Momenti di trascurabile felicità

Momenti di trascurabile felicità

di

Momenti di trascurabile cinema. La battuta è facile, ma purtroppo inevitabile di fronte al nuovo film di Daniele Luchetti, Momenti di trascurabile felicità, che – prendendo spunto da due volumetti di Francesco Piccolo – assomma tutte le caratteristiche più nefaste del cinema italiano pseudo-autoriale contemporaneo.

Voglio un cinemaaaaa

Lo yoga e l’Autan non sono in contraddizione? La luce del frigorifero si spegne veramente quando lo chiudiamo? Perché il primo taxi della fila non è mai davvero il primo? Perché il martello frangi vetro è chiuso spesso dentro una bacheca di vetro? E la frase: ti penso sempre, ma non tutti i giorni, che sembra bella, è davvero bella? A queste, e ad altre questioni, cerca di dare una risposta Paolo, cui rimangono solo 1 ora e 32 minuti per fare i conti con i punti salienti della sua vita. [sinossi]

Basta leggere la sinossi di cui sopra per intuire che il nuovo film di Daniele Luchetti, Momenti di trascurabile felicità, si trova a fare i conti con non pochi problemi narrativi. Ispirato a due volumetti di Francesco Piccolo, Momenti di trascurabile felicità e Momenti di trascurabile infelicità, caratterizzati dal fatto di non avere un racconto unitario quanto da quello di essere delle riflessioni – diciamo così – di natura filosofica sul quotidiano (come per l’appunto la domanda: la luce del frigorifero si spegne veramente quando lo chiudiamo? La cui prima risposta, ovvia, potrebbe essere: certo che sì; mentre la seconda, più meditata, potrebbe spingerci a dire: ma chi se ne frega!), il film del regista de Il portaborse, per cercare di avere un minimo di struttura, si appoggia in maniera derivativa a non pochi classici del cinema, da Il cielo può attendere di Lubitsch a La vita è meravigliosa di Frank Capra, passando per Ritorno al futuro di Zemeckis e fino ad arrivare ad Asso di Castellano e Pipolo, con protagonista Adriano Celentano. Già, perché il nostro protagonista – Pif – muore nei primi minuti e si trova a barattare la possibilità di passare almeno un’altra ora e mezza sulla Terra, in modo da dire addio in maniera congrua a moglie e figli, ma sperando allo stesso tempo di guadagnarsi la possibilità di ritornare a essere vivo alla fine del film riscoprendo la bontà del vivere, gli affetti dei suoi cari e, insomma, in fin dei conti, ritrovandosi ad abbracciare il tanto agognato familismo tipicamente italico.

Quel che ne esce in Momenti di trascurabile felicità è però sostanzialmente un frankenstein: da un lato abbiamo il racconto fantastico-derivativo che prende più o meno a modello i film sopra-citati, dall’altro abbiamo una sequela di riflessioni oziose – come quella del frigorifero, ma se ne potrebbero aggiungere mille altre, si veda il suggerimento dato alle donne di comprare caterve di assorbenti per non aver bisogno di acquistarli all’ultimo momento, proposta che ha un che di maschilista, perché in fin dei conti è un ragionamento che si potrebbe fare per qualsiasi cosa, come ad esempio la carta igienica o gli scottex, o lo zucchero, o il caffè -, riflessioni che finiscono per ingolfare ben presto la narrazione, deviandola verso una pseudo-filosofia autoriale e onanistica che ci allontana sempre di più dal cosiddetto racconto.

Inutile parlare dunque di drammaturgia o di conflitti tra personaggi, visto che sin dall’inizio di Momenti di trascurabile felicità è già ben chiaro dove si andrà a parare e visto che il percorso di redenzione del protagonista non è mai davvero messo in scena o in discussione, quanto piuttosto dato per scontato, dato che la maggior parte del tempo è occupata dalle sue riflessioni auto-referenziali, forse adatte per un libello di pensieri sparsi, ma inadatte decisamente a farsi cinema.
Ne consegue che, ancora una volta, e per l’ennesima volta, il nostro cinema si mostra indifferente rispetto alla necessità di raccontare una storia, che è l’unica vera e indispensabile qualità per provare a costruire un cinema commerciale e che possa piacere al pubblico, e – nel contempo – mostra un pressoché sovrano e cieco disinteresse a caratterizzare dei personaggi che parlino con la loro bocca e non con quella dell’autore fuori-scena, in questo caso un mix tra lo stesso Piccolo (anche sceneggiatore) e Daniele Luchetti. E forse ormai è troppo tardi domandarsi per quale motivo i nostri registi e i nostri sceneggiatori – e i nostri produttori – continuino imperterriti a scrivere e sviscerare e finanziare vicende siffatte, dove appare sin troppo evidente che c’è qualcosa che non funziona, che non c’è più un legame diretto con il pubblico di riferimento, che c’è una distanza siderale, abissale, tra quello che si sceglie di mettere in scena e quello che può piacere, intrattenere, divertire, far riflettere.

Non aiuta, in tal senso, anzi, la scelta di avere come protagonista Pif, che pure da regista aveva imbroccato almeno un film, La mafia uccide solo d’estate, in cui quantomeno c’era qualche elemento personale e di vissuto biografico). Pif non è un attore e si vede lontano un miglio, sia naturalmente quando dialoga con un gigante della recitazione come Renato Carpentieri, sia quando si trova al cospetto del personaggio della moglie (interpretato da Thony che, al contrario, conferma la sua bravura, dopo Tutti i santi giorni di Virzì), sia addirittura quando viene accostato ai due ragazzini che interpretano i figli, incredibilmente più a loro agio di lui in scena. Con quel suo monotono affrontare ciascuna situazione e ciascuna battuta, Pif infatti abbassa a ogni istante le – sia pur ridotte – potenzialità espressive di ogni singola scena, le estranea da se stesso – e di conseguenza da noi spettatori – per una sorta di brechtismo non richiesto e assolutamente fuori luogo in un film come questo, che vorrebbe porsi come classicamente commerciale, o quantomeno rivolto a una nicchia di spettatori di pseudo-sinistra.
E la scelta di Pif ha portato con sé la decisione di ambientare il film a Palermo, dove anche qui è evidente che l’unica motivazione è di natura produttiva e non espressiva, perché il protagonista è siciliano, perché c’è una film commission in questo momento forte a cui potersi appoggiare, e così via. E di conseguenza Palermo come città, con le sue precipue caratteristiche, non viene mai mostrata, se non – ancora una volta – sotto l’aspetto calcistico, come nel recente film di Walter Veltroni, C’è tempo, che sembra una specie di fratello gemello di Momenti di trascurabile felicità, visto che gli amici del protagonista insistono per vedere una partita del Palermo calcio con lui, mentre lui non vorrebbe, dato che si sente in dovere di passare gli ultimi momenti felici della sua esistenza insieme alla famiglia; e alla fine – persino – si mette anche a vedere la partita e fare pace con i suoi, riuscendo a unire utile e dilettevole, capra e cavoli, per un cerchiobottismo che sa tanto di egoismo e di opportunismo.
Insomma, ci si domanda come si possa risalire, come possa Daniele Luchetti – che è un regista che apprezziamo – ritrovare il bandolo della matassa autoriale e ritrovare un senso del racconto che pare aver perso da troppo tempo, forse proprio da Mio fratello è figlio unico (2007). Ma le sue incertezze probabilmente non sono imputabili solamente a lui, quanto a tutto il sistema del nostro cinema – fatta eccezione per quei grandi autori che riescono comunque a mantenere una loro personalità e una loro coerenza, come Garrone o la Rohrwacher -, un cinema che dà l’impressione di non saper più che pesci pigliare per riavvicinare il pubblico e che allo stesso tempo sembra non voler porsi nemmeno il problema. Un problema che invece c’è, è fortemente percepibile, e si fa di giorno in giorno più grave e irreversibile.

Info
Il trailer di Momenti di trascurabile felicità.
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-001.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-002.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-003.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-004.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-005.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-006.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-007.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-008.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-009.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-010.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-011.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-012.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-013.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-014.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-015.jpg
  • Momenti-di-trascurabile-felicità-2019-Daniele-Luchetti-016.jpg

Articoli correlati

  • In sala

    c'è tempo recensioneC’è tempo

    di L'esordio in un film di finzione si traduce per Walter Veltroni in un velleitarismo autoriale dimentico di azione e racconto, imperniato su una serie di cliché, a partire da una cinefilia inerte, addomesticata ed edulcorata.
  • Buone feste!

    ritorno al futuro recensioneRitorno al futuro

    di Il capolavoro per eccellenza di Robert Zemeckis, uno dei film più iconici e rappresentativi della Hollywood degli anni Ottanta, con il mito di Michael J. Fox destinato a imprimersi con forza nella memoria collettiva. Insomma, Ritorno al futuro.
  • In sala

    Io sono tempesta RecensioneIo sono tempesta

    di Un buono spunto e uno sviluppo incerto, anche Io sono Tempesta di Daniele Luchetti cade nell'incancrenito problema della commedia italiana odierna. La vittima principale poi, è sempre quella: il grottesco, rimpianto e costantemente rimosso dal nostro cinema, anche quando sembra cercarlo.
  • Buone feste!

    La vita è meravigliosa

    di Il classico natalizio di Frank Capra non riscosse un grande successo al momento della sua uscita nelle sale, elogiato in Europa dal solo Sergej Ėjzenštejn e contrastato in patria dall'FBI che lo accusava di essere anti-americano. E solo il pubblico dominio gli donò la visibilità che merita...
  • Classici

    il-cielo-puo-attendereIl cielo può attendere

    di In versione restaurata e splendente, torna nelle sale grazie alla Lab 80 uno dei capolavori di Ernst Lubitsch. Primo e unico film girato dal cineasta berlinese in Technicolor, Il cielo può attendere è una straordinaria commedia sentimentale, leggiadra e commovente.
  • Torino 2013

    La mafia uccide solo d’estate

    di Primo film italiano presentato in concorso a Torino 31, l'esordio alla regia di Pif è un buon esempio di cinema popolare e pedagogico, come è sempre più difficile trovarne in Italia.
  • Archivio

    Anni felici RecensioneAnni felici

    di Nell'estate del 1974 Guido, artista d’avanguardia col cruccio di essere troppo convenzionale, e la moglie Serena si amano e si tradiscono, sotto lo sguardo stralunato dei figli...
  • Archivio

    Tutti i santi giorni RecensioneTutti i santi giorni

    di Dopo i fasti di Tutta la vita davanti e La prima cosa bella, Paolo Virzì si affida a una storia minimale, con due buoni protagonisti ma bulimicamente appesantita da una serie di siparietti non necessari.
  • Archivio

    La nostra vita RecensioneLa nostra vita

    di Ritratto sfocato e non troppo pungente della nostra (mala) società, La nostra vita vive e respira solo nella vita e nel respiro del suo protagonista: un debordante Elio Germano.

2 Commenti

  1. Renato Ignazio Massa 24/03/2019
    Rispondi

    Non sono affatto d’accordo con il recensore pseudo-intellettuale. A me il film è piaciuto molto e, a quanto leggo, anche al 77% del pubblico. Se le recensioni venissero fatte a pro degli spettatori e non in base a complesse masturbazioni mentali, la vita sarebbe migliore

    • Alessandro Aniballi 24/03/2019
      Rispondi

      che si intende che le recensioni devono essere fatte a pro degli spettatori? che bisogna parlare per forza bene dei film? e i film allora, non devono essere fatti a pro degli spettatori, non dovrebbero voler raccontare una storia, cosa che qui manca? Mo’ la vita è peggiore perché un critico pseudo-intellettuale ha scritto una recensione. Basta così poco per rovinare i momenti di trascurabile felicità?

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento