Black Mass – L’ultimo gangster

Black Mass – L’ultimo gangster

di

Una certa eleganza formale, un ritmo frenetico e un boss malavitoso intriso di make up (interpretato da Johnny Depp), Black Mass di Scott Cooper non aggiunge molto al glorioso genere del gangster movie. Fuori concorso a Venezia 2015.

Il boss è truccato

Boston, 1970. L’agente John Connolly persuade il gangster irlandese James “Whitey” Bulger a collaborare con l’FBI per eliminare un nemico in comune: la mafia italiana. Il dramma racconta la vera storia di questa alleanza che permise a Whitey di eludere la legge, consolidare il potere e diventare uno dei gangster più spietati e potenti nella storia di Boston… [sinossi]

Anche se talvolta lo si utilizza con un’accezione negativa, il manierismo è pur sempre un’arte sopraffina, basata al tempo stesso su una dimostrazione di talento e sulla celebrazione dell’arte del passato. Il talento probabilmente non manca a Scott Cooper che con il tiepido (la tensione drammatica era in realtà poco strutturata e in buona parte data per scontata) melodramma sociale Out of the Furnace (Il fuoco della vendetta) aveva entusiasmato buona parte dei cinefili, rispolverando un genere “classico” del cinema statunitense, da tempo assente dagli schermi. Con Black Mass, presentato fuori concorso a Venezia 2015, il regista statunitense fa forse anche un passo indietro rispetto al precedente film, rivelandosi come una sorta di abile compilatore, un “copista” del gangster movie, utile però, anziché a glorificare il genere in questione, a farcene rimpiangere gli amabili resti.

Questo accade in virtù di banali malintesi, perché un film non è una sequela di scene, un personaggio non è fatto dell’insieme delle sue azioni, una storia vera non deve essere per forza raccontata per intero e nei minimi dettagli, è preferibile adattarla per il grande schermo cogliendone gli snodi salienti, meglio ancora se si riesce a infondervi un portato simbolico. Ecco Scott Cooper non fa nulla di tutto ciò, strutturando il suo Black Mass come un susseguirsi parattico di scene similari: ci sono le confessioni dei pentiti al procuratore e poi i flashback, in cui dapprima i nostri protagonisti proclamano il da farsi e di lì a breve, puntualmente, lo mettono in pratica. Ogni tanto poi, seguiamo le vicende dei più o meno corrotti tutori della legge, ma il montaggio che ne viene fuori non sembra mirare a porre in stretta relazione crimine e FBI. Risultano inoltre assenti delle sequenze d’azione degne di questo nome (niente sparatorie tonanti né inseguimenti al fulmicotone), sostituite da qualche fugace omicidio a sangue freddo.

Scorre tutto rapido, ma senza emozione in Black Mass, le immagini posseggono una loro eleganza, gli attori sono in parte, ma a lungo andare ci si accorge che manca un sostegno drammatico di base, quel senso di tragedia imminente, quelle motivazioni, quei tormenti dei protagonisti che hanno reso grande il genere del gangster movie.
Whithey Bulger (Johnny Depp), boss della Boston anni ’80, viene tradito, anche più volte, ma non siamo dalle parti di Carlito’s Way e questi tradimenti, privi di strutturati rapporti interpersonali tra i personaggi, non provocano alcuno sdegno. Whitey, inoltre, non ha motivazioni degne di nota per fare ciò che fa e gli manca perfino quel sogno posticcio di palme tropicali al tramonto che animava fino all’ultimo il protagonista del film di De Palma. Non sembra avere neanche grandi piani criminali il nostro antieroe, che parla poco e quando si rivolge a un altro personaggio, spesso è per poi ucciderlo nella scena successiva. E questo gioco, più volte reiterato nel corso della pellicola, a lungo andare stanca.

Anche il pur bravo Johnny Depp non riesce a convincere del tutto, vittima com’è di un eccesso di make up e di lenti a contatto cerulee dagli effetti stranianti. Se infatti per buona parte del film ci si ritrova a pensare solo a quanto sia truccato e irriconoscibile il protagonista – adepto dichiarato di un Marlon Brando mai troppo rimpianto – evidentemente qualcosa non va. Sotto gli strati di cerone degli attori e sotto la superficie levigata di un’eleganza formale senza personalità, diviene davvero arduo rinvenire in Black Mass la nobile rudezza di un genere cinematografico glorioso e dai nobili padrini.

Info
Black Mass sul sito della Mostra del Cinema di Venezia.
Il trailer originale di Black Mass.
Il sito ufficiale di Black Mass.
Black Mass su facebook.
  • Black-Mass-2015-Scott-Cooper-00.jpg
  • Black-Mass-2015-Scott-Cooper-01.jpg
  • Black-Mass-2015-Scott-Cooper-02.jpg
  • Black-Mass-2015-Scott-Cooper-03.jpg

Articoli correlati

  • Roma 2017

    Hostiles RecensioneHostiles

    di Hostiles apre ufficialmente la dodicesima edizione del Festival del Film di Roma trascinando gli spettatori negli spazi aperti del west sul suo declinare. Un viaggio moribondo che cerca in qualche modo di ragionare sulla nascita di una nazione, non sempre con mano ispirata ma con una notevole ambizione.
  • Venezia 2015

    venezia-2015-minuto-per-minutoVenezia 2015 – Minuto per minuto

    Sokurov e Bellocchio, Egoyan e Skolimowski, Barbera e Baratta, tutti i film, le news, le prime impressioni, gli innamoramenti folli e le ferali delusioni... Insomma, con la Mostra del Cinema di Venezia 2015 torna la nostra cronaca più o meno seria dal Lido. Il Minuto per Minuto, dal 2 al 12 settembre, fino ai premi o giù di lì.
  • Festival

    Venezia 2015Venezia 2015

    La Mostra del Cinema di Venezia 2015, dalla preapertura in omaggio a Orson Welles alla cerimonia di premiazione di sabato 12 settembre: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori... fino al Leone d'oro.
  • Archivio

    Il fuoco della vendetta

    di Un cast stellare e una regia dal forte impatto visivo al servizio di uno script solido. Sono questi gli ingredienti alla base del revenge movie diretto da Scott Cooper.
  • Archivio

    Crazy Heart RecensioneCrazy Heart

    di L'esordio alla regia di Scott Cooper è un film lineare e grezzo allo stesso tempo, una "favola" in salsa country sul valore delle seconde opportunità e sulla necessità di sapersi rimettere in gioco...
  • Archivio

    The Lone Ranger RecensioneThe Lone Ranger

    di Il guerriero indiano Tonto, oramai molto anziano, racconta al piccolo visitatore di un luna park la storia che ha trasformato John Reid, un uomo di legge, in un leggendario giustiziere...
  • Archivio

    the-libertineThe Libertine

    di John Wilmot, secondo conte di Rochester e noto poeta, vive tra eccessi e provocazioni. Sposato con la bella e ricca Elizabeth Malet e attratto dalla giovane attrice Elizabeth Barry, non frena il suo spirito polemico nemmeno di fronte al re Carlo II...
  • Archivio

    Il caso Spotlight RecensioneIl caso Spotlight

    di Presentato alla Mostra di Venezia 2015, Il caso Spotlight è esattamente il film che ci si aspetta: cast di ottimi attori; puntuale e diligente nella messa in scena; preciso e solido nella scrittura, nel montaggio. Scorre liscio come l’olio e scivola via.
  • Archivio

    La legge della notte

    di Nel triplice ruolo di regista, sceneggiatore e protagonista di La legge della notte, Ben Affleck, pur confezionando per bene ogni frammento della sua opera, non riesce a concentrarsi su nulla, inanellando una serie di false partenze.
  • In sala

    City of Lies - L'ora della verità RecensioneCity of Lies – L’ora della verità

    di City of Lies - L'ora della verità è un blando poliziesco che cerca la chiave di volta del racconto di denuncia, ma trova quasi esclusivamente semplificazioni grossolane e retoriche, con una sfasata alternanza tra passato e presente.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento