Peter von Kant

Peter von Kant

di

A distanza di cinquant’anni esatti dal capolavoro, uno dei tanti, di Fassbinder, Le lacrime amare di Petra von Kant, che venne presentato alla Berlinale, il festival tedesco apre la sua edizione 2022 con un remake libero di quell’opera, Peter von Kant di François Ozon, dove le tre protagoniste diventano personaggi maschili. Incapace di portare sullo schermo la visceralità delle passioni del maestro, il regista francese realizza un film su quella visceralità, come una visceralità di celluloide, un’operazione filologica quanto distaccata.

Tutti lo chiamano Amir

Peter Von Kant, un regista di successo, vive con il suo assistente Karl, che maltratta e umilia. Tramite un’amica, la famosa attrice Sidonie, incontra e si innamora di Amir, un bel ragazzo di origine nordafricana, che aiuterà a sfondare nel mondo del cinema come attore... [sinossi]

Le immagini di un cortile, in cui campeggia un grande albero: siamo a Colonia nel 1972, ci dice una scritta. Così comincia Peter von Kant, l’adattamento molto libero di François Ozon al testo fassbinderiano Le lacrime amare di Petra von Kant. Sono passati cinquant’anni da quell’opera fondamentale, come molte altre del regista tedesco, che venne presentata alla Berlinale. E ora la Berlinale apre la sua edizione 2022 proprio con questo omaggio di Ozon, che torna a confrontarsi direttamente con un testo del suo amato Fassbinder dopo Gocce d’acqua su pietre roventi. Quel cortile con cui si apre il film, e quel paesaggio che torna a rimarcare l’alternarsi delle stagioni, appare significativo di quella che è la più importante trasgressione, più radicale che cambiare il sesso dei tre protagonisti, di Ozon rispetto al film originale che, utile ricordare, era già un adattamento di un testo teatrale di Fassbinder. Ovvero sfondare lo sguardo sull’esterno e rompere quella dimensione di kammierpiel claustrofobico originale. Gli esterni sono veri, non semplice addobbo scenografico come quelli del lucernario di un altro film dal respiro teatrale come Nodo alla gola. Per dimostrarlo Ozon usa in più di un’occasione uno sguardo da una mdp esterna che guarda incorniciando i personaggi con i bordi dell’ampia finestra, cosa che segnala anche la sua posizione scopofila sul cinema del Maestro, sulla puttana santa fassbinderiana. E ancora il film si chiude con una scena in esterni che segna l’allontanamento del personaggio di Karl.

Recuperare una dimensione di esterni serve a Ozon per rimarcare la natura cinematografica del suo lavoro, dove il cinema di Fassbinder, il cinema come atto materico, dimensione artistica come sessuale, gioca un ruolo di primo piano. Peter von Kant è un regista, non uno stilista come lo era Petra. Banalmente questa è una delle estrinsecazioni biografiche che sviluppa Ozon. Nella casa di Peter campeggia un piccolo proiettore, e poi anche una cinepresa. E lo vediamo seduto sulla classica seggiola da regista. Ma soprattutto l’innamoramento per l’aitante giovane magrebino Amir nasce filmandolo, contemplando la sua conturbante immagine proiettata, con la grana e il formato della pellicola amatoriale. E la sua dolorosa mancanza porterà Peter a rivestire la sua casa di immagini fotografiche del ragazzo. Il senso dell’operazione di Ozon è proprio questo, rimarcare il suo punto di vista esteriore su Fassbinder e il suo cinema, la sua puttana santa, evidenziando l’atto di filmare, di fare cinema, compulsivo di Fassbinder, come un atto carnale, sessuale. Ozon non è in grado – e quale altro regista lo sarebbe? – di mettere in scena la visceralità delle passioni come il protagonista del Nuovo cinema tedesco, il suo cinema è più in superficie, freddo, calcolato e kitsch. Rispetto a Fassbinder non può che porsi in posizione consapevolmente distanziata e voyeuristica.

Peter von Kant è un’operazione minuziosissima di omaggio a Fassbinder, che arricchisce il testo originale in tal senso. Peter è ricalcato fisicamente su Rainer Werner: l’attore che lo interpreta, Denis Ménochet, è estremamente somigliante. Spesso indossa quella tipica giacchetta di molte immagini con cui è ricordato il regista tedesco. Il film inizia e finisce con foto di Fassbinder, anche presenti durante il film. Nel virare al maschile la passione omoerotica della storia, Ozon non fa che esplicitare un aspetto biografico di Fassbinder, ovvero la sua sfortunata storia con il suo attore feticcio Günther Kaufmann, che verosimilmente era trasposta ne Le lacrime amare di Petra von Kant. Un attore magrebino è funzionale a evocare la sua fisionomia, oltre che a ricordare Alì di La paura mangia l’anima. La casa di Peter è ispirata proprio all’appartamento di Fassbinder, come si vede in Germania in autunno. E gli esterni, con quell’albero che cambia colore dall’autunno alla primavera, ci rimandano anche alle sirkiane foglie al vento. Un autore che usa spesso le canzoni, come Ozon, non poteva che inserire, tra le altre, Jeder Tötet, Was Er Liebt (Each Man Kills the Thing He Loves), una scelta scontata. E ovviamente non poteva mancare la citazione vivente di Hanna Schygulla, nella parte dell’anziana madre di Peter, unico personaggio a parlare per un attimo in tedesco. Il film infatti è in francese, pur essendo ambientato in Germania con personaggi tedeschi, ma poco importa, la lingua è una pura convenzione.

Sono tanti comunque anche gli elementi che Ozon modifica per filtrare la storia secondo la propria sensibilità, a partire, probabilmente, dal suo ribaltamento al maschile. Ma la sceneggiatura che Peter sta dettando a Karl riguarda un film incentrato su personaggi femminili. Non campeggia più la gigantografia di Bacco e Mida di Nicolas Poussin: il quadro è presente sempre ma più piccolo, e si affianca a gigantografie di San Sebastiano, cui si aggiungerà quella dello stesso Amir trafitto da frecce, secondo un’estetica ormai un po’ abusata. Amir spesso filmato con una carnalità impudica caravaggesca. La citazione a Mankiewicz iniziale viene sostituita con una a Romy Schneider, più nei gusti cinefili di Ozon. E si cita poi pure Zeffirelli, esempio di cinema che scade nel patinato estetismo.

Quella di Ozon è in definitiva un’operazione iconografica, e iconologica, consapevole e sentita.

Info
Peter von Kant sul sito della Berlinale.

  • peter-von-kant-2022-francois-ozon-02.jpg
  • peter-von-kant-2022-francois-ozon-01.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Berlinale 2022 – Presentazione

    La Berlinale 2022, settantaduesima edizione del festival tedesco, segna il ritorno in presenza dopo lo slittamento online dello scorso anno: un'occasione per la manifestazione cinematografica per riappropriarsi degli spazi, dal Berlinale Palast di Potsdamer Platz fino alle sale più periferiche.
  • Cult

    Otto ore non sono un giornoOtto ore non sono un giorno

    di Operazione culturale e politica, inno sincero alla classe operaia, Otto ore non sono un giorno danza con inimitabile leggiadria sulle note di Jens Vilhelm Pedersen (Fuzzy), illuminando una volta di più il ricordo di Fassbinder, la sua febbrile creatività, i tesori che ci ha lasciato. In prima TV su Fuori Orario.
  • Cannes 2021

    Tout s'est bien passé RecensioneÈ andato tutto bene

    di In concorso a Cannes 2021, È andato tutto bene affronta con un apprezzabile mix di delicatezza e leggerezza il tema della buona morte, sempre più pressante e attuale nella nostra società.
  • Roma 2020

    Été 85 (2020) di François Ozon - Recensione | Quinlan.itEstate ’85

    di Pluriaccessoriato, cerebrale e inevitabilmente poco romantico, Estate '85 di François Ozon è un teen movie estivo che ha scarsa fiducia in se stesso e pertanto si circonda di feticci e tediose elucubrazioni intellettuali. Alla Festa del Cinema di Roma.
  • Berlinale 2019

    Grâce à Dieu RecensioneGrazie a Dio

    di In concorso alla Berlinale, Grazie a Dio non cavalca un facile sensazionalismo, non cede al liberatorio atto d'accusa, ma cerca di ripercorrere in punta di piedi la genesi del caso Preynat, focalizzandosi piuttosto sul silenzio colpevole della Chiesa e sul dolore celato dalle vittime.
  • Cannes 2017

    Doppio amore RecensioneDoppio amore

    di Giochino ombelicale, ultra-citazionista, levigato e trash: Doppio amore di François Ozon, in concorso alla 70esima edizione del Festival di Cannes, è un thriller che si scardina da solo e che ammicca alla sua stessa auto-parodia.
  • Venezia 2016

    FrantzFrantz

    di Presentato in concorso a Venezia, Frantz rappresenta un grande passo in avanti e una sfida nella filmografia di François Ozon. Film di ambientazione storica, in costume, calligrafico, per buona parte in bianco e nero. Ma soprattutto opera che declina in forme inedite le poetiche dell’autore francese.
  • Archivio

    Una nuova amica

    di Un racconto inquieto e liberatorio, pieno di suspense e di erotismo. In Una nuova amica François Ozon, finalmente, non si lascia suggestionare dagli abituali giochi di specchi del suo cinema e si identifica appieno con i suoi protagonisti.
  • Archivio

    Giovane e bella RecensioneGiovane e bella

    di Con Giovane e bella François Ozon mette a punto un'altra delle sue macchine oliate, apparentemente perfette, impeccabili. Ma, nella maggior parte dei casi, vuote...
  • Archivio

    Nella casa

    di Un ragazzo di sedici anni si insinua nella casa di un suo compagno di classe per trovare ispirazione per i suoi componimenti scolastici...
  • Archivio

    Il rifugio

    di Mousse viene ricoverata in ospedale dopo un’overdose. Al risveglio scopre che Louis, il suo uomo, è morto e che lei è incinta. La ricca famiglia di Louis la spinge ad abortire...
  • Archivio

    Ricky – Una storia d’amore e libertà

    di Inizia come un film dei Dardenne, poi sembra potersi trasformare in melodramma domestico, quindi in horror quotidiano e infine in libera favola fantastica: è Ricky di François Ozon che, come al solito, riesce a spiazzare lo spettatore.
  • Archivio

    CinquePerDue recensioneCinquePerDue – Frammenti di vita amorosa

    di Un percorso inverso. 5X2, CinquePerDue. Due anime che si prosciugano, si inaridiscono. Ozon decide di partire dalla fine, dall'odio, per mostrarci le dinamiche che trascinano verso l'azzeramento della passione, dei sentimenti, del rispetto e della fiducia.
  • Festival

    Berlinale 2022Berlinale 2022

    La Berlinale 2022 segna il ritorno in presenza dopo lo slittamento online dello scorso anno: un'occasione per la manifestazione di riappropriarsi degli spazi, dal Berlinale Palast di Potsdamer Platz fino alle sale più periferiche.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento