Il sapore del successo

Il sapore del successo

di

La sfida del cuoco con se stesso (e con gli altri) nel nuovo film di John Wells, Il sapore del successo. Una commedia che arranca stancamente tra un fornello e l’altro.

Nessuno sta uccidendo i più grandi cuochi d’Europa

Adam Jones è un noto chef, con due stelle Michelin, che ha visto fallire il suo ristorante di Parigi. Decide di rimettersi in gioco aprendo un nuovo ristorante a Londra, per questo si avvale della collaborazione del migliore team di chef in circolazione… [sinossi]

Galeotto fu Masterchef e chi lo ideò. In un percorso che idealmente culmina nell’Expo milanese dedicata al cibo, con le notizie delle infinite file umane per accedere allo stand giapponese che rimbalzano dai quotidiani ai telegiornali, la cucina e tutto quel che riguarda fornelli, pentole e posateria sono assurti a nuova moda, destinata a durare per chissà quanto tempo. Tra le varie edizioni di Masterchef (prodotte, senza sensibili differenze estetiche, ai quattro angoli del globo), e le sue varianti più o meno ufficiali, la televisione assolve con il minimo sforo al suo ruolo di intrattenimento culturale sollazzando gli esegeti dello zapping a colpi di soufflé, vellutate, sushi, tagli alla julienne e così via. L’arte culinaria pretende il suo posto nello scacchiere di talk e talent show, scalciando contro cantanti, musicisti, ristrutturatori di appartamenti. E il cinema? Escluso dal grande circo televisivo oramai da anni, si adegua e prova a sedurre il pubblico del piccolo schermo raccontando storie e ambienti che questo dovrebbe considerare “familiari”.
Nasce anche da queste discutibili scelte di mercato un film come Il sapore del successo (Burnt il titolo originale), nuova sortita dietro la macchina da presa per John Wells, alla terza regia cinematografica dopo The Company Men e I segreti di Osage County.

Ambientato in una Londra pressoché invisibile, rinchiuso com’è il set tra cucine e sale allestite per desinare, il film di Wells si dimena in modo fin troppo eccessivo alla ricerca di un proprio senso, quasi non si rendesse conto della propria essenza primaria, una commedia dai tratti sentimentali sulla rivincita di un uomo. Il collasso del genio e dell’eroe e la sua rinascita, topos della narrazione umana fin dagli albori dell’umanità, è qui declinata nella storia di Adam Jones, stella di prima grandezza dell’universo culinario mondiale caduto in disgrazia per la sua ambizione e i suoi vizi; deciso a riprendersi il posto che merita, dopo un’accurata penitenza (passata a sgusciare un milione di ostriche nel peggior ristorante di New Orleans; neanche i maestri di arti marziali a metà tra Confucio e Buddha avrebbero osato tanto), Jones, che perse la sua reputazione a Parigi, decide di riconquistarla a Londra.
Nella capitale inglese, dove tutto sembra ruotare attorno ai ristoranti neanche da questi dipendesse il destino del Regno Unito, l’ex-enfant prodige mette su una squadra di fedelissimi – con qualche new entry, scelta con accuratezza dagli sceneggiatori per spingere sul pedale della rom-com – per partire alla conquista del mondo. Intessuto in tutto e per tutto come un heist-movie, o un noir d’antan, Il sapore del successo si piega fin dalle prime sequenze alle più bieche semplificazioni di sceneggiatura pur di raggiungere il proprio scopo.

Così, tra un colpo di teatro e una scena madre, tra un climax emotivo e un siparietto comico, il film di Wells procede stancamente verso un finale che chiunque ha previsto fin dalla prima battuta, senza averlo trovato un granché interessante. Wells si dimostra regista di medio cabotaggio, privo di guizzi creativi, e il cast internazionale scelto per la bisogna compare in scena senza lasciare traccia del proprio passaggio, visto che è ridotto nella stragrande maggioranza dei casi alla pura macchietta.
Ingabbiato in una struttura sproporzionata all’effettivo peso specifico di una commedia che non dovrebbe avere alcuna pretesa e ne mette sul piatto (è il caso di dirlo) troppe, Il sapore del successo si attarda sfiatato pur non superando l’ora e quaranta.
L’impressione, ai limiti del tragico, è che sia più divertente, e perfino più interessante, una puntata di Masterchef, ben più consapevole dei propri limiti. E del proprio pubblico.

Info
Il trailer de Il sapore del successo.
  • il-sapore-del-successo-burnt-2015-john-wells-02.jpg
  • il-sapore-del-successo-burnt-2015-john-wells-01.jpg

Articoli correlati

  • In sala

    Quanto basta RecensioneQuanto basta

    di Francesco Falaschi, senza perdersi dietro facili ambizioni (che dieci anni fa per esempio resero indigeribile Si può fare di Giulio Manfredonia), dimostra con Quanto basta come sia possibile dirigere una commedia sulla disabilità - nel caso specifico la sindrome di Asperger - evitando il bozzettismo e la semplificazione.
  • In sala

    Natale da chef

    di Natale da chef tocca e forse oltrepassa il nadir della commedia natalizia, sbandierando un corpo comico oramai macerato come quello di Massimo Boldi, e spingendo senza tregua sul pedale dell'acceleratore. Un'opera non solo becera, ma stantia, residuo asmatico del passato.
  • Festival

    Torino 2015 – Minuto per minuto

    Eccoci nuovamente all'ombra della Mole per il Torino Film Festival 2015, all'inseguimento di opere prime (seconde e terze), documentari italiani e internazionali, retrospettive, omaggi, (ri)scoperte...
  • Festival

    Torino 2015

    Il Torino Film Festival 2015, dal 20 al 28 novembre. La trentatreesima edizione del festival sabaudo, tra opere prime, sci-fi, documentari, film di ricerca, passato e futuro. Tutte le nostre recensioni.
  • Torino 2015

    Torino 2015 – Presentazione

    Con uno sguardo al passato che è sguardo al futuro (e viceversa) il Torino Film Festival si conferma, sulla carta, l'evento metropolitano più ricco dell'attuale panorama festivaliero italiano.
  • In sala

    La moglie del cuoco

    di Ai tipici tratti del “cinema medio” francese, La moglie del cuoco aggiunge la vocazione alla varietà della cucina e la leggerezza della commedia romantica. Ma somiglia più a una degustazione che a un’abbuffata.
  • In sala

    Chef – La ricetta perfetta

    di Carrellata di buoni sentimenti per Jon Favreau, alle prese con una food-comedy in salsa cubana che solo in parte sviluppa le sue potenzialità.
  • Archivio

    I segreti di Osage County recensioneI segreti di Osage County

    di Frizioni e scontri familiari al centro de I segreti di Osage County, pièce teatrale di Tracy Letts, che rivive sul grande schermo grazie a un'ambiziosa trasposizione.
  • Archivio

    ChefChef

    di Prevedibile fin dal primo minuto, non sgradevole ma sostanzialmente inutile, Chef è un raro esempio di film che mette costantemente in scena cibo e pietanze senza solleticare mai lo stomaco. Quasi uno spot in negativo per la cucina francese. Meglio i rigatoni con la pajata.
  • Archivio

    Soul Kitchen RecensioneSoul Kitchen

    di Lontano per stile e tematiche dalle opere precedenti, Fatih Akin con Soul Kitchen mette in scena una commedia brillante, a tratti travolgente, indubbiamente gioiosa, intrisa di buoni sentimenti e amore per la musica.
  • Archivio

    Limitless RecensioneLimitless

    di Uno scrittore in crisi mette le mani su una droga farmaceutica top secret capace di migliorare qualsiasi prestazione. L'uomo raggiunge il successo e la fama improvvisi, ma presto scopre che la droga ha una serie di effetti letali, incluso il trip-switching...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento