The Old Man & the Gun

The Old Man & the Gun

di

Impreziosito di dialoghi brillanti, girato in un avvolgente 16mm e condito di zoom, panoramiche con dolly e dissolvenze insolite, The Old Man & The Gun di David Lowery evita gag citazioniste preferendo abbracciare un discorso sulla memoria e sul cinema, procedendo per la sua strada sicuro, ma con l’adeguato ritmo ondeggiante della camminata del suo anziano protagonista, Robert Redford. Alla Festa del Cinema di Roma.

Ricordati di me

Ispirato alla storia vera di Forrest Tucker, un uomo che ha trascorso la sua vita tra rapine in banca ed evasioni dal carcere. Negli anni del suo crepuscolo, dalla sua temeraria fuga dalla prigione di San Quentin a settant’anni, fino a una scatenata serie di rapine senza precedenti, Forrest Tucker disorientò le autorità e impressionò il pubblico. Coinvolti in maniere diverse nella sua fuga, ci sono l’acuto e inflessibile investigatore John Hunt, che gli dà implacabilmente la caccia ma è allo stesso tempo affascinato dall’impegno non violento profuso da Forrest nel suo mestiere, e una donna, Jewel, che ama Forrest nonostante la professione che l’uomo si è scelto. [sinossi]

Cosa ci tiene ben vigili anche davanti alla più anodina delle inquadrature? La risposta è semplice: due attori di razza e un dialogo ben scritto. Certo, qualcuno direbbe dei cavalli al galoppo e non avrebbe tutti i torti, in effetti The Old Man & The Gun contiene entrambe le soluzioni. Presentato alla 13esima Festa del Cinema di Roma, il nuovo film del talentuoso David Lowery (Storia di un fantasma, Senza santi in paradiso) si ispira a un articolo apparso sul New York Times e racconta la storia vera del rapinatore di banche Forrest Tucker, un gentleman d’antan che ha trascorso la sua esistenza fuori e dentro le prigioni di numerosi stati americani, riuscendo spesso ad evadere rocambolescamente pur di tornare all’opera (leggasi al furto bancario), sempre col sorriso sulle labbra.

Non poteva esserci ruolo più adatto per segnare l’addio alle scene di Robert Redford, ma va detto anche che Lowery ha saputo rendere il suo film non solo un omaggio – sarebbe stato sin troppo facile – ma anche una riflessione se non prettamente teorica di certo assai cinefila sull’attore e la sua carriera. Lo dimostra il fatto che nonostante la veneranda età di interprete e personaggio, The Old Man & The Gun non rientra nel genere “commedia corale senile” che ci ha già elargito film come Last Vegas, Insospettabili sospetti e prodotti similari, tutti incentrati sull’ingente quantitativo di anziane star raccolte e sulla loro ostentazione, un po’ in stile freak show.

Forrest Tucker (Redford) è un rapinatore di banche sulla settantina che con gentilezza e smagliante sorriso sotto ai baffi finti, accumula bottini in giro per gli States. Durante una fuga dalla polizia pensa bene di fermarsi a soccorrere una signora con l’auto in panne, Jewel (Sissy Spacek), poi la seduce con una chiacchierata in un diner, una scena che pur non avendo nulla di notabile, a parte i volti, i corpi e le voci dei suoi attori, trascina inesorabilmente nel loro mondo, qualunque esso sia. Tra l’altro, all’interno della sequenza fa capolino un omaggio alla frammentazione spazio-temporale di The Getaway di Sam Peckinpah, per cui sentimentalismo tout court e sentimentalismo cinefilo sono entrambi appagati.
A fare da contraltare al nostro antieroe (figura che di fatto latita ultimamente dallo schermo) troviamo poi un detective depresso e disilluso (incarnato da Casey Affleck, attore feticcio per Lowery) che si destreggia tra l’indagine e il nucleo familiare, costantemente aggiornato – bambini compresi – sui suoi scarsi progressi lavorativi. Di contro, la famiglia di Tucker è decisamente più spassosa e comprende due soci del calibro di Danny Glover e Tom Waits. Impreziosito di dialoghi brillanti pieni di humour, girato in un avvolgente 16mm e condito di zoom, panoramiche con dolly e dissolvenze insolite, The Old Man & The Gun evita l’esibizione di gag citazioniste preferendo abbracciare un discorso sulla memoria e sul cinema, procedendo sicuro per la sua strada, ma con l’adeguato ritmo ondeggiante della camminata del suo anziano protagonista, con la sua grazia e il suo portato di ricordi, personali e collettivi.

Sospeso tra il sentimentalismo del classico “film per mature signore” e l’omaggio colto al cinema del passato, il film di Lowery eccede forse nei suoi exploit musicali – la colonna sonora à la Lalo Schifrin composta da Daniel Hart non lascia un attimo di tregua – ma in fin dei conti riesce a raggiungere un miracoloso equilibrio che lo allontana dal rischio del patinato e dello strumentale. Perché se è vero che Lowery gioca con la memoria dei nostalgici è altrettanto vero quanto riesca a costruire dei personaggi verosimili, dimostrando inoltre una notevole inventiva nel posizionarli in situazioni quotidiane che però riescono sempre a tenere desta l’attenzione, fino a far credere all’esistenza, sul set, di momenti di reale improvvisazione attoriale.

Oltre al senso della misura e all’accortezza che gli consente di lasciare sempre spazio ai suoi interpreti, Lowery dimostra poi di avere idee numerose e assai brillanti, che raggiungono l’apice in quella sequenza a episodi delle evasioni di Tucker, all’interno della quale il regista inserisce foto d’epoca di Redford e un suo primo piano contenuto in La caccia di Arthur Penn. Distante dunque da un citazionismo gratuito, The Old Man & The Gun è un film “romantico” che esprime costantemente il suo amore per il suo protagonista e per la relativa filmografia, raggiungendo una forma di cinefilia toccante e appagante che ci blandisce e ci rassicura. Perché finché avrà un passato da rispolverare e rimpiangere, il cinema non sarà mai del tutto finito.

Info
La scheda di The Old Man & the Gun sul sito della Festa del Cinema di Roma.
  • the-old-man-and-the-gun-2018-david-lowery-001-05.jpg
  • the-old-man-and-the-gun-2018-david-lowery-002-01.jpg
  • the-old-man-and-the-gun-2018-david-lowery-003-02.jpg
  • the-old-man-and-the-gun-2018-david-lowery-004-03.jpg
  • the-old-man-and-the-gun-2018-david-lowery-005-04.jpg

Articoli correlati

  • Bologna 2018

    Getaway! RecensioneGetaway!

    di Costruito prevalentemente intorno alla coppia composta da Steve McQueen e Ali MacGraw e sulla celebrazione della loro lampante avvenenza, Getaway! di Sam Peckinpah aggiunge bellezza su bellezza realizzando un'elegia post-western sull'amore e la lealtà.
  • Biografilm 2018

    Jane Fonda in Five Acts RecensioneJane Fonda in Five Acts

    di Volto iconico degli anni '60, simbolo, con alcuni suoi colleghi della New Hollywood, dell'America democratica, pacifista. La vita di Jane Fonda, raccontata nel documentario Jane Fonda in Five Acts di Susan Lacy, presentato come evento speciale al Biografilm Festival, è il ritratto di quella parte dell'America risvegliatasi con Trump, che è tornata all'impegno civile degli anni '70.
  • DVD

    Io e zio Buck RecensioneIo e zio Buck

    di Commedia più crepuscolare di quanto a suo tempo la pubblicità volle far credere, Io e zio Buck di John Hughes è un ritratto di fine anni Ottanta in buona parte affidato al compianto carisma sorridente di John Candy. In dvd per Pulp Video e CG.
  • Venezia 2017

    Il cavaliere elettrico

    di Monito dolente per un'America che svende le sue icone nel nome del profitto, Il cavaliere elettrico di Sydney Pollack è la celebrazione perfetta per Jane Fonda e Robert Redford, entrambi Leone d'Oro alla Carriera a Venezia 2017.
  • Bologna 2016

    La caccia

    di Il Texas profondo, razzista, egoista e violento. Ne La caccia, presentato al Cinema Ritrovato 2016 in un eccellente restauro, Arthur Penn metteva in scena una vicenda corale di odio sociale di bruciante attualità sia in quel 1966 con l'omicidio di Kennedy a Dallas ancora fresco, sia oggi con il rischio Trump alle porte.
  • DVD

    Cane di paglia

    di Natura e cultura, istinto e legge morale. Cane di paglia di Sam Peckinpah si riconferma un sagace western camuffato da dramma psicologico, spietatamente lucido e intelligente. Pessimista, nichilista, semplicemente splendido. In dvd per Sinister e CG in versione restaurata.
  • DVD

    Sul lago dorato

    di Congedo dall'arte con un passo a due per Henry Fonda e Katharine Hepburn. Sul lago dorato di Mark Rydell si radica nel divismo di due mostri sacri hollywoodiani per raccontare superficialmente mutamenti sociali, incomprensioni padri-figli e le fatiche della terza età. In dvd per Pulp Video e CG.
  • Archivio

    1981: Indagine a New York Recensione1981: Indagine a New York

    di Grazie a Movies Inspired arriva finalmente nelle sale italiane 1981: indagine a New York, terza fatica di J. C. Chandor. Notevole salto di qualità per l'autore americano, alle prese con una fosca e glaciale tragedia americana per un'opera complessa e affascinante. Con Oscar Isaac e Jessica Chastain.
  • Archivio

    Truth - Il prezzo della verità RecensioneTruth – Il prezzo della verità

    di Il film di inchiesta risorge a nuova vita in Truth di James Vanderbilt, scelto come apertura alla decima Festa del Cinema di Roma e ora in sala. Con Cate Blanchett e Robert Redford.
  • Torino 2014

    Ucciderò Willie Kid RecensioneUcciderò Willie Kid

    di Il secondo dei tre lungometraggi diretti da Abraham Polonsky, che utilizza il western come metafora della caccia alle streghe maccartista, della quale lo stesso regista era stato vittima. A Torino 2014 nella retrospettiva dedicata alla New Hollywood.
  • Archivio

    All Is Lost RecensioneAll Is Lost – Tutto è perduto

    di Un'avventura intensa, realistica, senza sbavature narrative o parentesi melodrammatiche: solo una barca, il mare infuriato e Redford.
  • Torino 2013

    Last Vegas

    di Arriva in sala Last Vegas, il film di Jon Turteltaub che ha ufficialmente aperto il Torino Film Festival. Un cast di soli divi sprecato da una sceneggiatura scritta senza cura.
  • Festival

    Roma 2018Roma 2018

    Si tiene dal 18 al 28 ottobre la Festa del Cinema di Roma 2018, giunta alla tredicesima edizione e diretta sempre da Antonio Monda, al suo quarto anno alla guida della festa/festival. Qualche titolo in anteprima mondiale, e poi anteprime internazionali e nazionali, ma soprattutto una importante retrospettiva su Maurice Pialat.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento