Un dollaro d’onore

Un dollaro d’onore

di

Tra i western più acclamati, omaggiati e plagiati di ogni tempo, Un dollaro d’onore può essere letto come una risposta polemica a Mezzogiorno di fuoco. Al di là di questo Howard Hawks firma uno dei suoi capolavori, riscrivendo il mito del west sul viso e le ossa di John Wayne.

Il deguello suona per noi

John T. Chance è lo sceriffo di Rio Bravo, cittadina del west nella quale fa il bello e il cattivo tempo il latifondista Nathan Birrette. Quando Chance arresta il fratello di Burdette non deve solo affrontare la vendetta dell’uomo, ma anche l’ostilità dell’intera cittadinanza. Con lui resta solo un manipolo di fedeli sodali… [sinossi]

Di capolavori fatti e finiti all’interno della secolare storia del cinema ce ne sono stati molti, nonostante qualche arido critico possa convincersi del contrario. Capolavori in ogni latitudine e in ogni epoca, tanto nel Messico degli anni Quaranta quanto nelle Filippine degli anni Ottanta. E a Hollywood, ovviamente, nascita-morte-rinascita dell’immaginario occidentale (e non solo). Un dollaro d’onore, che il prossimo 19 marzo festeggerà i sessant’anni dalla sua prima proiezione pubblica, è una di quelle opere somme, e il numero qui si fa più esiguo, in grado di mettere d’accordo un po’ tutti: i critici, il pubblico e perfino gli altri cineasti. Non è certo un caso che si tratti di uno dei film più omaggiati, citati, perfino plagiati: un maestro come John Carpenter si è ripetutamente dichiarato un devoto cultore, e lo ha dimostrato in maniera palese costruendo alcuni dei suoi titoli più noti (su tutti il sommo Distretto 13 – Le brigate della morte, ma anche lo spassoso Fantasmi da Marte) sullo schema attorno al quale si muove Un dollaro d’onore. L’assedio. Non metaforico, non astratto. Concreto, reale, angoscioso.

Nel mettere le mani una volta di più nella mitopoiesi western (dopo Il mio corpo ti scalderà e Il fiume rosso) Hawks trova la sua forma definitiva, al punto che le successive incursioni nel genere si limiteranno a una riproposizione della stessa trama, sia in Rio Lobo che in El Dorado. Scardinato il concetto dell’aria aperta e rinchiusi i suoi personaggi in un luogo asfittico, polveroso e deprimente – reso ancor più oppressivo dalla scelta di costruire il set in scala leggermente ridotta, in modo da fare occupare uno spazio maggiore ai corpi degli attori in scena – Hawks gioca con le loro psicologie, attingendo tanto alla lezione della screwball comedy (il personaggio di Feathers, interpretato da Angie Dickinson, sembra una costola di Laurel Bacall o Katherine Hepburn) quanto a quella del film bellico, due tipi di produzione che il regista ha già dimostrato di maneggiare con rara maestria.

Non che i personaggi siamo scritti puntando sulla valorizzazione delle rispettive psicologie. La loro funzione è completamente tipizzata, e ridotta all’osso al punto da apparire come una stilizzazione: Wayne è l’eroe senza macchia e senza paura, e che non rinuncia alla morale; Martin è l’uomo che deve riscattare la propria debolezza (l’alcol) per ritrovare dignità; Nelson il ragazzo dal viso pulito almeno quanto la sua etica, ma talentuoso nello sparare. Questa semplificazione, in netto contrasto con la marea montante della rilettura del genere (nel 1958 era uscito The Left Handed Gun, vale a dire Furia selvaggia – Billy Kid, di Arthur Penn; nel 1954 Nicholas Ray aveva diretto Johnny Guitar; nel 1962 arriverà Sam Peckinpah con Sfida nell’Alta Sierra), è l’elemento che con maggior forza distanzia Un dollaro d’onore da Mezzogiorno di fuoco di Fred Zinnemann.

Sul rapporto tra questi due capisaldi del western si può rintracciare una vasta e articolata letteratura. Una letteratura che parla di maccartismo, certo (inutile sottolineare quali fossero le posizioni di John Wayne verso le persone terminate sulle liste nere del senatore anticomunista), ma che in realtà e in profondità parla più in generale della visione degli Stati Uniti d’America, e del loro senso più intimo e profondo. Se è vero che parte dello scarto tra i due film sta nel fatto che mentre Gary Cooper è letteralmente abbandonato al proprio destino – eccezion fatta per la devota moglie -, John Wayne può contare su un numero magari esiguo ma appassionato di persone pronte a combattere e magari morire con lui, è altrettanto vero che la lettura della società non sembra certo più rosea o ottimistica. A fianco dello sceriffo Chance rimangono infatti un alcolizzato, un ragazzino alle prime armi, un vecchio bisbetico, una giocatrice d’azzardo e un oste messicano. I reietti, gli unici a fare gruppo per fronteggiare il potere proto-capitalistico rappresentato da Burdette. Gli altri cittadini? Assenti ingiustificati. Nella classicità Hawks immette dunque l’elemento di classe e il racconto di una “nuova” America che è, o almeno dovrebbe essere, il futuro. Nella speranza e nella convinzione che il futuro progredisca si avverte davvero la differenza rispetto a Zinnemann, ma la questione è più complessa di come non venga di solito liquidata.

Al di là di questo Un dollaro d’onore resta una delle visioni “perfette” che potreste incontrare sul vostro cammino. Non gli vorrete mica voltare le spalle?

Info
Una clip di Un dollaro d’onore.
  • un-dollaro-donore-1959-rio-bravo-howard-hawks-recensione-01.jpg
  • un-dollaro-donore-1959-rio-bravo-howard-hawks-recensione-02.jpg
  • un-dollaro-donore-1959-rio-bravo-howard-hawks-recensione-03.jpg
  • un-dollaro-donore-1959-rio-bravo-howard-hawks-recensione-04.jpg
  • un-dollaro-donore-1959-rio-bravo-howard-hawks-recensione-05.jpg
  • un-dollaro-donore-1959-rio-bravo-howard-hawks-recensione-06.jpg
  • un-dollaro-donore-1959-rio-bravo-howard-hawks-recensione-07.jpg
  • un-dollaro-donore-1959-rio-bravo-howard-hawks-recensione-08.jpg
  • un-dollaro-donore-1959-rio-bravo-howard-hawks-recensione-09.jpg

Articoli correlati

  • Buone feste!

    Monty Python's Flying Circus RecensioneMonty Python’s Flying Circus

    di , Quando nel 1969 la BBC si decise a mandarlo in onda, in diretta il sabato sera, Monty Python's Flying Circus fece l'unica cosa che poteva fare: rivoluzionò i costumi, il senso comune, il concetto stesso di programma televisivo.
  • Buone feste!

    Fucking Åmål recensioneFucking Åmål

    di Fucking Åmål è l'esordio alla regia di Lukas Moodysson oltre che, a distanza di venti anni dalla sua realizzazione, il film più potente della carriera del regista e poeta svedese. Un teen-movie liberissimo e vitale, che sfascia le convenzioni sociali.
  • Buone feste!

    the call of cthulhu recensioneThe Call of Cthulhu

    di All'interno del ciclo dedicato alla divinità aliena da H.P. Lovecraft non esiste titolo più suggestivo e spaventoso di The Call of Cthulhu (La chiamata di Cthulhu in italiano). Nel 2005 qualcuno sperimentò un folle mediometraggio muto e in bianco e nero dedicato al racconto...
  • Buone feste!

    la ragazza terribile recensioneLa ragazza terribile

    di Oramai quasi dimenticato, almeno in Italia, La ragazza terribile di Michael Verhoeven rappresentò un piccolo caso cinematografico nel 1990, con la sua versione romanzata della vita della saggista tedesca Anna Rosmus. Da riscoprire.
  • Buone feste!

    suburbia recensioneSuburbia

    di Tratto da una pièce di Eric Bogosian, Suburbia è il quinto lungometraggio da regista di Richard Linklater. Uno sguardo disilluso e partecipe sui destini della cosiddetta "generazione X", mandata al macello all'estero come in patria.
  • Buone feste!

    scorpio rising recensioneScorpio Rising

    di Scorpio Rising è il sogno irrealizzabile del biker, il volo pindarico nella notte nera come la pece o come il giubbotto di pelle ma bombardata dalle armonie e dai vocalizzi pop. Mai la cultura statunitense era stata così idolatrata e scarnificata nello stesso momento.
  • Buone feste!

    le avventure di pinocchio recensioneLe avventure di Pinocchio

    di In attesa di scoprire cosa sarà in grado di fare Matteo Garrone con il testo di Collodi, Le avventure di Pinocchio di Luigi Comencini resta la messa in scena più folgorante (con Disney) del burattino che vuole diventare uomo. Con Nino Manfredi e la colonna sonora di Fiorenzo Carpi.
  • Buone feste!

    fiore di cactus recensioneFiore di cactus

    di Scritto in punta di penna, come d'abitudine, da I.A.L. Diamond, a Fiore di cactus si può imputare al massimo l'assenza in cabina di regia di Billy Wilder. Ma Gene Saks firma una commedia straripante, spassosa, attualizzazione nevrotica della screwball comedy.
  • Buone feste!

    ritorno al futuro recensioneRitorno al futuro

    di Il capolavoro per eccellenza di Robert Zemeckis, uno dei film più iconici e rappresentativi della Hollywood degli anni Ottanta, con il mito di Michael J. Fox destinato a imprimersi con forza nella memoria collettiva. Insomma, Ritorno al futuro.
  • Buone feste!

    l'uomo meraviglia recensioneL’uomo meraviglia

    di L'uomo meraviglia è Danny Kaye, al secondo grande successo commerciale della sua carriera e scatenato nella parte dei gemelli omozigoti Edwin e Buzzy. Buzzy, ucciso dai gangster, appare al fratello nelle vesti di fantasma per chiedergli di vendicarlo...
  • Buone feste!

    wend kuuni - il dono di dio recensioneWend Kuuni – Il dono di Dio

    di Wend Kuuni - Il dono di Dio è l'esordio alla regia del burkinabé Gaston Kaboré. Un'opera potentissima, che rivoluziona il cinema post-coloniale. La Settima Arte si fonde alla proposta politica di Thomas Sankara, rigettando il pensiero occidentale.
  • Buone feste!

    una poltrona per due recensioneUna poltrona per due

    di Diventato nel corso dei decenni un vero e proprio classico natalizio, Una poltrona per due mostra il volto più sardonico e dissacrante di John Landis. La messa in scena del capitalismo più bieco e crudele, e al tempo stesso il racconto della sua essenza effimera, e priva di reale consistenza.
  • Buone feste!

    topolino e i fantasmi recensioneTopolino e i fantasmi

    di Topolino e i fantasmi (Lonesome Ghosts) raggiunse le sale statunitensi grazie alla RKO la vigilia di Natale del 1937, e compie dunque 81 anni. Un'età veneranda per un gioiello purissimo, tra i capolavori dei cortometraggi della serie dedicata a Mickey Mouse.
  • Buone feste!

    high school recensioneHigh School

    di High School è il secondo lungometraggio diretto da Frederick Wiseman, all'epoca trentottenne. Messo a punto il proprio stile di osservazione, il regista statunitense riesce a tenere insieme il particolare e l'universale, allargando lo sguardo all'America di quegli anni.
  • Buone feste!

    il buio si avvicina recensioneIl buio si avvicina

    di Il buio si avvicina è l'opera seconda di Kathryn Bigelow, un dolente e sensuale punto d'incontro tra l'immaginario western e l'horror vampiresco. A oltre trent'anni dalla sua realizzazione, uno dei più squarcianti film statunitensi del periodo.
  • Buone feste!

    Alla 39ª eclisse recensioneAlla 39ª eclisse

    di Non è passato e non passerà mai alla storia del cinema Alla 39ª eclisse, seconda regia per l'allora trentottenne Mike Newell. Eppure nelle pieghe di questo horror dai contorni egizi si può ritrovare la scintilla di un approccio al genere oramai andato perduto.
  • Roma 2016

    I cavalieri del Nord Ovest RecensioneI cavalieri del Nord Ovest

    di Uno dei tre film che John Ford dedicò alla cavalleria statunitense, insieme a Il massacro di Fort Apache e Rio Bravo, torna a mostrare il suo splendore alla Festa di Roma.
  • Buone Feste!

    Sentieri selvaggi

    di Il capolavoro di John Ford, il film che ha segnato in maniera indelebile la storia del cinema western, il punto di non ritorno della classicità hollywoodiana. Basta il titolo: Sentieri selvaggi.
  • Buone feste!

    Brisby e il segreto di NIMH

    di L'esordio al lungometraggio di Don Bluth, già al lavoro negli anni precedenti per la Disney. Una fiaba ecologista ricca di fascino, tra i migliori esempi di animazione statunitense degli anni Ottanta.
  • Buone feste!

    bambole e sangue recensioneBambole e sangue

    di Con Bambole e sangue si inaugura la carriera sul grande schermo del newyorchese Paul Bartel, uno dei numi tutelari del cinema indipendente statunitense. Tra le trame di un racconto malsano e inquietante si rintracciano già i germi di una nazione impaurita e bigotta.
  • Buone Feste!

    Un mondo a parte RecensioneUn mondo a parte

    di Quando esordisce alla regia con Un mondo a parte il britannico Chris Menges è un apprezzato e pluripremiato direttore della fotografia. Per l'opera prima decide di mettere in scena in forma romanzata la vita di Ruth First.
  • Buone feste!

    il bi e il ba recensioneIl Bi e il Ba

    di Probabilmente nulla, nella storia del cinema italiano, si avvicina al livello di nonsense espulso dal corpo de Il Bi e il Ba. Merito del protagonista Nino Frassica, ma anche della regia ordinatissima e anarchica di Maurizio Nichetti.
  • Buone feste!

    chicken and duck talk recensioneChicken and Duck Talk

    di Nel 2018 Chicken and Duck Talk, una delle commedie di maggior successo critico e commerciale di Hong Kong, ha festeggiato trent'anni. Un gioiello che si mostra ancora in splendida forma, grazie agli oliatissimi meccanismi comici e alla maestria di Michael Hui.
  • Buone feste!

    school on fire recensioneSchool on Fire

    di A trent'anni dalla sua realizzazione School on Fire segna il punto di non ritorno della poetica di Ringo Lam, con la sua messa alla berlina dell'intero sistema sociale della città-stato, partendo dall'istruzione per arrivare alla polizia e, ovviamente, alla mafia locale.
  • Buone feste!

    eros + massacre recensioneEros + Massacre

    di Eros + Massacre è il primo dei tre capitoli che Yoshishige Yoshida ha dedicato alla storia del Giappone contemporaneo, ed è con ogni probabilità il più celebre. Un film anarchico come e più del suo protagonista, Sakae Ōsugi.
  • Buone feste!

    la casa recensioneLa casa

    di Evil Dead, conosciuto in Italia come La casa, non è solo uno degli horror più significativi della sua epoca, ma rappresenta anche il sogno di ogni cineasta indipendente alle prime armi, quello di creare con nulla il proprio immaginario.
  • Buone feste!

    rancho notorious recensioneRancho Notorious

    di Rancho Notorious è il terzo e ultimo western della carriera di Fritz Lang dopo Il vendicatore di Jess il bandito e Fred il ribelle. Un'opera astratta, quasi completamente girata in interni e dominata dai temi cari al regista tedesco.
  • Buone feste!

    grosso guaio a chinatown recensioneGrosso guaio a Chinatown

    di Il 2019 sarà il nono anno consecutivo senza film diretti da John Carpenter al cinema. Per sopperire a questo vuoto si può tornare ad altre epoche, più floride. Ma occorre sempre ricordare come anche un cult del calibro di Grosso guaio a Chinatown si dimostrò un clamoroso flop commerciale.
  • Buone feste!

    izo recensioneIzo

    di Izo è l'opera più estrema della sterminata filmografia di Takashi Miike, e con ogni probabilità rappresenta il suo apice poetico e artistico. Attraverso una vera e propria carneficina il regista giapponese ragiona sulla storia del Giappone, sull'umanità e sul cinema come reiterazione di sé.
  • Buone feste!

    colpo vincente recensioneColpo vincente

    di Il colpo vincente è quello con cui la microscopica squadra di basket del liceo di Hickory, in Indiana, vince il campionato statale sotto la guida del "redento" allenatore interpretato da Gene Hackman. Un classico del film sportivo, ma anche un'interessante lettura della società rurale.
  • Buone feste!

    la terra recensioneLa terra

    di La terra è la danza onirica e sognante di un popolo che si riappropria del senso comune, del valore della collettività e della condivisione. Nel 1930, nel pieno del primo piano quinquennale dell'Urss staliniano, Aleksandr Dovženko firma un poemetto lirico in difesa della terra.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento