Funan

Funan

di

Presentato alla Festa del Cinema di Roma 2018, Funan ripercorre con afflato umanista e un’apprezzabile confezione tecnico-artistica i terribili anni del genocidio cambogiano. Un viaggio tra flebili speranze e un’annichilente disperazione, dal 1975 al 1979. Opera prima di Denis Do, nuovo nome da seguire, ed ennesima dimostrazione dello straordinario stato di salute dell’animazione francese.

La purificazione della Cambogia

Phnom Penh, 1975. Chou vive una vita felice fino a quando, una mattina, la follia degli khmer rossi fa piombare la Cambogia nell’orrore. La popolazione viene deportata nei campi di prigionia e Chou è costretta a confrontarsi con il dolore dell’impotenza. Quando il figlio di quattro anni le viene strappato di mano dalla folla in fuga, Chou vede il suo mondo cadere a pezzi. Tuttavia, non perde la speranza di salvare il figlio e di mantenere unita la famiglia malgrado i soprusi di un regime crudele… [sinossi]

A suo modo, Funan è un punto di partenza. Un possibile primo passo tra gli orrori, la follia e l’autogenocidio della Kampuchea Democratica di Pol Pot. Ovvero, Cambogia e khmer rossi, cuore pulsante – ferito quasi a morte, ma pulsante – del cinema di Rithy Panh: cinema che è memoria, testimonianza, mappatura storica e umana, tra documentario e finzione.
Ecco, prima di Les Tombeaux sans noms e L’image manquante, prima di Duch, le maître des forges de l’enfer e Un Barrage contre le Pacifique, il lungometraggio d’animazione di Denis Do permette di avvicinarsi a questa pagina nera come la pece della Storia umana, fissa alcuni punti chiave, è come una sorta di doloroso abbraccio che precede l’abisso messo in scena meticolosamente e instancabilmente da Panh. I colori pieni – ghibliani o giù di lì – prima di quella pece nerissima che ti si attacca agli occhi e al cuore.

Animazione, chiaramente non per tutti, eppure pensata per un pubblico universale, persino giovane. In questo senso, il fuori campo di Funan è comprensibile: vediamo ben poco delle atrocità, pur cogliendo la profondità dell’abisso. Le stesse ellissi narrative, piccole o grandi, rientrano nelle necessità di un quadro generale, di un primo approccio. Di un primo passo, di quel punto di partenza pre-panhiano che forse è davvero utile, quantomeno consigliato.
La fonte d’ispirazione estetica e narrativa sembra essere Una tomba per le lucciole, almeno in gran parte, con quel mosaico umano ricco di sfumature, mai manicheo, e le connotazioni autobiografiche. Funan non ha ovviamente la stessa tragica potenza annichilente, (forse) non può e (forse) non vuole mettere in scena la fine, la fin absolue. E non ha – non può avere – le stesse qualità tecniche e artistiche: nei limiti del budget e del potenziale produttivo, Do riesce conumque a trovare uno stile equilibrato, a tratti prezioso (nei fondali, in alcuni paesaggi minuziosamente dettagliati e nella ispirata messa in quadro), dalle linee chiare e i colori netti, come le sue intenzioni.

Lo splendore della natura – immobile e immutabile rispetto alle tragedie e ai peccati umani – diventa una sorta di rifugio spettatoriale, in aperto contrasto col declino psico-fisico delle vittime e dei carnefici. La sofferenza si legge sui volti, su quelle linee nere che solcano indelebilmente la bellezza di Chou, madre indomabile. L’odissea della sua famiglia, come quella del suo popolo, è immersa in un paradiso schizofrenico, rigoglioso, verde smeraldo.
Sul piano tecnico-artistico, convince decisamente meno la fluidità dei movimenti, comunque mascherata, mentre il character design è semplice, pulito, immediato, in linea con le condivisibili intenzioni didascaliche di una fetta significativa dell’animazione transalpina ed europea: un filo rosso storico, politico e grafico unisce infatti Funan a interessanti pellicole come Un homme est mort (2018) di Olivier Cossu o Couleur de peau: miel (2012) di Laurent Boileau e Jung Sik-jun, tentativi riusciti di amalgamare forma, contenuto e budget. L’animazione limitata, come la scelta del francese e delle voci di Bérénice Bejo e Louis Garrel, è un piccolo dazio da pagare, forse l’unico veicolo possibile. Vive la France!

Info
Il trailer originale di Funan.
La scheda di Funan sul sito di Roma 2018.
  • Funan-2018-Denis-Do-01.jpg
  • Funan-2018-Denis-Do-02.jpg
  • Funan-2018-Denis-Do-03.jpg
  • Funan-2018-Denis-Do-04.jpg
  • Funan-2018-Denis-Do-05.jpg
  • Funan-2018-Denis-Do-06.jpg
  • Funan-2018-Denis-Do-07.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2018

    les tombeaux sans noms recensioneLes tombeaux sans noms

    di Rithy Panh torna una volta di più con Les Tombeaux sans noms a interrogarsi sulla Cambogia, sulla memoria (per lui anche tragicamente autobiografica) del genocidio perpetrato dal regime dei Khmer Rossi, e sul destino dell'umanità: un'opera dolorosissima.
  • Animazione

    Le stagioni di Louise

    di Ennesimo tassello della nouvelle vague animata transalpina, il film di Laguionie si stringe poeticamente e senza ipocrisie attorno alla terza età, alla solitudine che spesso accompagna la vecchiaia.
  • Cannes 2016

    La jeune fille sans mains

    di Proviene dalla sezione dell'ACiD una delle sorprese più belle e inattese di Cannes 2016: La jeune fille sans mains, opera prima disegnata a mano da Sébastien Laudenbach.
  • Animazione

    ma-vie-de-courgetteLa mia vita da zucchina

    di La Quinzaine ritaglia spazi preziosi per il cinema d'animazione, anche quello a misura di bambino. Diretto da Claude Barras, La mia vita da zucchina è l'ennesima dimostrazione della vitalità della stop motion e dell'animazione transalpina.
  • Animazione

    La tartaruga rossa

    di Presentato nella sezione Un Certain Regard, La tartaruga rossa di Michaël Dudok de Wit è l’ennesimo miracolo artistico e produttivo dello Studio Ghibli, in coproduzione con le francesi Prima Linea Productions, Why Not Production e Wild Bunch.
  • Future 2016

    Avril et le Monde truqué

    di , Premiato ad Annecy e presentato in anteprima italiana al Future Film Festival 2016, Avril et le Monde truqué (April and the Extraordinary World) è un'avventura fantasiosa e rocambolesca, ennesimo tassello positivo del variopinto cinema d'animazione transalpino.
  • Animazione

    Sasha e il Polo Nord

    di Sasha e il Polo Nord di Rémi Chayé è l'ennesima dimostrazione della qualità ed estrema vivacità del cinema d’animazione transalpino. L’animazione tradizionale è vivissima. A Roma 2015 e al Future 2016.
  • AltreVisioni

    L’image manquante

    di Rithy Panh racconta lo stermino della propria famiglia da parte degli uomini di Pol Pot, e per farlo si affida a personaggi in plastilina. Vincitore di Un certain regard al Festival di Cannes, e presentato nella sezione TFFdoc.
  • AltreVisioni

    Duch, le maître des forges de l’enfer

    di In Duch, le maître des forges de l'enfer Rithy Panh torna una volta di più a ragionare sulla dittatura di Pol Pot, inferno nel quale il regista perse l'intera famiglia.
  • AltreVisioni

    Un Barrage contre le Pacifique

    di Un Barrage contre le Pacifique permette a Rithy Panh di proseguire il suo discorso sull'Indocina anche affrontando un film di finzione.
  • Festival

    Roma 2018Roma 2018

    Si tiene dal 18 al 28 ottobre la Festa del Cinema di Roma 2018, giunta alla tredicesima edizione e diretta sempre da Antonio Monda, al suo quarto anno alla guida della festa/festival. Qualche titolo in anteprima mondiale, e poi anteprime internazionali e nazionali, ma soprattutto una importante retrospettiva su Maurice Pialat.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento