Torino 2018

Torino 2018

Il Torino Film Festival 2018 si muove con coerenza lungo il percorso intrapreso nel corso degli anni, tra sguardi retrospettivi, cinema “giovane” e ricerca. Un viaggio intrapreso con un’intera città, a differenza di altre realtà italiane…

Per la trentaseiesima volta la Mole Antonelliana vedrà passare ai propri piedi migliaia di persone con l’accredito al collo, impegnate a correre da una parte all’altra del centro della città per raggiungere le varie sale nelle quali trova ospitalità e collocazione il Torino Film Festival 2018, l’ultimo – in ordine di calendario – evento generalista della filiera festivaliera italiana. Un festival che non dimentica la propria storia e non cambia struttura, fedele ai due principali dettami che da tempo sembrano essere i punti fermi attorno ai quali viene costruita la kermesse: varietà e rapporto con la città.
A passare in rassegna il programma stilato dalla direttrice Emanuela Martini, dai responsabili di sezione Massimo Causo e Davide Oberto e dai loro rispettivi collaboratori, risulta quasi superfluo fermarsi a ragionare su questo o su quell’altro titolo, sulle singole scelte, su presenti ed eventuali assenti. Certo, si può gioire trovando conferma della presenza di alcuni dei titoli più attesi di questa seconda metà d’anno (High Life di Claire Denis e il film d’apertura The Front Runner di Jason Reitman, per esempio) o dispiacersi per l’assenza di De Palma o dell’ormai abituale Sion Sono, ma sono dettagli del tutto insufficienti a dare lettura di un evento stratificato come quello sabaudo.

La forza di Torino non va rintracciata nella sola selezione, che pure anche quest’anno sembra garantire un buon numero di titoli destinati a rimanere nella memoria cinefila per molto tempo. La forza di Torino era, è e si spera sarà in futuro nella sua capacità di relazionarsi con una città, attraendo il pubblico e vedendo brulicare le sale di gente del tutto disinteressata al tappeto rosso e alle star di turno… [continua a leggere]

Info
Il sito del Torino Film Festival 2018.
Il programma del Torino Film Festival 2018.

Articoli correlati

  • TFF 2018

    4 Bâtiments, face à la mer recensione4 Bâtiments, face à la mer

    di Già proiettato a Torino nel 2012, torna al Festival 4 Bâtiments, face à la mer di Philippe Rouy, racconto post-umano nel sito nucleare di Fukushima. Un'opera radicale e sconvolgente, perfetto esempio dell'Apocalisse narrata in TFFdoc.
  • TFF 2018

    Piercing RecensionePiercing

    di Adattamento del romanzo di Ryū Murakami, Piercing di Nicolas Pesce è un torture movie grondante amore per il cinema e per le migliori colonne sonore del giallo all’italiana. Al TFF 2018.
  • TFF 2018

    entre dos aguas recensioneEntre dos aguas

    di Isaki Lacuesta è uno dei principali autori del cinema europeo, e lo conferma Entre dos aguas, che torna a confrontarsi con i personaggi già raccontati ne La leyenda del tiempo nel 2006. Un'opera personale e stratificata, alla ricerca della metamorfosi delle cose.
  • TFF 2018

    Temporada RecensioneTemporada

    di In concorso al Torino Film Festival 2018, premiato per la performance di Grace Passô, Temporada guarda con coerenza e rispetto alla periferia, alle zone marginali, a luoghi e corpi che non rientrano nelle traiettorie mainstream. Un piccolo manifesto del cinema brasiliano.
  • TFF 2018

    Homo botanicus RecensioneHomo botanicus

    di Vincitore del concorso di Internazionale.doc al Torino Film Festival 2018, Homo botanicus è l'esordio alla regia di Guillermo Quintero che mette in scena la ricerca scientifica di due botanici - un allievo e un maestro - al cospetto dell'amara considerazione che natura e scienza sopravvivono all'uomo.
  • TFF 2018

    Il gigante pidocchio RecensioneIl gigante pidocchio

    di Documentario freak-show su un pastore siciliano, Il gigante Pidocchio di Paolo Santangelo si limita a puntare i riflettori sul suo irrefrenabile protagonista. In Italiana.doc al TFF 2018.
  • TFF 2018

    I do not care if we go down in history as barbarians RecensioneI Do Not Care If We Go Down in History as Barbarians

    di La Storia è sempre questione di messa in scena: Radu Jude firma con I Do Not Care If We Go Down in History as Barbarians una potente riflessione sulla necessità di fare politicamente il cinema e sulla sua sostanziale condanna a non essere capito. Presentato in Onde al Torino Film Festival.
  • TFF 2018

    in questo mondo recensioneIn questo mondo

    di Anna Kauber focalizza lo sguardo, con In questo mondo, sulle donne che hanno scelto la vita da pastore. Un racconto sul tema del femminile che si impadronisce di dinamiche culturalmente afferenti alla sfera del maschile. Vincitore del concorso Italiana.doc a Torino.
  • TFF 2018

    Pity RecensionePity

    di In concorso al Torino Film Festival, Pity del greco Babis Makridis è una commedia nera, girata con un'austerità da poseur e costruita sull'idea che è meglio essere compatiti che vivere felici. Un assunto che resta tale, senza essere sviluppato, e finisce per apparire quasi barzellettistico.
  • TFF 2018

    Vultures RecensioneVultures

    di Thriller nordeuropeo teso e tetro Vultures (Vargur) di Börkur Sigþórsson solleva interessanti questioni etiche, ma, sospeso com’è tra film di genere e dramma sociale, resta troppo a lungo incerto sulla strada da seguire. In concorso al TFF 2018.
  • TFF 2018

    atto di fede recensioneAtto di fede

    di Vittorio Antonacci in Atto di fede mette a punto una ricognizione nel sottobosco delle feste patronali che sono una delle colonne portanti della vita paesana italiana. Un viaggio alla scoperta dell'umanità, e non dell'istituzione ecclesiastica.
  • TFF 2018

    see know evil recensioneSee Know Evil

    di See Know Evil di Charlie Curran è il racconto/ricordo del fotografo Davide Sorrenti, napoletano di nascita e newyorchese di adozione, morto a soli venti anni nel 1997. Fuori Concorso a TFFdoc al Torino Film Festival.
  • TFF 2018

    marche ou crève recensioneMarche ou crève

    di Margaux Bonhomme esordisce con Marche ou crève, racconto di un percorso di crescita ma anche del rapporto con la disabilità, e le sue problematiche. Intenso ma incapace di uscire da schemi oramai usurati. In concorso al Torino Film Festival.
  • TFF 2018

    atlas recensioneAtlas

    di Atlas, in concorso al Torino Film Festival, è il primo lungometraggio per il cinema del tedesco David Nawrath. Un tentativo di noir poco riuscito, e che al massimo può apparire con un compitino fatto a dovere, ma privo di reale vita e urgenza espressiva.
  • TFF 2018

    blue amber recensioneBlue Amber

    di Esordisce alla regia con Blue Amber il trentacinquenne cinese Jie Zhou. Un film che potrebbe essere un noir o un revenge movie ma sceglie la più confortante e innocua via del racconto morale. Funzionando solo a tratti e non trovando una sua vera forza. Al Torino Film Festival nella sezione Onde.
  • TFF 2018

    santiago, italia recensioneSantiago, Italia

    di Santiago, Italia è il terzo documentario diretto da Nanni Moretti. Partendo dalla deposizione cruenta del governo Allende da parte dei militari capitanati da Pinochet il regista arriva a descrivere un'Italia perduta, popolare e solidale, che affondava ancora le sue radici nella memoria della lotta partigiana.
  • TFF 2018

    Bad Poems

    di In concorso al Torino Film Festival 2018, Bad Poems è l'opera seconda del regista ungherese Gábor Reisz, un film sulla vita, sul vivere a trent'anni quando si fa il primo inevitabile bilancio. Film sincero, ma il regista non riesce a controllare il suo indubbio talento visivo finendo per generare un'overdose di trovate surreali.
  • TFF 2018

    La disparition des lucioles RecensioneLa disparition des lucioles

    di Teenmovie cinico, ironico e un po' anche tenero, La disparition des lucioles di Sébastien Pilote immerge la sua ribelle protagonista in un universo post-industriale deprivato di etica e di futuro. In concorso al TFF 2018.
  • TFF 2018

    Bormida RecensioneBormida

    di Presentato nella sezione TFFDoc/italiana.doc del Torino Film Festival 2018, Bormida è un documentario di Alberto Momo sulla contaminazione ambientale ancora persistente nel territorio del fiume Bormida, sede della famigerata Acna di Cengio, una delle bombe ecologiche di cui è stato disseminato il territorio italiano.
  • TFF 2018

    All These Small Moments RecensioneAll These Small Moments

    di In concorso al Torino Film Festival 2018, l'opera prima di Melissa Miller Costanzo è un teen movie con inevitabili rimandi a John Hughes – ritroviamo l'icona generazionale Molly Ringwald – e stilemi da cinema indie targato Sundance. Grazioso, prevedibile, scivola via.
  • TFF 2018

    Il primo moto dell'immobile RecensioneIl primo moto dell’immobile

    di Presentato in concorso in Italiana.doc al Torino Film Festival, Il primo moto dell'immobile di Sebastiano d'Ayala Valva riesce efficacemente - nell'evocare la figura del compositore Giacinto Scelsi - a costruirsi sia come opera divulgativa, sia come film di famiglia, sia come alta riflessione visivo-musicale.
  • TFF 2018

    First Night Nerves RecensioneFirst Night Nerves

    di Nell'asfittico panorama audiovisivo contemporaneo, il ritorno di Stanley Kwan è un ritorno del cinema: First Night Nerves ci porta su un palco teatrale dove entrano in conflitto varie figure femminili e dove si squaderna un campionario di battaglie sentimentali, amore, odio, morte, rimpianti, leggiadria e cinismo.
  • TFF 2018

    High Life RecensioneHigh Life

    di Claire Denis viaggia nell'ignoto spazio profondo, e si perde: High Life è una farraginosa - e anche banalotta - riflessione sulle astrazioni spazio-temporali, sulla rinascita di corpi pseudo-cronenberghiani in cerca di buchi neri in cui trovare un nuovo candore. Al Torino Film Festival.
  • TFF 2018

    Angelo RecensioneAngelo

    di Angelo, opera seconda dell'austriaco Markus Schleinzer, è il racconto rivisto e corretto della vita di Angelo Soliman, istruito per diventare "nero di corte" a Vienna nel Settecento. Peccato che dal film venga epurata qualsiasi complessità psicologica del personaggio...
  • TFF 2018

    ride recensioneRide

    di Il primo lungometraggio diretto da Valerio Mastandrea, Ride, mostra un regista affettuosamente innamorato dei suoi personaggi ma incapace di gestire fino in fondo la materia narrativa. In concorso al Torino Film Festival e nelle sale.
  • TFF 2018

    Mes petites amoureuses RecensioneMes petites amoureuses

    di Nel filone francese del racconto dell'infanzia e dell'adolescenza, da Jean Vigo a Truffaut passando per Maurice Pialat, si inseriva anche Jean Eustache nel 1974 con Mes petites amoureuses, scegliendo come punto di vista privilegiato la scoperta del corpo e della sessualità, per un film malinconicamente erotico.
  • TFF 2018

    Nothing or everything RecensioneNothing or everything

    di Folgorante, spiazzante, disturbante opera prima di Kim Gyeol, Nothing or everything è come un grido di dolore che sembra non avere mai fine, un dramma tinto di horror, un loop e un cortocircuito emotivo e temporale. Nella sezione Onde del Torino Film Festival 2018.
  • TFF 2018

    nervous translation recensioneNervous Translation

    di Nervous Translation è il secondo lungometraggio da regista per Shireen Seno, nata e cresciuta in Giappone ma di origine filippina. Un lavoro che si interroga su una nazione in eterna diaspora, sulla dittatura, e sulla solitudine. In concorso al Torino Film Festival.
  • TFF 2018

    der wille zur macht recensioneDer Wille zur Macht

    di Der Wille zur Macht è uno dei titoli che compongono la selezione di "Apocalisse" all'interno della sezione TFFdoc del Torino Film Festival. Diretto da Pablo Sigg nel 2013 il film si inoltra nella foresta paraguayana per riprendere i fratelli Schweikhart, ultimi sopravvissuti di una colonia ariana...
  • TFF 2018

    unas preguntas recensioneUnas preguntas

    di Rimettendo mano a materiale girato tra il 1987 e il 1989 Kristina Konrad porta a termine Unas preguntas, fluviale racconto dell'Uruguay ai tempi del referendum per bloccare la legge che prevedeva l'amnistia per i crimini commessi dall'esercito e dalla polizia durante la dittatura.
  • TFF 2018

    The Guilty RecensioneThe Guilty

    di In concorso al Torino Film Festival 2018, The Guilty è l'opera prima del danese Gustav Möller, incentrata su una regola semplice: tutto il film si svolge nel centralino di una stazione di polizia e tutte le storie sono raccontate indirettamente attraverso le chiamate d'emergenza.
  • TFF 2018

    le nostre battaglie recensioneLe nostre battaglie

    di Le nostre battaglie (Nos batailles) segna il ritorno in concorso al Torino Film Festvial di Guillaume Senez a tre anni dal trionfo con Keeper. Un film che si interroga sulla precarietà lavorativa lasciando fuori campo la componente operaista e concentrandosi sulle persone.
  • TFF 2018

    ovunque proteggimi recensioneOvunque proteggimi

    di Terzo lungometraggio da regista per Bonifacio Angius, che si fece notare sette anni fa con l'ottimo Sagràscia. Ovunque proteggimi è una ricognizione tra esseri umani alla deriva, psicologica e fisica. Peccato per un finale troppo "facile". In Festa Mobile al Torino Film Festival.
  • TFF 2018

    La casa delle bambole - Ghostland RecensioneLa casa delle bambole – Ghostland

    di Autore del già leggendario Martyrs, Pascal Laugier vola più basso in questo suo nuovo horror, La casa delle bambole - Ghostland, centrato comunque sempre sulle indicibili sofferenze dei corpi più giovani e tenacemente architettato in modo tale da ribaltare una serie di stereotipi del genere.
  • TFF 2018

    53 wars recensione53 Wars

    di Esordio nel lungometraggio dell'attrice e sceneggiatrice polacca Ewa Bukowska, 53 Wars è un dramma ossessivo, cupo e asfissiante, che sfrutta deliri onirici puramente polanskiani all'interno di un approccio cinematografico in tutto e per tutto realistico. In concorso al Torino Film Festival.
  • TFF 2018

    pretenders recensionePretenders

    di Pretenders, quattordicesimo lungometraggio di finzione dell'iperattivo James Franco, è un'opera ben più ambiziosa e assai meno "graziosa" di quanto possa apparire a prima vista. Un dark side di The Dreamers, messa alla berlina del predominio dello sguardo maschile nel cinema.
  • TFF 2018

    L'ospite RecensioneL’ospite

    di Dopo il buon Short Skin, Duccio Chiarini compie un leggero passo indietro con il suo nuovo film, L'ospite, presentato al Torino Film Festival, e già selezionato al Festival di Locarno. Non mancano ironia, malinconia e preciso ritratto generazionale, ma è l'esilità della struttura narrativa a mostrare alla lunga la corda.
  • TFF 2018

    trevico-torino recensioneTrevico-Torino – Viaggio nel Fiat-Nam

    di Al Torino Film Festival rivive uno dei film più misconosciuti e potenti di Ettore Scola. Trevico-Torino - Viaggio nel Fiat-Nam getta uno sguardo sulle fabbriche in subbuglio dopo il Sessantotto, e sulla difficile condizione di vita degli emigrati dal sud Italia.
  • TFF 2018

    la notte dei resuscitati ciechiLa notte dei resuscitati ciechi

    di Con La notte dei resuscitati ciechi si conclude la tetralogia dello spagnolo Amando de Ossorio, presentata integralmente al Torino Film Festival. Tra idoli pagani e ritorni al passato l'ultima incursione sul grande schermo dei templari risorti merita una nuova visione.
  • TFF 2018

    la nave maledetta recensioneLa nave maledetta

    di Il terzo capitolo dedicato da Amando de Ossorio ai resuscitati ciechi è anche il più debole dell'intero lotto, a rischio scult in più di un'occasione. Un'operazione d'altri tempi, che mette in scena un orrore senza via di fuga.
  • TFF 2018

    heavy trip recensioneHeavy Trip

    di , Heavy Trip, film d'esordio per i finlandesi Jukka Vidgren e Juuso Laatio, è un viaggio divertito ma solo a tratti divertente nell'immaginario metal scandinavo. Difficile comunque pretendere di più da un racconto di amicizia piccolo, minuto e non privo di sorprendenti tenerezze. Al Torino Film Festival in Afterhours.
  • TFF 2018

    the front runner recensioneThe Front Runner – Il vizio del potere

    di The Front Runner è il primo titolo scopertamente politico della carriera di Jason Reitman, e segna il ritorno del regista canadese all'ispirazione degli esordi. Giocando tra l'immaginario anni '70 e '80 Reitman disegna la disgregazione del rapporto tra sistema politico e mediatico.
  • TFF 2018

    la cavalcata dei resuscitati ciechi recensioneLa cavalcata dei resuscitati ciechi

    di Ci risiamo. La cavalcata dei resuscitati ciechi permette ad Amando de Ossorio di tornare sul luogo del delitto, cercando di raccontare le radici dell'esistenza di questi demoniaci templari. Il risultato è ancora affascinante, nonostante le evidenti reiterazioni.
  • TFF 2018

    le tombe dei resuscitati ciechiLe tombe dei resuscitati ciechi

    di Il primo capitolo della tetralogia che Amando de Ossorio ha dedicato ai crociati che rivivono è senza dubbio uno dei cult-movie più celebri del cinema dell'orrore europeo. Le tombe dei resuscitati ciechi torna a mietere vittime sugli schermi del Torino Film Festival.
  • Festival

    Torino 2018Torino 2018 – Presentazione

    L'edizione numero trentasei del Torino Film Festival si muove con coerenza lungo il percorso intrapreso nel corso degli anni, tra sguardi retrospettivi, cinema "giovane" e ricerca. Un viaggio intrapreso con un'intera città, a differenza di altre realtà italiane...
  • Trieste S+F 2018

    La nuit a dévoré le monde RecensioneLa nuit a dévoré le monde

    di Presentato in anteprima al Trieste Science+Fiction Festival 2018, La nuit a dévoré le monde (The Night Eats the World) di Dominique Rocher è uno zombie movie dai contorni minimalisti, esistenziali, puntuale nel descrivere tutte le problematiche del "giorno dopo"...
  • Locarno 2018

    La Flor RecensioneLa Flor

    di La Flor è il fluviale racconto di Mariano Llinás, presentato nel concorso internazionale al Locarno Festival. Oltre tredici ore per un film anti-seriale, viaggio nelle infinite possibilità del racconto popolare e della sua totale mistificazione.
  • Locarno 2018

    Blaze RecensioneBlaze

    di Blaze, ritorno alla regia di un film di finzione dell'attore Ethan Hawke a undici anni di distanza da The Hottest State, è un biopic dimesso dedicato a un grande e misconosciuto cantante country. In Piazza Grande a Locarno Festival.
  • Cannes 2018

    Cassandro the Exotico! RecensioneCassandro the Exotico!

    di Presentato nella sezione autonoma di ACID, Cassandro the Exotico! della francese Marie Losier è un documentario e saggio visivo intimo, doloroso e disperato intorno alla figura di un wrestler messicano dichiaratamente gay, giunto in solitudine a fine carriera e coccolato solo dalle paillettes dei suoi vestiti ultra-kitsch.
  • Cannes 2018

    Mandy RecensioneMandy

    di Mandy dimostra tutta l'irritante vacuità dell'approccio registico di Panos Cosmatos, già autore del futile Beyond the Black Rainbow. Tra idee sgraffignate a Lynch e Raimi (senza capirne il senso) un horror sguaiato e ambizioso allo stesso tempo. Alla Quinzaine des réalisateurs.
  • Cannes 2018

    Ash Is Purest White RecensioneAsh is Purest White

    di Con Ash is Purest White, in concorso a Cannes, Jia Zhangke prosegue il discorso sulle trasformazioni violente della Cina contemporanea e arriva a descrivere un mondo in cui la realtà, mutata repentinamente, non esiste più ed è rimasta solo la sua immagine, da guardare ammutoliti.
  • Cannes 2018

    Wildlife RecensioneWildlife

    di Melodramma anaffettivo sulla crisi di un matrimonio, Wildlife segna l’esordio alla regia, un po’ acerbo ma non privo di interesse, del talentuoso attore statunitense Paul Dano. Film d’apertura della Semaine.
  • Berlinale 2018

    Dovlatov RecensioneDovlatov

    di German Jr. torna alla Berlinale con un biopic sullo scrittore e giornalista Sergei Dovlatov, uno degli autori più popolari del ventesimo secolo, che però subì l'ostracismo sovietico. Una storia in cui si riflette quella del padre del regista, Aleksei Yuryevich German.
  • DVD

    Il mestiere delle armi

    di Giovanni dalle Bande Nere, l'avvento delle armi da fuoco, la fine di un intero sistema di valori e di epoche gloriose. Nel 2001 Il mestiere delle armi fu per Ermanno Olmi un grande ritorno sulla scena italiana e internazionale grazie a un'opera complessa e affascinante. In dvd per Mustang e CG.
  • DVD

    Gli invasori – 49° parallelo

    di Un sottomarino tedesco viene affondato nei pressi delle coste canadesi. Dell'equipaggio si salvano soltanto un ufficiale e alcuni marinai. Sotto la guida dell'ufficiale, fanatico nazista, il gruppo decide di attraversare il paese...
  • DVD

    Powell & Pressburger

    di , Il cofanetto Powell & Pressburger aggiunge ai lungometraggi, presentati in versione debitamente restaurata e rimasterizzata, alcuni contenuti extra di ordinanza e i preziosi commenti di Vieri Razzini...
  • DVD

    Duello-a-BerlinoDuello a Berlino

    di , Duello a Berlino racconta quarant'anni di storia d'Europa, dalla guerra anglo-boera al secondo conflitto mondiale, attraverso l'amicizia tra un ufficiale inglese e uno tedesco, che si ritrovano su fronti opposti a condividere la stessa idea di onore e integrità, nonché ad amare la stessa donna...
  • DVD

    Scala al Paradiso RecensioneScala al Paradiso

    di , Peter Carter, pilota inglese, si butta senza paracadute dal suo aereo in fiamme e si sveglia miracolosamente illeso su una spiaggia dove incontra June, ausiliaria americana di cui si innamora...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento