogni caso, Piazza Vittorio è un film realizzato in fretta, montato rapidamente, ma in cui riesce comunque a emergere il tipico spirito del suo autore. Un film piccolo, girato perché un regista come Ferrara deve continuare sempre a girare – anche senza soldi – per continuare a sentirsi vivo.

Info
La scheda di Piazza Vittorio sul sito della Biennale.
  • piazza-vittorio-2017-abel-ferrara-1.jpg
  • piazza-vittorio-2017-abel-ferrara-2.jpg
  • piazza-vittorio-2017-abel-ferrara-3.jpg
  • piazza-vittorio-2017-abel-ferrara-01.jpg
  • piazza-vittorio-2017-abel-ferrara-02.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Venezia 2017 – Minuto per minuto

    Dal primo all'ultimo giorno della Mostra, tra sale, code, film, colpi di fulmine e ferali delusioni: il consueto appuntamento con il Minuto per minuto, cronaca festivaliera con aggiornamenti quotidiani, a volte anche notturni o drammaticamente mattinieri...
  • Festival

    Venezia 2017

    La Mostra del Cinema di Venezia 2017, dalla proiezione di preapertura di Rosita di Ernst Lubitsch al Leone d’oro e alla cerimonia di chiusura: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori...
  • Cannes 2017

    Alive in France

    di Presentato alla Quinzaine, Alive in France di Abel Ferrara è un giocoso bakstage della tournée oltralpe del regista e della sua band, che restituisce tutta la forza propulsiva della sua creatività.
  • Interviste

    Intervista ad Abel Ferrara

    Il cinema di Abel Ferrara è radicale, sovversivo, spiazzante e lo ha dimostrato ancora una volta con i suoi due film più recenti, Welcome to New York e Pasolini, entrambi del 2014. Ora è al lavoro su un progetto su Padre Pio. Lo abbiamo incontrato a Roma, dove vive stabilmente da due anni.
  • Streaming

    The Driller Killer

    di Con il suo secondo lungometraggio, The Driller Killer, Abel Ferrara realizza una giocosa e crudele allegoria sull'arte e chi la crea. In streaming gratuito grazie alla piattaforma VVVVID.
  • News

    Abel Ferrara incontra Maresco

    Per due giorni Abel Ferrara sarà a Palermo nell'ambito della rassegna I cantieri del contemporaneo. Il 27 novembre il cineasta italo-americano presenterà al pubblico Fratelli, mentre la sera successiva dialogherà con Franco Maresco.
  • Archivio

    Pasolini

    di Lontano da tentazioni biopic così come da elucubrazioni saggistiche, Abel Ferrara con Pasolini dà forma all'incompiuto e ristabilisce il predominio dell'opera sul suo autore.
  • Cannes 2014

    Welcome to New York

    di Discusso (per via del personaggio affrontato), desiderato (lunghissime erano le file a Cannes per vederlo), infine distribuito in VoD (a partire dal 22 maggio): è Welcome to New York il nuovo, geniale film di Abel Ferrara.
  • DVD

    Il cattivo tenente

    di Esce in DVD per Rarovideo Il cattivo tenente, capolavoro di Abel Ferrara che sconvolse il Festival di Cannes giusto vent'anni fa. Tra gli extra, l'ottimo documentario It all happens here.
  • AltreVisioni

    4:44 Last Day On Earth

    di La fine del mondo secondo Abel Ferrara in un apologo cinico e sarcastico presentato in Concorso a Venezia 68.
  • DVD

    Chelsea on the Rocks

    di In una commistione caotica e a tratti perfino disturbante tra realtà e ricreazione della stessa, Chelsea on the Rocks di Abel Ferrara è comunque uno degli inni d'amore più appassionati che New York abbia ricevuto negli ultimi anni. In dvd grazie alla BIM.
  • AltreVisioni

    Napoli Napoli Napoli

    di Operazione a tratti farraginosa, Napoli Napoli Napoli funziona soprattutto per quel che concerne l'aspetto meramente documentario, dove il film dimostra la forza e la capacità di portare davanti ai nostri occhi una realtà partenopea troppo spesso celata.
  • Festival Scope

    I film di Venezia su Festival Scope

    Diciotto film della 74esima edizione della Mostra sono online su Festival Scope, a partire dal 31 agosto e fino al 19 settembre.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento