Flee

La vita tortuosa di Amin, profugo scappato dall’Afghanistan, è raccontata in Flee, ora nelle sale italiane. Una scommessa, vinta, per il regista Jonas Poher Rasmussen, quella di raccontare una storia vera, una storia straordinaria, attraverso il cinema d’animazione.

Incontro con un uomo straordinario

Amin ha 36 anni, vive in Danimarca, è un affermato docente universitario e sta per sposarsi con il suo compagno. Ma proprio poco prima delle nozze, il passato torna a fargli visita, facendogli ripercorrere gli anni della sua gioventù, quando dall’Afghanistan arrivò in nord Europa dopo un lungo viaggio, con la speranza di chiedere asilo. [sinossi]

Tratto da una storia vera. Un incipit molto diffuso al cinema che viene messo subito nei titoli di testa per far capire allo spettatore che ciò cui sta per assistere, ancorché ricostruito con attori e tecniche cinematografiche, è successo davvero. Bisogna avvisare il pubblico che non di pura fiction si tratta. Una storia vera, come enunciato dal solito cartello, è anche quella di Flee, film danese di Jonas Poher Rasmussen, ora nelle sale italiane. Importante dichiararlo per il fatto di essere un’opera d’animazione, un linguaggio che è ancora poco assimilato nel grande pubblico nella sua potenzialità di cinema del reale. Ci sono alcuni precedenti, anche usciti in sala da noi, dei quali Flee si pone come l’ideale epigono: Valzer con Bashir, documentario d’animazione sul conflitto libanese, e Persepolis, storia romanzata dell’infanzia dell’autrice nell’Iran post-rivoluzione.

Nel raccontare la storia di Amin, un amico del regista la cui identità reale rimane anonima, e della sua tortuosa infanzia in fuga da Afghanistan e Russia verso Svezia e Danimarca, la scelta dell’animazione è obbligata sopratutto per garantire la riservatezza del protagonista e dei suoi famigliari. Jonas Poher Rasmussen non aveva fatto opere d’animazione prima, ma documentari filmati e radiofonici. E partendo da una necessità è riuscito a concepire un’architettura complessa e ingegnosa di immagini e di stili visivi, combinando diversi approcci alla realtà. C’è l’animazione più realistica, probabilmente a rotoscopio, che vuole essere realtà come enunciato da quel ciak che segna l’inizio delle ‘riprese’ in forma di un’intervista del regista ad Amin in chiave di seduta psicanalitica, in cui il protagonista si lascia andare ai suoi ricordi traumatici. Le sequenze più cupe, gli incubi di Amin, sono fatte invece con uno stile grafico diverso, onirico, con immagini offuscate e indistinte, con le figure umane senza volto. Vanno aggiunte poi anche le immagini di cultura popolare kitsch che abbondano nel film. I tanti quadri sospesi in schermi televisivi, delle popolari soap musicali che si vedevano in casa, o dei poster dei film con Chuck Norris, Bruce Lee e Jean-Claude Van Damme che hanno significato la scoperta della propria omosessualità per il protagonista. Ci sono poi, a completare il pastiche visivo, filmati di repertorio amatoriali dell’Afghanistan degli anni Ottanta, e filmati contemporanei in digitale nei luoghi dove si svolge ora la vita di Amin, New York o Copenaghen o un prato fiorito. Lo stile grafico delle parti d’animazione è abbastanza anonimo, senza una definita impronta artistica riferibile a un autore: realizzato da mestieranti di studi cui Rasmussen si è affidato. Ma in fondo si tratta di una scelta funzionale in cui l’estetica del film deve essere a servizio delle idee del regista.

Si può creare empatia, e non distacco, con una elaborazione così costruita sul reale? È la grande scommessa, riuscita, di Jonas Poher Rasmussen che ci mette di fronte a un’opera davvero sentita e sincera, non un’operazione a tavolino. La storia di Amin è talmente straordinaria da contenere al suo interno tante storie, tanti archetipi. C’è la scoperta della propria identità sessuale, che si sviluppa nelle culture omofobe della sua infanzia, che passa per la non accettazione – quando, alla commissione che valuta il suo status di profugo, chiede medicine per curare la propria omosessualità – per arrivare alla comprensione famigliare. C’è la storia dell’Afghanistan e della sua innocenza perduta, di una terra dove i bambini giocavano con palloncini e aquiloni, secondo un’iconografia tipica, che si stava disgregando nei conflitti tra i regimi filo-sovietici e i mujaheddin. C’è la storia di un altro paese in miseria, la Russia nell’immediato periodo post-sovietico, dove la corruzione è onnipresente e dove si cerca la felicità nelle inaugurazioni tristi dei McDonald’s, con la folla di persone con le bandierine, con il famoso logo della catena di fast food, portate sui colbacchi. C’è una storia di diaspora, di fuga di profughi che con tutti gli elementi tipici: trafficanti di esseri umani, passaporti falsi, barconi precari gremiti di persone che solcano il mare. E infine c’è la storia di un successo dopo una vita travagliata, il raggiungimento di un’elevata posizione intellettuale accademica, e di una serenità di coppia riconosciuta dal matrimonio gay. I titoli di coda, ancora secondo uno stereotipo narrativo delle storie vere al cinema, raccontano gli sviluppi successivi delle storie dei protagonisti. Alla storia di Amin non possiamo che credere, non foss’altro per il fatto che è talmente straordinaria da superare la fantasia.

Flee esce ora nelle sale italiane dopo essere stato presentato al Sundance 2021 e al Biografilm. Ed è candidato agli Oscar in ben tre categorie, come miglior film internazionale, miglior documentario e miglior lungometraggio d’animazione.

Info
Il trailer di Flee.

  • Flee-2021-Jonas-Poher-Rasmussen-01.jpg
  • Flee-2021-Jonas-Poher-Rasmussen-02.jpg
  • Flee-2021-Jonas-Poher-Rasmussen-03.jpg
  • Flee-2021-Jonas-Poher-Rasmussen-04.jpg
  • Flee-2021-Jonas-Poher-Rasmussen-05.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2021

    Where Is Anne Frank RecensioneAnna Frank e il diario segreto

    di Presentato fuori concorso al Festival di Cannes 2021, Anna Frank e il diario segreto è il nuovo lungometraggio del regista e sceneggiatore israeliano Ari Folman, un'opera pensata per un pubblico giovane e dall'afflato evidentemente didascalico.
  • Cannes 2018

    Chris the Swiss RecensioneChris the Swiss

    di Un documentario-inchiesta sulle circostanze della morte di un giornalista nella guerra civile jugoslava, condotta dalla cugina che usa gli strumenti della sua arte, l'animazione, riuscendo a sposarla perfettamente con la cruda realtà. Alla Semaine de la Critique 2018.
  • Buone feste!

    Waking Life

    di Waking Life di Richard Linklater fu accolto nel 2001 con un percepibile scetticismo da stampa e addetti ai lavori alla Mostra di Venezia. È ora di porre rimedio, per cercare di comprendere un'operazione artistica e concettuale di rara ambizione. Un'opera/sogno che spezza logiche produttive, e non solo.
  • Future 2016

    The-Case-of-Hana-and-AliceThe Case of Hana & Alice

    di Presentato al Future Film Festival 2016, The Case of Hana & Alice è un anime atipico, indipendente, realizzato con la tecnica del rotoscopio. Un'immersione bizzarra, delicata e imprevedibile nell'adolescenza. Un'incursione felicissima di un regista live action nell'universo animato.
  • Animazione

    Jasmine

    di Attraverso la plastilina Alain Ughetto ripercorre la sua storia d'amore con Jasmine, plasmando e dando corpo ai ricordi, alle speranze e ai rimpianti. Una dolorosa storia personale e politica.
  • Animazione

    Crulic RecensioneCrulic – The Path to Beyond

    di La storia di Claudiu Crulic, divenuto protagonista suo malgrado di uno scandalo giudiziario dalle dimensioni internazionali...
  • Animazione

    Alois Nebel

    di Estate 1989. Alois Nebel, solitario capostazione di un paesino al confine cecoslovacco, conduce una vita tranquilla. Solo a volte, quando cala la nebbia, ha delle allucinazioni...
  • Animazione

    Tatsumi

    di Nel Giappone occupato dell'immediato dopoguerra, la passione del giovane Tatsumi per i fumetti diventerà alla fine un mezzo per sostenere la propria famiglia...
  • Animazione

    Surviving Life

    di La riflessione sulla psicanalisi è carica di un surrealismo amaro, ma ancora ben lontano dal lasciarsi assuefare dalla corruzione del reale: come un'Alice nascosta al di là dello specchio Švankmajer pone una volta per tutte il confine tra il mondo del raziocinio e quello del potere dell'Idea...
  • Animazione

    Life Is Cool

    di Il-kwon, di ritorno in Corea dagli Stati Uniti, viene accolto all'aeroporto da due amici: Tae-young, insegnante di doposcuola frustrato per la sua situazione professionale, e Sung-hoon, che lavora come interprete per un giocatore di pallacanestro afroamericano che gioca nel campionato coreano...
  • Animazione

    Valzer con Bashir

    di Passato in concorso al Festival di Cannes 2008, Valzer con Bashir è uno stupefacente e riuscito connubio tra animazione e documentario, che rilegge la tragedia del massacro di Sabra e Chatila.
  • El Gouna 2021

    la traversée recensioneLa traversée

    di Presentato fuori concorso al 5° El Gouna Film Festival, La traversée segna l'approdo al lungometraggio dell'animatrice Florence Miailhe e della sua peculiare tecnica pittorica, confezionando una fiaba nera che, in un contesto storico e geografico indefinito, ricalca un archetipo di persecuzioni.
[fbcomments width="700px"" num="10" countmsg="Commenti"]

Lascia un commento