La promessa dell’assassino

La promessa dell’assassino

di

Thriller dall’andatura tesa e implacabile, La promessa dell’assassino ha una resa naturalistica della violenza che cattura lo spettatore in una morsa, mentre lo stile inappuntabile della regia di Cronenberg ci regala momenti di intenso piacere visivo, amplificato da uno humour tagliente che sottolinea con gusto le mille sfaccettature dell’animo umano.

Questo è il mio corpo

Una ragazza di origine russa muore dando alla luce una bambina. Nel suo diario lascia le prove che legano la sua vita e quella della neonata a una losca storia di violenza carnale e mafia russa… [sinossi]

Con La promessa dell’assassino (Eastern Promises) Cronenberg realizza forse il suo film più aderente ai meccanismi del genere, la sceneggiatura, opera di Steve Knight (già autore dell’interessante script per Dirty Pretty Things di Stephen Frears) è solida e lineare e la si può leggere agilmente come una versione capovolta del plot di History of Violence. Se la precedente pellicola di Cronenberg ci offriva una limpida parabola sulla violenza tout court, da La promessa dell’assassino non dobbiamo aspettarci un messaggio altrettanto cristallino e universale. Ma l’adesione ai canoni del thriller urbano con annesso sottomondo mafioso, se da un lato diluisce la pienezza che può restituire una semplice allegoria, d’altro canto moltiplica le chiavi di lettura, abilmente incastonate tra le pieghe del racconto.

In una Londra notturna e piovosa si compiono due differenti destini. Un omicidio rituale apre le danze di una guerra tra opposte fazioni di immigrati dell’est, mentre una ragazza, poco più che adolescente e priva di documenti di identità, muore dando alla luce una bambina. L’ostetrica Anna Khitrova (Naomi Watts), impugnato il diario della giovane, inizia le sue incaute indagini, volte a rintracciare i parenti prossimi della vittima. Il diario è però scritto in cirillico e l’unico indizio comprensibile è il biglietto da visita di un ristorante tradizionale russo. Qui Anna incontra Semyon (Amin Mueller-Stahl), cordiale ristoratore e padre intransigente, che si offre premurosamente di tradurre lo “scomodo” quaderno. Semyon è in realtà il boss della Vory V Zakone, la mafia russa londinese che lui governa con mano ferma dalle cucine del suo locale. Kirill (Vincent Cassel), il fragile e tracotante “principe ereditario”, amministra per conto del padre il traffico di prostitute esteuropee. Ad affiancarlo e proteggerlo ci pensa il suo gelido compare, Nikolai (Viggo Mortensen), che si proclama semplice autista, ma è molto di più: maestro dell’inumazione fluviale, dello scongelamento di cadaveri, della cancellazione dell’identità, quella degli altri come la propria.

Thriller dall’andatura tesa e implacabile La promessa dell’assassino ha una resa naturalistica della violenza che cattura lo spettatore in una morsa, mentre lo stile inappuntabile della regia di Cronenberg ci regala momenti di intenso piacere visivo, amplificato da uno humour tagliente che sottolinea con gusto le mille sfaccettature dell’animo umano. Eppure, nonostante cotanta ricchezza, La promessa dell’assassino è un film semplice, il centro del suo discorso è il tema del “sacrificio”. Quello di una ragazza russa vittima di violenza che muore di parto e, soprattutto, quello di Nikolai/Viggo, che per scalare l’impervia piramide del potere, va incontro ad una graduale ed inesorabile eucarestia: per il personaggio, la violenza più cruda certifica l’adesione completa e sincera ad un ruolo che qualcun altro ha predisposto per lui. Ma non dobbiamo confonderci, La promessa dell’assassino non intende certo suggerire metafore religiose, l’olocausto, qui, è tutto terreno. A Cronenberg non interessa d’altronde né il peccato, né tantomeno la redenzione (e la chiosa del film ce lo conferma), non è l’anima che va salvata, bensì l’identità nelle sue manifestazioni più secolari: le pagine di un diario, il proprio corpo, che le prostitute alienano, la propria pelle, che Nickolai subaffitta alla mafia, affinché essa vi riscriva, sotto forma di simboli tatuati, il suo passato e il suo presente. Naturalmente in questa abiura alla propria identità possiamo rinvenire facilmente una metafora del lavoro dell’attore, cui La promessa dell’assassino paga il dovuto omaggio: se Nickolai/Viggo è trattato con delizioso sadismo, Cronenberg regala finalmente a Vincent Cassel il suo ruolo di villain più complesso e affascinante. Meno risolta è invece la caratterizzazione del personaggio di Anna, cui certo Naomi Watts dona luminosità e grazia, ma che si rivela un semplice grimaldello d’ingresso per il mondo sommerso della Vory V Zakone.

Nel graduale dipanarsi dell’intreccio malavitoso, che coinvolge russi, curdi e ceceni, traspare ben presto quanto il meltin’pot londinese sia di fatto un’utopia irrealizzabile e nel mentre, viene negata anche la possibilità del connubio sociale più elementare, ovvero quello della coppia. La ragione di questo impedimento è semplice e radicale: l’impossibilità è genetica. L’uomo e la donna abitano infatti universi separati, il loro incontro è infecondo, oppure è violento. La sterilità dunque è globale, al tempo stesso sociale e biologica.
Mentre la tragica spirale di rancori, invidie e potere pare inghiottire tutto nei vortici torbidi del Tamigi, un’ anodina maternità rischiara il cammino, ma è solo per condurci in quelle villette a schiera che tanto cinema d’autore, come anche di genere, ci hanno abituato a osservare con sospetto.

Info
Il trailer di La promessa dell’assassino su Youtube.
Il sito ufficiale del film.
Questa recensione è apparsa in precedenza sul sito www.cinemavvenire.it.
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-20.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-19.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-18.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-17.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-16.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-15.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-14.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-13.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-12.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-11.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-10.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-09.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-08.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-07.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-06.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-05.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-04.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-03.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-02.jpg
  • La-promessa-dellassassino-2007-David-Cronenberg-01.jpg

Articoli correlati

  • Zona Cronenberg

    eXistenZ RecensioneeXistenZ

    di eXistenZ è una spirale di 92 minuti, in cui il regista riesce a compiere un viaggio attorno alla natura umana e alla sua condizione esistenziale. Cronenberg realizza una pietra miliare del suo cinema, un grande omaggio alla fantascienza cyberpunk, uno dei suoi film più distopici e complessi.
  • Zona Cronenberg

    A History of Violence RecensioneA History of Violence

    di In A History of Violence di David Cronenberg mito, incubo e sogno americano accompagnano la storia (di violenza) della messa a nudo di un uomo di fronte alla sua famiglia, e a se stesso.
  • Zona Cronenberg

    Spider RecensioneSpider

    di Spesso considerato erroneamente un film “minore” Spider riassume alcuni elementi peculiari della poetica di Cronenberg. Vera e propria detection del protagonista all'interno della propria mente, sembra avvicinare Sherlock Holmes, o Giovanni Morelli, e Sigmund Freud.
  • Zona Cronenberg

    Scanners RecensioneScanners

    di Tra i film più sconvolgenti e inquietanti di Cronenberg, Scanners rappresenta - insieme a Videodrome - l'approdo della prima parte della carriera del cineasta canadese a quella nuova forma di carne/mente, che qui trionfa - ed esplode - in un tripudio di orrorifici effetti prostetici.
  • Zona Cronenberg

    Inseparabili RecensioneInseparabili

    di Opera costruita su una prevedibile grande prova attoriale di Jeremy Irons, Inseparabili di David Cronenberg prosciuga letteralmente l'immaginario dell'autore in cerca di una sublimazione della sua personale riflessione su corpo e psiche, organico e inorganico, spaventosa separazione e impossibili ricomposizioni.
  • Zona Cronenberg

    Crimes of the Future RecensioneCrimes of the Future

    di La mutazione, la distopia, la carne, la morte, la sparizione, il contagio, l'aberrazione/fobia/attrazione sessuale, i brandelli di un mondo mondo post-femminile. Il viaggio nella filmografia di Cronenberg continua con Crimes of the future, secondo stadio di incubazione di quel virus/cinema che cinque anni dopo inizierà a trovare piena compiutezza nel contagio de Il demone sotto la pelle.
  • Zona Cronenberg

    Stereo RecensioneStereo

    di Stereo è il principio, l'Alfa del percorso creativo di David Cronenberg. All'interno spingono per squarciare il ventre della normalità molti dei temi che affolleranno il centro della ricerca del regista canadese, a partire dall'esplorazione di sé e della propria sessualità.
  • Zona Cronenberg

    Veloci di mestiere - Fast Company RecensioneVeloci di mestiere – Fast Company

    di Strutturato come un western classico, Veloci di mestiere - Fast Company di David Cronenberg esalta l'etica sportiva dei cowboy-piloti, ma è principalmente la storia di un'auto, forgiata dalle mani dei suoi guidatori, nutrita da una miscela che loro stessi hanno composto, lanciata per pochi minuti a tutta velocità sull'asfalto.
  • Zona Cronenberg

    Brood - La covata malefica RecensioneBrood – La covata malefica

    di Immateriale e materiale, psiche e corpo, mutazioni di stati d'animo che trovano loro corrispettivi in fenomeni di consistenza fisica. Brood - La covata malefica di David Cronenberg porta le consuete scissioni dell'autore tutte all'interno dell'essere umano, rileggendo e riflettendo sul genere.
  • Zona Cronenberg

    Crash RecensioneCrash

    di David Cronenberg in Crash incontra James G. Ballard e, dal suo romanzo, concepisce una nuova opera nella sua galleria di mutazioni, di ibridazioni tra uomo e macchina, carne e metallo. Vincitore del Gran Premio della Giuria di Cannes con la motivazione, divenuta celebre, pronunciata dal Presidente Francis Ford Coppola: «Per l'originalità, il coraggio e l'audacia».
  • Zona Cronenberg

    A Dangerous Method RecensioneA Dangerous Method

    di Passato senza ricevere particolari encomi prima alla Mostra di Venezia e quindi in sala, A Dangerous Method è in realtà un titolo ben più centrale di quanto si pensi all'interno del cinema di David Cronenberg, e si concentra su uno dei centri nevralgici della sua poetica, la psicoanalisi.
  • Zona Cronenberg

    La zona morta RecensioneLa zona morta

    di Al suo primo (e per ora unico) incontro con la narrativa di Stephen King, ne La zona morta David Cronenberg amalgama al meglio la sua poetica con quella dello scrittore, ampliando l’ottica della storia originale senza tradirne le premesse.
  • Zona Cronenberg

    M. Butterfly RecensioneM. Butterfly

    di M. Butterfly è un'opera fondamentale nel percorso di David Cronenberg: il tema della mutazione, della ridefinizione di sé e del mondo, perde la connotazione fantascientifica, biologica o anche strettamente medica per rientrare solo nel campo della percezione psicologica del singolo.
  • Zona Cronenberg

    Il demone sotto la pelle RecensioneIl demone sotto la pelle

    di Il demone sotto la pelle è il primo film di David Cronenberg non autoprodotto; un incubo psicosessuale che prende la forma di un body horror, un B-movie sudicio ed essenziale che mette già in campo alcune delle idee destinate ad attraversare tutto il cinema del regista canadese.
  • Blu-Ray

    Rabid – Sete di sangue

    di Corpo umano, mutazioni, malattia, sessuofobia. A quasi 40 anni dalla sua uscita in sala Rabid di David Cronenberg è ancora capace di raccontare inquietudini esistenziali in chiave pre-digitale. In blu-ray per Pulp Video e CG.
  • CITAZIONE

    David Cronenberg CitazioneDavid Cronenberg – Citazione 1

    La maggior parte degli artisti sono attratti da ciò che è tabù. Un artista serio non può accettare i tabù, qualcosa che non puoi guardare, pensare, toccare.

    David Cronenberg
  • Archivio

    Maps to the Stars RecensioneMaps to the Stars

    di Hollywood secondo David Cronenberg, un microcosmo attraversato da sensi di colpa, violenze segrete e stelle prive di luci. In concorso a Cannes 2014.
  • Cult

    La mosca

    di Una tragica storia d'amore, evoluzione e morte: La mosca di David Cronenberg compie i suoi primi trent'anni e non ha alcuna intenzione di invecchiare.
  • Blu-Ray

    Cosmopolis

    di L’alta definizione si addice con perfezione al cinema di David Cronenberg tutto e naturalmente anche a Cosmopolis, adattamento dell'omonimo romanzo di Don DeLillo. In BRD per 01 Distribution.
  • Archivio

    Nemico pubblico n. 1 – L’istinto di morte

    di Ispirato al romanzo autobiografico di Jacques Mesrine, il film segue la sua ascesa da soldato ribelle dell'esercito francese di stanza in Algeria a spietato criminale nelle strade di Parigi...
  • Zona Cronenberg

    Il pasto nudo RecensioneIl pasto nudo

    di Con Il pasto nudo David Cronenberg filma l'infilmabile, trasformando in immagine la prosa di William S. Burroughs; un'occasione per ragionare una volta di più sul concetto di “dipendenza”, e sulla costruzione mentale di una realtà fittizia, mondo a parte rinchiuso nel gioco/incubo della mente.
  • Zona Cronenberg

    Videodrome RecensioneVideodrome

    di “Morte a Videodrome, gloria e vita alla nuova carne!” è lo slogan con cui il cinema di Cronenberg dà vita al proprio testo teorico, sprofondando nel nucleo fondativo del discorso. Nel decennio della televisione è il tubo catodico a costringere il cervello a corrispondere alla vista.
  • Roma 2018

    Green Book

    di Road movie edificante e istruttivo su cosa significava essere un talentuoso pianista nero nell’America degli anni ’60. Farrelly fa abbondante utilizzo di ogni opportuno cliché, ma il suo vero “effetto speciale” è Viggo Mortensen. Alla Festa del Cinema.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento