Suburbia

Tratto da una pièce di Eric Bogosian, Suburbia è il quinto lungometraggio da regista di Richard Linklater. Uno sguardo disilluso e partecipe sui destini della cosiddetta “generazione X”, mandata al macello all’estero come in patria.

Storditi e sempre più confusi

A Burnfield, quartiere periferico di Austin, nel Texas, cinque ragazzi hanno l’abitudine di bivaccare quotidianamente vicino ai cassonetti della spazzatura posti all’angolo del piccolo supermercato locale, prendendo in giro occasionalmente il commesso straniero che vi lavora. Jeff, il personaggio principale del film, è un’anima priva di scopo che guarda con grande incertezza al futuro. Jeff esce con Sooze, che ha espresso il desiderio di lasciare Burnfield per diventare un’artista. I migliori amici di Jeff sono Buff e Tim, un travagliato giovane congedato con onore dall’esercito che beve troppo e ha difficoltà a tenere la bocca chiusa. L’amica di Sooze Bee Bee è invece un’alcolizzata che da poco si è unita al gruppo. Una sera un loro vecchio amico divenuto una rock star, Pony, torna in zona per rimettersi in contatto con il gruppo. Nonostante alcuni di loro siano gelosi del suo recente successo, la maggior parte degli amici è contenta di rivederlo. [sinossi]

Suburbia, quinto lungometraggio diretto per il cinema dall’allora trentaseienne Richard Linklater, si apre sulle note accorate e disperate di Town Without Pity, che Gene Pitney portò al successo internazionale nel 1962, al punto da registrarne anche una versione in tedesco e una in italiano, quest’ultima dal titolo Città spietata. Le liriche di Town Without Pity, scritte da Ned Washington per la musica composta da Dimitri Tiomkin, si aprono sul distico “When you’re young and so in love as we / And bewildered by the world we see / Why do people hurt us so? / Only those in love would know / What a town without pity can do”. Al di là del valore anche cinefilo della riscoperta di una memorabilia simile – la canzone fu composta per il solido dramma bellico La città spietata, coproduzione internazionale diretta da Gottfried Reinhardt –, sembrano le frasi perfette per cercare di entrare in contatto con i giovani protagonisti di Suburbia, che prima di diventare film nelle mani di Linklater fu una pièce di Eric Bogosian, qui firmatario della sceneggiatura. Per quanto sia il primo e uno dei pochi film in cui il regista texano non scrive di proprio pugno lo sviluppo della trama e i dialoghi (gli altri sono Tape, School of Rock, Bad New Bears, e Me and Orson Welles) Suburbia appare in tutto e per tutto come un’opera compiutamente linklateriana. E non solo perché il regista sceglie di trapiantare i protagonisti della pièce dal New Jersey dell’originale ai sobborghi di Austin, capitale del Texas, città e Stato che rappresentano per Linklater una seconda pelle. No. C’è qualcosa che si agita nella notte blu che più non si può e che si muove tra le accese discussioni dei suoi protagonisti, sperduti reietti che non sono neanche consapevoli di essere tali, che rende questa piccola storia un punto di svolta essenziale all’interno della filmografia dell’autore di Boyhood, Last Flag Flying e Waking Life.

Non è certo casuale che tutto questo avvenga con l’unica sceneggiatura classicamente intesa portata in scena a Hollywood – o meno, nel suburbio di Hollywood – nel corso del tempo: a ben vedere infatti sia Wake Up and Smell the Coffee che soprattutto l’arcinoto Talk Radio sono costruiti interamente dall’attore e autore su se stesso, sule sue movenze, sulla sua timbrica vocale. In Suburbia al contrario Bogosian si mette a disposizione di un racconto corale, che parla di una generazione di cui non fa parte e di un milieu culturale che non gli appartiene. Mettersi a lato per partecipare, uno dei punti di partenza essenziali per comprendere la poetica di Linklater. Mettersi da parte, assistere senza giudicare, amare i propri personaggi oltre i loro stessi meriti. Oltrepassare i limiti morali, sociali, politici, che dovrebbero tenere lo spettatore a distanza di sicurezza. Non esiste distanza nel cinema di Linklater, e non esiste neanche in Suburbia, che fa leva sulle unità aristoteliche per cercare di scandagliare una generazione mandata al macello, tanto all’estero – Tim è stato in guerra nel Golfo, per esempio – quanto in patria. Sono poco più che adolescenti, ma forse il loro destino è già segnato. In parte lo hanno direzionato loro, ma il più lo ha fatto una società sordida, cieca, priva di qualsiasi collante.

Il fulcro narrativo del film è presto raccontato: quattro amici si incontrano come ogni sera dietro il drugstore gestito da due immigrati indiani. Quella è una serata a suo speciale, però, perché in città arriva un loro compagno di scuola che ce l’ha fatta, ed è il leader di una band di successo. Questo incontro porterà a galla rimossi, delusioni, rivendicazioni. Fin dalla sua descrizione si capisce come Suburbia sia un film di dialoghi, di relazioni umane, di confronti serrati. Linklater riesce a evadere dalla stretta gabbia del teatro filmato sia per l’ambientazione en plein air – eccezion fatta per qualche interno – sia grazie a una regia accurata, granitica, che solo a uno sguardo distratto può sembrar muoversi nella direzione tracciata dall’indie movie statunitense di quegli anni. Una direzione che Linklater ha sempre rifuggito, smarcandosi da apparentamenti forzosi e cliché già usurati prima ancora di diventare tali. Suburbia scava in profondità nelle psicologie dei suoi protagonisti, cerca di comprenderne amarezze e riottosità, rabbie e disamori, perché sono il frutto di un dettato sociale dal quale è difficile evadere. Pony ce l’ha fatta, e ha subito voltato le spalle all’angolo di muro sul quale si appoggiava fino alla sera prima. Si può cedere con facilità alle lusinghe del Capitale, come faranno sia Sooze che Buff, ma al di là di un giro in limousine non è detto che si possa ambire a granché. Oppure si può rifiutare in toto quel mondo, con la consapevolezza però di rimanerne esclusi e di essere per sempre condannati alla solitudine, appestati, disadattati. Un discorso che è valido per Tim, sempre a un passo dall’aver problemi con la legge, e ancor più per la povera Bee-Bee, sull’orlo del tracollo per l’abuso di alcol. A tenere la barra dritta resta il solo Jeff, geloso di un successo che non avrà mai: il suo gesto di ribellione però si ferma a un vandalismo fine a se stesso, vacuo, impossibilitato a lasciare il segno.

Incorniciato dalle belle musiche approntate dai Sonic Youth e da Stewart Copeland – nella ricca colonna sonora compaiono, oltre alla band di Thurston Moore e Kim Gordon, anche Beck, U.N.K.L.E., Girls Against Boys, Boss Hog, Butthole Surfers e Flaming Lips – Suburbia è un uggioso inno post-punk a una generazione disintegrata, stordita e confusa, a un passo dalla balcanizzazione e destinata a non lasciar traccia di sé negli annali della storia americana, tra una guerra del Golfo e l’altra, un impeachment al presidente e l’orrore degli attacchi terroristici all’orizzonte, a preparare un nuovo scenario bellico. Ma non ha bisogno del fronte, la generazione narrata da Linklater e Bogosian, per trovare la sua lotta perdente quotidiana. Una generazione che non ha ideali (“l’idealismo è il senso di colpa dei borghesi”), se non forse “Smoke; babe; slice; brew. All four bases”, come sentenzia il poco brillante Buff. Ad avere le idee chiare è sempre Jeff, quando afferma “Nothing ever changes, man. Fifty years from now we’re all gonna be dead. And there will be another group of people standing here drinking beer, eating pizza, bitching about the price of Oreos and they’ll have no idea we were ever here and fifty years after those suckers will be dust and bones and there’ll be all these generations of suckers, all trying to figure out what the fuck they’re doing on this fucking planet and it’ll all be full of shit. It’s all so fucking futile”.

Sì, è tutto futile, ma non si può fare a meno di agitarsi, di continuare a cercare un senso, di salvarsi dal soffocamento definitivo. Suburbia, uscito direttamente in VHS all’epoca in Italia, è un film basilare non solo per comprendere la carriera di Richard Linklater, ma anche per trovare una direzione non usuale e non banale al mondo off Hollywood che negli anni Novanta ancora sognava una rivoluzione impossibile. Ed è per di più l’occasione per vedere all’opera un manipolo di attori mai presi davvero in considerazione, ma di eccellente talento: tra loro varrà la pena ricordare quantomeno Steve Zahn (quasi trent’anni di carriera tra Giovani, carini e disoccupati di Ben Stiller e Blaze di Ethan Hawke), Nicky Katt (al lavoro in altri tre film di Linklater), e in particolar modo Giovanni Ribisi. Per chiudere con una curiosità la sorella gemella di quest’ultimo, Marissa, recitò per Linklater in Dazed and Confused. Corsi e ricorsi storici…

Info
Il trailer originale di Suburbia.
  • suburbia-1996-richard-linklater-recensione-01.jpg
  • suburbia-1996-richard-linklater-recensione-02.jpg
  • suburbia-1996-richard-linklater-recensione-03.jpg
  • suburbia-1996-richard-linklater-recensione-04.jpg

Articoli correlati

  • Buone feste!

    scorpio rising recensioneScorpio Rising

    di Scorpio Rising è il sogno irrealizzabile del biker, il volo pindarico nella notte nera come la pece o come il giubbotto di pelle ma bombardata dalle armonie e dai vocalizzi pop. Mai la cultura statunitense era stata così idolatrata e scarnificata nello stesso momento.
  • Buone feste!

    le avventure di pinocchio recensioneLe avventure di Pinocchio

    di In attesa di scoprire cosa sarà in grado di fare Matteo Garrone con il testo di Collodi, Le avventure di Pinocchio di Luigi Comencini resta la messa in scena più folgorante (con Disney) del burattino che vuole diventare uomo. Con Nino Manfredi e la colonna sonora di Fiorenzo Carpi.
  • Buone feste!

    fiore di cactus recensioneFiore di cactus

    di Scritto in punta di penna, come d'abitudine, da I.A.L. Diamond, a Fiore di cactus si può imputare al massimo l'assenza in cabina di regia di Billy Wilder. Ma Gene Saks firma una commedia straripante, spassosa, attualizzazione nevrotica della screwball comedy.
  • Buone feste!

    ritorno al futuro recensioneRitorno al futuro

    di Il capolavoro per eccellenza di Robert Zemeckis, uno dei film più iconici e rappresentativi della Hollywood degli anni Ottanta, con il mito di Michael J. Fox destinato a imprimersi con forza nella memoria collettiva. Insomma, Ritorno al futuro.
  • Buone feste!

    l'uomo meraviglia recensioneL’uomo meraviglia

    di L'uomo meraviglia è Danny Kaye, al secondo grande successo commerciale della sua carriera e scatenato nella parte dei gemelli omozigoti Edwin e Buzzy. Buzzy, ucciso dai gangster, appare al fratello nelle vesti di fantasma per chiedergli di vendicarlo...
  • Buone feste!

    wend kuuni - il dono di dio recensioneWend Kuuni – Il dono di Dio

    di Wend Kuuni - Il dono di Dio è l'esordio alla regia del burkinabé Gaston Kaboré. Un'opera potentissima, che rivoluziona il cinema post-coloniale. La Settima Arte si fonde alla proposta politica di Thomas Sankara, rigettando il pensiero occidentale.
  • Buone feste!

    una poltrona per due recensioneUna poltrona per due

    di Diventato nel corso dei decenni un vero e proprio classico natalizio, Una poltrona per due mostra il volto più sardonico e dissacrante di John Landis. La messa in scena del capitalismo più bieco e crudele, e al tempo stesso il racconto della sua essenza effimera, e priva di reale consistenza.
  • Buone feste!

    topolino e i fantasmi recensioneTopolino e i fantasmi

    di Topolino e i fantasmi (Lonesome Ghosts) raggiunse le sale statunitensi grazie alla RKO la vigilia di Natale del 1937, e compie dunque 81 anni. Un'età veneranda per un gioiello purissimo, tra i capolavori dei cortometraggi della serie dedicata a Mickey Mouse.
  • Buone feste!

    high school recensioneHigh School

    di High School è il secondo lungometraggio diretto da Frederick Wiseman, all'epoca trentottenne. Messo a punto il proprio stile di osservazione, il regista statunitense riesce a tenere insieme il particolare e l'universale, allargando lo sguardo all'America di quegli anni.
  • Buone feste!

    il buio si avvicina recensioneIl buio si avvicina

    di Il buio si avvicina è l'opera seconda di Kathryn Bigelow, un dolente e sensuale punto d'incontro tra l'immaginario western e l'horror vampiresco. A oltre trent'anni dalla sua realizzazione, uno dei più squarcianti film statunitensi del periodo.
  • Buone feste!

    Alla 39ª eclisse recensioneAlla 39ª eclisse

    di Non è passato e non passerà mai alla storia del cinema Alla 39ª eclisse, seconda regia per l'allora trentottenne Mike Newell. Eppure nelle pieghe di questo horror dai contorni egizi si può ritrovare la scintilla di un approccio al genere oramai andato perduto.
  • Cult

    slacker recensioneSlacker

    di Slacker non è solo il titolo che all'inizio degli anni Novanta rese celebre, almeno negli Stati Uniti d'America, il nome di Richard Linklater, ma è anche l'opera più cristallina del panorama indie di quegli anni. Una radiografia di un paese, del Texas e di un'intera generazione.
  • Locarno 2018

    Blaze RecensioneBlaze

    di Blaze, ritorno alla regia di un film di finzione dell'attore Ethan Hawke a undici anni di distanza da The Hottest State, è un biopic dimesso dedicato a un grande e misconosciuto cantante country. In Piazza Grande a Locarno Festival.
  • Buone feste!

    Waking Life

    di Waking Life di Richard Linklater fu accolto nel 2001 con un percepibile scetticismo da stampa e addetti ai lavori alla Mostra di Venezia. È ora di porre rimedio, per cercare di comprendere un'operazione artistica e concettuale di rara ambizione. Un'opera/sogno che spezza logiche produttive, e non solo.
  • Roma 2017

    Last Flag Flying

    di Last Flag Flying permette a Richard Linklater di aggiungere un tassello alla sua radiografia dell'America sperduta, sconfitta e sempre più fuori dal sistema; un viaggio tragico ma non privo di mesta ironia attraverso un paese che passa di guerra in guerra, mandando a morire i suoi figli.
  • Roma 2016

    Richard Linklater – Dream is Destiny

    di , Un documentario su Richard Linklater che affronta l'intera carriera del regista statunitense, dagli esordi con Slacker fino a Tutti vogliono qualcosa. Didattico e televisivo, nonostante l'affascinante polifonia di voci.
  • Archivio

    tutti-vogliono-qualcosaTutti vogliono qualcosa

    di Il nuovo film di Richard Linklater torna una volta di più sull'adolescenza, sul passato, su un'età dell'oro che non è mai esistita, se non nel sogno. E forse nemmeno lì.
  • Cult

    La vita è un sogno

    di Il film che nel 1993 consacra (negli Stati Uniti) Richard Linklater come uno dei registi più interessanti del "giovane" cinema hollywoodiano si conferma, a ventitré anni di distanza, uno dei migliori teen-movie degli ultimi decenni.
  • Archivio

    Boyhood RecensioneBoyhood

    di Il cinema di Richard Linklater tocca uno dei suoi vertici artistici. Un coming-of-age tenero e illuminante, la visione più esaltante della Berlinale 2014, finalmente anche nelle sale italiane.
  • Venezia 2013

    Double Play: James Benning and Richard Linklater

    di Chiacchiere tra cineasti: Gabe Klinger riprende gli incontri tra Benning e Linklater. Presentato a Venezia 70 nella sezione Venezia Classici.
  • Archivio

    Before Midnight RecensioneBefore Midnight

    di In Before Midnight ritroviamo Jesse e Céline nove anni dopo il loro rendez-vous parigino, e diciotto anni dopo il primo incontro a Vienna. Sono rimasti insieme e stanno trascorrendo una vacanza in Grecia con le loro figlie...
  • Archivio

    Fast Food Nation

    di Partendo da un best-seller letterario Richard Linklater racconta in Fast Food Nation l'universo capitalista delle catene alimentari. Tra documentario e fiction, un'opera coraggiosa e sottostimata.
  • Archivio

    Before Sunset – Prima del tramonto

    di In Before Sunset Richard Linklater torna a far vivere sullo schermo i personaggi di Celine e Jesse, a nove anni di distanza da Prima dell'alba. Nel ruolo dei protagonisti, ovviamente, Julie Delpy ed Ethan Hawke.
  • Archivio

    School of Rock RecensioneSchool of Rock

    di Dewey Finn è uno squattrinato musicista privo di successo che sogna di diventare un dio del rock. Un giorno, fingendosi il suo coinquilino, ottiene un posto da supplente in una delle più rigide, rinomate e ricche scuole elementari della sua città...
  • Buone feste!

    Brisby e il segreto di NIMH

    di L'esordio al lungometraggio di Don Bluth, già al lavoro negli anni precedenti per la Disney. Una fiaba ecologista ricca di fascino, tra i migliori esempi di animazione statunitense degli anni Ottanta.
  • Buone feste!

    bambole e sangue recensioneBambole e sangue

    di Con Bambole e sangue si inaugura la carriera sul grande schermo del newyorchese Paul Bartel, uno dei numi tutelari del cinema indipendente statunitense. Tra le trame di un racconto malsano e inquietante si rintracciano già i germi di una nazione impaurita e bigotta.
  • Buone feste!

    la ragazza terribile recensioneLa ragazza terribile

    di Oramai quasi dimenticato, almeno in Italia, La ragazza terribile di Michael Verhoeven rappresentò un piccolo caso cinematografico nel 1990, con la sua versione romanzata della vita della saggista tedesca Anna Rosmus. Da riscoprire.
  • Buone feste!

    the call of cthulhu recensioneThe Call of Cthulhu

    di All'interno del ciclo dedicato alla divinità aliena da H.P. Lovecraft non esiste titolo più suggestivo e spaventoso di The Call of Cthulhu (La chiamata di Cthulhu in italiano). Nel 2005 qualcuno sperimentò un folle mediometraggio muto e in bianco e nero dedicato al racconto...
  • Buone feste!

    Fucking Åmål recensioneFucking Åmål

    di Fucking Åmål è l'esordio alla regia di Lukas Moodysson oltre che, a distanza di venti anni dalla sua realizzazione, il film più potente della carriera del regista e poeta svedese. Un teen-movie liberissimo e vitale, che sfascia le convenzioni sociali.
  • Buone feste!

    un dollaro d'onore recensioneUn dollaro d’onore

    di Tra i western più acclamati, omaggiati e plagiati di ogni tempo, Un dollaro d'onore può essere letto come una risposta polemica a Mezzogiorno di fuoco. Al di là di questo Howard Hawks firma uno dei suoi capolavori.
  • Buone Feste!

    Un mondo a parte RecensioneUn mondo a parte

    di Quando esordisce alla regia con Un mondo a parte il britannico Chris Menges è un apprezzato e pluripremiato direttore della fotografia. Per l'opera prima decide di mettere in scena in forma romanzata la vita di Ruth First.
  • Buone feste!

    il bi e il ba recensioneIl Bi e il Ba

    di Probabilmente nulla, nella storia del cinema italiano, si avvicina al livello di nonsense espulso dal corpo de Il Bi e il Ba. Merito del protagonista Nino Frassica, ma anche della regia ordinatissima e anarchica di Maurizio Nichetti.
  • Buone feste!

    chicken and duck talk recensioneChicken and Duck Talk

    di Nel 2018 Chicken and Duck Talk, una delle commedie di maggior successo critico e commerciale di Hong Kong, ha festeggiato trent'anni. Un gioiello che si mostra ancora in splendida forma, grazie agli oliatissimi meccanismi comici e alla maestria di Michael Hui.
  • Buone feste!

    school on fire recensioneSchool on Fire

    di A trent'anni dalla sua realizzazione School on Fire segna il punto di non ritorno della poetica di Ringo Lam, con la sua messa alla berlina dell'intero sistema sociale della città-stato, partendo dall'istruzione per arrivare alla polizia e, ovviamente, alla mafia locale.
  • Buone feste!

    eros + massacre recensioneEros + Massacre

    di Eros + Massacre è il primo dei tre capitoli che Yoshishige Yoshida ha dedicato alla storia del Giappone contemporaneo, ed è con ogni probabilità il più celebre. Un film anarchico come e più del suo protagonista, Sakae Ōsugi.
  • Buone feste!

    la casa recensioneLa casa

    di Evil Dead, conosciuto in Italia come La casa, non è solo uno degli horror più significativi della sua epoca, ma rappresenta anche il sogno di ogni cineasta indipendente alle prime armi, quello di creare con nulla il proprio immaginario.
  • Buone feste!

    rancho notorious recensioneRancho Notorious

    di Rancho Notorious è il terzo e ultimo western della carriera di Fritz Lang dopo Il vendicatore di Jess il bandito e Fred il ribelle. Un'opera astratta, quasi completamente girata in interni e dominata dai temi cari al regista tedesco.
  • Buone feste!

    grosso guaio a chinatown recensioneGrosso guaio a Chinatown

    di Il 2019 sarà il nono anno consecutivo senza film diretti da John Carpenter al cinema. Per sopperire a questo vuoto si può tornare ad altre epoche, più floride. Ma occorre sempre ricordare come anche un cult del calibro di Grosso guaio a Chinatown si dimostrò un clamoroso flop commerciale.
  • Buone feste!

    izo recensioneIzo

    di Izo è l'opera più estrema della sterminata filmografia di Takashi Miike, e con ogni probabilità rappresenta il suo apice poetico e artistico. Attraverso una vera e propria carneficina il regista giapponese ragiona sulla storia del Giappone, sull'umanità e sul cinema come reiterazione di sé.
  • Buone feste!

    colpo vincente recensioneColpo vincente

    di Il colpo vincente è quello con cui la microscopica squadra di basket del liceo di Hickory, in Indiana, vince il campionato statale sotto la guida del "redento" allenatore interpretato da Gene Hackman. Un classico del film sportivo, ma anche un'interessante lettura della società rurale.
  • Buone feste!

    la terra recensioneLa terra

    di La terra è la danza onirica e sognante di un popolo che si riappropria del senso comune, del valore della collettività e della condivisione. Nel 1930, nel pieno del primo piano quinquennale dell'Urss staliniano, Aleksandr Dovženko firma un poemetto lirico in difesa della terra.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento