Roma 2013

Roma 2013

Sdoganando l’Auditorium come luogo d’incontro cinematografico (ma non solo), Müller ha potuto amalgamare alcuni titoli di forte interesse per il grande pubblico con l’interesse per un cinema di ricerca, già cifra stilistica della sua direzione all’epoca di Venezia…

Passano i mesi, ma non sembra sia cambiato nulla. Ciò che più colpisce delle polemiche che hanno investito anche quest’anno il Festival Internazionale del Film di Roma (solo sulle testate nazionali, ovviamente, perché all’estero di queste scaramucce si interessano ben poco) è che nella maggior parte dei casi mostrano in maniera palese e incontrovertibile la loro natura puramente strumentale. Da quando Marco Müller ha assunto la direzione del festival, durante i primi mesi del 2012, una parte della stampa ha deciso di schierarsi preventivamente contro la kermesse capitolina, approfittando anche della più minima occasione per gettare strali sulla gestione dell’evento. Una mossa che, almeno in parte, riflette non tanto una speculazione approfondita sul senso di un festival di così ampia portata, ma piuttosto la difesa di uno status quo che a Roma era oramai dato per assodato: Müller, reo di aver ricevuto l’incarico durante il mandato di sindaco di Gianni Alemanno, è stato automaticamente iscritto all’albo dei “nemici” da coloro che, già al lavoro sul festival o impegnati comunque nella vita culturale capitolina, si erano da sempre mossi sotto l’egida del Partito Democratico.

Torna dunque preponderante la discussione sul “peccato originale” del festival/festa, voluto con forza da Walter Veltroni come arma di prestigio da sfoderare di fronte ad avversari e (soprattutto) colleghi di partito, mossa che produsse un effetto domino anche sul Festival di Torino, altra città solidamente in mano al centro-sinistra da quasi venti anni: con la differenza che all’ombra della Mole il festival esisteva e prosperava in ogni caso da più di due decenni, e l’ingerenza della politica poté solo assestare alcuni colpi, per quanto dolorosi (in primis la destituzione della coppia Turigliatto/D’Agnolo Vallan dal ruolo di direttori). [continua a leggere]

INFO
Il sito ufficiale del Festival di Roma 2013.

Articoli correlati

  • Roma 2013

    Manto acuífero

    di Presentato in concorso al Festival di Roma, il film di Michael Rowe è la dolente ricognizione di un’infanzia difficile, a rischio, in cui il pozzo isolato nel grande giardino di famiglia sembra rappresentare, per la piccola protagonista, un ultimo spazio di libertà.
  • Roma 2013

    The White Storm

    di Il tesissimo action di Benny Chan, scelto da Marco Müller come film di chiusura dell'ottava edizione del Festival di Roma. Un hard-boiled cupo eppure ironico, che mostra la migliore faccia della cinematografia di Hong Kong.
  • Roma 2013

    Intervista a Cui Jian

    Il nostro incontro con Cui Jian, rocker cinese alla sua prima esperienza in un lungometraggio con Blue Sky Bones, menzione speciale al Festival di Roma.
  • Roma 2013

    Birmingham Ornament 2

    di , Originale e dissacrante, sospeso tra il cazzeggio autoriale e la satira politica: il film di Silvestrov e Leiderman, Premio Speciale della Giuria CinemaXXI riservato ai lungometraggi.
  • Roma 2013

    Zanj Revolution

    di Tra i capolavori di CinemaXXI anche l'opera terza del cineasta algerino Tariq Teguia. Un film che fa rivoluzione sia nella forma che nel contenuto.
  • In Sala

    the-green-infernoThe Green Inferno

    di Fedele alla propria poetica, Roth torna a smascherare i vizi e le poche virtù dei giovani statunitensi, disegnando con The Green Inferno l'ennesimo e degenerato teen movie. La nuova discesa agli inferi è una feroce critica all'attivismo di facciata, all'ipocrita senso di colpa degli occidentali.
  • Documentario

    Fuoristrada

    di Risate e commozione per un delicato film sull’amore che sa come fare sorridere, riflettere, toccare le corde del cuore e inumidire le palpebre.
  • Roma 2013

    Quod Erat Demonstrandum

    di Manca forse il colpo di genio in Quod Erat Demonstrandum. Ma con la sua narrazione minimale e accurata, l’eleganza della fotografia, le emozioni sotto traccia offerte dagli ottimi interpreti, è un’ulteriore testimonianza della vitalità del cinema rumeno contemporaneo.
  • In Sala

    Il Sud è niente

    di Un coming-of-age movie ambientato nel profondo sud italiano: un racconto di denuncia e speranza che si è aggiudicato il Premio Camera d’oro Taodue per il Miglior produttore emergente di opera prima/seconda dell’ottava edizione del Festival del Film di Roma.
  • Roma 2013

    Roma 2013 – Bilancio

    Il festival/festa chiude i battenti con un bilancio decisamente positivo, tra cinema d'autore, popolare e sperimentazione visiva. Sotto lo sguardo ideale di Aleksej J. German.
  • Roma 2013

    Orlando ferito

    di Film-saggio che, partendo dalla Sicilia, parla della crisi della civiltà occidentale e rilegge la metafora delle lucciole di Pasolini ritrovandovi una chiave di speranza. Uno dei capolavori del Festival di Roma, in CinemaXXI.
  • Roma 2013

    A vida Invisivel

    di È notte fonda e Hugo, un impiegato statale, siede sui gradini del Ministero in cui lavora. Non ha il coraggio di tornare a casa e non riesce a togliersi dalla mente le immagini di un misterioso filmino in 8mm...
  • Roma 2013

    Il paradiso degli orchi

    di Alla sua opera seconda, Nicholas Bary firma l'adattamento dell'omonimo romanzo di Daniel Pennac con Raphaël Personnaz e Bérénice Bejo.
  • Roma 2013

    Ennui ennui

    di Ricco di colpi di scena, di trovate ai limiti del sublime e di invenzioni narrative e visive che lasciano senza fiato per le risate, Ennui ennui non è solo una riuscita commedia satirica, ma è anche e soprattutto una riflessione arguta e dallo spirito punk sulle potenzialità del cinema...
  • Roma 2013

    A Mãe e o Mar

    di Selezionato in CinemaXXI al Festival di Roma, il poetico documentario di Gonçalo Tocha è dedicato alla comunità delle "pescadeiras" portoghesi di Vila Chã. Un'opera da contemplare e da cui farsi avvolgere, immersi dal fragore delle onde del mare
  • Roma 2013

    Parce que j’étais peintre

    di Indagine rigorosa e serrata sull'arte, l'estetica e la morte, Parce que j’étais peintre è stato presentato nella sezione CinemaXXI al Festival di Roma.
  • In Sala

    Tir

    di Alberto Fasulo firma il più convincente dei tre film italiani in concorso al Festival di Roma. Un’opera rigorosa ed essenziale.
  • Roma 2013

    Blue Sky Bones

    di Unico film cinese in concorso al festival di Roma, l'esordio al lungometraggio del rocker Cui Jian è una riflessione libertaria e ipnotica sul passato e il presente della Cina (post)comunista.
  • Roma 2013

    The Mole Song – Undercover Agent Reiji

    di Takashi Miike firma uno sfrenato viaggio nella cultura pop, tra yakuza-eiga e demenzialità. In concorso al Festival di Roma.
  • Animazione

    Ma maman est en Amérique, elle a rencontré Buffalo Bill

    di , Ma maman est en Amérique cerca costantemente un linguaggio comprensibile e diretto per illustrare i rapporti interpersonali, concentrandosi con chiarezza e sincerità sulle dinamiche tra alunni e maestre, tra genitori e figli, tra bambini più grandi e più piccoli...
  • Roma 2013

    The Incomplete

    di Jan Soldat racconta la vita quotidiana di un uomo che ha scelto di essere uno “schiavo”. In concorso in CinemaXXI al Festival di Roma.
  • In Sala

    Take Five

    di Dopo Là-bas, la seconda regia di Guido Lombardi è una riscrittura, tutta napoletana, de I soliti ignoti. Pur se alla lunga si sente l'assenza di ritmo, il film fa sperare in un ritorno del cinema di genere.
  • Roma 2013

    Heart of a Lion

    di Dopo il folgorante The Home of the Dark Butterflies, Dome Karukoski torna sul red carpet del Festival di Roma. Con Heart of a Lion, il regista cipriota porta sul grande schermo un’intensa e coinvolgente storia di amicizia interrazziale e d’integrazione
  • Roma 2013

    Hard to be a God

    di L’opera postuma di Aleksej J. German è un capolavoro destinato a riscrivere la storia del cinema nei prossimi anni.
  • Rome 2013

    Dal profondo

    di In concorso nella sezione Prospettive Doc Italia, il film di Valentina Pedicini è un viaggio al centro della terra che regala visioni metafisiche e immagini spettacolari. Un perfetto esempio di come l’estetica possa fagocitare il racconto, depotenziandolo.
  • In Sala

    I corpi estranei

    di Mirko Locatelli esplora i rapporti tra culture e l'elaborazione del dolore in un film squilibrato e poco convincente.
  • Roma 2013

    Seventh Code

    di Una turista giapponese a Vladivostok. Ma è davvero una turista? Kiyoshi Kurosawa firma una piccola gemma.
  • Roma 2013

    Roma contro Roma

    di Il primo derby della storia del cinema, o quantomeno del genere peplum. La pellicola di Giuseppe Vari nella divertente retrospettiva del Festival di Roma 2013.
  • Roma 2013

    O Novo Testamento de Jesus Cristo segundo João

    di , Joaquim Pinto e Nuno Leonel, accompagnati dalla voce di Luis Miguel Cintra, raccontano il Vangelo secondo Giovanni. In concorso a CinemaXXI.
  • Roma 2013

    Sorrow and Joy

    di Il realista Nils Malmros porta sullo schermo una terribile vicenda autobiografica.
  • Roma 2013

    Gods Behaving Badly

    di Un package perfetto per un film privo di nerbo: Gods Behaving Badly è una fantasmagoria adatta forse solo a palati assai poco raffinati.
  • In Sala

    Romeo & Juliet

    di Carlei sceglie di buttarsi su uno dei grandi classici shakespeariani, realizzando una trasposizione cinematografica che non riesce ad andare a fondo delle intenzioni dichiarate, «mai raccontata in questo modo»...
  • In Sala

    Belle e Sebastien

    di Durante la seconda guerra mondiale, il piccolo orfano Sébastien stringe un’amicizia indistruttibile con Belle, un gigantesco esemplare di pastore dei Pirenei che vive nei boschi intorno al paese...
  • Animazione

    Goool!

    di Amadeo, ragazzo timido ma talentuoso, vede i giocatori del calcio balilla animarsi magicamente per aiutarlo a salvare il suo villaggio e riconquistare l’amore d’infanzia...
  • Archivio

    Snowpiercer

    di Una nuova era glaciale stermina tutti gli abitanti del pianeta a eccezione dei viaggiatori dello Snowpiercer, un treno ad alta velocità che fa il giro del mondo...
  • Archivio

    Il fuoco della vendetta

    di Un cast stellare e una regia dal forte impatto visivo al servizio di uno script solido. Sono questi gli ingredienti alla base del revenge movie diretto da Scott Cooper.
  • Roma 2013

    Fear of Falling

    di Jonathan Demme torna al cinema di finzione dopo cinque anni con un fiammeggiante adattamento de "Il costruttore Solness" di Ibsen. In concorso a CinemaXXI.
  • Roma 2013

    La Santa

    di L'opera seconda di Cosimo Alemà è un thriller che guarda con insistenza al new horror statunitense degli anni Settanta.
  • Roma 2013

    Lettera al Presidente

    di Film d'apertura della sezione Prospettive Doc Italia, il nuovo lavoro di Marco Santarelli cerca di ricostruire una sorta di memoria collettiva del nostro Paese, ma finisce per perdersi in un sentore di bozzettismo.
  • In Sala

    AcridAcrid

    di Un dramma corale di amore, odio e convenzioni sociali sullo sfondo dell’Iran contemporaneo.
  • In Sala

    Il venditore di medicine

    di Antonio Morabito per la sua opera seconda sceglie di raccontare il drammatico e inquietante sistema di corruzione e comparaggi che ha ormai permeato una considerevole fetta del sistema sanitario nazionale.
  • Roma 2013

    Rangbhoomi

    di Kamal Swaroop torna dietro la macchina da presa dopo venticinque anni per ricostruire la vita del primo cineasta indiano, Dadasaheb Phalke. In concorso a CinemaXXI.
  • Archivio

    Lei

    di Una pellicola complessa, affascinante e deludente, creativa e banale: è il nuovo film di Spike Jonze, presentato in concorso al Festival Internazionale del Film di Roma e adesso nelle sale.
  • Roma 2013

    Entre nós

    di , In un Brasile da cartolina un gruppo di amici si rincontra dopo dieci anni. Molta prevedibilità e poca spontaneità accompagnano lo sviluppo degli eventi.
  • Roma 2013

    Little Feet

    di Torna sul grande schermo al Festival di Roma, nella sezione CineMaxxi, il talento creativo, libero, giocoso e cinefilo di Alexandre Rockwell.
  • Archivio

    Il mondo fino in fondo

    di Esordio nel cinema di finzione di Alessandro Lunardelli: un mix di generi al servizio di un racconto di formazione. Presentato fuori concorso in Alice nella città e ora in sala, distribuito da Microcinema.
  • Roma 2013

    Come il vento

    di Non convince il film di Marco Simon Puccioni, biopic dedicato ad Armida Miserere molto sbilanciato sul versante melodrammatico e poco su quello del cinema civile.
  • Roma 2013

    Atlas

    di Un diario di viaggio sperduto e doloroso, in cui il fotografo Antoine d’Agata racconta un pezzo di sé e del mondo in cui vive. In concorso a CinemaXXI.
  • Roma 2013

    in-solitarioIn solitario

    di Adrenalina, tempeste, immagini e scenari mozzafiato, ma tanta retorica in questa odissea oceanica diretta da Christophe Offenstein e interpretata da François Cluzet. In concorso ad Alice nella città 2013.
  • Roma 2013

    I Am not Him

    di Relazioni morbose, furti di identità ed elementi surreali per questo dramma turco in concorso al Festival di Roma.
  • Archivio

    Song’e Napule

    di , Il divertente e riuscito omaggio al poliziottesco firmato dai Manetti Bros., dopo essere stato presentato al Festival di Roma, approda in sala...
  • In sala

    Dallas Buyers Club

    di Jean-Marc Vallée porta sul grande schermo la vera storia Ron Woodroof. Un film intenso e toccante che non può lasciare indifferenti.
  • Animazione

    Planes

    di Presentato nella sezione Alice nella città del Festival di Roma, il film di Klay Hall è il punto più basso della Disney targata Lasseter. Uno spin-off senza idee.
  • Roma 2013

    L’ultima ruota del carro

    di Disastroso il nuovo film di Veronesi, ambizioso ma incapace di farsi affresco storico a causa di un affastellamento episodico di gag a sé stanti.
  • Roma 2013

    L’amministratore

    di Apertura di CinemaXXI, il nuovo film di Marra è un ritratto della napoletanità fatto con costanza e coerenza, ma senza guizzi.
  • Archivio

    Le streghe son tornate

    di Álex de la Iglesia torna a guardare dalla parte dell’horror con una commedia sfrenata, tra action e stregoneria. Fuori Concorso al Festival di Roma 2013 e finalmente anche in sala.
  • Roma 2013

    Tales from the Dark 1

    di , , Tre ghost-story firmate da figure di spicco della produzione hongkonghese come Simon Yam, Fruit Chan e Chi Ngai Lee.
  • Roma 2013

    Tales from the Dark 2

    di , , Gordon Chan, Lawrence Lau e Teddy Robin raccontano tre storie di demoni e fantasmi. Per non dormire, o forse per dormire scomodi...
  • Roma 2013

    Roma 2013 – Minuto per minuto

    Tornano i festival e, come d'abitudine, torna anche il minuto per minuto. Per dieci giorni l'Auditorium Parco della Musica si trasforma nell'epicentro della vita cinematografica capitolina...
  • Roma 2013

    CinemaXXI 2013 – Presentazione

    Il Festival di Roma ribadisce le linee guida della sezione: un microcosmo in cui coabitano formati, attitudini, durate e idee visive spesso in antitesi tra loro, ma unite dalla sperimentazione.
  • Roma 2013

    Roma 2013 – Presentazione

    La seconda edizione diretta da Marco Müller conferma lo sguardo a 360° sul cinema e muove i primi passi in direzione di un festival finalmente "cittadino".
  • Archivio

    Hunger Games – La ragazza di fuoco

    di Dopo aver vinto la 74esima edizione degli Hunger Games, Katniss Everdeen torna a casa assieme al suo compagno, il Tributo Peeta Mellark. Vincere però significa cambiare vita...
  • Roma 2013

    Vincent-DieutreIntervista a Vincent Dieutre

    Con l'Orlando ferito, il cineasta francese Vincent Dieutre racconta, partendo dal privato, la crisi della civiltà occidentale. Lo abbiamo incontrato a Roma, proprio nell'ultimo giorno del festival.
  • Interviste

    Intervista a Emiliano Morreale

    Proseguiamo il nostro excursus sulle cineteche e sulle politiche del restauro incontrando Emiliano Morreale, che da febbraio 2013 ricopre il ruolo di Conservatore della Cineteca Nazionale di Roma.
  • Festival

    Roma 2014 – Presentazione

    Svelato il programma del Festival di Roma, l'ultimo (forse) diretto da Marco Müller. Si torna all'idea di Festa, in attesa di capire cosa proporrà il futuro...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento