Nessuno mi può giudicare

Nessuno mi può giudicare

di

Nessuno mi può giudicare di Massimiliano Bruno, una sapida commedia sull’Italia in crisi, sulle periferie, sulla Roma “bene”. Con Paola Cortellesi e Raoul Bova.

Ognuno ha il diritto di vivere come può

La trentacinquenne Alice vive in una bella villetta ai Parioli: ha un marito, un figlio di nove anni e tre domestici extracomunitari. La sua vita sembra un sogno dorato, ma si rivelerà ben presto un incubo. Suo marito muore in un incidente e il suo avvocato le spiega che è rimasta sul lastrico. Alice e suo figlio lasciano i Parioli e vanno a vivere nella periferia romana, pesci fuor d’acqua nell’oceano multietnico dell’estrema periferia. Trovandosi sommersa dai debiti, Alice deve inventarsi qualcosa per salvare la sua vita e quella del figlio e l’unico modo che trova per guadagnare denaro in poco tempo è fare la escort… [sinossi]

Nella numericamente ricca stagione della commedia made in Italy, con i titoli nostrani lanciati alla conquista delle prime posizione al botteghino, è stato finora inevitabile riscontrare una sclerotizzazione di forme e contenuti: a partire dall’ammazza-classifiche Che bella giornata di Gennaro Nunziante fino ad arrivare agli ultimi scarti di fabbrica (il pessimo Una cella in due, costruito sulla “strana coppia” Enzo Salvi/Maurizio Battista), gli spettatori, tralasciando le dovute differenze qualitative tra le varie pellicole, sono stati letteralmente bombardati da ritratti di un’Italia ingentilita, schizzi abbozzati e incapaci di graffiare, quasi sempre macchiati di misoginia, carichi di una putrida vena assolutoria. Paradossalmente, ma neanche troppo, uno dei pochi a muoversi contro la marea montante è stato Antonio Albanese con Qualunquemente, film che in maniera programmatica mette in mostra tutti quei difetti (il maschilismo, la glorificazione della truffa e dell’imbroglio) cui si faceva cenno poc’anzi. A giudicare da ciò che ha trovato ospitalità sugli schermi italiani in questi primi mesi dell’anno, nessuno è più in grado di orchestrare una vera e propria commedia all’italiana, ragionando da vicino sulla realtà circostante, pur ammantata dal sorriso sulle labbra: perfino Tutti al mare, affidato in fase di sceneggiatura alle cure di un esperto in materia come Vincenzo Cerami, si trova ad affondare nel bitume della retorica qualunquista.

Partendo da questi presupposti l’incontro con Nessuno mi può giudicare, opera prima di Massimiliano Bruno, non può che apparire come una vera e propria ventata di novità: Bruno, già al lavoro come sceneggiatore a fianco di Fausto Brizzi (che gli fornisce in questo caso l’idea originale), riesce a evitare con grazia e cura le secche in cui ha finito per impantanarsi il cinema del regista di Notte prima degli esami, portando in scena un’opera sapiente nello sfruttamento dei tempi comici, e tutt’altro che prona nei confronti della realtà. Se l’escamotage narrativo che permette di parlare di escort è quasi esclusivamente funzionale allo svolgimento dell’azione – pur includendo l’interessante sequenza a bordo dello yacht – l’occhio di Bruno cattura con sincera partecipazione la vita del Quarticciolo, il quartiere popolare in cui la viziata Alice si trasferisce con il figlioletto dopo la morte del marito. Lontano dalle miserande chimere borghesi inseguite nei film di Moccia e dello stesso Brizzi, Bruno propone un’idea di metropoli sanamente multietnica, in cui le culture si fondono invece di scontrarsi: pur nella limitatezza del suo sguardo, una prospettiva progressista che manca clamorosamente alla maggior parte dei nostri prodotti “leggeri”, sempre più legati al contrario a una soffocante idea identitaria della commedia. Discorsi di questo tipo a parte, Nessuno mi può giudicare procede a ritmo sostenuto, inanellando situazioni comiche quasi sempre risolte con intelligenza e divertimento, e che arrivano a sfiorare il sublime almeno in due momenti: la sapida citazione di Ecce Bombo, affidata alle cure di un ottimo Rocco Papaleo, e la gloriosa apparizione di Fausto Leali nei panni di sé stesso. Ma nel complesso è l’intera operazione a essere promossa a pieni voti: Bruno – che molti ricorderanno per la parte di Martellone nella serie tv di culto Boris – dimostra che nel fare commedia in Italia si può anche mostrare il volto amaro, perfino crudele, della nazione, senza falsi moralismi, appetiti borghesi o deprecabili rigurgiti bacchettoni. Coadiuvato da un cast finalmente davvero in parte, a partire dalla protagonista Paola Cortellesi fino ad arrivare ai gustosi cameo di buona parte del cast del succitato Boris (Caterina Guzzanti, Paolo Calabresi, Carlo De Ruggieri), Bruno mette la firma in calce a un esordio forse non particolarmente memorabile, ma che permette di riconciliarsi una volta tanto con la commedia nostrana, troppo spesso lasciata in ostaggio a briganti di ogni risma.

Nessuno mi può giudicare è cinema popolare di qualità, specie in via d’estinzione in Italia, e basterebbe anche solo questo per difenderlo a spada tratta: ma poi arrivano a supporto anche i titoli dei porno fake citati in un dialogo del film (Il silenzio degli impotenti, Fotte prima degli esami, Chiavatar, Tutti su mia madre) che riportano alla mente una sequenza di culto di Clerks di Kevin Smith. E allora davvero non si può più opporre alcuna resistenza.

Info
Il trailer di Nessuno mi può giudicare.
  • nessuno-mi-puo-giudicare-2011-massimiliano-bruno-04.jpg
  • nessuno-mi-puo-giudicare-2011-massimiliano-bruno-03.jpg
  • nessuno-mi-puo-giudicare-2011-massimiliano-bruno-02.jpg
  • nessuno-mi-puo-giudicare-2011-massimiliano-bruno-01.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Gli ultimi saranno ultimi RecensioneGli ultimi saranno ultimi

    di Il quarto lungometraggio da regista di Massimiliano Bruno (e anche il più ambizioso) non sempre riesce ad amalgamare la commedia con il dramma, finendo per sprecare parte del suo potenziale.
  • Archivio

    noi-e-la-giuliaNoi e la Giulia

    di Con il suo terzo film da regista, Noi e la Giulia, Edoardo Leo semina qualunquismo e raccoglie disastri: registici, narrativi e recitativi.
  • Archivio

    Confusi e felici RecensioneConfusi e felici

    di Pur con un Bisio al solito inadeguato e con uno spunto di partenza meno forte rispetto ai suoi due precedenti film, Massimiliano Bruno in Confusi e felici riesce a tenere le fila del discorso e a costruire una commedia corale divertente e, a tratti, persino spassosa.
  • Archivio

    Ti ricordi di me RecensioneTi ricordi di me?

    di L'opera seconda di Rolando Ravello, al di là di qualche dubbio, conferma le doti del regista, capace di mettere in scena un racconto ricco di onestà e di candore.
  • Archivio

    Tutti contro tutti

    di Con un ritmo scoppiettante e a una sequela pressoché ininterrotta di gag riuscite, Tutti contro tutti mette in scena l'Italia attuale senza fare ricorso ad alcuna edulcorazione.
  • Archivio

    Viva l'Italia RecensioneViva l’Italia

    di Con la sua seconda regia Bruno alza il tiro e prova a raccontare lo sfacelo morale ed etico del Bel Paese. Una commedia corale e sanamente popolare, nell'Italia marcia e afflitta dai demoni del personalismo, rischia di deflagrare con maggior potenza del più integerrimo film d'impegno civile.
  • Archivio

    Forever Young RecensioneForever Young

    di Una satira di costume nostalgica e crudele che, nonostante qualche banalità iniziale, non risparmia feroci stilettate dirette al cuore e alle speranze infrante dei cinquantenni nostrani.
  • Archivio

    Beata ignoranza

    di Dopo la parentesi drammatica - e infelice - di Gli ultimi saranno ultimi, Massimiliano Bruno torna alla commedia pura, con meno verve però rispetto al passato e con una storia decisamente più debole.
  • Archivio

    Boris RecensioneBoris – Il film

    di , , La migliore serie comica italiana arriva al cinema e, nonostante qualche colpo ben assestato, manca per la maggior parte del tempo il bersaglio. La scansione temporale non è gestita con la dovuta accuratezza e alcuni sketch sono ripresi dal piccolo schermo e reiterati fino allo sfinimento.
  • Archivio

    Poveri ma ricchissimi RecensionePoveri ma ricchissimi

    di Diretto dall'ormai innominabile Fausto Brizzi, Poveri ma ricchissimi è un fiacchissimo sequel, privo di una vera linea narrativa e infarcito di sottotrame, aggrappato a situazioni ed equivoci che mostrano subito la corda, mai divertente.
  • In sala

    Loro 1 RecensioneLoro 1

    di In attesa del secondo capitolo, Loro 1 di Paolo Sorrentino si configura soprattutto come l'estenuante e prolissa introduzione - costruita intorno a escort e papponi - di un racconto che prende veramente forma solo nell'ultima parte, quando finalmente si palesa il Servillo/Berlusconi.
  • In sala

    non ci resta il crimine recensioneNon ci resta che il crimine

    di Alla sua sesta regia Massimiliano Bruno tocca il nadir delle sue commedie con Non ci resta che il crimine, sgangherata e assai poco divertente rilettura dei viaggi a ritroso nel tempo. Un'opera concettualmente, esteticamente e narrativamente mediocre.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento