La terra dell’abbastanza

La terra dell’abbastanza

di ,

La terra dell’abbastanza, esordio alla regia dei gemelli Damiano e Fabio D’Innocenzo (trent’anni a luglio), si muove sulla scia del cinema suburbano di Claudio Caligari per raccontare una storia di sogni di ricchezza, criminalità e amicizia sullo sfondo di Ponte di Nona, periferia della Capitale. In Panorama alla Berlinale.

Operai del crimine

Mirko e Manolo sono due giovani amici della periferia di Roma. Bravi ragazzi, fino al momento in cui, guidando a tarda notte, investono un uomo e decidono di scappare. La tragedia si trasforma in un apparente colpo di fortuna: l’uomo che hanno ucciso è un pentito di un clan criminale di zona e facendolo fuori i due ragazzi si sono guadagnati un ruolo, rispetto e il denaro che non hanno mai avuto. un biglietto d’entrata per l’inferno che scambiano per un lasciapassare verso il paradiso… [sinossi]

La terra dell’abbastanza ha i contorni grigi di Ponte di Nona, subito fuori dal Grande Raccordo Anulare, fuori e dentro la capitale d’Italia; in quegli spazi liminari, considerati parte della città solo per mero gusto statistico ma abbandonati a loro stessi, luogo di confine dove vige la legge del più forte, una legge che nessuno mette in dubbio, si sviluppa l’esordio alla regia dei gemelli Damiano e Fabio D’Innocenzo, trent’anni il prossimo luglio. La location scelta non si discosta poi molto dai luoghi in cui sono cresciuti e sono stati svezzati i due fratelli romani: Tor Bella Monaca, forse prima scelta per il duo prima che irrompesse sulla scena nazionale Lo chiamavano Jeeg Robot, che proprio sul lato nord della Casilina dà vita alla propria storia. Ecco dunque la Collatina a farla da padrona ne La terra dell’abbastanza, non-luogo ferale, disperato eppure in qualche modo magico, distante da ipotesi di realtà ma brutale, feroce, crudele nella sua vacuità apparente. Non è un caso che il film prenda l’abbrivio da un incidente stradale: Mirko e Manolo, amici fin dalla più tenera età, quasi fratelli, sono in macchina e scherzano subito prima di investire un uomo che resta inerte a terra. Morto. La scelta è ovvia, e potrebbe dare il via a una lunga e stratificata serie di narrazioni possibili: tornare indietro, chiamare un’ambulanza e affrontare tutto ciò che consegue o darsi alla fuga, forti del fatto di trovarsi in una zona isolata, senza occhi indiscreti a poter raccontare la verità? Un dubbio morale, etico, che è già una scelta di vita. Mirko e Manolo vanno avanti, lasciandosi indietro un cadavere. Si potrebbe ipotizzare l’incipit di un racconto sul senso di colpa, sulla necessità di confrontarsi con la società attraverso i propri comportamenti, e in parte è senza dubbio così. Ma non solo…

I gemelli D’Innocenzo alzano il tiro, e spostano il senso della loro narrazione su un altro aspetto, altrettanto interessante e “consolidato” nel racconto cinematografico italiano. L’uomo investito e ucciso è infatti un collaboratore di giustizia. Un pentito. La sua morte agevola dunque il boss locale (un Luca Zingaretti a suo agio nel ruolo di un uomo che incarna il potere nella sua duplice veste feroce/quotidiana) che, per “premiare” i ragazzi li fa lavorare per lui. Due ragazzetti di periferia, sperduti e attaccati alle piccole speranze di un sottoproletariato privo di prospettive reali – un regalino alla propria fidanzata, o poco più per chi ha di fronte a sé uno scenario di disoccupazione e sopravvivenza – si ritrovano fra le mani le armi che utilizza il potere per difendersi dagli attacchi interni ed esterni. Sono meri esecutori, boia di un sistema criminale che è l’unico però a esistere in un substrato urbano disossato, sverginato con troppa crudeltà da una politica assente. La messa in scena del crimine romano permette ai D’Innocenzo di compiere una scelta radicale, netta e a suo modo sorprendente: non la terra di mezzo à la Sollima, quella di ACAB e Suburra, ma la periferia dolente, dimessa e già morta – la morte sociale può essere ben più tragica della dipartita fisica – cantata da Claudio Caligari, poeta visivo dalle liriche secche e crude, ma mai deprivate dell’umanesimo.
Ha questo pregio, La terra dell’abbastanza, quello di sapersi scegliere i maestri e di non abbandonarli mai: si vive dunque un racconto piangente prima che furibondo, e si accoglie la vita come senso di colpa che i due ragazzi hanno deciso di intraprendere. Non si sono armati, lo hanno fatto altri per permettere loro di adempiere a un atto di contrizione per l’omicidio già commesso. La loro, al di là della quotidianità di azioni scriteriate e criminali – tra cui l’omicidio, ancora e ancora – è una metafora di un seppuku eterno, un suicidio rituale per superare un gesto dal quale non potranno mai uscire indenni.

Non è privo di difetti, di ridondanze e di scelte un po’ frettolose La terra dell’abbastanza, a partire da un pre-finale opaco e meno a fuoco del resto del film, ma si tratta di un’opera prima ben più rilevante di quanto possa apparire a prima vista, perché i gemelli D’Innocenzo hanno uno sguardo e un’idea ben chiara, tanto del cinema quanto delle umane vicende, e non si discostano mai dai loro due protagonisti – bravissimi sia Andrea Carpenzano, già visto in Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni e Il permesso – 48 ore fuori di Claudio Amendola, che Matteo Olivetti, nato in Inghilterra nel 1990 e qui al suo primo ruolo di rilievo – che seguono evitando il cliché del pedinamento, sempre più invasivo nel cinema italiano degli ultimi anni. Non sono cavie di un esperimento, i loro protagonisti, e non sono neanche insetti da studiare in un’ottica entomologica. Sono esseri umani, imperfetti e forse persino imperfettibili, ma vivi. Amano, odiano, uccidono e tremano. In queste pulsioni naturali vive il centro nevralgico de La terra dell’abbastanza, che rifugge dalla ricerca dell’effetto, preferendovi la naturalezza, come quello di un incontro fugace tra due “orfani di figli” nei recessi di un bar di periferia.

Info
La terra dell’abbastanza sul sito della Berlinale.
  • la-terra-dellabbastanza-2018-fabio-dinnocenzo-damiano-dinnocenzo-02.jpg
  • la-terra-dellabbastanza-2018-fabio-dinnocenzo-damiano-dinnocenzo-01.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Berlinale 2018Berlinale 2018

    Sessantottesima edizione. La solita fiumana di titoli e di sezioni per un programma smisurato, ma mai respingente: la kermesse berlinese resta un fulgido esempio di festival pensato e organizzato per il pubblico, e in seconda battuta per la stampa.
  • Festival

    Berlinale 2018 PresentazioneBerlinale 2018 – Presentazione

    Al via la Berlinale 2018, sessantottesima edizione. La solita fiumana di titoli e di sezioni per un programma smisurato, ma mai respingente: la kermesse berlinese resta un fulgido esempio di festival pensato e organizzato per il pubblico, e in seconda battuta per la stampa.
  • Venezia 2017

    Il contagio

    di , A sette anni di distanza da Et in terra pax, Matteo Botrugno e Daniele Coluccini tornano alla regia (e a Venezia) con Il contagio, tratto dal romanzo di Walter Siti. Un apologo morale sulla crisi del proletariato romano, ambizioso ma a tratti claudicante.
  • In sala

    Il permesso – 48 ore fuori

    di Claudio Amendola, alla seconda regia dopo La mossa del pinguino, firma un noir canonico ma non privo di una propria sincerità, anche se troppo debitore di esempi recenti come Suburra. Insieme a lui nel cast anche Luca Argentero, Valentina Bellè e Giacomo Ferrara.
  • Archivio

    Lo chiamavano Jeeg Robot RecensioneLo chiamavano Jeeg Robot

    di L'esordio di Gabriele Mainetti ha rappresentato l'unica autentica sorpresa della decima edizione della Festa del Cinema di Roma: un film supereroistico che, con (auto)ironia, mostra una possibile via nostrana al genere.
  • Archivio

    Suburra

    di L'opera seconda di Stefano Sollima conferma le doti di un regista quasi unico nel panorama italiano contemporaneo. Un noir ipercinetico e denso, fradicio di umori, che racconta la Roma di oggi, tra malavita e neo-fascismo.
  • Venezia 2015

    Non essere cattivo RecensioneNon essere cattivo

    di Fuori concorso a Venezia, esce in sala il film postumo di Claudio Caligari. Un viaggio nell'Ostia degli anni Novanta, tra relitti della società e un'umanità alla cerca della propria pace. Forse impossibile.
  • Saggi

    I figli dell’idroscalo

    La morte di Claudio Caligari segna la fine forse definitiva di un modo di guardare Roma, affettuoso ma mai buonista, che ha attraversato il cinema italiano degli ultimi quarant'anni, tenuto sempre a debita distanza dal “sistema”.
  • Caligari

    L'odore della notte RecensioneL’odore della notte

    di L'opera seconda di Claudio Caligari, un viaggio mesto e disilluso nella Roma "noir" degli anni Settanta e Ottanta. Un eccellente Valerio Mastandrea guida un cast nel quale rifulgono Marco Giallini e Giorgio Tirabassi.
  • Caligari

    amore-tossicoAmore tossico

    di Con il suo folgorante esordio nel lungometraggio, Amore tossico, Claudio Caligari firmava all'inizio degli anni Ottanta un film che portava alle estreme conseguenze la dimensione del sottoproletariato di pasoliniana memoria.
  • Archivio

    ACAB – All Cops Are Bastards

    di Con ACAB - All Cops Are Bastards Stefano Sollima dona una nuova prospettiva al poliziesco, genere che in Italia è caduto in disgrazia da decenni.
  • In sala

    Manuel

    di Esordio nel lungometraggio di finzione per il documentarista Dario Albertini, Manuel è il doloroso e commovente racconto di crescita di un ragazzo costretto a caricarsi tutto sulle spalle.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento