C’est ça l’amour

C’est ça l’amour

di

Presentato fuori concorso al Marrakech International Film Festival 2018, C’est ça l’amour segna l’esordio alla regia in solitaria di Claire Burger, che racconta una storia di vita, di innamoramenti e separazioni a tutte le età.

Separazioni

Mario è un funzionario pubblico di mezza età che non riesce a rassegnarsi di essere stato lasciato dalla moglie dopo vent’anni di matrimonio. Si unisce al gruppo teatrale della sua cittadina, di cui la ex-consorte è il tecnico delle luci. Le sue due figlie teenager, rimaste a vivere con lui, hanno le loro esperienze d’amore. La diciassettenne Niki con il suo fidanzato e la più giovane Frida ha una storia con un’altra ragazza. [sinossi]

Una delle situazioni più penose nella vita è quella di gestire una separazione, ritrovarsi nella casa in cui si era vissuti con l’ex-partner e riprendersi i propri effetti personali. La ex-moglie di Mario torna per un attimo nella loro vecchia abitazione e incontra l’ex-marito. Con questa situazione inizia C’est ça l’amour, presentato fuori concorso al Marrakech International Film Festival 2018, esordio alla regia in solitaria per Claire Burger, conosciuta per il film collettivo Party Girl.
Le storie raccontate in C’est ça l’amour, amori e separazioni nelle varie età della vita, sono storie di una piccola comunità. Il film è stato girato nella cittadina francese di Forbach, nel dipartimento della Mosella nella regione del Grand Est, al confine con la Germania. Gli abitanti del luogo sono stati coinvolti e gli attori del film, a parte gli interpreti principali, sono non professionisti reclutati in loco. Raccontare stati d’animo, turbamenti della sfera sentimentale, situazioni che appartengono alla vita di tutti e raggiungere il massimo grado di verità usando la gente vera. Questo è il senso dell’operazione di Claire Burger. E lo stesso linguaggio usato – fa largo uso per esempio di macchina a mano traballante – è coerente con questo senso di immersione nel reale.

Mario, trovatosi a vivere solo con le due figlie, affranto per essere improvvisamente rimasto single dopo un’unione di vent’anni, assiste alle esperienze sentimentali delle due adolescenti. Il fidanzato della maggiore, Niki, che la viene a prendere e la bacia davanti al padre sulla porta di casa, mentre la figlia minore si scopre lesbica – cosa che solo la madre aveva intuito, come rivela in uno dei successivi colloqui – e, in questo caso, il capofamiglia non riesce a rimanere indifferente. Ma i sentimenti sono labili e ciclici, anche le figlie si lasceranno mentre il padre tornerà a innamorarsi nella mezza età, inaspettatamente con una collega del gruppo di teatro. Il bacio diventa l’elemento ricorrente e speculare nelle diverse vicende, in comune tra genitori e figli.

L’adesione al reale, l’uso di attori non professionisti, di cui si è detto sopra, trova paradossalmente un contrappunto nella finzione, nelle messe in scena, nelle rappresentazioni, teatrali, musicali, di danza, performance che si susseguono numerose nel film. E queste rappresentano anche una sublimazione ai tormenti, alle perturbazioni amorose dei personaggi. Al contempo il film è contrappuntato anche da una serie di brani in colonna sonora, che passano da Bach, Vivaldi fino ad arrivare a Sparring Partner di Paolo Conte, diegetica, cantata in macchina da Mario e figlie, esplicitando così la loro origine italiana. Mario entra a far parte di un gruppo teatrale ‘alternativo’ che usa il metodo del training e viene il dubbio che sia lo stesso metodo usato per addestrare le persone reclutate per il film. E durante uno di questi laboratori teatrali lui e un’altra partecipante si innamorano con un processo tutto giocato tra realtà e finzione. Parteciperanno a uno spettacolo alternativo dove tutti si abbracciano e si baciano in scena, ma si capirà sul palcoscenico che il loro è vero amore.

Info
La scheda di C’est ça l’amour sul sito del Marrakech International Film Festival.
  • C-est-ça-l-amour-2018-Claire-Burger-001.jpg
  • C-est-ça-l-amour-2018-Claire-Burger-002.jpg
  • C-est-ça-l-amour-2018-Claire-Burger-003.jpg

Articoli correlati

  • DVD

    Il pranzo di Babette RecensioneIl pranzo di Babette

    di Oscar 1988 al miglior film straniero, Il pranzo di Babette di Gabriel Axel è una graziosa fiaba allegorica su dono, arte e responsabilità. Tratto da un racconto di Karen Blixen compreso nella raccolta "Capricci del destino". In dvd e blu-ray per CG Entertainment.
  • Venezia 2018

    un peuple et son roi recensioneUn peuple et son roi

    di Pierre Schoeller torna a dirigere un lungometraggio a sette anni di distanza da Il ministro, e con Un peuple et son Roi narra i tre anni e mezzo che dividono l'inizio della Rivoluzione Francese, con la presa della Bastiglia, e la decapitazione di Luigi XVI.
  • Venezia 2018

    I villeggianti RecensioneI villeggianti

    di Valeria Bruni Tedeschi, con I villeggianti, presentato fuori concorso a Venezia 75, aggiunge un nuovo capitolo a quella che lei definisce un'autobiografia immaginaria, raccontando storie inconcluse, solitudini, amori di un gruppo di persone che trascorre l'estate in una grande e lussuosa villa in Costa Azzurra.
  • Venezia 2018

    Frères ennemis RecensioneFrères ennemis

    di Lo stereotipo dell’amicizia tra gangster e poliziotto, nata come alleanza e collaborazione, contestualizzato tra i casermoni delle banlieue parigine. Tra Jean-Pierre Melville e Matteo Garrone, il regista David Oelhoffen svolge in Frères ennemis il compitino in modo diligente. In concorso a Venezia 75.
  • Venezia 2018

    Non-Fiction

    di Olivier Assayas firma con Non-Fiction (Doubles vies) una commedia satirica di raffinata intelligenza, che prende in giro la borghesia transalpina e non solo, ma non viene meno mai allo sguardo sistemico che da sempre accompagna la sua filmografia.
  • Archivio

    Party Girl

    di , , Film di apertura di Un Certain Regard 2014, Party Girl segue la strada del cinema indipendente, partendo da un soggetto e dei personaggi reali, inseguendo suggestioni documentarie, romanzando il necessario.
  • Festival

    Marrakech International Film Festival 2018 - PresentazioneMarrakech International Film Festival 2018 – Presentazione

    In partenza la 17esima edizione del Marrakech International Film Festival (FIFM), passato sotto la guida artistica di Christoph Terhechte, che approda in Marocco dopo tanti anni al Forum della Berlinale.
  • Festival

    Marrakech 2018Marrakech 2018

    Quattordici titoli, scelti tra opere prime o seconde di cineasti da tutto il pianeta, tra cui sei donne, si contendono il Marrakech Etoile d’Or, il riconoscimento più alto del Marrakech International Film Festival 2018, assegnato da una giuria presieduta da James Gray.
  • Marrakech 2018

    Une urgence ordinaire RecensioneUne urgence ordinaire

    di Presentato in concorso al Marrakech International Film Festival 2018, Une urgence ordinaire è un film del regista marocchino Mohcine Besri, con coproduzione svizzera, alla sua seconda prova nel lungometraggio. Film claustrofobico, quasi tutto ambientato in un ospedale che diventa la facile metafora del paese.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento