Berlinale 2022

Berlinale 2022

La Berlinale 2022 segna il ritorno in presenza dopo lo slittamento online dello scorso anno: un’occasione per la manifestazione cinematografica per riappropriarsi degli spazi, dal Berlinale Palast di Potsdamer Platz fino alle sale più periferiche, e di riannodare il rapporto con la cittadinanza. Ad aprire le danze è François Ozon, che con Peter von Kant osa l’inosabile, vale a dire confrontarsi con Rainer Werner Fassbinder.

Peter von Kant, versione “al maschile” de Le lacrime amare di Petra von Kant diretta da François Ozon, è l’opera con cui si apre la Berlinale 2022, settantaduesima edizione del festival tedesco, la prima a tornare in presenza dopo un anno passato a distanza, con i film visti sugli schermi casalinghi, con un audio inadeguato, e senza il rapporto fisico con la sala, con i luoghi, con gli altri accreditati, con i cittadini di Berlino. Già, i cittadini di Berlino. Il festival si riappropria degli spazi che da decenni oramai lo caratterizzano, e per quanto questo non equivalga ancora a un ritorno alla cosiddetta “normalità” (non a caso una parte degli addetti ai lavori ha preferito non presenziare in loco, a causa anche della tardiva informazione relativa al tampone giornaliero da fare per poter accedere non solo alle sale per le proiezioni stampa, ma addirittura all’intera area principale del festival, quella che ruota attorno a Potsdamer Platz) è senza dubbio un segnale importante per un evento che da sempre assegna un ruolo così centrale e determinante al rapporto con la città. Permangono ovviamente preoccupazioni per l’organizzazione del festival, e mai come quest’anno gli occhi di tutti saranno puntati sulla capacità della Berlinale di gestire una situazione tuttora anomala – è giusto sottolineare come l’European Film Market si svolga anche nel 2022 online. Non si può infatti non ragionare su come il festival sia in qualche modo scisso a metà, con la fase delle prime concentrata solo dal 10 al 15 febbraio… [continua a leggere]

Info
Il sito della Berlinale 2022.

Articoli correlati

  • Berlinale 2022

    ali asgari intervistaIntervista ad Ali Asgari

    Durante l'ultima Berlinale abbiamo incontrato Ali Asgari, regista nato a Tehran ma diplomato in cinema in Italia, che nella capitale tedesca presentava il suo secondo lungometraggio, Until Tomorrow, nella selezione di Panorama. Un'occasione per parlare di cinema, Iran, e condizione della donna.
  • Berlinale 2022

    li ruijun intervistaIntervista a Li Ruijun

    Autore di Return to Dust, uno dei film più interessanti in concorso all'ultima Berlinale, Li Ruijun è regista e sceneggiatore, con una filmografia interamente dedicata a esplorare il rapporto tra l'uomo e la terra. Lo abbiamo incontrato durante il Festival.
  • Berlinale 2022

    Intervista a Quentin Dupieux e Léa Drucker

    Abbiamo incontrato a Berlino Quentin Dupieux insieme a Léa Drucker, protagonista del film Incroyable mais vrai. Un'occasione dunque per parlare del nuovo lungometraggio del regista, presentato fuori concorso alla Berlinale nella sezione Gala Special.
  • Berlinale 2022

    By Flávio recensioneBy Flávio

    di Presentato tra i Berlinale Shorts, By Flávio è opera del filmmaker portoghese Pedro Cabeleira, che era stato apprezzato a Locarno 2017 con Verão Danado. Ancora una volta sono le giovani generazioni a essere oggetto del suo sguardo, che in questo caso esplora la cultura hip-hop.
  • Berlinale 2022

    the silent forest recensioneThe Silent Forest

    di Opera prima della regista tedesca Saralisa Volm, The Silent Forest, presentato in Perspektive Deutsches Kino della Berlinale 2022, è un thriller dalle atmosfere lynchane immerso nelle foreste bavaresi, come una fiaba in un luogo incantevole che vira nella favola nera.
  • Berlinale 2022

    until tomorrow recensioneUntil Tomorrow

    di Presentato a Panorama della Berlinale 2022, Until Tomorrow è il secondo lungometraggio del regista iraniano Ali Asgari, che prosegue nel suo ritratto dei millenial del paese, in lotta per il riconoscimento di libertà e diritti all'interno di un sistema ancora rigido e ipocrita.
  • Berlinale 2022

    the novelist's film recensioneThe Novelist’s Film

    di The Novelist’s Film è il nuovo film di Hong Sangsoo alla Berlinale, un nuovo gioco di intrecci, di incontri casuali, tra passeggiate, mangiate e bevute, che si snodano in cinque quadri. Il regista sudcoreano propone una nuova metariflessione sul suo cinema, stavolta al crocevia con la letteratura.
  • Berlinale 2022

    le variabili dipendenti recensioneLe variabili dipendenti

    di Lorenzo Tardella con Le variabili dipendenti racconta la fine dell'infanzia, i primi turbamenti erotici, la difficoltà a comprenderli e viverli. Un lavoro intimo, dominato da una regia che accarezza i suoi personaggi eppure non respinge un'asprezza di fondo. In Generation alla Berlinale 2022.
  • Berlinale 2022

    Un été comme ça recensioneUn été comme ça

    di Un été comme ça, nuovo lungometraggio di Denis Côté presentato in concorso alla 72. Berlinale, segue da vicino tre ragazze "ipersessuali" alla ricerca di loro stesse, e del significato del concetto di desiderio.
  • In sala

    leonora addio recensioneLeonora addio

    di Leonora addio, che Paolo Taviani dedica alla memoria del fratello Vittorio scomparso poco meno di tre anni fa, è una ricognizione sul concetto di "perdita", sul lutto, sull'invecchiamento, sull'impossibilità di accettare il distacco. Sempre sulle orme della drammaturgia nazionale del Novecento, Luigi Pirandello.
  • Berlinale 2022

    return to dust recensioneReturn to Dust

    di Return to Dust è il sesto lungometraggio del trentottenne cinese Li Ruijun, che affronta una drammatica e a suo modo dolce storia d'amore tra due reietti della società con uno sguardo prossimo a quello dei registi della cosiddetta Quinta Generazione. In concorso alla Berlinale 2022.
  • Berlinale 2022

    Alcarràs recensioneAlcarràs

    di Vincitore dell'Orso d'Oro 2022, Alcarràs della spagnola Carla Simón è un'elegia della vita rurale che oscilla tra Erice e Čechov, un affresco di un mondo che sta scomparendo. Ma con qualche cedimento estetico.
  • Berlinale 2022

    o trio em mi bemol recensioneO trio em mi bemol

    di Rita Azevedo Gomes adatta per il grande schermo Il trio in mi bemolle, il testo di Eric Rohmer concepito per il teatro. Lo fa come un film nel film, moltiplicando così i personaggi, come strumenti musicali, con la sua sublime direzione d'orchestra. O trio em mi bemol è presentato a Forum della Berlinale 2022.
  • Berlinale 2022

    bubble recensioneBubble

    di Anche gli anime giapponesi sbarcano alla Berlinale 2022, dove viene presentato, all'interno di Generation 14plus, Bubble, ultimo lavoro di Tetsurō Araki, che rilegge La sirenetta di Andersen in un contesto fantascientifico postapocalittico, giocando al superamento di prodotti dal simile immaginario.
  • In sala

    una femmina recensioneUna femmina

    di Francesco Costabile esordisce alla regia di un lungometraggio con Una femmina, presentato a Panorama alla Berlinale. Un lavoro che mostra le ambizioni del regista ma denota anche qualche debolezza in fase di scrittura del personaggio centrale, interpretato dall'esordiente Lina Siciliano.
  • Berlinale 2022

    coma recensioneComa

    di Al decimo lungometraggio in ventiquattro anni di attività Bertrand Bonello affronta in Coma uno dei suoi temi ricorrenti, vale a dire il rapporto conflittuale del corpo adolescente con il mondo che lo circonda, immergendolo nel pieno della crisi pandemica che ha condotto al confinamento.
  • Berlinale 2022

    incroyable mais vrai recensioneIncroyable mais vrai

    di Il cinema di Quentin Dupieux è un caravanserraglio di situazioni oltre il limite del bizzarro, tese verso l'esasperazione del grottesco. Lo testimonia anche Incroyable mais vrai, alla Berlinale nella sezione non competitiva Gala Special.
  • Berlinale 2022

    Everything Will Be Ok recensioneEverything Will Be Ok

    di Torna alla Berlinale, in competizione, anche il grande Rithy Panh con un film, Everything Will Be OK, che purtroppo conferma una fase involutiva della sua carriera: ritroviamo tutti i difetti del precedente Irradiés, pure passato alla Berlinale.
  • Berlinale 2022

    rimini recensioneRimini

    di Presentato in concorso alla Berlinale 2022, Rimini è l'ultima opera di Ulrich Seidl, che trasferisce il suo sguardo cinico sull'umanità in terra romagnola, tra gaudenti e attempate turiste teutoniche. I temi dell'autore austriaco tornano tutti in una sorta di minestra preriscaldata.
  • Berlinale 2022

    occhiali neri recensioneOcchiali neri

    di Occhiali neri segna il ritorno alla regia per Dario Argento a dieci anni di distanza da Dracula 3D. Oramai lontano dall'esigenza di mostrare l'assassinio come una delle belle arti il regista romano si disinteressa quasi subito al côté giallo della vicenda, preferendo la ricerca del perturbante.
  • Berlinale 2022

    peter von kant recensionePeter von Kant

    di A distanza di cinquant'anni esatti dal capolavoro, uno dei tanti, di Fassbinder, Le lacrime amare di Petra von Kant, che venne presentato alla Berlinale, il festival tedesco apre la sua edizione 2022 con un remake libero di quell'opera, Peter von Kant di François Ozon.
  • Festival

    Berlinale 2022 – Presentazione

    La Berlinale 2022, settantaduesima edizione del festival tedesco, segna il ritorno in presenza dopo lo slittamento online dello scorso anno: un'occasione per la manifestazione cinematografica per riappropriarsi degli spazi, dal Berlinale Palast di Potsdamer Platz fino alle sale più periferiche.
  • Festival

    Svelato il programma della Berlinale

    In diretta streaming Carlo Chatrian e Mariette Rissenbeek, rispettivamente direttore artistico e direttrice esecutiva della Berlinale, hanno svelato il programma dell'edizione numero 72 del festival tedesco, che torna a tenersi in presenza dal 10 al 20 febbraio.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento