Il mondo dei robot

Il mondo dei robot

di

Riproposto in pellicola dal Trieste Science+Fiction Festival 2018, Il mondo dei robot (Westworld) di Michael Crichton è uno dei classici della fantascienza distopica degli anni Settanta, invecchiato un po’ a fatica, non privo di qualche ingenuità e lungaggine, ma ancora terribilmente affascinante. Memorabile Yul Brynner nei panni – letteralmente presi da I magnifici sette – del pistolero silenzioso e implacabile.

Futureworld

Un parco di divertimenti nel futuro, dove robot dalle sembianze umane sono programmati per far vivere realistiche avventure ai tempi dei Romani, nel Medioevo e nel Far West. Due turisti americani, John Blane e Peter Martin, giungono presso Westernlandia, dove presto si scontrano a duello con un pistolero androide. Il turista ha (inizialmente) la meglio… [sinossi]
1. A robot may not injure a human being or, through inaction, allow a human being to come to harm.
2. A robot must obey any orders given to it by human beings, except where such orders would conflict with the First Law.
3. A robot must protect its own existence as long as such protection does not conflict with the First or Second Law.
Manuale di Robotica, 56ª Edizione.

Si è un po’ arrugginito Il mondo dei robot (Westworld, 1973) di Michael Crichton, eppure resta tra i titoli più rappresentativi della science fiction degli anni Settanta, impreziosito da una lunga serie di intuizioni. In primis, il pistolero Yul Brynner, con gli abiti di scena utilizzati ne I magnifici sette e lo sguardo impassibile, glaciale. Quasi umano. Poi l’incipit in formato televisivo con le (sconcertanti) interviste ai visitatori dei parchi Delos; il paradosso dell’intensificazione tecnologica usata per ricreare una regressione; il risveglio mattutino di Westworld; il ruolo sessuale dei robot femminili, spunto che ritroveremo un paio di anni dopo ne La fabbrica delle mogli (The Stepford Wives, 1975) di Bryan Forbes e che deflagrerà col cyberpunk, da Blade Runner a Innocence e via discorrendo.

Crichton sconfessa le tre leggi della robotica di Asimov e insinua il dubbio di una possibile ribellione delle macchine umanoidi – un leit motiv dello scrittore e regista statunitense che tornerà sui pericoli della tecnologia e della robotica con lo sfortunato Runaway (1984) e che immaginerà col romanzo Jurassic Park un altro pericolosissimo parco a tema.
Westworld, che lascia solo qualche briciola al mondo romano e a quello medievale, è la scintilla di una mutazione sociale che pellicola dopo pellicola assumerà sul grande schermo proporzioni planetarie: dalla disavventura de Il mondo dei robot alla quasi estinzione delle saghe di Terminator e Matrix – in questo senso, The Second Renaissance Part I e Part II di Mahiro Maeda, ispiratissimo doppio prequel della matrice wachowskiana, è una sorta di ideale sequel dello scenario crichtoniano, indubbiamente più calzante rispetto al dimenticabile secondo capitolo Futureworld – 2000 anni nel futuro (1976) di Richard T. Heffron.

In attesa dei miracoli della computer grafica, l’umanità degli anni Settanta doveva guardarsi dalle scimmie, dalle formiche e da Yul Brynner. Le macchine umanoidi diventano «metafora di dissidi sociali e tessuti comunitari che si sfilacciano a causa della sopraffazione di alcuni su altri – qui gli automi sono parte integrante delle sperequazioni e delle distopie in arrivo, come nel luna park di Il mondo dei robot dove gli androidi costruiti per il sollazzo dei turisti si ribellano, o La fabbrica delle mogli, in cui gli uomini di una cittadina trasformano in robot le mogli per ottenere obbedienza» [1]. Una rivolta mancata, soffocata, quella delle macchine. Funziona semmai il contrario, con le mogli sistematicamente sostituite, proprio perché la metafora è fermamente ancorata alla disparità di genere. Ma quello di Crichton è un monito ancora nella sua fase iniziale, embrionale, quasi sospeso: forse in attesa che la robotica faccia ancora qualche passo in avanti, per meglio soppesare le prospettive e i pericoli futuri. Nove anni dopo, una mezza eternità per tecnologia e cinema, arriveranno avversari ben più arcigni e consapevoli del pistolero brynneriano: sono gli androidi di Blade Runner, già (ampiamente) migliori di noi. Pochi anni più tardi, l’Apocalisse: Terminator.

Come hanno giustamente osservato Bandirali e Terrone, «il colore, che nel Grande Stile della fantascienza classica rappresentava un segno inequivocabile dell’intensificazione tecnologica, in molti film di genere dei primi anni ’70 sembra più propenso a esprimere l’inerzia del reale e la crisi del progresso anziché la travolgente affermazione della tecnologia» [2]. Come in altre pellicole del periodo, ne Il mondo dei robot «prevale una luce triste, malinconica, pressoché indifferente alle innovazioni tecnologiche dispiegate nel campo narrativo, e quasi sintomatica della loro caducità» [3]. È quasi sottotono la messa in scena dei parchi Delos, sommessamente tinta di un realismo che non è solo figlio di un budget contenuto, ma è la cartina tornasole di una progressiva perdita di misura e dignità, di un consumismo onnivoro e immorale. Il mondo dei robot fotografa un’umanità impacciata, imbolsita, incapace di interpretare (e arginare) l’intreccio di fili e microchip che si nascondono dietro il volto del pistolero. Nella battaglia tra noi e loro, oltre al duo James Brolin & Richard Benjamin, a sventolare il nostro vessillo è il pacioso banchiere interpretato da Dick Van Patten. La sconfitta è dietro l’angolo.

Note
1. Roy Menarini, Cinema e fantascienza, Archetipolibri, Bologna 2012, pag. 44.
2. Luca Bandirali, Enrico Terrone, Nell’occhio, nel cielo: teoria e storia del cinema di fantascienza, Lindau, Torino 2008, pag. 155.
3. Idem.
Info
Il trailer originale de Il mondo dei robot.
La scheda de Il mondo dei robot sul sito del Trieste Science+Fiction 2018.
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-01.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-02.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-03.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-04.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-05.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-06.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-07.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-08.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-09.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-10.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-11.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-12.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-13.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-14.jpg
  • Il-mondo-dei-robot-1973-Westworld-Michael-Crichton-15.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Trieste Science+Fiction Festival 2018Trieste Science+Fiction Festival 2018 – Presentazione

    Il Trieste Science+Fiction 2018 mostra i muscoli con First Man di Chazelle e Overlord di Julius Avery, ma il cuore pulsante del festival continuano a essere le scoperte e riscoperte sul grande schermo, gli ospiti di prestigio, gli incontri, i workshop, lo sguardo ad ampio raggio sulla fantascienza.
  • Festival

    Trieste Science+Fiction Festival 2018Trieste Science+Fiction Festival 2018

    Dalla scienza (Il primo uomo) alle derive orrorifiche (Overlord). In mezzo, tra passato e futuro, tra bianco e nero e colore, tra classici sonorizzati e classici restaurati, un flusso continuo e inarrestabile di fantascienza. Dal 30 ottobre al 4 novembre, Trieste torna idealmente al centro dell'Universo.
  • Trieste S+F 2017

    Marjorie Prime

    di Presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2017, Marjorie Prime declina con estrema delicatezza alcuni dei temi chiave della fantascienza odierna, interrogandosi sulla vecchiaia, sulla memoria, sugli sviluppi dell'intelligenza artificiale...
  • Archivio

    Blade Runner 2049 RecensioneBlade Runner 2049

    di Sequenze genetiche e binarie, immagini digitali e luoghi reali. Passato e futuro. Sogni, ricordi, memoria individuale e collettiva. Padri e figli. Madri e figli. Creatori e creature, servili e ribelli, consapevoli e inconsapevoli. Questo e molto altro è Blade Runner 2049...
  • Archivio

    Ghost in the Shell

    di Sbirciando sotto la lussureggiante patina di questo Ghost in the Shell in carne e ossa (e computer grafica), si trovano solo tracce sterili e sbiadite del caposaldo oshiiano e delle tavole originali di Masamune Shirow. Un evidente e volontario passo indietro.
  • Torino 2016

    A.I. Intelligenza Artificiale RecensioneA.I. – Intelligenza Artificiale

    di Al Torino Film Festival, nella retrospettiva Cose che verranno, viene ospitato anche A.I., una delle creature meno comprese dell'intera carriera di Steven Spielberg.
  • TFF 2015

    Cose che verrannoCose che verranno. Utopie e distopie sul grande schermo

    Le strade di New York sono cimiteri di macchine, un vuoto spettrale avvolge la Grande Mela. Londra è in fiamme. A Roma, all'Eur, si aggira l'ultimo sopravvissuto, bramato e assediato dai vampiri. Nell'802.701 gli apatici Eloi si fanno sgranocchiare dai mostruosi Morlock...
  • Torino 2015

    Blade Runner RecensioneBlade Runner

    di Blade Runner è fantascienza che forse vivremo tra quarant'anni, è un noir che non esiste più, è una love story impossibile, è la straziante rappresentazione dell'essenza della vita. Al TTF2015 per la retrospettiva "Cose che verranno".
  • Archivio

    Ex Machina

    di Esempio di fantascienza introspettiva e volutamente anti-spettacolare, Ex Machina di Alex Garland punta alla riflessione filosofica, ma annega in parte le sue ambizioni in un eccesso di leziosità registica.
  • Archivio

    Terminator Genisys RecensioneTerminator Genisys

    di L’ennesimo tentativo di far rinascere la storia avviata da Cameron nel 1984 finisce schiacciato dai paradossi temporali, stretto fra una morsa di rimandi nostalgici e facili catastrofismi.
  • Cult

    Jurassic Park RecensioneJurassic Park

    di Steven Spielberg apre i cancelli del Jurassic Park, l'unico giardino zoologico del mondo in grado di ospitare veri dinosauri. Fin troppo veri...
  • Archivio

    Humandroid RecensioneHumandroid

    di Dopo il futuro distopico di Elysium, Blomkamp torna con Humandroid a temi e luoghi più consoni alla sua science fiction futuribile, sociopolitica e intrisa di un più che apprezzabile (neo)realismo grafico e visivo. Presentato in anteprima al Bif&est 2015.
  • Torino 2014

    Fase IV: distruzione Terra

    di Al Torino Film Festival, nella retrospettiva dedicata alla New Hollywood, una delle più interessanti e riuscite pellicole di fantascienza degli anni Settanta (e non solo), opera prima e purtroppo unica di Saul Bass.
  • DVD

    Runaway

    di In un futuro non troppo lontano, gli uomini convivono con i robot, progettati per rendere la vita degli esseri umani più semplice e meno faticosa. Ma, improvvisamente, le pacifiche macchine si trasformano in spietati killer...
  • Archivio

    Cowboys & Aliens RecensioneCowboys & Aliens

    di New Mexico, 1875. Uno straniero privo di memoria arriva nella cittadina di Absolution. È ferito e ha fissato a un polso uno strano bracciale metallico...
  • Archivio

    Eva recensioneEva

    di Alex torna a Santa Irene per portare a termine una missione molto particolare per la Facoltà di Robotica: creare un robot bambino. Nei dieci anni in cui è stato lontano, il fratello David e Lana sono andati avanti con le loro vite. Il destino vuole che la routine di Alex venga movimentata da Eva, la figlia di Lana e David...
  • Archivio

    Il mondo dei replicanti RecensioneIl mondo dei replicanti

    di Senza mai lasciarsi commuovere dall'apparente umanità dei replicanti, il film di Mostow cerca di costruire un pamphlet che non nega di fatto l’importanza della tecnologia ma ribadisce il ruolo dell’uomo...
  • Archivio

    Moon (2009) di Duncan Jones - Recensione | Quinlan.itMoon

    di Sam Bell è impiegato da tre anni presso la base lunare Selene, adibita all'estrazione dell'Elio-3, che potrebbe salvare la Terra da una grossa crisi energetica. Sam ha vissuto tre anni nella base con l'unica compagnia di un robot di nome Gertie...
  • Archivio

    Terminator-SalvationTerminator Salvation

    di In seguito all'olocausto nucleare causato dalla Skynet, che ha determinato lo sterminio di gran parte della razza umana, un manipolo di uomini tra quelli sopravvissuti, guidati da John Connor, cerca di salvare quel poco che é rimasto...
  • Animazione

    Kyashan

    di , , Kyashan, creatura televisiva partorita dalla mente di Tatsuo Yoshida, venne alla luce per la Tatsunoko nel 1973. Quaranta anni più tardi è ancora un passaggio indispensabile per affrontare il mondo degli anime seriali.
  • Trieste S+F 2018

    2002: la seconda odissea Recensione2002: la seconda odissea

    di Riproposto dal Trieste Science+Fiction Festival per l'omaggio a Douglas Trumbull, 2002: la seconda odissea è il primo film da regista dello storico mago degli effetti visivi. Fantascienza distopica che riflette la sensibilità ecologica e lo spirito di ribellione dei primi anni Settanta.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento