Non ci resta che il crimine

Non ci resta che il crimine

di

Alla sua sesta regia Massimiliano Bruno tocca il nadir delle sue commedie con Non ci resta che il crimine, sgangherata e assai poco divertente rilettura dei viaggi a ritroso nel tempo. Un’opera concettualmente, esteticamente e narrativamente mediocre.

Cinema criminale

Roma, 2018. Tre amici sbarcano il lunario inventandosi un “tour criminale” per i luoghi che furono il teatro delle gesta della banda della Magliana, con tanto di abiti d’epoca. All’improvviso però vengono catapultati nel 1982, nei giorni dei mondiali di Spagna, trovandosi di fronte la vera banda della Magliana, che all’epoca gestiva le scommesse clandestine sul calcio. [sinossi]

Non ci resta che il crimine inaugura il 2019 della commedia italiana – il film esce in sala lo stesso giorno di Attenti al gorilla di Luca Miniero; tra i due contendenti chi vincerà la sfida al botteghino? – palesando una volta per tutte lo stato di terribile crisi del genere nella produzione nazionale. Solo restando agli ultimi mesi del 2018 il pubblico italiano ha potuto incontrare sul suo cammino Cosa fai a Capodanno? di Filippo Bologna, Se son rose di Leonardo Pieraccioni, e i “natalizi” Amici come prima, con la reunion della coppia Boldi/De Sica, Moschettieri del re di Giovanni Veronesi e La Befana vien di notte di Michele Soavi, che arrischia (con ben poco costrutto) il mélange con il fantasy. Senza dimenticare il politico Natale a 5 stelle di Marco Risi, uscito direttamente su Netflix. Una sfilza di titoli nei quali si può trovare un unico, fin troppo evidente, filo conduttore: la crisi non solo dell’immaginario, ma anche della battuta a buon mercato, della facile ironia, della risata di grana grossa. Perché, come testimonia anche Non ci resta che il crimine la commedia italiana non solo non ha idee, ma non riesce più neanche a far ridere. Non c’è divertimento, e non si riesce ad avvertire neanche quello – del tutto supposto – di chi i film li ha portati a termine. Solo un lungo elenco di repressi, reietti, sfigati di vario ordine e grado che si arrabattano in avventure prive non solo di stratificazione, ma della benché minima idea di racconto, di trama, di sviluppo narrativo.
Dispiace davvero che Massimiliano Bruno, dopo aver tentato di trovare una propria strada all’interno del genere, a partire dall’esordio alla regia con Nessuno mi può giudicare, che pure ipotizzava il cambio di prospettiva, sradicando la commedia romana da Prati e Parioli e cercando nuova linfa in periferia, abbia almeno all’apparenza ammainato bandiera bianca. Se già il precedente Beata ignoranza metteva in evidenza un retrogusto stantio, privo di mordente, Non ci resta che il crimine rappresenta in tutto e per tutto il nadir della sua filmografia. Un disastro così grande ed epocale che potrebbe trovare una sua rivalutazione dalle parti del trash, con la messa in scena che dimostra un grado di ambizione che cozza con la superficialità estrema con cui ogni elemento del film viene trattato.

Tutto si ferma all’ideazione in questa sesta incursione dietro la macchina da presa di Bruno – vien da pensare che alla IIF gli stiano facendo pagare a caro prezzo il tentativo di evadere dalla prassi racchiuso in Gli ultimi saranno ultimi, sbalestrato sotto il profilo narrativo ma comunque interessante, ma mal ripagato da incassi molto al di sotto delle aspettative – perché non c’è davvero nulla oltre il fatto che tre amici con poco sale in zucca e ancor meno voglia di mettere in moto il cervello si ritrovano a vivere nel 1982, quando l’Italia calcistica sta per vincere i mondiali e la banda della Magliana sta per essere arrestata. Perfino l’escamotage utilizzato per far tornare indietro nel tempo i tre uomini è raffazzonato, grezzo, per niente lavorato: i tre vogliono sfuggire a un amico dei tempi dell’infanzia, che al contrario loro ha fatto fortuna – e va in giro con due prostitute bielorusse, prendendosi anche apertamente gioco di loro; meglio calare un velo pietoso –, e mentre lui parla al bar si dileguano nel retrobottega fino a ritrovarsi in un varco spazio-temporale. Non per essere puntigliosi, ma si poteva pensare a qualcosa di vagamente logico, forse non scientifico ma per lo meno credibile. Invece nulla. Ma tutto il film è permeato da questo senso dell’approssimazione, della noncuranza: insieme ai suoi altri tre sceneggiatori (Nicola Guaglianone, Andrea Bassi e il fumettista Menotti, già al lavoro con Guaglianone sia per Lo chiamavano Jeeg Robot che per Benedetta follia) Bruno non fa altro che accumulare situazioni su situazioni, senza un criterio realmente narrativo e senza alcun interesse per i personaggi che sta mettendo in scena. Chi sono in fin dei conti questi tre uomini di mezza età? E perché dovremmo appassionarci a loro, solo per la passione che nutrono nei confronti della Banda della Magliana? Si sa che il Sebastiano di Alessandro Gassmann è in crisi con la moglie, e che Giuseppe/Gianmarco Tognazzi è un commercialista senza coraggio ma a parte questo cos’altro ci arriva? Non hanno soldi e vogliono farli. Buono a sapersi.

La verità è che mancano le basi a questo film – ma il discorso come si diceva abbraccia una parte consistente della produzione nazionale – perché possa reggere il peso di ciò che vorrebbe essere, vale a dire una versione all’amatriciana di Ritorno al futuro, con uno sguardo però attento a Smetto quando voglio (e il titolo che rimanda a Non ci resta che piangere della coppia Benigni/Troisi). L’impressione, avvalorata dal finale aperto, è che si intenda dare vita a un’altra saga, con al centro una volta di più sia l’aspetto scientifico – si fa per dire, visto che non esiste spiegazione al viaggio nel tempo, eccezion fatta per qualche stupidaggine sciorinata dal personaggio di Bruno – che quello criminale. E con l’aggravante di aver messo in scena alcuni tra i più famosi criminali. Una storpiatura della Storia che ci si può permettere se si ha l’acume, la profondità di sguardo e il senso reale di ciò che significa narrare del Quentin Tarantino di Bastardi senza gloria, ma che in altre occasioni sarebbe il caso di riporre nel cassetto. La commedia italiana di questi ultimi mesi sembra agonizzare, rievocando nel delirio pre-mortem il cinema che vorrebbe essere (gli Stati Uniti degli anni Ottanta, come già ampiamente dimostrato dal film di Soavi, con i suoi rimandi a Goonies, E.T. e Stand by me) e che non avvicina neanche col binocolo. Non per una questione di risorse economiche però, sia chiaro. Per la totale mediocrità di un immaginario asfittico, privo di amore per la storia e di competenza nello sviluppo. Dopotutto il cinema popolare non fa che rispecchiare – a volte migliorandolo, ma non necessariamente – il volto del Paese. E in una nazione in cui la mediocrità la fa da padrona non si può forse pretendere di più da una commedia. Si potrebbe aprire un capitolo a parte sulla rilettura della Storia (la Roma del 1982 non si fa neanche finta di volerla ricostruire, al di là di un paio di musiche d’epoca e di calendari appesi alle pareti) e sull’interpretazione svogliata di tutti i protagonisti, ma il problema è che non c’è nulla di nuovo in tutto ciò, solo la reiterazione di uno schema produttivo che sarebbe da ribaltare in tutto e per tutto. Sempre che si abbiano le competenze per capire che il burrone era qualche centinaio di metri indietro, e lo si è inforcato senza accorgersene anni fa. Dispiace vedere come anche Massimiliano Bruno, che aveva dimostrato di poter tentare strade alternative, si sia adeguato allo status quo. L’unico dettaglio che ancora lega tutti i suoi film è la presenza sonora della canzoncina “senti come sento il sentimento”. Un po’ poco. Troppo poco.

Info
Il trailer di Non ci resta che il crimine.
  • non-ci-resta-che-il-crimine-2019-massimiliano-bruno-recensione-01.jpg
  • non-ci-resta-che-il-crimine-2019-massimiliano-bruno-recensione-02.jpg
  • non-ci-resta-che-il-crimine-2019-massimiliano-bruno-recensione-03.jpg
  • non-ci-resta-che-il-crimine-2019-massimiliano-bruno-recensione-04.jpg
  • non-ci-resta-che-il-crimine-2019-massimiliano-bruno-recensione-05.jpg
  • non-ci-resta-che-il-crimine-2019-massimiliano-bruno-recensione-06.jpg
  • non-ci-resta-che-il-crimine-2019-massimiliano-bruno-recensione-07.jpg
  • non-ci-resta-che-il-crimine-2019-massimiliano-bruno-recensione-08.jpg
  • non-ci-resta-che-il-crimine-2019-massimiliano-bruno-recensione-09.jpg

Articoli correlati

  • Buone feste!

    ritorno al futuro recensioneRitorno al futuro

    di Il capolavoro per eccellenza di Robert Zemeckis, uno dei film più iconici e rappresentativi della Hollywood degli anni Ottanta, con il mito di Michael J. Fox destinato a imprimersi con forza nella memoria collettiva. Insomma, Ritorno al futuro.
  • Prossimamente

    la befana vien di notte recensioneLa Befana vien di notte

    di A distanza di dieci anni da Il sangue dei vinti Michele Soavi torna al cinema. Sarebbe una buona notizia, se non fosse che a La Befana vien di notte manca del tutto una sceneggiatura degna di questo nome. E a improvvisare un fantasy si rischia sempre molto.
  • Archivio

    moschettieri del re recensioneMoschettieri del re

    di Giovanni Veronesi fa suoi in Moschettieri del re i romanzi di Alexandre Dumas rileggendoli in una chiave nazionalpopolare che vorrebbe guardare dalle parti di Monicelli ma non sa sollevarsi di molto sopra la pochade più trita e prevedibile.
  • In sala

    Amici come prima RecensioneAmici come prima

    di A tredici anni da Natale a Miami, torna la coppia Boldi&De Sica, ma Amici come prima più che un film sulla vecchiaia del comico, è un film sulla stanchezza di continuare a fare film provando ancora a far ridere.
  • Netflix

    Natale a 5 stelle RecensioneNatale a 5 stelle

    di Scritto da Enrico Vanzina e diretto da Marco Risi, Natale a 5 stelle riscopre la comicità applicata alla satira politica, per una pochade all'ungherese che - nel suo sogno di effimera ricchezza pentastellata - richiama consapevolmente la commedia dei telefoni bianchi. Solo su Netflix e non in sala.
  • In sala

    Se son rose RecensioneSe son rose

    di Con Se son rose Leonardo Pieraccioni prova ad aggiornare la sua comicità ai tempi d'oggi, ma si assesta su trovate poco divertenti e sull'ennesimo ritratto dell'uomo medio italico.
  • In sala

    Cosa fai a Capodanno? RecensioneCosa fai a Capodanno?

    di Esordio alla regia di Filippo Bologna, tra gli sceneggiatori di Perfetti sconosciuti, Cosa fai a Capodanno? tenta la carta della commedia noir d'atmosfera natalizia - e dunque fuori stagione - ponendosi ambizioni smisurate (con echi perfino tarantiniani), ma facendo i conti con l'amarissima realtà di un film sconclusionato.
  • Cult

    Bastardi senza gloria RecensioneBastardi senza gloria

    di L’occupazione della Francia da parte dei nazisti secondo Quentin Tarantino, in un’opera fiammeggiante e di rara intelligenza cinematografica. Bastardi senza gloria è il tripudio del pensiero del regista statunitense, in cui il cinema diventa l'arma per combattere il fascismo.
  • Archivio

    Beata ignoranza

    di Dopo la parentesi drammatica - e infelice - di Gli ultimi saranno ultimi, Massimiliano Bruno torna alla commedia pura, con meno verve però rispetto al passato e con una storia decisamente più debole.
  • Archivio

    Gli ultimi saranno ultimi RecensioneGli ultimi saranno ultimi

    di Il quarto lungometraggio da regista di Massimiliano Bruno (e anche il più ambizioso) non sempre riesce ad amalgamare la commedia con il dramma, finendo per sprecare parte del suo potenziale.
  • Archivio

    noi-e-la-giuliaNoi e la Giulia

    di Con il suo terzo film da regista, Noi e la Giulia, Edoardo Leo semina qualunquismo e raccoglie disastri: registici, narrativi e recitativi.
  • Archivio

    Confusi e felici RecensioneConfusi e felici

    di Pur con un Bisio al solito inadeguato e con uno spunto di partenza meno forte rispetto ai suoi due precedenti film, Massimiliano Bruno in Confusi e felici riesce a tenere le fila del discorso e a costruire una commedia corale divertente e, a tratti, persino spassosa.
  • Archivio

    Viva l'Italia RecensioneViva l’Italia

    di Con la sua seconda regia Bruno alza il tiro e prova a raccontare lo sfacelo morale ed etico del Bel Paese. Una commedia corale e sanamente popolare, nell'Italia marcia e afflitta dai demoni del personalismo, rischia di deflagrare con maggior potenza del più integerrimo film d'impegno civile.
  • Archivio

    Nessuno mi può giudicare RecensioneNessuno mi può giudicare

    di L'opera prima da regista di Massimiliano Bruno, una sapida commedia sull'Italia in crisi, sulle periferie, sulla Roma "bene". Con Paola Cortellesi e Raoul Bova.
  • In sala

    l'agenzia dei bugiardi recensioneL’agenzia dei bugiardi

    di L'agenzia dei bugiardi, nuova commedia di Volfango De Biasi, è il remake del francese Alibi.com. Una pochade che vive di qualche idea sparsa, scritta in modo piuttosto raffazzonato e senza particolare verve. Con Giampaolo Morelli, Massimo Ghini e Herbert Ballerina.
  • In sala

    compromessi sposi recensioneCompromessi sposi

    di Stanchissima variante della commedia “territoriale” nostrana, Compromessi sposi si rivela poco più che una vetrina per i suoi due interpreti, fallendo anche nel (timido) tentativo di allegoria della situazione politica contemporanea.
  • In sala

    10 giorni senza mamma recensione10 giorni senza mamma

    di 10 giorni senza mamma, la nuova regia di Alessandro Genovesi, pur senza impegnarsi più di tanto mostra una pur minima dignità che sembra in tutta franchezza mancare al resto del panorama delle commedie italiane. Quantomeno si percepisce la voglia di raccontare una storia...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento